Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Necrologio della piscina
Aydin (*)
Storia semiseria della decadenza di una delle più belle vasche d’Italia


Per vent’anni “prussianamente” bella. Poi un’agonia anche finanziaria

Buffalmacco a Calandrino gioca un tiro molto fino. Così s’ iniziavano le storielle in versi settimanalmente pubblicate sulla prima pagina del Corriere dei piccoli. Ad esse, più che al Boccaccio, ci riconduce la tragicomica novella della non apertura della piscina comunale di Alessandra, che andiamo a narrare. Nella ricca, nebbiosa e piatta Padania sorgeva tra verdi pioppi e dorato granoturco una media città di provincia che faceva eccezione. E questo non per la nebbia. A differenza dei poco fantasiosi padani, i suoi abitanti si consideravano furbi. E lo erano anche. Entro le mura. Meno se ne mettevano fuori il naso.

In passato gli alessandrini alcune cose notevoli le avevano fatte, come l’ospedale infantile, la centrale del latte e una piscina comunale tra le più grandi e belle d’Italia. La piscina, quando era ben tenuta e ben gestita, era frequentata dal “meglio” della provincia che ne aveva fatto centro di ritrovo estivo. L’ unico neo era  l’ eccessivo affollamento. Tant’è vero che i “bene” locali vi andavano solo al mattino lasciando il pomeriggio al dominio delle folle. Al solo ricordo gli alessandrini cadono nel lacrimevole, presi da struggente nostalgia, dilaniati dal “cafard” come vecchi legionari. In teoria la gestiva il Comune, ma in realtà il potere assoluto lo deteneva un mitico, intimorente bagnino che mai pronunciò parola se non in dialetto, svelto nell’agire contro chi osava profanare il suo regno. Nessuno si permetteva di gettare per terra una cicca, mettersi a berciare o dare noia ai presenti, onde non suscitarne l’ira seguita da immediata reprimenda. Il servizio del bar era buono, anche se non troppo sofisticato. L’acqua, un tantino gelida per i continui cambiamenti, sempre pulitissima e così tutto il resto.

In questa atmosfera un po’ prussiana, per vent’anni tutto filò splendidamente e a prezzi più che accettabili. Poi avvenne un fatto strano che non trova giustificazione. Proprio negli anni in cui cominciavano a sorgere le prime piscine private, in verità bruttine e dalle acque non sempre ineccepibili, quella Comunale fu lasciata decadere. Ragazzotti furono lasciati impazzare spadroneggiando con molestie, risse, ululati, distruzione di infissi e altre attività similari. La manutenzione si ridusse progressivamente, mentre il bar era sempre peggio gestito. E così, mentre crescevano le private, quella Comunale andò sempre più giù. A questo punto vennero fuori i “Calandrini” della situazione, soliti partire il martedì per andare a Roma e tornare il venerdì a raccontare meraviglie agli alessandrini che li ascoltavano a bocca aperta per lo stupore. La capitale era una specie di paese di Bengodi con soldi a fiumi per tutti. Bastava, come avevano spiegato loro i “Buffalmacchi” romani,solo la piccola fatica di chiederli. “Il Bormida è inquinato? Vi daremo 1200 miliardi. Per l’aeroporto? Ve ne daremo altri 1000. Vi mancano 18 miliardi per impianti sortivi? Una sciocchezza! Ve li daremo!”

I Calandrini, obnubilati dal libero ingresso nella caverna di Ali Babà, trascurarono due piccoli e marginali particolari. I Buffalmacchi parlavano sempre e solo al futuro e i soldi venivano distribuiti come noccioline, ma solo sotto un certo parallelo geografico, ben lontano da quello di Alessandria. I Calandrini, ratti ad apprendere, impararono ben presto come si fanno si fanno le richieste in quel della capitale . Per essere avanti nella graduatoria dei questuanti nazionali fecero estendere una relazione molto enfatizzata sullo stato di conservazione della piscina presentandola, anche se non era assolutamente vero, come un mucchio di rottami in disfacimento. Nel contempo smisero pure del tutto ogni forma di manutenzione, ritenuta uno spreco, e si sedettero tranquilli sul bordo dell’acqua ad aspettare i 18 miliardi, loro promessi dal Credito sportivo, di cui tre e mezzo destinati alla piscina, fantasticando sul roseo avvenire della città.

Il risultato lo conosciamo tutti. Seguendo le migliori tradizioni della beffarda novellistica trecentesca, i Buffalmacchi non diedero nulla, ma proprio nulla, ai Calandrini, che si trovarono con la piscina chiusa per motivi di inagibilità, un’altra volta gabbati da chi furbo era davvero. Mentre gli alessandrini, se volevano nuotare, potevano farlo nella vasca da bagno di casa loro, visto che anche tutti i fiumi locali erano inquinati e vietati all’uso.

(*) - GUIDO MANZONE (con lo pseudonomo AYDIN lo ricordiamo sempre volentieri)

LA  STAMPA  17 Giugno  1990

 

15/05/2017 16:50:01
comments powered by Disqus
19.09.2017
Dario Fornaro
Il bollettino del mare (politico) alessandrino segnala da diverse settimane “calma piatta”. Forse non era del tutto prevedibile questa condizione post-elettorale, ma ,del resto, anche la campagna elettorale si era svolta con toni e modi insolitamente contenuti – salvo qualche sporadico eccesso tosto...
 
04.09.2017
Pier Carlo Lava
“Se i giardini Pittaluga piangono, quelli di Corso IV Novembre non ridono di certo”. ... Alessandria: A seguito della sollecitazione di una residente lunedì 28 agosto abbiamo effettuato una verifica ai giardini di corso IV Novembre, situati nella zona antistante l’Istituto Don Orione. Un area verde...
31.08.2017
ASL Alessandria
Nota piazzale Berlinguer Sulla vicenda del parcheggio Berlinguer, l’Azienda Ospedaliera ha inviato questa mattina una nota al Sindaco di Alessandria per evidenziare la propria disponibilità a realizzare il progetto originale (ossia la realizzazione di 83 nuovi posti auto) approvato dal Comune di Alessandria...
 
29.08.2017
Dario Fornaro
La vicenda della Soc. ARAL è prossima a compiere il secondo mese di vita movimentata. Deflagrata - a pochi giorni dalla conclusione della campagna elettorale comunale – con la notizia del suo coinvolgimento nella vasta indagine della Procura di Brescia sul traffico interregionale di rifiuti urbani...
28.08.2017
Pier Carlo Lava
Premesso che non è mia intenzione fare il difensore d’ufficio di nessuno ma solamente esprimere la mia personale opinione in merito alla vicenda riguardante l’Assessore Alessandro Rolando. Innanzi tutto credo che sia opportuno ricordare che “solo chi non fa non fa sbaglia” e questa in politica è una...
 
27.08.2017
Guido Ratti
Fino a tutta la primavera 2017 non sono emersi né possibili progetti, né linee strategiche chiare e definite per il futuro della fortezza: all’interno delle stesse amministrazioni competenti sono coesistite linee d’azione divergenti e persino opposte, così come conflittuali e concorrenti sono state...
16.08.2017
Claudio Pasero
Sabato di ferragosto il nuovo assessore alla Sicurezza urbana Alessandro Rolando è venuto a conoscerci, accompagnato dall’agente di P.U. Mauro Di Gregorio, nella nostra sede ai giardini pubblici. Mi auguro che l’associazione “gliamicidellebici FIAB Alessandria” - che attualmente presiedo - riesca ad...
 
03.08.2017
Gruppo Consiliare M5Stelle. Alessandria
“Purtroppo non siamo stupiti più di tanto, da tempo avevamo denunciato preoccupanti zone d’ombra nella gestione di Aral”: questo il commento del MoVimento 5 Stelle Alessandria in merito all’indagine nazionale su un traffico illecito di rifiuti provenienti dalla Campania che vede coinvolta anche Aral.Il...
29.07.2017
Movimento Cinque Stelle
La battaglia, condotta al Parlamento europeo da Tiziana Beghin, approda ora nei Comuni e nelle Regioni italianeIl CETA, vale a dire il trattato di libero scambio tra UE e Canada approvato dal Parlamento europeo lo scorso 15 febbraio 2017, va contrastato in ogni sede e luogo istituzionale.Si tratta di...
 
18.07.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Avrei diversi rilievi da fare a proposito dell’interessante dibattito tra Boatti e Lodato circa la questione della politica culturale locale, degli “intellettuali alessandrini” e del Teatro. Mi riservo semmai di intervenire tra un po’ con uno scritto ponderato. Per ora propongo una breve nota sulla...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.