Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Necrologio della piscina
Aydin (*)
Storia semiseria della decadenza di una delle più belle vasche d’Italia


Per vent’anni “prussianamente” bella. Poi un’agonia anche finanziaria

Buffalmacco a Calandrino gioca un tiro molto fino. Così s’ iniziavano le storielle in versi settimanalmente pubblicate sulla prima pagina del Corriere dei piccoli. Ad esse, più che al Boccaccio, ci riconduce la tragicomica novella della non apertura della piscina comunale di Alessandra, che andiamo a narrare. Nella ricca, nebbiosa e piatta Padania sorgeva tra verdi pioppi e dorato granoturco una media città di provincia che faceva eccezione. E questo non per la nebbia. A differenza dei poco fantasiosi padani, i suoi abitanti si consideravano furbi. E lo erano anche. Entro le mura. Meno se ne mettevano fuori il naso.

In passato gli alessandrini alcune cose notevoli le avevano fatte, come l’ospedale infantile, la centrale del latte e una piscina comunale tra le più grandi e belle d’Italia. La piscina, quando era ben tenuta e ben gestita, era frequentata dal “meglio” della provincia che ne aveva fatto centro di ritrovo estivo. L’ unico neo era  l’ eccessivo affollamento. Tant’è vero che i “bene” locali vi andavano solo al mattino lasciando il pomeriggio al dominio delle folle. Al solo ricordo gli alessandrini cadono nel lacrimevole, presi da struggente nostalgia, dilaniati dal “cafard” come vecchi legionari. In teoria la gestiva il Comune, ma in realtà il potere assoluto lo deteneva un mitico, intimorente bagnino che mai pronunciò parola se non in dialetto, svelto nell’agire contro chi osava profanare il suo regno. Nessuno si permetteva di gettare per terra una cicca, mettersi a berciare o dare noia ai presenti, onde non suscitarne l’ira seguita da immediata reprimenda. Il servizio del bar era buono, anche se non troppo sofisticato. L’acqua, un tantino gelida per i continui cambiamenti, sempre pulitissima e così tutto il resto.

In questa atmosfera un po’ prussiana, per vent’anni tutto filò splendidamente e a prezzi più che accettabili. Poi avvenne un fatto strano che non trova giustificazione. Proprio negli anni in cui cominciavano a sorgere le prime piscine private, in verità bruttine e dalle acque non sempre ineccepibili, quella Comunale fu lasciata decadere. Ragazzotti furono lasciati impazzare spadroneggiando con molestie, risse, ululati, distruzione di infissi e altre attività similari. La manutenzione si ridusse progressivamente, mentre il bar era sempre peggio gestito. E così, mentre crescevano le private, quella Comunale andò sempre più giù. A questo punto vennero fuori i “Calandrini” della situazione, soliti partire il martedì per andare a Roma e tornare il venerdì a raccontare meraviglie agli alessandrini che li ascoltavano a bocca aperta per lo stupore. La capitale era una specie di paese di Bengodi con soldi a fiumi per tutti. Bastava, come avevano spiegato loro i “Buffalmacchi” romani,solo la piccola fatica di chiederli. “Il Bormida è inquinato? Vi daremo 1200 miliardi. Per l’aeroporto? Ve ne daremo altri 1000. Vi mancano 18 miliardi per impianti sortivi? Una sciocchezza! Ve li daremo!”

I Calandrini, obnubilati dal libero ingresso nella caverna di Ali Babà, trascurarono due piccoli e marginali particolari. I Buffalmacchi parlavano sempre e solo al futuro e i soldi venivano distribuiti come noccioline, ma solo sotto un certo parallelo geografico, ben lontano da quello di Alessandria. I Calandrini, ratti ad apprendere, impararono ben presto come si fanno si fanno le richieste in quel della capitale . Per essere avanti nella graduatoria dei questuanti nazionali fecero estendere una relazione molto enfatizzata sullo stato di conservazione della piscina presentandola, anche se non era assolutamente vero, come un mucchio di rottami in disfacimento. Nel contempo smisero pure del tutto ogni forma di manutenzione, ritenuta uno spreco, e si sedettero tranquilli sul bordo dell’acqua ad aspettare i 18 miliardi, loro promessi dal Credito sportivo, di cui tre e mezzo destinati alla piscina, fantasticando sul roseo avvenire della città.

Il risultato lo conosciamo tutti. Seguendo le migliori tradizioni della beffarda novellistica trecentesca, i Buffalmacchi non diedero nulla, ma proprio nulla, ai Calandrini, che si trovarono con la piscina chiusa per motivi di inagibilità, un’altra volta gabbati da chi furbo era davvero. Mentre gli alessandrini, se volevano nuotare, potevano farlo nella vasca da bagno di casa loro, visto che anche tutti i fiumi locali erano inquinati e vietati all’uso.

(*) - GUIDO MANZONE (con lo pseudonomo AYDIN lo ricordiamo sempre volentieri)

LA  STAMPA  17 Giugno  1990

 

15/05/2017 16:50:01
comments powered by Disqus
18.07.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Avrei diversi rilievi da fare a proposito dell’interessante dibattito tra Boatti e Lodato circa la questione della politica culturale locale, degli “intellettuali alessandrini” e del Teatro. Mi riservo semmai di intervenire tra un po’ con uno scritto ponderato. Per ora propongo una breve nota sulla...
 
15.07.2017
Federico Fornaro
Al fine di poter disporre di un quadro di analisi completo, il pregevole contributo di Giuseppe Rinaldi per una ragionata riflessione sul risultato delle elezioni comunali di Alessandria, credo debba essere integrato da una comparazione del voto alessandrino con quello dei comuni capoluogo di provincia,...
13.07.2017
Nuccio Lodato
Avevo ripetutamente giurato sulla memoria della Mamma di non intervenire mai più, né orale né scritto, sull'argomento Teatro Comunale di Alessandria, consapevole della profonda saggezza ligure dell'avere già dato. Ma talvolta si determinano condizioni occasionali che portano a ritenersi almeno momentaneamente...
 
13.07.2017
Redazione
Movimento Cinque Stelle e PD comunale e provinciale si confrontano sulle recenti iniziative della Magistratura che riguardano figure note della politica alessandrina....M5S Alessandria: “Su indagini Aral co­pione già scritto, denunciamo zone d’omb­ra dal 2014. Servono più controlli, Ales­sandria non...
02.07.2017
Dario Fornaro
Per apprezzare come merita l’evento adombrato nel titolo, occorre fare un salto indietro di cinque anni. Allorché il ribaltamento elettorale della Giunta Fabbio-leghista – in favore del sindaco Rossa del centro-sinistra – lasciò la direzione del settimanale diocesano “Voce Alessandrina” così attonita...
 
28.06.2017
Pier Carlo Lava
Le elezioni alessandrine (quelle amministrative dell’ 11 e 25 scorso) segnano una cesura epocale con il passato. Specie a sinistra (e al centro) saltano tutti i possibili e/o presumibili collegamenti. La candidata ed il suo gruppo di fedelissimi vengono percepiti come qualcosa di “altro”, di “differente”...
28.06.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Grazie al lavoro benemerito dell’Istituto Cattaneo, siamo in grado di presentare e commentare estesamente i flussi elettorali tra il primo e secondo turno nelle elezioni comunali di Alessandria 2017. In un nostro precedente articolo del 27/06/2017, su Città Futura, avevamo già ampiamente commentato...
 
28.06.2017
Patrizia Nosengo
Giacché, nella vita e nella politica, affidarsi al pianto o al riso non serve e tanto meno è utile abbandonarsi alle notti dei lunghi coltelli, alle logomachie prive di costrutto o alla ricerca di comodi e consolanti capri espiatori, dopo la prima, umanissima amarezza per l’improvvisa e imprevedibile...
27.06.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Prima di ogni valutazione politica, data la gravità di quel che è successo, è il caso di fare anzitutto qualche attenta considerazione sui risultati del voto. Mi servirò dei dati finora comunicati, con la riserva di qualche lieve inesattezza dovuta ai conteggi. Userò per i confronti le cifre assolute,...
 
24.06.2017
Pier Carlo Lava
“Chi dà maggiori garanzie di Buon Governo della Città?” Bella la domanda a cui l’amico Pier Carlo ha già in cuor suo risposto sostenendo con la sua presenza una delle a sostegno di Rita Rossa. Evidentemente ha elaborato un ragionamento che, sostanzialmente, ripropone nel presente intervento fra “cose”...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
Il Comune di Alessandria con la collaborazione del Gruppo Amag presenta Note e Visioni - L'estate alessandrina...
Venerdì 28 luglio 2017 dalle ore21.00 Grand Hotel Nuove Terme – Acqui Terme Concerto duo pianistico Marco...
sabato 8 luglio alle ore 21​ad Ovada nell' Oratorio dell' Annunziata,dove si trova uno degli strumenti...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
Programma Proiezioni Cinema Macallè dal 21 al 25 Luglio 2017Venerdì 21 Luglio ore 21,30 UN TIRCHIO QUASI...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
Fino a Domenica 14 Gennaio 2018Musei Reali - Galleria Sabauda, Piazzetta Reale 1 Torino Un'imperdibile...
Parte la Campagna dell' "Aglio solidale" a sostegno delle vittime della città martire di Cizre, nel...
È disponibile il bando del Premio Adelio Ferrero 2017 (trentaquattresima edizione). Contemporaneamentesono...
Dal 13 luglio al 23 ottobre a Palazzo Madama Torino Le forme del paesaggio italiano, anche nella sua declinazione...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.