Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Necrologio della piscina
Aydin (*)
Storia semiseria della decadenza di una delle più belle vasche d’Italia


Per vent’anni “prussianamente” bella. Poi un’agonia anche finanziaria

Buffalmacco a Calandrino gioca un tiro molto fino. Così s’ iniziavano le storielle in versi settimanalmente pubblicate sulla prima pagina del Corriere dei piccoli. Ad esse, più che al Boccaccio, ci riconduce la tragicomica novella della non apertura della piscina comunale di Alessandra, che andiamo a narrare. Nella ricca, nebbiosa e piatta Padania sorgeva tra verdi pioppi e dorato granoturco una media città di provincia che faceva eccezione. E questo non per la nebbia. A differenza dei poco fantasiosi padani, i suoi abitanti si consideravano furbi. E lo erano anche. Entro le mura. Meno se ne mettevano fuori il naso.

In passato gli alessandrini alcune cose notevoli le avevano fatte, come l’ospedale infantile, la centrale del latte e una piscina comunale tra le più grandi e belle d’Italia. La piscina, quando era ben tenuta e ben gestita, era frequentata dal “meglio” della provincia che ne aveva fatto centro di ritrovo estivo. L’ unico neo era  l’ eccessivo affollamento. Tant’è vero che i “bene” locali vi andavano solo al mattino lasciando il pomeriggio al dominio delle folle. Al solo ricordo gli alessandrini cadono nel lacrimevole, presi da struggente nostalgia, dilaniati dal “cafard” come vecchi legionari. In teoria la gestiva il Comune, ma in realtà il potere assoluto lo deteneva un mitico, intimorente bagnino che mai pronunciò parola se non in dialetto, svelto nell’agire contro chi osava profanare il suo regno. Nessuno si permetteva di gettare per terra una cicca, mettersi a berciare o dare noia ai presenti, onde non suscitarne l’ira seguita da immediata reprimenda. Il servizio del bar era buono, anche se non troppo sofisticato. L’acqua, un tantino gelida per i continui cambiamenti, sempre pulitissima e così tutto il resto.

In questa atmosfera un po’ prussiana, per vent’anni tutto filò splendidamente e a prezzi più che accettabili. Poi avvenne un fatto strano che non trova giustificazione. Proprio negli anni in cui cominciavano a sorgere le prime piscine private, in verità bruttine e dalle acque non sempre ineccepibili, quella Comunale fu lasciata decadere. Ragazzotti furono lasciati impazzare spadroneggiando con molestie, risse, ululati, distruzione di infissi e altre attività similari. La manutenzione si ridusse progressivamente, mentre il bar era sempre peggio gestito. E così, mentre crescevano le private, quella Comunale andò sempre più giù. A questo punto vennero fuori i “Calandrini” della situazione, soliti partire il martedì per andare a Roma e tornare il venerdì a raccontare meraviglie agli alessandrini che li ascoltavano a bocca aperta per lo stupore. La capitale era una specie di paese di Bengodi con soldi a fiumi per tutti. Bastava, come avevano spiegato loro i “Buffalmacchi” romani,solo la piccola fatica di chiederli. “Il Bormida è inquinato? Vi daremo 1200 miliardi. Per l’aeroporto? Ve ne daremo altri 1000. Vi mancano 18 miliardi per impianti sortivi? Una sciocchezza! Ve li daremo!”

I Calandrini, obnubilati dal libero ingresso nella caverna di Ali Babà, trascurarono due piccoli e marginali particolari. I Buffalmacchi parlavano sempre e solo al futuro e i soldi venivano distribuiti come noccioline, ma solo sotto un certo parallelo geografico, ben lontano da quello di Alessandria. I Calandrini, ratti ad apprendere, impararono ben presto come si fanno si fanno le richieste in quel della capitale . Per essere avanti nella graduatoria dei questuanti nazionali fecero estendere una relazione molto enfatizzata sullo stato di conservazione della piscina presentandola, anche se non era assolutamente vero, come un mucchio di rottami in disfacimento. Nel contempo smisero pure del tutto ogni forma di manutenzione, ritenuta uno spreco, e si sedettero tranquilli sul bordo dell’acqua ad aspettare i 18 miliardi, loro promessi dal Credito sportivo, di cui tre e mezzo destinati alla piscina, fantasticando sul roseo avvenire della città.

Il risultato lo conosciamo tutti. Seguendo le migliori tradizioni della beffarda novellistica trecentesca, i Buffalmacchi non diedero nulla, ma proprio nulla, ai Calandrini, che si trovarono con la piscina chiusa per motivi di inagibilità, un’altra volta gabbati da chi furbo era davvero. Mentre gli alessandrini, se volevano nuotare, potevano farlo nella vasca da bagno di casa loro, visto che anche tutti i fiumi locali erano inquinati e vietati all’uso.

(*) - GUIDO MANZONE (con lo pseudonomo AYDIN lo ricordiamo sempre volentieri)

LA  STAMPA  17 Giugno  1990

 

15/05/2017 16:50:01
comments powered by Disqus
08.01.2018
Dario Fornaro
Al villan non far sapere.. ... Il Centrodestra alessandrino – in sella da sei mesi a scapito dell’uscente Centrosinistra - sta cominciando a sperimentare sulla sua pelle una sorta di destino meta-politico che colpisce tutte le Amministrazioni in carica, indipendentemente dalle insegne inalberate. Se...
 
02.01.2018
Dario Fornaro
La vicenda recente della Borsalino, con il fallimento – prima temuto, poi dichiarato - di una Società che dal punto di vista industriale e commerciale starebbe, a quanto si dice, decorosamente in piedi, ha destato comprensibili sconcerto e preoccupazione per i prossimi “atti” che il procedimento...
28.12.2017
Giorgio Abonante, Fabio Camillo, Beppe Carniglia, M. Rita Rossa
Giorgio Abonante (Partito Democratico), Fabio Camillo (MdP Liberi e Uguali), Beppe Carniglia (MdP Liberi e Uguali), M. Rita Rossa(Partito Democratico)Ora, due mesi di tempo per concretizzare. L’importanza dei contenuti immateriali del progetto.Dissolti dubbi e battute della campagna elettorale, è arrivata...
 
12.12.2017
IIS "Saluzzo-Plana" . classi 3 AE e 3 BE
Il giorno 29 novembre 2017, le classi III AE e III BE hanno partecipato ad una conferenza-lezione, tenuta dal prof. Egidio Lapenta, sulla storia del Complesso di San Francesco ex-Ospedale Militare. L’attività fa parte del Progetto Leone X, che vede come referenti i professori Simona Guasco...
12.12.2017
Giancarlo Patrucco
Come ha fatto il nostro direttore Pier Luigi Cavalchini passando dal piano locale a quello nazionale, anch’io invertirò le mie priorità, passando dal piano nazionale a quello locale, per altro già perfettamente presidiato da Piero Archenti e Dario Fornaro. Ammetto che ne so poco. Sto lontano dai...
 
05.12.2017
Dario Fornaro
Con la nomina, nei giorni scorsi, dell’ultimo presidente (ultimo in ordine di tempo; forse ultimo e basta), la Fondazione SLALA - tempio dei sogni logistici alessandrini sovrapposto alla consolidata realtà della Valle Scrivia – si appresta ad affrontare la fase ineludibile del redderationem, laicamente...
17.11.2017
Filippo Orlando.
Articolo informativo sulla riunione sulla riunione di presentazione del protocollo d’ intesa con ASL E ARPA Piemonte sul monitoraggio in Fraschetta. Si tratta della prosecuzione di iniziative della precedente Amministrazione che, lodevolmente, la nuova prosegue riconoscendone evidentemente la validità....
 
05.11.2017
Giancarlo Patrucco
In questo giorno Alessandria rammemora la tragedia che si è abbattuta sulla città con lo straripamento del Tanaro. Sempre in prossimità di questo giorno, i media locali riportano le ricorrenti dispute sullo stato delle opere di prevenzione al momento. Dispute e analisi opportune perché nessuno distolga...
31.10.2017
Massimo Brina
Nel mese di ottobre si sono celebrati i congressi dei circoli e delle Unioni Provinciali del Partito Democratico. In tutte le federazioni piemontesi, salvo Alessandria e Biella, si è andati nella direzione della ricerca di una candidatura unitaria per il rinnovo dei segretari provinciali del Partito. Ad...
 
31.10.2017
Redazione
Pubblichiamo la lettera appena diramata dall'attuale minoranza di Centro-Sinistra del Comune di Alessandria; l'argomento è di quelli "tosti" che hanno segnato la vita della città in questi ultimi venticinque anni (... mica "bruscolini"). Vediamo di che si tratta.....Buongiorno Sindaco, buongiorno Presidente, nel...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.