Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Ultimo giro per la Fondazione SLALA?
Dario Fornaro

Con la nomina, nei giorni scorsi, dell’ultimo presidente (ultimo in ordine di tempo; forse ultimo e basta), la Fondazione SLALA - tempio dei sogni logistici alessandrini sovrapposto alla consolidata realtà della Valle Scrivia – si appresta ad affrontare la fase ineludibile  del redderationem, laicamente del che fare.  Il deperimento progressivo, negli anni recenti, della sua dichiarata funzione  e dei suoi mezzi al servizio, non consentirebbero più, come da dichiarazioni emerse in CdA, di traccheggiare,  sotto il profilo giuridico-amministrativo, in attesa di improbabili, ancorché non impossibili, soccorsi istituzionali.

Non a caso il neo-presidente individuato è un avvocato, con esperienze di situazioni aziendali difficili, ma non, che si sappia, sorta di medico pietoso. Lo attende un arduo lavoro visto che la Fondazione ha perso, via via, capitale, soci, scopi concreti, credibilità propositiva tra gli operatori del settore e, complessivamente, incidenza politica nel territorio, a cominciare dai vertici del Nord-Ovest.

Perché e come ciò sia avvenuto – che pure sarebbe un salutare esercizio retrospettivo  sugli inconvenienti  di una certa megalomania  dispensata a larghe falde – non è da tempo argomento di interesse pubblico. Sostituito, in piccolo, dalla preoccupazione di tenere comunque in vita un simulacro della “ditta”, aggiornando o reinterpretando l’oggetto sociale (magari con un occhio ai passeggeri – accanto alle merci primigenie - e ai collegamenti ferroviari con la capitale del panettone).

Va bene; rispettiamo liberamente i  tentativi di chi è accorso al capezzale di SLALA. Tenendo  in caldo, tuttavia, le argomentazioni sull’ascesa e sul declino, rapidi entrambi, di un soggetto, votato alla promozione e al coordinamento logistico di un vastissimo territorio (tendente all’intero Nord-Ovest), che per oltre un decennio ha tenuto, da protagonista ambizioso , il campo del futuro economico dell’Alessandrino come affacciatosi al terzo millennio.

Solo, en passant, qualche elemento di orientamento “storico”.

SLALA viene costituita, in forma di Srl, il 6.11.2003 (anniversario di una tragica alluvione), con la denominazione, in esteso, di “Sistema Logistico dell’Arco Ligure Alessandrino” e un capitale di 485.000 euro sottoscritto, in quote differenziate, da 12  soci (Enti) dei due versanti appenninici. Primo presidente l’ing. Franco Ercolani in qualità di noto esperto di problemi logistico-ferroviari. Sede presso il Comune di Alessandria.

Seguono alcuni anni di lavorio (interno) tecnico-conoscitivo –progettuale, ma soprattutto di grande spolvero politico-mediatico sul ruolo di SLALA nel panorama logistico-portuale in espansione, entro ed oltre i confini nazionali. Al punto che il “combinato disposto” alessandrino e genovese ritiene inadeguata ai compiti che si prospettano, e quindi superabile, la primigenia struttura societaria e induce (2007) la trasformazione  della SLALA Srl  in “Fondazione Sistema Logistico Integrato del Nord Ovest – SLALA”, con il coinvolgimento di ulteriori Enti di rilievo tra i quali  le Regioni Liguria, Piemonte e Lombardia e l’implementazione dell’Organo amministrativo.

 La nuova veste di Fondazione dovrebbe accrescere e consolidare il prestigio di SLALA, ma ne irrigidisce nel contempo, con  qualche inconveniente, il profilo gestionale.

Il perdurante fervore politico-logistico produce poi, sulla fine del 2009, un nuovo soggetto, partecipato da SLALA,  deputato in qualche modo a trasferire  sul piano realizzativi almeno alcune indicazioni strategiche emerse dal lungo dibattito sulla portualità e relative infrastrutture costiere e interne. Viene pertanto costituita (21.12.2009) la “Retroporto di Alessandria SpA” con un azionariato di 8 Enti (7 liguri-piemontesi, più FS Logistica SpA) e un capitale di 168.000 euro.

Il percorso di questo nuovo soggetto – centrato sul parziale utilizzo dello Scalo ferroviario di Alessandria da attrezzarsi per ricevere e “lavorare” fino a 500.000 Teu (unità container) –si rivela  subito impervio in quanto surdimensionato e quindi inoperante già in partenza. Nel gennaio del 2013 la SpA Retroporto viene così “ridotta” a Srl e posta in liquidazione. Quattro anni di malintesi?

La rassegna delle  avventure logistiche alessandrine – come tali intendendosi quelle basate sul Comune capoluogo – non può non richiamare alla memoria un altro importante soggetto avviatosi in pista di decollo a seguito a seguito del famoso convegno (promotori  Provincia e Comune) che si tenne ad Alessandria il 25.3.2002 per la presentazione del master-plan  della futura “Piattaforma Logistico-mercantile di Alessandria”, nota e divulgata come progetto Distripark, esteso su un milione di Mq. in zona Villa del Foro-Cantalupo e congruamente dotato di infrastrutture per il trasporto, il deposito e la “prima lavorazione” delle merci in container.

Il fascino di questo nuovo “retroporto genovese” (il primo, la Rivalta Scrivia, precedeva di oltre trent’anni, ma con una navigazione movimentata) si basava sulla  previsione, come dire? simpaticamente azzardata,  di  prossimi incrementi di traffici portuali – necessariamente rifluenti sulle economie del Nord-Ovest, e non solo – a dir poco sensazionali. Di qui  la “grande occasione” da cogliere al volo.

Il passaggio dalla primitiva idea del Distripark – formulata in base ai dati di letteratura tecnica - ad un pre-progetto preso in carico da un’entità locale definita e responsabile, ha richiesto tuttavia diverso tempo.  Infatti il sostanziale input politico risale al 7.10. 2002, con la sottoscrizione di un “protocollo d’intesa” avente per oggetto il “Progetto per la Piattaforma Logistica di Alessandria” da parte  di una decina di Amministrazioni liguri-piemontesi, laddove, però, il varo di una Società dedicata si realizza solo quattro anni dopo. Tempo impiegato a superare difficoltà varie e almeno un incidente di percorso: l’inopinata comparsa in scena di un aeroporto-cargo prospettato, e poi rimangiato, a Villa del Foro in contrasto con le comunità del territorio.

Ad un certo punto, e al presumibile scopo di rompere gli indugi, nell’agosto del 2006 viene effettivamente costituita la SpA “ Piattaforma Logistica Alessandria – PLA” con due azionisti: il Comune di Alessandria (40%) e  la SAIA SpA (60%), Società regionale per le aree industriali, per porre mano concretamente  alla “piattaforma” , vale a dire all’iniziale Distripark come rivisto e riposizionato a Cantalupo.

Varata la Soc. PLA, i problemi d’avvio si riacutizzano, dopo pochi mesi, sotto il profilo politico. Con le elezioni del 2007 una nuova Giunta (centrodestra) succede a quella di centrosinistra e comincia il ripensamento critico di  diverse iniziative ereditate. Tra queste il disegno territoriale della presenza neo-logistica ad Alessandria che, da massicciamente unitario, viene ripartito in tre località separate: in primis il famoso  Scalo ferroviario cittadino, in decadimento funzionale; poi un’area a San Michele – già zona industriale comunale rimasta intonsa – infine un “residuo” a Cantalupo.

Il “ribaltone” politico-amministrativo finisce di ribaltare a sua volta la prospettiva attorno a cui si era fortunosamente costituita la PLA. L’azionista SAIA si defila e cede gran parte delle azioni (50%) al Comune che si ritrova col 90% del  capitale, accomunato con cinque nuovi  soci “spintanei” per il restante 10%. L’esito operativo è quantomai precario onde, nel 2008, il Comune rifonda la PLA  in SITAL Spa (Società Interventi Territoriali Alessandria) che vivacchia ancora per qualche anno inventandosi, con scarsi esiti, scopi “promozionali” del territorio, ma avviandosi inevitabilmente al fine-corsa (fallimento, 5.4.2013).

Col fatale  2013 vengono meno due dei tre protagonisti che hanno calcato il palcoscenico logistico alessandrino (PLA-SITAL e RETROPORTO) e da allora resta in scena, dopo quindici anni dal “convegno fondativo”, la sola e superstite SLALA (di cui all’inizio di questo complesso e inevitabilmente parziale excursus logistico tratto dalle fonti di stampa). Dulcis in fundo  le Ferrovie (RFI) hanno “messo sul mercato”, nei mesi scorsi, una discreta parte dello Smistamento in vista di  individuare a vasto raggio operatori, logistici o paralogistici,  interessati a ragionare sull’utilizzo dell’area scorporanda, eccedente ai bisogni di casa. Una prospettiva dolce-amara?

Fin qui un tentativo di recuperare un minimo di  cronologia ragionata del fenomeno  deflagrato ad Alessandria con i primi del 2000: la logistica come nuovo, travolgente orizzonte  dello sviluppo locale.

Questo “fenomeno” offre indubbiamente – vedi sopra - una ghiotta lettura “dall’interno”. Ma anche  visto “dall’esterno” può  stimolare utili pensamenti. Ad esempio sul ruolo miracolistico e pigliatutto  assunto dall’effervescenza logistica  a scapito di altri settori produttivi, cosiddetti tradizionali (quali industria, artigianato, agricoltura e relativi comparti), relegati ai margini della pubblica  attenzione. Una mezza generazione di politici alessandrini si è così formata a pane-e-logistica per oltre un decennio, fino a quando con le prime, evidenti delusioni, la dieta è cambiata in pane-e-turismo versione street economy.

Lo sviluppo, o la resistenza alla crisi, visti di volta in volta con gli occhiali di un unico e salvifico settore di attività da curare e il resto… a contorno. La deformazione e la ripetitività del dibattito politico, quanto ad economia locale, stanno da tempo a dimostrarlo. E questo non è un problema da scherzarci.

 

Dario Fornaro

 

05/12/2017 22:51:39
comments powered by Disqus
12.12.2017
IIS "Saluzzo-Plana" . classi 3 AE e 3 BE
Il giorno 29 novembre 2017, le classi III AE e III BE hanno partecipato ad una conferenza-lezione, tenuta dal prof. Egidio Lapenta, sulla storia del Complesso di San Francesco ex-Ospedale Militare. L’attività fa parte del Progetto Leone X, che vede come referenti i professori Simona Guasco...
 
12.12.2017
Giancarlo Patrucco
Come ha fatto il nostro direttore Pier Luigi Cavalchini passando dal piano locale a quello nazionale, anch’io invertirò le mie priorità, passando dal piano nazionale a quello locale, per altro già perfettamente presidiato da Piero Archenti e Dario Fornaro. Ammetto che ne so poco. Sto lontano dai...
05.12.2017
Dario Fornaro
Con la nomina, nei giorni scorsi, dell’ultimo presidente (ultimo in ordine di tempo; forse ultimo e basta), la Fondazione SLALA - tempio dei sogni logistici alessandrini sovrapposto alla consolidata realtà della Valle Scrivia – si appresta ad affrontare la fase ineludibile del redderationem, laicamente...
 
17.11.2017
Filippo Orlando.
Articolo informativo sulla riunione sulla riunione di presentazione del protocollo d’ intesa con ASL E ARPA Piemonte sul monitoraggio in Fraschetta. Si tratta della prosecuzione di iniziative della precedente Amministrazione che, lodevolmente, la nuova prosegue riconoscendone evidentemente la validità....
05.11.2017
Giancarlo Patrucco
In questo giorno Alessandria rammemora la tragedia che si è abbattuta sulla città con lo straripamento del Tanaro. Sempre in prossimità di questo giorno, i media locali riportano le ricorrenti dispute sullo stato delle opere di prevenzione al momento. Dispute e analisi opportune perché nessuno distolga...
 
31.10.2017
Massimo Brina
Nel mese di ottobre si sono celebrati i congressi dei circoli e delle Unioni Provinciali del Partito Democratico. In tutte le federazioni piemontesi, salvo Alessandria e Biella, si è andati nella direzione della ricerca di una candidatura unitaria per il rinnovo dei segretari provinciali del Partito. Ad...
31.10.2017
Redazione
Pubblichiamo la lettera appena diramata dall'attuale minoranza di Centro-Sinistra del Comune di Alessandria; l'argomento è di quelli "tosti" che hanno segnato la vita della città in questi ultimi venticinque anni (... mica "bruscolini"). Vediamo di che si tratta.....Buongiorno Sindaco, buongiorno Presidente, nel...
 
28.10.2017
Nicola Parodi
Sono state approvate dal Consiglio Comunale le “Linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare durante il mandato amministrativo 2017-2022”. Al capitolo Viabilità e Parcheggi – Viabilità sub 4) troviamo la proposta “realizzazione passerella pedonale davanti alla stazione ferroviaria. Sicuramente...
26.10.2017
Piero Archenti
AAA cercasi (cerca sì) Storie dal gran finale Sperasi (spera sì) Comunque vada panta rei… Quello appena accennato è il ritornello che da due mesi assilla soprattutto il sindaco di Alessandria ma per motivi tutt'altro che canori. Infatti, il ritorno di Ronny Rolando, tanto auspicato dai suoi...
 
26.10.2017
Piero Archenti
Parlando di lavori in sospeso, e dopo le raccomandazioni dell'associazione degli Orti, un tempo nota come "Gruppo di Lavoro AL Nord", sarebbe ancora necessaria la sistemazione del Tanaro, magari per fare in modo che non si verifichi nuovamente il disastro del '94. Si era detto dei lavori da effettuare,...
Segnali
Lunedì 18 dicembre 2017 ore 16:45 Sinagoga di Alessandria - Via Milano 7 "Channukkàh 5778" La Festa...
martedì 19 dicembre ore 17,30 – 19,00 Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria al...
mercoledì 20 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza...
il 20 dicembre, dalle 17 alle 22 appuntamento alla Casa di Quartiere in via Verona 116Alessandria XMA...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
sabato 2 dicembre ore 15.00 “IL MERCATINO DI TELIA” Inaugurazione del mercato di Natale dell’Associazione...
Come ogni anno, parte, da oggi, la Campagna "Arance di Natale...arance per la vita" a sostegno del Centro...
lunedì 4 dicembre alle ore 18.00 con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie in cui Enzo Iacchetti,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018 UNO STRAORDINARIO ROAD...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Dal 15 al 19 Dicembre "La Principessa e L'Aquila"Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Tratto da...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.