Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Delmo Maestri e l’Alessandria di una volta
Elvio Bombonato

All’inizio del 1973, con il Movimento di Cooperazione Educativa all’apice, Delmo Maestri, Assessore alla P.I.Cultura e Teatro, riuscì, come solo lui sapeva fare, a catturare Gianni Rodari. Venne in Alessandria, sala stracolma, gente in piedi; Delmo era un omone, Gianni piccolo e minuto, con uno sguardo vivissimo. Il tema della conferenza era “LA GRAMMATICA DELLA FANTASIA”, appena uscito da Einaudi, che sarà la guida di generazioni di insegnanti della scuola dell’obbligo e delle magistrali. Un libro strano: 45 capitoletti, in cui Rodari alternava coltissime dissertazioni teoriche a racconti delle sue visite nelle classi elementari, chiamato dalle maestre (c’era una lista di attesa) in cui inventava una storia insieme ai bambini. Ricordo che due anni prima, a Roma, avevo firmato una petizione contro un direttore, appoggiato dal Comitato dei Genitori, i quali, poiché Rodari era un ex redattore di “Paese sera”, gli vietò di entrare. Aveva appena vinto il Premio Andersen, il Nobel della letteratura per l'infanzia.

Rodari parlò di una gita in montagna con la figlioletta Paola, e amici con i loro pargoli. L’argomento dell’andata fu la cacca, descritta e sviscerata in tutte le sue possibilità. Si saranno divertiti più gli adulti dei piccoli, entusiasti. Poi raccontò una storia bellissima dal libro: “Luce e scarpe”, quindi: “Che cosa succederebbe se”, esaltando l’errore creativo dei bambini: “sbagliando s’inventa”. “Molti errori dei bambini sono creazioni autonome, utili ad assimilare una realtà sconosciuta”, “Gli errori fanno ridere, per cui bisogna ridere degli errori”. Giancarlo Bertolino ne scrisse un acuto saggio su “Quaderno di scuola”, rivista diretta da Giuseppe Amadio, n. 13, maggio ’81. Il miglior studio su Rodari è quello del docente universitario genovese Pino Boero, “Una storia tante storie”, Einaudi, Torino, 1992. Applausi scroscianti; Delmo visibilmente soddisfatto.

In prima media al “Vivaldi”, assegnai il tema in classe. “Cosa succederebbe se un coccodrillo si presentasse a Scommettiamo”. Un amico sociologo li lesse, ne scelse tre (Daniela Alini, Luca Raina, Gian Luca Roasio), pubblicandoli sull’autorevole rivista “ALTRIMEDIA” di Milano, n. 15, 1978. Ho spesso usato il consiglio di Rodari: l'esercizio “Cosa accade dopo”, il quale può essere applicato a tutti i romanzi e film, dall’Odissea (ci ha pensato Dante), alla Mandragola, a Una questione privata, ai western (l’eroe tornerà?).

Intanto Delmo guardava, col suo sorriso longobardo, Rodari, come il filologo dell’opera di Bandello guarda il redattore del “Corriere dei piccoli”.

Ci fu un bel dibattito; io, pur ammirando il genio, espressi il mio dissenso sulla valutazione positiva che Rodari aveva dato della seria rivista cattolica “Orientamenti pedagogici”. Avevo 26 anni e insegnavo alla scuola media di Ticineto. Rodari mi guardò con benevolenza, capì che il mio scopo era fare il bastian contrario, e di fatto non mi rispose. Il mio amico Fulvio Quattrocchio (allora maestro, oggi Dirigente Scolastico) mi fece notare che il mio intervento gli era parso confuso.

Finita la serata, la cena, in una pizzeria che definire modesta, come peraltro l’albergo trovato per il relatore (non usava ancora la permanenza presso gli eccellenti “Buoi rossi”), è un eufemismo, Delmo, il quale non mi aveva mai visto prima e non sapeva neppure il mio nome, mi invitò; eravamo pochi, e Rodari, abituato alle trattorie romane, si scatenò, parlando con Delmo della scuola italiana.

Alla fine della cena, Delmo mi chiese se volevo entrare nella costituenda “Commissione Biblioteca del Comune”, che aveva lo scopo di elaborare un progetto per farla rinascere. Ne fecero parte il direttore della biblioteca di Alessandria, dott. Antonio Panizza, il prof. di ragioneria Ettore Regalzi, sabaudo rappresentante del PLI, il prof. Guido Ratti, esperto di biblioteconomia, e io.

Pochi mesi dopo venne Umberto Eco, a presentare “Il costume di casa”, contenente il celeberrimo “Elogio di Franti”, che è soprattutto una critica della scuola italiana ai tempi del “Cuore” di De Amicis. Folla incredibile, tifo da stadio: Eco era geniale nel catturare il pubblico con la sua dialettica degli opposti.  Stessa pizzeria, ove Eco si mise a scrivere i suoi geroglifici enigmistici sulla tovaglia di carta, rimbrottato con fare paterno da Delmo, il quale gli impose: smettila di pasticciare stupidaggini. Eco annuì, e si mise a parlare di Parigi, dove conosceva tutti quelli come lui. Mi preme ricordare che proprio alla biblioteca di Alessandria Eco si fermò alcuni giorni per scrivere una parte di “Come si fa una tesi di laurea” Bompiani, Milano, 1977, uno dei suoi capolavori.

La commissione, che operava a titolo gratuito, si riunì alcune volte, finché nell’ottobre ’73, Maestri, inviso al centralismo democratico dell'allora PCI, si dimise da Assessore.

Ma lo ricordo, inferocito, quando nel febbraio del 1978 alcune scolaresche furono portate nel nuovissimo Teatro Comunale, di cui era il Presidente, e si comportavano male: carte e cibo per terra, gomme americane appiccicate dovunque, scavalcamento delle poltrone ecc. IL problema del rapporto Teatro-Scuole lo affrontò da par suo Nuccio Lodato (“Quaderno di Scuola n.8, 1979). Maestri era tra le tende all’ingresso della sala, 1200 posti, gremita; come una furia si lanciò sul palcoscenico, battè più volte i piedi sul legno, rosso di rabbia, con le vene del collo e gli occhi in fuori. Ottenuto subito silenzio, rimproverò la platea con un tono che spaventò persino gli insegnanti e il personale. La proiezione del film, credo “L’albero degli zoccoli”, iniziò e proseguì in un silenzio totale, mentre il sergente di Kubrick camminava nel buio al bordo delle file, stringendo i pugni. Caspita, che forza. Chissà in Consiglio Comunale. Avercene ancora di intellettuali così.

Grazie Delmo, per quello che hai dato alla scuola e alla città.                                     elvio bombonato

02/10/2017 19:37:51
comments powered by Disqus
02.10.2017
Elvio Bombonato
All’inizio del 1973, con il Movimento di Cooperazione Educativa all’apice, Delmo Maestri, Assessore alla P.I.Cultura e Teatro, riuscì, come solo lui sapeva fare, a catturare Gianni Rodari. Venne in Alessandria, sala stracolma, gente in piedi; Delmo era un omone, Gianni piccolo e minuto, con uno sguardo vivissimo....
 
30.09.2017
Elvio Bombonato
Alcune precisazioni. Il Liceo Classico "Plana" non esiste. Esiste un Liceo chiamato "Saluzzo-Plana", da quando il "Plana" fu incorporato dal Ministero P.I. al "Saluzzo": in tali casi prevale il nome della scuola più grande e sparisce quello della piccola. Unico evento in Italia, rimase il nome "Plana"...
30.09.2017
Franco Livorsi
Ci fu un tempo, durato quotidianamente dal 1962 al 1985, in cui facevo politica in Alessandria e conoscevo tutti, e tutto quel che avesse un po’ d’importanza in questa città. Nel decennio 1975/1985 fui anche prima assessore alla cultura e, nel secondo quinquennio del mio mandato, capogruppo consiliare...
 
27.09.2017
Renzo Penna
Ogni valutazione sulla situazione della società Aral non può prescindere, è doveroso premetterlo, dalle decisioni e dagli elementi di chiarezza che la Magistratura dovrà prendere ed esplicitare - auspichiamo il prima possibile - sui fatti denunciati e le eventuali responsabilità che sono oggetto dell’indagine...
19.09.2017
Dario Fornaro
Il bollettino del mare (politico) alessandrino segnala da diverse settimane “calma piatta”. Forse non era del tutto prevedibile questa condizione post-elettorale, ma ,del resto, anche la campagna elettorale si era svolta con toni e modi insolitamente contenuti – salvo qualche sporadico eccesso tosto...
 
04.09.2017
Pier Carlo Lava
“Se i giardini Pittaluga piangono, quelli di Corso IV Novembre non ridono di certo”. ... Alessandria: A seguito della sollecitazione di una residente lunedì 28 agosto abbiamo effettuato una verifica ai giardini di corso IV Novembre, situati nella zona antistante l’Istituto Don Orione. Un area verde...
31.08.2017
ASL Alessandria
Nota piazzale Berlinguer Sulla vicenda del parcheggio Berlinguer, l’Azienda Ospedaliera ha inviato questa mattina una nota al Sindaco di Alessandria per evidenziare la propria disponibilità a realizzare il progetto originale (ossia la realizzazione di 83 nuovi posti auto) approvato dal Comune di Alessandria...
 
29.08.2017
Dario Fornaro
La vicenda della Soc. ARAL è prossima a compiere il secondo mese di vita movimentata. Deflagrata - a pochi giorni dalla conclusione della campagna elettorale comunale – con la notizia del suo coinvolgimento nella vasta indagine della Procura di Brescia sul traffico interregionale di rifiuti urbani...
28.08.2017
Pier Carlo Lava
Premesso che non è mia intenzione fare il difensore d’ufficio di nessuno ma solamente esprimere la mia personale opinione in merito alla vicenda riguardante l’Assessore Alessandro Rolando. Innanzi tutto credo che sia opportuno ricordare che “solo chi non fa non fa sbaglia” e questa in politica è una...
 
27.08.2017
Guido Ratti
Fino a tutta la primavera 2017 non sono emersi né possibili progetti, né linee strategiche chiare e definite per il futuro della fortezza: all’interno delle stesse amministrazioni competenti sono coesistite linee d’azione divergenti e persino opposte, così come conflittuali e concorrenti sono state...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
sabato 21 ottobre alle ore 11.00, presso la sede della Croce Verde di Alessandria si svolgerà la cerimonia...
Segnaliamo un articolo di Giancarlo Bertocco dell'Università degli Studi dell’Insubria e pubblicato...
Prossimo appuntamento: Sabato 21 ottobre dalle 15.00 alle 19.00 presso il Centro culturale “Cultura...
Riceviamo e pubblichiamo i comunicati stampa del MDP relativi all'elezione dei Coordinatori per le provincie...
Sabato 21 ottobre 2017 alle ore 17 presso il Museo Etnografico Gambarina verrà presentato il video...
sabato 21 ottobre 2017 alle ore 10,00 presso l’Auditorium del MarengoMuseum di Spinetta Marengo Sono...
sabato 21 ottobre 2017 – San Fratello (ME) Sarà dedicato alla riscoperta della presenza degli Aleramici giunti...
Sabato 11 Novembre inizia la Nuova Stagione Musicale di "Macallè Reloaded - Movie Blues" al Cinema Macallè Tony...
lunedì 23 ottobre dalle 17 alle 20 alla Casa dell'ambiente Corso Moncalieri 18, 10131 Torino si terrà...
Giovedì 5 ottobre 2017 alle ore 16 nella sede del Consiglio regionale (via Alfieri 15 a Torino) apre...
Ha preso il via, per l'anno scolastico 2017-'18, la 34° edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei....
Nasce Massa Critica, una piattaforma per informare e attivare le persone ai temi fondamentali del presente...
Vinci l'abbonamento al Teatro Sociale Sai scrivere racconti o poesie? Ti piace disegnare o realizzare...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.