Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
"Eco" di municipalismo miope e problemi di Alessandria
Franco Livorsi

Ci fu un tempo, durato quotidianamente dal 1962 al 1985, in cui facevo politica in Alessandria e conoscevo tutti, e tutto quel che avesse un po’ d’importanza in questa città. Nel decennio 1975/1985 fui anche prima assessore alla cultura e, nel secondo quinquennio del mio mandato, capogruppo consiliare del PCI, gruppo che contava allora diciannove consiglieri su cinquanta. Poi, optando definitivamente per la mia professione di professore universitario, mi trasferii prima a Torino e poi a Milano, dove diventai professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche”, tornando nella nostra vecchia “città della paglia” solo quindici anni fa (dal  2010 come professore ordinario in pensione). Nel frattempo avevo smesso di fare politica attiva, in parte avendo da decenni maturato l’atteggiamento di quel tale genovese che diceva “Ghemu già da’”; in parte perché avevo maturato fortissimi interessi psicologici, religiosi e persino letterari; e in parte perché nella sinistra che non voleva a nessun costo diventare socialista e rosso-verde come in Europa, ma essere “non si sa che cosa”, non mi riconoscevo più. Ciononostante ho seguitato ad amare il confronto, specie su temi politici e culturali di carattere nazionale e internazionale, scrivendo solo su “Città Futura on-line” - oltre a tutto il resto - in quindici anni quasi 400 articoli. Perciò ho osservato solo da lontano, magari un po’ sbagliando, le vicende, quasi mai esaltanti, del “Palazzo rosso”: l’operare dei soliti noti, o ignoti. Il tutto mi dava e mi dà malinconia. Una città che era stata decisiva nel Risorgimento italiano, e che nei primi sessant’anni del Novecento (direi sino all’occupazione operaia della Borsalino del 1961, tanto per stabilire una possibile data simbolica “finale”) e forse sino agli anni Settanta del XX secolo era parsa correre sulla linea dello sviluppo, o economico o dei servizi, ha seguitato a decrescere serenamente, come quei vecchietti, cui mi sento prossimo, i quali, pur avendo acciacchi non hanno mai avuto niente di veramente grave (toccandosi i “cabagigi”), ma deperiscono ugualmente, al pari delle candele sempre accese che si consumino e non siano sostituite. Talora la città, come Roma nelle fantasie del pirandelliano “Fu Mattia Pascal”, mi sembra “un portacenere”. Sviluppo sembra realizzarne poco (anche se ne sussiste quel tanto che basta a tenere su la bandiera, magari gloriandosi del proprio bel “strapaese”, sino a festeggiare un immaginario compleanno), ma il ceto politico sembra sempre riprodurre gli stessi vizi. Può darsi che questo sia il problema della città.
   Ciò posto, vorrei ora provare, in spirito da perfetto e volontario “inattuale”, a mettere a fuoco taluni problemi alessandrini, in due articoli consecutivi distanziati di una settimana l’uno dall’altro: uno su un recente, ma emblematico, fatto di costume, che però purtroppo potrebbe essere un indizio su “chi siamo e dove andiamo” (o su “chi essi sono e dove vanno”) e uno sull’Università in Alessandria e sulla Cittadella (tra cui anche per me va posto un forte nesso). Può darsi che - fuori da tutti i giochi come ormai sono serenamente da tanti anni-  sbagli qualcosa, ma - come diceva Karol Woitila alla sua elezione a papa - “se sbaglio mi corriggerete”.
    Premetto che nel mio “ottimismo criminale” - come l’avrebbe detto Schopenhauer - speravo che il nuovo sindaco di centrodestra, il nobile leghista Gianfranco Cuttica di Revigliasco, che è un intellettuale e ha ambizione di lasciare un’impronta proprio in tale ambito, muovendosi in costruttivo dialogo con quelli di prima (e in specie con l’ex sindaco del PD, la brava Rita Rossa), avrebbe potuto far bene almeno sul terreno della politica culturale. E un poco ci spero anche ora, perché sono per “il bene” da qualunque parte arrivi; se uno lo fa, lo si aiuti a farlo perché farà bene anche alla parte che l’aiuta, con “opposizione costruttiva”, qualificandone l’azione. Ma se il buon giorno si vede dal mattino, c’è poco da stare allegri.
   Il “no” all’intitolazione del Liceo Classico a Umberto Eco ha confermato la profonda insensibilità degli alessandrini verso le proprie glorie: quella tendenza a rimpicciolire tutto e a vedere tutto in piccolo che ha fatto un male enorme alla Città, che sembra spesso incapace di pensare e soprattutto di fare le cose un po’ in grande. C’è un buon spirito di accoglienza, ma c’è troppa meschinità, troppo spirito di bottega e troppo poca generosità e disposizione all’innovazione. Il suo spirito è tutto nel suo motto cittadino,anche preso nella polivalenza dei suoi significati, compresi quelli “buoni”: “Levat Alexandria stratos, deprimit elatos”. Il motto si può tradurre, un po’ liberamente: “Alessandra innalza coloro che sono in basso e abbassa quelli che sono in alto”. Nel motto si richiama un’apertura verso gli umiliati e offesi, che c’è. E si richiama pure uno spirito rivoluzionario che mi piace, forse da tempi della Lega “vera” (e dintorni), quella del tempo dei liberi comuni del Medioevo: perché innalzare i subordinati e abbassare i potenti di turno – quelli che un vecchio giornale umoristico, “Travaso”, chiamava “i cavezzatori”, quelli che mettono la cavezza agli altri, e che Totò chiamava “i caporali” - è per me importantissimo; mi sa di potere del proletariato. Ma c’è pure la fotografia di un’attitudine meschina a svalutare chiunque abbia lasciato un segno nella storia (gli “elati”). Non è sempre così, ma ci sono fatti impressionanti che vanno in tale direzione. Ne citerò solo due: uno relativo a Urbano Rattazzi e l’altro relativo a Umberto Eco. Per onestà dico subito che ce ne sono altri che possono smentirmi, ma questi due sono macroscopici.
   Alessandria ha avuto due sole glorie di quelle che, piaccia o non piaccia a tanti “lillipuziani”, o anche ai critici critici, passano alla Storia. La prima “gloria” si chiamava Urbano Rattazzi e la seconda Umberto Eco.  
  Urbano Rattazzi, nato ad Alessandria e avvocato casalese oltre che alessandrino, sulla scena nazionale dal 1848, è stato figura essenziale del nostro Risorgimento. Fu uno statista su cui quasi trent’anni fa pubblicai il primo saggio biografico un poco compiuto, in una storia del Parlamento italiano edita dalla CEI. Lui, il Rattazzi, aveva il copyright del centrosinistra nella storia d’Italia (e anche questo mettere insieme moderatismo conservatore e riformismo dall’alto è ben significativo in riferimento all’”antropologia” alessandrina). Nel 1851 questa grande alleanza si chiamava “centrosinistro” e univa in “Connubio” l’ala “cosiddetta” democratica erede dell’Italia napoleonica (prima giacobina italiana, poi bonapartista italiana e infine risorgimentale) e liberalismo conservatore, Rattazzi e Cavour. Anzi Cavour arrivò al potere grazie a quel “connubio” tra centrosinistro e centrodestro “inventato” dall’alessandrino. Rattazzi, come ministro e a tratti capo di governo di primo piano si diede anche molto da fare per questa città. E come statista fu quello che con sano centralismo riformista - che è l’opposto del dissennato secessionismo e autonomismo spinto riemersi in questi anni, e che talora fanno capolino nella presente decadenza dell’Italia - estese tutta la legislazione dello Stato sabaudo risorgimentale all’Italia unita, costringendola a correre al passo relativamente “moderno”, almeno giuridicamente, del Piemonte: anche con alti “lai” delle popolazioni “modernizzate” a forza, lamenti che però erano spesso - magari tra molte ingiustizie, e sangue sparso di poveri innocenti - le sane grida della partoriente. Come politico di lungo corso, fece pure taluni storici errori, d’intesa con il re Vittorio Emanuele II e col suo eroe Garibaldi, per annettere Roma. Ma dovette fermarsi con onta per lui e per il governo, nel 1862 e nel 1867 (Aspromonte e Mentana), a causa delle minacce militari d’immediato intervento “contro” da parte di Napoleone III, che sin dal 1849 proteggeva il potere temporale del papa perché la sua dittatura o Impero aveva le sue basi di massa in primo luogo tra i cattolici d’oltralpe (sicché solo quando Bismarck travolse militarmente la Francia, l’Italia poté annettersi Roma, con tempestivo e giusto intervento, il 20 settembre 1870). Garibaldi a Aspromonte  “fu ferito, fu ferito ad una gamba”, ma Rattazzi fu “rimosso”, in senso freudiano, non solo dagli italiani, ma dagli alessandrini. Come diceva Antonio nel “Giulio Cesare” di Shakespeare “Il male commesso dagli uomini vive spesso anche dopo la loro morte, il bene viene spesso sepolto con le loro ossa”. Rattazzi, così, è stato a lungo dimenticato. Di lui si è infine ricordato un importante storico del pensiero politico, che è alessandrino per formazione e per brillanti studi “al Plana” (sebbene nato in Sicilia, a Noto), docente ordinario dell’Ateneo in questa città, Corrado Malandrino, che a Rattazzi ha dedicato molti convegni e studi, e che forse ci darà finalmente la biografia politica rigorosa che attende di essere fatta dalla morte di quel famoso alessandrino, ossia dal 1873. Ma questo - dirà il paziente, o impaziente, lettore, ora che cosa c’entra? – C’entra perché gli alessandrini hanno pure lungamente cancellato Rattazzi dalla memoria collettiva. Prima ci hanno pensato i fascisti, che con la scusa del bronzo per fare cannoni, nel corso della seconda guerra mondiale hanno fuso il monumento che stava nella piazza che è ora Piazza della Libertà (in cui tale monumento è infine risorto, in anni relativamente recenti, spero in modo conforme all’originale).
   Ora tocca a Eco. Mica all’ultimo venuto. Nel 1971 Eco ha fondato in Italia il primo tra parecchi DAMS (Discipline delle Arti Musica Spettacolo) presso l’Università di Bologna. Ha fondato una disciplina di studio, la semiotica. Ha scritto importanti romanzi, come “Il nome della rosa” (Bompiani, 1980). Può e possono piacere di più o di meno, ma solo chi è sprovveduto può - per usare una famosa frase citata da Marx contro i detrattori di Hegel - parlarne come di “un cane morto”. Come si fa a essere avari di riconoscimento con un concittadino la cui opera principale è stata tradotta praticamente in tutte le lingue del mondo, come non è accaduto - sia pure purtroppo - neanche ai Promessi sposi di Alessandro Manzoni? Bisogna proprio essere caduti dal seggiolone da piccoli per agire così. L’idea che si possa riparare dedicandogli una chiesetta sconsacrata, per quanto ricca di qualche arcaico affresco alto medievale (come pensa di fare “un giorno” l’attuale sindaco), è proprio risibile.
   Su ciò c’erano due strade. La prima, più ovvia e razionale, naturalmente è stata subito scartata dagli “addetti” o pretesi addetti ai lavori. Consisteva nel far diventare il Liceo Plana “Liceo Umberto Eco”. Tanto più che il corpo docente, col preside in testa, concorda. Lo scrittore si è formato lì, ha bazzicato per anni in quella piazza, non si è mai dimenticato di Alessandria (ha pure fatto un romanzo fantastico su Baudolino), e se non erro ha pure inaugurato il monumento al mitico contadino furbacchione mandrogno Gagliaudo, monumento poi spostato dalle parti del Duomo. Eco è stato nostro cittadino onorario. E’ venuto tante volte qui. Lo feci venire anch’io quando ero assessore alla cultura, per due volte, e lo portammo pure al Bar Pierino del Cristo, dove con assoluta convivialità – dopo aver imbracciato la chitarra data subito a “Umberto” da Pierino – si era messo a cantare suoi stornelli, che per la verità erano un po’ blasfemi, che facevano il verso al Vangelo. Ma quando il suo amico Delmo Maestri gli sussurrò che era meglio lasciasse stare, smise all’istante. E’ ancora venuto qui a commemorare al funerale Delmo Maestri, quando già sapeva che non tanto dopo sarebbe toccata a lui.
   Quanto a Plana, è stato uno scienziato ormai del tutto ignoto, vissuto secoli fa. E’ stato onorato abbastanza. Siccome inventò un calendario meccanico, se si vuole gli si potrà intestare un Liceo scientifico o un Istituto Tecnico. L’idea di legare la gloria del Classico a un nome (“ho fatto il Plana”), è retorica e stravagante, quasi paesana. Tanto più che qui c’è un solo Classico, per cui se uno dice che ha fatto il Classico di Alessandria non ci si può sbagliare. Tuttavia c’era, e anzi c’è, pure un’altra soluzione facile facile e altrettanto degna, affacciata dall’ex sindaco Mara Scagni e ripresa pure dall’ex sindaco e sindaco uscente Rita Rossa. Si sarebbe potuto, e si potrebbe, chiamare il nuovo ponte “Ponte Francesca Calvo”, alla quale va effettivamente il merito di averlo fatto progettare non dai soliti amici degli amici - come altri avrebbero fatto perché una mano lava l’altra - ma da un architetto di fama mondiale, come al tempo degli statisti veri; e si sarebbe potuto, e si potrebbe, dedicare la Biblioteca Civica a Umberto Eco. Così si sarebbe corretta, e correggerebbe, una brutta scelta dell’anteriore centrodestra con un’ottima scelta. La nuova bellissima Biblioteca, che però attende orari prolungati e personale ulteriore che li renda possibili, e cura degli ascensori e scale mobili (spesso fermi e da riparare), è sorta sul sedime della Scuola medico-pedagogica Bobbio. Quel Bobbio era il nonno di Norberto Bobbio, la cui famiglia aveva casa vicino alla Piazzetta della Lega. Sarebbe stato giusto dedicare a Norberto Bobbio la Civica (e non solo una striminzita saletta per incontri a pianterreno). Non lo si è fatto. Amen. Ma ora si dedichi tale Biblioteca a Umberto Eco. In fondo lo stesso “Nome della rosa” ha molto a che fare con una biblioteca, in cui era nascosto un libro di Aristotele che insegnava all’umanità l’umorismo: l’arte del ridere, che l’ironico alessandrino Eco amava in sommo grado. O gli dedicate il Classico o gli dedicate la Biblioteca. Anche il Teatro non andrebbe male, per il fondatore del DAMS in Italia. Ma ora non mettetevi a fare il vostro solito girotondo all’infinito, discutendo per anni e anni una soluzione, dimenticandovene dopo pochi giorni e per anni, e poi svegliandovi all’improvviso sotto il pero senza aver nulla  deciso, arrivando a onorare degnamente lo scrittore italiano più famoso al mondo che ci sia stato negli ultimi cento anni dopo Canicattì. La faccenda non è rilevantissima, ma dice molto sul lato d’ombra della nostra città. Caro Cuttica di Revigliasco, ripara subito e al massimo livello che ti sia possibile, perché in caso diverso i tuoi propositi da riformatore culturale mostreranno subito che hai voluto o vorresti fare un salto, ma partendo con piede zoppo.
                                                                                                                             (franco.livorsi@alice.it)

30/09/2017 18:33:05
comments powered by Disqus
02.10.2017
Elvio Bombonato
All’inizio del 1973, con il Movimento di Cooperazione Educativa all’apice, Delmo Maestri, Assessore alla P.I.Cultura e Teatro, riuscì, come solo lui sapeva fare, a catturare Gianni Rodari. Venne in Alessandria, sala stracolma, gente in piedi; Delmo era un omone, Gianni piccolo e minuto, con uno sguardo vivissimo....
 
30.09.2017
Elvio Bombonato
Alcune precisazioni. Il Liceo Classico "Plana" non esiste. Esiste un Liceo chiamato "Saluzzo-Plana", da quando il "Plana" fu incorporato dal Ministero P.I. al "Saluzzo": in tali casi prevale il nome della scuola più grande e sparisce quello della piccola. Unico evento in Italia, rimase il nome "Plana"...
30.09.2017
Franco Livorsi
Ci fu un tempo, durato quotidianamente dal 1962 al 1985, in cui facevo politica in Alessandria e conoscevo tutti, e tutto quel che avesse un po’ d’importanza in questa città. Nel decennio 1975/1985 fui anche prima assessore alla cultura e, nel secondo quinquennio del mio mandato, capogruppo consiliare...
 
27.09.2017
Renzo Penna
Ogni valutazione sulla situazione della società Aral non può prescindere, è doveroso premetterlo, dalle decisioni e dagli elementi di chiarezza che la Magistratura dovrà prendere ed esplicitare - auspichiamo il prima possibile - sui fatti denunciati e le eventuali responsabilità che sono oggetto dell’indagine...
19.09.2017
Dario Fornaro
Il bollettino del mare (politico) alessandrino segnala da diverse settimane “calma piatta”. Forse non era del tutto prevedibile questa condizione post-elettorale, ma ,del resto, anche la campagna elettorale si era svolta con toni e modi insolitamente contenuti – salvo qualche sporadico eccesso tosto...
 
04.09.2017
Pier Carlo Lava
“Se i giardini Pittaluga piangono, quelli di Corso IV Novembre non ridono di certo”. ... Alessandria: A seguito della sollecitazione di una residente lunedì 28 agosto abbiamo effettuato una verifica ai giardini di corso IV Novembre, situati nella zona antistante l’Istituto Don Orione. Un area verde...
31.08.2017
ASL Alessandria
Nota piazzale Berlinguer Sulla vicenda del parcheggio Berlinguer, l’Azienda Ospedaliera ha inviato questa mattina una nota al Sindaco di Alessandria per evidenziare la propria disponibilità a realizzare il progetto originale (ossia la realizzazione di 83 nuovi posti auto) approvato dal Comune di Alessandria...
 
29.08.2017
Dario Fornaro
La vicenda della Soc. ARAL è prossima a compiere il secondo mese di vita movimentata. Deflagrata - a pochi giorni dalla conclusione della campagna elettorale comunale – con la notizia del suo coinvolgimento nella vasta indagine della Procura di Brescia sul traffico interregionale di rifiuti urbani...
28.08.2017
Pier Carlo Lava
Premesso che non è mia intenzione fare il difensore d’ufficio di nessuno ma solamente esprimere la mia personale opinione in merito alla vicenda riguardante l’Assessore Alessandro Rolando. Innanzi tutto credo che sia opportuno ricordare che “solo chi non fa non fa sbaglia” e questa in politica è una...
 
27.08.2017
Guido Ratti
Fino a tutta la primavera 2017 non sono emersi né possibili progetti, né linee strategiche chiare e definite per il futuro della fortezza: all’interno delle stesse amministrazioni competenti sono coesistite linee d’azione divergenti e persino opposte, così come conflittuali e concorrenti sono state...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
sabato 21 ottobre alle ore 11.00, presso la sede della Croce Verde di Alessandria si svolgerà la cerimonia...
Segnaliamo un articolo di Giancarlo Bertocco dell'Università degli Studi dell’Insubria e pubblicato...
Prossimo appuntamento: Sabato 21 ottobre dalle 15.00 alle 19.00 presso il Centro culturale “Cultura...
Riceviamo e pubblichiamo i comunicati stampa del MDP relativi all'elezione dei Coordinatori per le provincie...
Sabato 21 ottobre 2017 alle ore 17 presso il Museo Etnografico Gambarina verrà presentato il video...
sabato 21 ottobre 2017 alle ore 10,00 presso l’Auditorium del MarengoMuseum di Spinetta Marengo Sono...
sabato 21 ottobre 2017 – San Fratello (ME) Sarà dedicato alla riscoperta della presenza degli Aleramici giunti...
Sabato 11 Novembre inizia la Nuova Stagione Musicale di "Macallè Reloaded - Movie Blues" al Cinema Macallè Tony...
lunedì 23 ottobre dalle 17 alle 20 alla Casa dell'ambiente Corso Moncalieri 18, 10131 Torino si terrà...
Giovedì 5 ottobre 2017 alle ore 16 nella sede del Consiglio regionale (via Alfieri 15 a Torino) apre...
Ha preso il via, per l'anno scolastico 2017-'18, la 34° edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei....
Nasce Massa Critica, una piattaforma per informare e attivare le persone ai temi fondamentali del presente...
Vinci l'abbonamento al Teatro Sociale Sai scrivere racconti o poesie? Ti piace disegnare o realizzare...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.