Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Rigenerazione urbana tra Alessandria e Spinetta Marengo. Il “Progetto Periferie” non è solo infrastrutture
Giorgio Abonante, Fabio Camillo, Beppe Carniglia, M. Rita Rossa
 



Giorgio Abonante (Partito Democratico), Fabio Camillo (MdP Liberi e Uguali), Beppe Carniglia (MdP Liberi e Uguali), MRita Rossa(Partito Democratico)

Ora, due mesi di tempo per concretizzare. L’importanza dei contenuti immateriali del progetto.

Dissolti dubbi e battute della campagna elettorale, è arrivata la firma sul finanziamento garantito dal Governo ad Alessandria per la riqualificazione dell’asse est della città. Ora, chi all’epoca ironizzava non avrà tanto tempo da perdere nel ricredersi, dovrà piuttosto correre per rispettare i tempi. Strettissimi.

La crisi economica, la contrazione della spesa pubblica aggravata dal dissesto finanziario che ha colpito il capoluogo di provincia, e il progressivo invecchiamento della popolazione, particolarmente evidente nel territorio cittadino e provinciale, pongono sfide inedite e complesse ad amministratori e alla classe dirigente del territorio. Sfide analoghe a quelle presenti in altre aree del Paese ma che qui da noi si declinano in forme e modalità proprie e specifiche.

Sebbene Alessandria rimanga nel suo complesso un territorio ricco di infrastrutture materiali e immateriali, segnato dalla presenza di significativi insediamenti industriali, da un ricco tessuto di organizzazioni del Terzo e Quarto Settore, e da due Fondazioni di erogazione, nonché un’istituzione di alta formazione come l’Università del Piemonte Orientale, da una sede del Politecnico di Torino e da un Conservatorio, grava sulla comunità un pericoloso senso di sfiducia appesantito dalla cronaca incapacità di fare sistema degli attori pubblici e privati.

In questo senso il bando di riqualificazione delle periferie, unito alla seppur flebile ripresa economica che investe il territorio e al possibile utilizzo dei Fondi strutturali di origine Regionale (più quelle del CIPE per la Cittadella), rappresenta un’opportunità per invertire la rotta.

La filosofia che ha ispirato il progetto, e che adesso deve prendere forma, è quella di un rafforzamento della consapevolezza dei cittadini attraverso l’attivazione di percorsi partecipati che stimolino la (ri)costruzione di capitale sociale e che favoriscano l’emergere di opportunità di natura sociale ed economica. L’idea di fondo è che la rigenerazione urbana sia il combinato disposto di un’azione strutturale, concentrata cioè sul recupero e ripristino di determinate aree urbane (il parco di Marengo, la ludoteca Bianconiglio e la zona della Scuola Caretta) e di un’azione che valorizzi il protagonismo, le competenze formali e informali dei cittadini che abitano Spinetta Marengo, sia come singoli sia come comunità (sono le cosiddette comunità creative di cui parla Ezio Manzini, cittadini cioè che mettono a sistema le loro risorse per dare una risposta a bisogni sociali e collettivi).

Con un evidente e cruciale sottotesto: le prime saranno tanto più efficaci e funzionali quanto più saranno in grado di essere al servizio delle seconde, ovvero dei bisogni e dei desiderata dei cittadini. In quest’ottica il risultato di lungo periodo del progetto si può riassumere nella (ri)costituzione nel territorio di riferimento di una comunità capace di innovare, includere e creare coesione sociale- Una comunità che sappia valorizzare il capitale umano a propria disposizione e che guardi all’innovazione non come un fine in sé, ma come una modalità per lo sviluppo di pratiche inclusive capaci di creare ben-essere nel lungo periodo.

Innovazione che parta dalle condizioni di contesto in particolare dalle inefficienze come occasione di sviluppo e di prosperità (pensiamo al grande tema della bonifica dei terreni sul quale si potrebbero sviluppare proficue sinergie tra l’Università e le grandi aziende che insistono sul territorio come Solvay). Innovazione che sappia anche sfruttare gli agenti dell’internazionalizzazione che operano nei contesti privati che caratterizzano le presenze industriali nella Fraschetta.

Al fine di realizzare quanto sopra descritto si dovrebbero articolare tre step (fasi) distinti ma logicamente connessi:

CONOSCERE: la consapevolezza del contesto è cruciale. Chi abita in un territorio? Quali sono i suoi asset (cespiti, patrimoni) materiali e immateriali? Quali sono i bisogni di chi lo abita? Qual è il nostro target? Chi sono i potenziali portatori di interesse pubblici e privati? Azione: acquisizione di informazioni dei principali indicatori socio-economici, individuazione degli interessati (organizzazioni profit e no profit, gruppi informali), profilazione del target, censimento delle buone pratiche collaborative in territori analoghi o simili. In questa fase sarebbe fondamentale il coinvolgimento dell’Università del Piemonte Orientale nel rilevamento e nell’analisi quantitativa e qualitativa dei dati, nonché l’utilizzo di alcune delle informazioni contenute nel Piano Strategico di Alessandria 2018.

INFORMARE: offrire ai cittadini e ai gruppi formali e informali del territorio momenti di condivisione delle informazioni e delle opportunità connesse. Azione: Individuazione degli strumenti online e offline, definizione di una strategia di comunicazione, attività di animazione del territorio, monitoraggio dei risultati.

COINVOLGERE: il dato del coinvolgimento è cruciale. Coinvolgere vuol dire accettare l’altro, costruire le condizioni perché una comunità si auto-riconosca. Definire una governance aperta di una costituenda comunità.

Sono passaggi fondamentali, lo sa bene chi ha vissuto la fase realizzativa del PISU senza avere la possibilità di modificarne premesse e metodo.  

Marengo Hub

Sulla base dei risultati prodotti, delle esperienze sviluppate in altri contesti, anche non troppo dissimili da Alessandria, e recuperando progettualità sviluppate negli scorsi anni, si attiverebbe nel contesto territoriale di riferimento un hub d’innovazione capace di promuovere relazioni e azioni, di spingere attività di natura anche imprenditoriale in grado di dare risposte ai bisogni sociali di riferimento. Uno spazio, anzi un luogo per la contaminazione, la formazione, il dialogo tra i differenti portatori d’interesse (imprese, terzo settore, PA, Università), sede per la nascita di nuovi servizi che incorporino nella loro proposta di valore il binomio digitale – innovazione sociale. Uno spazio ibrido, incubatore, spazio culturale, sfruttando le sinergie con l’adiacente museo napoleonico, che stabilisce la propria vocazione non a priori ma alla luce degli attori singoli o collettivi che lo animano e lo vivono e che costruisce la propria mission su 3 (principali) tipologie di attività:

  • Formazione
  • Lavoro di rete attraverso l’attivazione di connessioni formali e informali
  • Accompagnamento a nuove idee e proposte progettuali

Esempi in tal senso si possono rinvenire in FabriQ, l’incubatore di innovazione sociale promosso dal Comune di Milano, Open Incet, lo spazio di open innovation del Comune di Torino, o il Collaboratorio di Reggio Emilia. Luoghi aperti, inevitabilmente differenti ma nondimeno accomunati da due elementi: la tensione verso lo sviluppo locale e verso nuove modalità di ingaggio e coinvolgimento sul territorio. Luoghi e organizzazioni con cui costruire partnership virtuose anche attraverso il coinvolgimento di player attivi sul territorio nazionale ed internazionali come la Fondazione Brodolini o la rete di Espresso Coworking con cui negli anni è stato costruito un clima di fiducia costruttiva, senza dimenticare il format Abilitando. Esperienze alessandrine e non da far dialogare per il futuro di Alessandria. Anche per evitare gli errori commessi sul PISU.

Un programma di lavoro per molti versi replicabile per i POR FESR, ma su questo punto si attendono aggiornamenti.

Giorgio Abonante (Partito Democratico)

Fabio Camillo (MdP Liberi e Uguali)

Beppe Carniglia (MdP Liberi e Uguali)

M. Rita Rossa (Partito Democratico)

Link rilevanti:

http://www.fabriq.eu/

http://openincet.it/

http://www.fondazionebrodolini.it/

http://www.co-reggioemilia.it/call-collaboratorio-reggio/

28/12/2017 18:43:33
comments powered by Disqus
08.01.2018
Dario Fornaro
Al villan non far sapere.. ... Il Centrodestra alessandrino – in sella da sei mesi a scapito dell’uscente Centrosinistra - sta cominciando a sperimentare sulla sua pelle una sorta di destino meta-politico che colpisce tutte le Amministrazioni in carica, indipendentemente dalle insegne inalberate. Se...
 
02.01.2018
Dario Fornaro
La vicenda recente della Borsalino, con il fallimento – prima temuto, poi dichiarato - di una Società che dal punto di vista industriale e commerciale starebbe, a quanto si dice, decorosamente in piedi, ha destato comprensibili sconcerto e preoccupazione per i prossimi “atti” che il procedimento...
28.12.2017
Giorgio Abonante, Fabio Camillo, Beppe Carniglia, M. Rita Rossa
Giorgio Abonante (Partito Democratico), Fabio Camillo (MdP Liberi e Uguali), Beppe Carniglia (MdP Liberi e Uguali), M. Rita Rossa(Partito Democratico)Ora, due mesi di tempo per concretizzare. L’importanza dei contenuti immateriali del progetto.Dissolti dubbi e battute della campagna elettorale, è arrivata...
 
12.12.2017
IIS "Saluzzo-Plana" . classi 3 AE e 3 BE
Il giorno 29 novembre 2017, le classi III AE e III BE hanno partecipato ad una conferenza-lezione, tenuta dal prof. Egidio Lapenta, sulla storia del Complesso di San Francesco ex-Ospedale Militare. L’attività fa parte del Progetto Leone X, che vede come referenti i professori Simona Guasco...
12.12.2017
Giancarlo Patrucco
Come ha fatto il nostro direttore Pier Luigi Cavalchini passando dal piano locale a quello nazionale, anch’io invertirò le mie priorità, passando dal piano nazionale a quello locale, per altro già perfettamente presidiato da Piero Archenti e Dario Fornaro. Ammetto che ne so poco. Sto lontano dai...
 
05.12.2017
Dario Fornaro
Con la nomina, nei giorni scorsi, dell’ultimo presidente (ultimo in ordine di tempo; forse ultimo e basta), la Fondazione SLALA - tempio dei sogni logistici alessandrini sovrapposto alla consolidata realtà della Valle Scrivia – si appresta ad affrontare la fase ineludibile del redderationem, laicamente...
17.11.2017
Filippo Orlando.
Articolo informativo sulla riunione sulla riunione di presentazione del protocollo d’ intesa con ASL E ARPA Piemonte sul monitoraggio in Fraschetta. Si tratta della prosecuzione di iniziative della precedente Amministrazione che, lodevolmente, la nuova prosegue riconoscendone evidentemente la validità....
 
05.11.2017
Giancarlo Patrucco
In questo giorno Alessandria rammemora la tragedia che si è abbattuta sulla città con lo straripamento del Tanaro. Sempre in prossimità di questo giorno, i media locali riportano le ricorrenti dispute sullo stato delle opere di prevenzione al momento. Dispute e analisi opportune perché nessuno distolga...
31.10.2017
Massimo Brina
Nel mese di ottobre si sono celebrati i congressi dei circoli e delle Unioni Provinciali del Partito Democratico. In tutte le federazioni piemontesi, salvo Alessandria e Biella, si è andati nella direzione della ricerca di una candidatura unitaria per il rinnovo dei segretari provinciali del Partito. Ad...
 
31.10.2017
Redazione
Pubblichiamo la lettera appena diramata dall'attuale minoranza di Centro-Sinistra del Comune di Alessandria; l'argomento è di quelli "tosti" che hanno segnato la vita della città in questi ultimi venticinque anni (... mica "bruscolini"). Vediamo di che si tratta.....Buongiorno Sindaco, buongiorno Presidente, nel...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.