Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Necrologio della piscina
Aydin (*)
Storia semiseria della decadenza di una delle più belle vasche d’Italia


Per vent’anni “prussianamente” bella. Poi un’agonia anche finanziaria

Buffalmacco a Calandrino gioca un tiro molto fino. Così s’ iniziavano le storielle in versi settimanalmente pubblicate sulla prima pagina del Corriere dei piccoli. Ad esse, più che al Boccaccio, ci riconduce la tragicomica novella della non apertura della piscina comunale di Alessandra, che andiamo a narrare. Nella ricca, nebbiosa e piatta Padania sorgeva tra verdi pioppi e dorato granoturco una media città di provincia che faceva eccezione. E questo non per la nebbia. A differenza dei poco fantasiosi padani, i suoi abitanti si consideravano furbi. E lo erano anche. Entro le mura. Meno se ne mettevano fuori il naso.

In passato gli alessandrini alcune cose notevoli le avevano fatte, come l’ospedale infantile, la centrale del latte e una piscina comunale tra le più grandi e belle d’Italia. La piscina, quando era ben tenuta e ben gestita, era frequentata dal “meglio” della provincia che ne aveva fatto centro di ritrovo estivo. L’ unico neo era  l’ eccessivo affollamento. Tant’è vero che i “bene” locali vi andavano solo al mattino lasciando il pomeriggio al dominio delle folle. Al solo ricordo gli alessandrini cadono nel lacrimevole, presi da struggente nostalgia, dilaniati dal “cafard” come vecchi legionari. In teoria la gestiva il Comune, ma in realtà il potere assoluto lo deteneva un mitico, intimorente bagnino che mai pronunciò parola se non in dialetto, svelto nell’agire contro chi osava profanare il suo regno. Nessuno si permetteva di gettare per terra una cicca, mettersi a berciare o dare noia ai presenti, onde non suscitarne l’ira seguita da immediata reprimenda. Il servizio del bar era buono, anche se non troppo sofisticato. L’acqua, un tantino gelida per i continui cambiamenti, sempre pulitissima e così tutto il resto.

In questa atmosfera un po’ prussiana, per vent’anni tutto filò splendidamente e a prezzi più che accettabili. Poi avvenne un fatto strano che non trova giustificazione. Proprio negli anni in cui cominciavano a sorgere le prime piscine private, in verità bruttine e dalle acque non sempre ineccepibili, quella Comunale fu lasciata decadere. Ragazzotti furono lasciati impazzare spadroneggiando con molestie, risse, ululati, distruzione di infissi e altre attività similari. La manutenzione si ridusse progressivamente, mentre il bar era sempre peggio gestito. E così, mentre crescevano le private, quella Comunale andò sempre più giù. A questo punto vennero fuori i “Calandrini” della situazione, soliti partire il martedì per andare a Roma e tornare il venerdì a raccontare meraviglie agli alessandrini che li ascoltavano a bocca aperta per lo stupore. La capitale era una specie di paese di Bengodi con soldi a fiumi per tutti. Bastava, come avevano spiegato loro i “Buffalmacchi” romani,solo la piccola fatica di chiederli. “Il Bormida è inquinato? Vi daremo 1200 miliardi. Per l’aeroporto? Ve ne daremo altri 1000. Vi mancano 18 miliardi per impianti sortivi? Una sciocchezza! Ve li daremo!”

I Calandrini, obnubilati dal libero ingresso nella caverna di Ali Babà, trascurarono due piccoli e marginali particolari. I Buffalmacchi parlavano sempre e solo al futuro e i soldi venivano distribuiti come noccioline, ma solo sotto un certo parallelo geografico, ben lontano da quello di Alessandria. I Calandrini, ratti ad apprendere, impararono ben presto come si fanno si fanno le richieste in quel della capitale . Per essere avanti nella graduatoria dei questuanti nazionali fecero estendere una relazione molto enfatizzata sullo stato di conservazione della piscina presentandola, anche se non era assolutamente vero, come un mucchio di rottami in disfacimento. Nel contempo smisero pure del tutto ogni forma di manutenzione, ritenuta uno spreco, e si sedettero tranquilli sul bordo dell’acqua ad aspettare i 18 miliardi, loro promessi dal Credito sportivo, di cui tre e mezzo destinati alla piscina, fantasticando sul roseo avvenire della città.

Il risultato lo conosciamo tutti. Seguendo le migliori tradizioni della beffarda novellistica trecentesca, i Buffalmacchi non diedero nulla, ma proprio nulla, ai Calandrini, che si trovarono con la piscina chiusa per motivi di inagibilità, un’altra volta gabbati da chi furbo era davvero. Mentre gli alessandrini, se volevano nuotare, potevano farlo nella vasca da bagno di casa loro, visto che anche tutti i fiumi locali erano inquinati e vietati all’uso.

(*) - GUIDO MANZONE (con lo pseudonomo AYDIN lo ricordiamo sempre volentieri)

LA  STAMPA  17 Giugno  1990

 

15/05/2017 16:50:01
comments powered by Disqus
26.05.2017
Elvio Bombonato
Risposta all'irricevibile comunicato della Provincia sulla "Discarica di Sezzadio"​​A proposito del Comunicato della Provincia del 25/5/2017 sulla ditta Riccoboni e la discarica di Sezzadio, vorrei fare un discorso astratto, del tutto disancorato dalla realtà, un esercizio gnoseologico, aristotelico...
 
16.05.2017
Associazioni ambientaliste del territorio
Legambiente Ovadese, Legambiente Val Lemme, Pro Natura Alessandria e Comitato Alessandria No Amianto dal Terzo Valico, che fin dal mese di gennaio hanno presentato in Comune una proposta di deliberazione popolare per fermare i conferimenti dello smarino del Terzo Valico (vedere allegato 1) hanno inviato al...
16.05.2017
Daniela Pestarino
breve resoconto BIMBIMBICI & BICINCITTA’ IN PARATA ... 14 maggio 2017 organizzata da: FIAB Alessandria “gliamicidellebici” Comitato UISP di Alessandria e Asti col Comune di Alessandria numero iscritti: 396, partecipanti ca. 600 BIMBIMBICI in più di 200 città italiane; anche ad Alessandria...
 
15.05.2017
Aydin (*)
Storia semiseria della decadenza di una delle più belle vasche d’Italia Per vent’anni “prussianamente” bella. Poi un’agonia anche finanziaria Buffalmacco a Calandrino gioca un tiro molto fino. Così s’ iniziavano le storielle in versi settimanalmente pubblicate sulla prima pagina del Corriere dei...
11.05.2017
Guido Ratti
La kermesse di Chiamparino e Rossa in Cittadella cosa ha portato di nuovo? Se i soldi restano sempre quei 7,5 milioni di cui si parla da 1 anno e mezzo, sono invece le parole che evocano prospettive inquietanti: contenitore polivalente e Venaria Reale come modello di riferimento. Nel primo caso è evidente...
 
08.05.2017
Giorgio Abonante
Sono in vena di patetico autocitazionismo, perdonatemi. Ho scritto queste righe (le trovate nel link di seguito) nell'agosto dello scorso anno. Devo dire che l'inutile e pericolosa polemica, esasperata a casa nostra, sul candidato di Forza Nuova nella Lista Trifoglio mi convince di aver scritto una cosa...
05.05.2017
"Verdi" di Alessandria
Esistono ancora i “Verdi”. Li pensavamo in estinzione, anzi definitivamente estinti e invece… eccoli qua. Un loro comunicato stampa recentissimo ne certifica l’esistenza (almeno “virtuale”) in attesa di dimostrare 'peso' nella prossima tornata elettorale. Istruttivo il loro “Articolo 1” dello Statuto:...
 
05.05.2017
Dario Fornaro
I lavori sono alle ultime finiture e il completo rifacimento della piazza cittadina di più nobili ascendenti storici e monumentali è pronto per l’inaugurazione di questo fine aprile. Com’è? Piace, non piace, via di mezzo? Prima di azzardare una risposta, condizionata ovviamente dai gusti personali,...
05.05.2017
Antonio Bruno (cons. comunale - Genova)
Sabato 22 aprile 2017 alle ore 11,30 nella sala nuova giunta Comune di Genova (g.c.) si è svolta una nuova manifestazione davanti all'ingresso di Palazzo Tursi contro privatizzazione AMIU, con partecipazione di comitati e associazioni: Comitato ligure Gestione Corretta Rifiuti (Renata Vela, Mauro Solari;...
 
03.05.2017
M5S Alessandria
Non solo amianto non ­solo schiumogeni, ora­ anche idrocarburi pe­santi, cromo e nichel­: è sempre più ricca,­ variegata ed in pere­nne crescita la colle­zione di veleni che s­i possono trovare in ­zona Clara e Buona, a­l rione Cristo di Ale­ssandria. E’ stata r­ilevata da presenza d­i nuovi pericolosi...
Segnali
Il Sindaco e Presidente della Provincia di Alessandria, il Prefetto di Alessandria, Romilda Tafuri, e...
Domenica 4 giugno 2017ore 16:30 Presso il Sacrario della Benedicta 12° Concerto alla Benedicta Sono...
mercoledi 31 maggio, ore 21,15 ultimo appuntamento del corso "Cinema, Introspezione, Empatia", presso...
Mercoledì 31 maggio 2017dalle ore 14 tornei di calcetto e basket presso il Parco Carrà si terrà il momento...
L’Associazione SpazioIdea, la Libreria Fissore e l'Associazione La Voce della Luna, in collaborazione...
La Compagnia Gli Illegali in collaborazione con il Chiostro Hostel and Hotel e l’Associazione di Promozione...
STAGIONE 2016-2017 TRE DONNE DIVISE TRA DUE MONDI PREMIATO A TORONTO, SAN SEBASTIAN E ALL’HAIFA INTERNATIONAL...
Programmazione Cinema Teatro Macallè - Alessandria, Castelceriolo Da Venerdì 26 a Martedì 30 Maggio 2017...
giovedì 1 giugno 2017 ore 19,00-22,30 (con pausa buffet) Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè conferenza...
Il primo fine settimana di giugno, dal 2 al 4 giugno, Alessandria e provincia rivivranno l’epopea del...
il 2 giugno a Lu Monferrato alle ore 19.00 nella piazza dedicata al generale "Luigi Gherzi", torna...
Nel prossimo weekend lungo, nei giorni 2, 3 e 4 Giugno, FIAB onlus organizza una serie di iniziative...
martedì 6 giugno - h 17 presso il MUSEO C ERA UNA VOLTA -. Piazza della Gamberina, Via Mazzini -...
Per doverosa informazione ai lettori pubblichiamo il comunicato stampa del Comune di Alessandria relativo...
Fino al 31 maggio sono aperte le iscrizione per il nuovo corso serale CAT (ex Geometra). Dall’anno scolastico...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.