Associazione Città Futura - Logo
I nostri editoriali
Gli alberi. Un investimento in salute contro lo smog
Renzo Penna


Finalmente con l’inizio di novembre sono arrivare le piogge ad attenuare le conseguenze di una delle primavere-estati più calde e povere di precipitazioni degli ultimi decenni. Una stagione che è durata sino alla fine di ottobre con temperature innaturali; una situazione che ha prosciugato laghi e corsi d’acqua e costretto numerosi comuni, anche nella nostra provincia, ad approvvigionarsi  con le autobotti. La siccità, accompagnata da comportamenti irresponsabili, ha favorito gli incendi dei boschi, come è toccato alle migliaia di alberi della Val di Susa e delle altre valli alpine del Piemonte. E se un albero che cresce rende l’aria più pulita, un albero che cade o brucia emette anidride carbonica e si unisce alle auto, alle caldaie e alle fabbriche, rendendo irrespirabile il cielo delle città e trasformando l’intera pianura Padana in una camera a gas.

Una situazione che dovrebbe far considerare il patrimonio boschivo, così come i polmoni verdi delle città, un bene da curare e a cui prestare grande attenzione. Come avviene negli altri paesi e nelle grandi capitali europee. Questo da noi capita di rado e troppo sovente gli alberi sono considerati un semplice elemento estetico che si sacrifica ai primi problemi di bilancio.

Una sottovalutazione grave ed un errore in quanto gli studi di ecologia urbana dimostrano che una rete di elementi naturali è in grado di migliorare stabilmente la vita in città e di diminuire l’inquinamento che danneggia la salute ed  influisce negativamente sull’economia. Tra questi elementi l’albero è di sicuro il più importante essendo anche un fattore fondamentale per il miglioramento del clima urbano. Rappresenta un polmone verde che, specie nelle zone densamente abitate, attraverso la fotosintesi, assorbe biossido di carbonio, abbatte le emissioni climalteranti e purifica l’aria che respiriamo; costituisce altresì un ottimo schermo antirumore capace di ridurre della metà l’impatto del traffico. Gli alberi sono, insomma, un indispensabile investimento in salute.

Come è noto le polveri sottili sospese in un’atmosfera inquinata dall’anidride carbonica,  dall’anidride solforosa e dagli altri composti tossici formano una miscela i cui effetti sulla salute umana sono quanto mai deleteri e determinano una mortalità in eccedenza nei soggetti anziani e più deboli. Basti pensare che il solo abitare a meno di 150 metri da una strada percorsa da più di 10 mila veicoli al giorno può provocare, specie nei bambini, un aumento dal 9 al 25 per cento delle crisi d’asma. Gli alberi assicurano la pulizia delle polveri presenti nell’aria che, dal 30 al 40 per cento, vengono intercettate dalle masse di verde che incontrano. Inoltre le foglie assorbono l’anidride carbonica, mentre abbassano del 50 per cento la quantità dell’ossido di azoto emesso dalle autovetture e trattengono il piombo impedendo finisca nell’aria che respiriamo. Una fila o un gruppo di alberi abbatte, poi, di 5-6 decibel il rumore, il che equivale, in città, a ridurre della metà l’incidenza del traffico. Gli alberi sviluppano anche un’importante azione preventiva di protezione del suolo dall’erosione naturale causata dalla pioggia.

Le piante temperano gli eccessi estivi del clima urbano. La vasta superficie fogliare, tramite l’evaporazione e la traspirazione dell’acqua, abbassa la temperatura di qualche grado nelle giornate canicolari, e l’ombra sulle strade e le facciate dei palazzi modera la vampa del sole, aumentando il confort e riducendo i consumi di energia per i condizionatori d’aria. Durante l’estate la temperatura vicino agli alberi si può abbassare sino a sei gradi, mentre il verde contribuisce ad umidificare l’aria. Inoltre le chiome ospitano molti uccelli che divorano zanzare ed altri insetti.

Per tutte queste ragioni i piani e i disegni delle città dovrebbero prevedere, soprattutto nelle zone urbanizzate, quanti più alberi e zone verdi possibili. Infatti, come dimostrano gli studi del CNR di Bologna. “un ettaro di foresta urbana può catturare fino a cinque tonnellate di anidride carbonica l’anno”. Mentre, per evitare di ridurre i benefici effetti di quelli esistenti, occorre siano il più possibile rispettate le forme naturali degli alberi. Evitando le potature eccessive che costituiscono solo delle mutilazioni e denunciano un’irragionevole avversione contro la presenza degli alberi in città. Così le piante dei viali non devono essere ingabbiate nel cemento che soffoca le radici e porta alla loro precoce caduta. Come accade, ad esempio, in Alessandria ai platani di Viale Borsalino ed è capitato, per decenni, ai bagolari di Viale XX Settembre, prima della recente positiva sistemazione.   

La scelta delle alberature per il verde pubblico deve però rispondere ai criteri agronomici di idoneità ambientale. Senza limitare il campo alle sole piante autoctone è indispensabile orientare la scelta tra le specie compatibili con il paesaggio; queste, inoltre, devono aver dimostrato una buona capacità di adattamento alle condizioni tipiche del territorio e dell’ambiente urbano. Considerato che la vegetazione arborea può svolgere un’importante azione di compensazione delle emissioni dell’insediamento urbano, la scelta dovrà privilegiare le specie che, secondo i dati elaborati dall’Istituto di Biometeorologia Ibimet del CNR, si sono dimostrate più efficaci in termini di assorbimento e mitigazione degli inquinanti atmosferici gassosi e delle polveri sottili PM10 e PM2,5. A questo indirizzo si attiene e fa riferimento il “Regolamento Comunale del Verde Urbano” approvato in uno degli ultimi Consigli Comunali della scorsa amministrazione.

Come è noto tutti i rapporti  sull’ecosistema delle città italiane collocano Alessandria, nella classifica del verde fruibile dai cittadini in area urbana, in una posizione poco esaltante con 8 metri quadrati di verde per abitante. In Piemonte molti capoluoghi di provincia presentano una situazione migliore; in particolare Cuneo, Biella e Torino, rispettivamente con 27, 24 e 13 metri quadrati,  vantano i risultati più significativi. Anche più negativa la posizione del comune capoluogo per quanto riguarda la superficie delle aree verdi sul totale, con 120 metri quadrati per ettaro. In coda a tutte le principali città della regione.

Per questo è auspicabile che l’impegno e le prime iniziative che si erano concretizzate nel corso del 2016, come un bosco per la città’ nella zona di Alessandria 2000 e il Regolamento comunale, siano portate avanti, utilizzate e altre si sviluppino per potenziare ed estendere il verde pubblico a disposizione dei cittadini.  


 

 

08/11/2017 13:51:24
comments powered by Disqus
09.01.2018
Alfio Brina
In Italia il record delle persone con un lavoro fu aggiunto ad aprile del 2008, con 23.178 mila occupati. Poi iniziò la discesa fino al minimo del settembre 2013, con 22.1 milione. Si era perso un milione di posti. Recuperati dal 2014 ad oggi. A ottobre del 2017 (ultimo dato disponibile) le persone...
 
29.12.2017
Pier Luigi Cavalchini
Pare iniziare con i migliori auspici il percorso che porterà alla settimana clou di inizio maggio 2018 (1), tutta dedicata alle “Celebrazioni per gli 850 anni della Città di Alessandria”, con un “programma ricco” che coprirà i prossimi dodici mesi. Il Sindaco Cuttica di Revigliasco ha debitamente presieduto...
20.12.2017
Dario Fornaro
E’ comprensibile, di questi giorni, la chiamata alle armi della politica e degli amministratori locali intesa a “salvare l’ARAL”, cominciando col sollecitare ai soci (in pratica al Comune di Alessandria, azionista di stragrande maggioranza) il reintegro del capitale eroso. La presuppongono, in primis,...
 
10.12.2017
Pier Luigi Cavalchini
Vi invito a fare con me un riepilogo delle puntate precedenti, perché i tatticismi di cui siamo testimoni (a livello nazionale, evitando il “locale”, per una volta) non aiutano a capire e a far capire. E se non si capisce, se la gente comune non comprende fino in fondo l’entità delle questioni, non è...
04.12.2017
Antonello Brunetti
Facciamo nostra, condividendone in pieno spirito e contenuti, l'appassionata comunicazione fatta dal prof. Antonello Brunetti alla recente cerimonia di Casale M.to, in occasione della premiazione dell' "Ambientalista dell'Anno". Un "j'accuse" condotto in modo sintetico e puntuale che dovrebbe caratterizzare...
 
28.11.2017
Giancarlo Patrucco
Il confronto politico, preso l’abbrivio dal caso Sicilia, ormai si sviluppa in modo crescente con l’obiettivo delle elezioni di primavera. A livello nazionale si prende spunto da ogni possibile argomento, dagli immigrati all’Europa, dalle tasse al lavoro, dalla giustizia alla sanità, dal vinceremo noi...
16.11.2017
Giancarlo Patrucco
Ci ho messo il punto interrogativo perché le primarie sembrano passate di moda. Per la verità, nel centrodestra non lo sono mai state. Ora, dopo la vittoria siciliana, Berlusconi aspetta lo sdoganamento europeo per tornare in campo. Benedett’uomo! Non gli bastano i guai che ha combinato a noi e a lui,...
 
08.11.2017
Renzo Penna
Finalmente con l’inizio di novembre sono arrivare le piogge ad attenuare le conseguenze di una delle primavere-estati più calde e povere di precipitazioni degli ultimi decenni. Una stagione che è durata sino alla fine di ottobre con temperature innaturali; una situazione che ha prosciugato laghi e...
04.11.2017
Pier Luigi Cavalchini
Ringrazio l'amico Lino Balza che dal sito di "Rete Ambientalista" riprende un argomento complesso come quello delle modalità di comportamento (ecologico) nei confronti del normale decorso dei fiumi, della possibilità di "movimento naturale" degli stessi ed, in ultima analisi, delle rinnovate condizioni...
 
29.10.2017
Pier Luigi Cavalchini
Sono stato a Castelnuovo Scrivia, in provincia di Alessandria ma molto vicino alla Lombardia, non più di due settimane fa. Ho presentato un bel libro sulla crisi mediorientale dell'amico Fulvio Scaglione in una delle sale pubbliche più utilizzate nel centro della Bassa Valle Scrivia: la sala "Pessini"....
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.