Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
“Catafalchi”: inguardabili e inamovibili
Dario Fornaro

 

Catafalco denomina, in senso proprio, la base di sostegno della  bara, esposta in chiesa o nella civile camera ardente. Normalmente minimale, ormai, ma con importanti trascorsi di luttuosa, barocca scenografia. Di qui, probabilmente, il senso figurato e popolare del termine catafalco per alludere ad un oggetto, ad una “costruzione” ingombrante ed esteticamente inappropriata. Ciò che spiega come alcuni alessandrini (complimenti!) abbiano  battezzato per catafalchi i grandi e vermigli tralicci pubblicitari  collocati ai tre ingressi principali della città. Piantati, incongruamente imposti  all’incolpevole viandante, nelle due rotatorie Tiziano e Forlanini e nelle immediate vicinanze del “rotondone” di Marengo.

Alla pessima installazione iniziale, ai primi manifestoni (3x6) per lo più dedicati ad “eventi comunali”, ha fatto seguito un’occupazione sempre più saltuaria dei tabelloni onde gli stessi hanno spesso offerto - e ovviamente offrono tutt’ora a iosa - la visione di sollecitazioni largamente fuori tempo o, peggio, di stracci di vetusti manifesti variamente pendenti o dilavati a terra a maggior gloria del supporto rugginoso. 

Il dato, a dir poco sconcertante, in un contesto che ribolle costantemente di intenzioni e appelli a rendere la città più decorosa, interessante e attrattiva – vedi turismo e commerci – è che questa modesta, ma non insignificante, questione catafalchi resti a lungo, a Palazzo Rosso, in sospeso sine die. Unica e anzianotta eccezione  il botta-e-risposta intervenuto, sulle pagine del “Piccolo” (6 e 10 gennaio 2015), tra il presidente Ascom, Luigi Boano, e il sindaco dell’epoca Rita Rossa. Riconoscendo ampiamente le ragioni del primo, quanto agli “obbrobri “ nelle rotonde, il sindaco si impegnava, sia pure con qualche cautela, a individuare sollecitamente una soluzione di sgombero.

Bon. Sono giusto passati tre anni da quello scambio di battute e la situazione resta tal quale. Salvo che la vicenda tabelloni è vecchia almeno di un decennio se, come disse la Rossa al giornale, si tratta di “un’eredità dell’ex-assessore Miraglia” (giunta Scagni – ndr).

Sembra ormai chiaro che il Comune sia in difficoltà (altrimenti la questione si sarebbe risolta, si risolverebbe in una settimana) nel senso che i tralicci sono impiantati su terreno pubblico ma appartengono probabilmente ad un terzo, forse garantito da qualche rapporto-capestro che non permette al Comune di intervenire direttamente, salvo contenzioso (o qualcosa del genere). Può succedere, nel gran mare delle decisioni e dei provvedimenti amministrativi; ma perché trincerarsi in un silenzio imbarazzato e contare che alla lunga la gente “ci faccia il callo”?

E dire, tanto per citare a caso, che il Comune in questi anni è riuscito a venire a capo del ben più drammatico problema degli “ecomostri” nei Giardini pubblici: abbattendoli con discreta fermezza.

Si vede che ogni “grana” ha un suo destino: basta aspettarne l’esito per afferrarne l’eventuale, arcano percorso.

 

Dario Fornaro

 

 

07/02/2018 20:55:07
comments powered by Disqus
20.02.2018
Dario Fornaro
Abusiamo del titolo lapidario di Jane Austen, ma, nel seguito di questa nota, mentre per l’orgoglio siamo in linea di significati, per il pregiudizio il discorso si articola un po’ diversamente Necessita cioè di significativi adattamenti alla vicenda della Borsalino degli ultimi decenni, con relativo...
 
20.02.2018
Giancarlo Patrucco
Qualche giorno fa ero in un bar con un amico. Ogni tanto ci ritroviamo lì, un po’ perché è vicino al centro cittadino, un po’ perché ci siamo abituati così. In fondo ci sono tavolini e poltroncine: ci sediamo e chiacchieriamo tra caffè e dolcetti, come si addice a pensionati quali siamo noi. Mentre stiamo...
07.02.2018
Dario Fornaro
Catafalco denomina, in senso proprio, la base di sostegno della bara, esposta in chiesa o nella civile camera ardente. Normalmente minimale, ormai, ma con importanti trascorsi di luttuosa, barocca scenografia. Di qui, probabilmente, il senso figurato e popolare del termine catafalco per alludere ad...
 
21.01.2018
Dario Fornaro
Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per l’alessandrino – città e ampi dintorni – caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici, ma, ad un tempo, l’argomento registra anche un andamento carsico: ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla…...
08.01.2018
Dario Fornaro
Al villan non far sapere.. ... Il Centrodestra alessandrino – in sella da sei mesi a scapito dell’uscente Centrosinistra - sta cominciando a sperimentare sulla sua pelle una sorta di destino meta-politico che colpisce tutte le Amministrazioni in carica, indipendentemente dalle insegne inalberate. Se...
 
02.01.2018
Dario Fornaro
La vicenda recente della Borsalino, con il fallimento – prima temuto, poi dichiarato - di una Società che dal punto di vista industriale e commerciale starebbe, a quanto si dice, decorosamente in piedi, ha destato comprensibili sconcerto e preoccupazione per i prossimi “atti” che il procedimento...
28.12.2017
Giorgio Abonante, Fabio Camillo, Beppe Carniglia, M. Rita Rossa
Giorgio Abonante (Partito Democratico), Fabio Camillo (MdP Liberi e Uguali), Beppe Carniglia (MdP Liberi e Uguali), M. Rita Rossa(Partito Democratico)Ora, due mesi di tempo per concretizzare. L’importanza dei contenuti immateriali del progetto.Dissolti dubbi e battute della campagna elettorale, è arrivata...
 
12.12.2017
IIS "Saluzzo-Plana" . classi 3 AE e 3 BE
Il giorno 29 novembre 2017, le classi III AE e III BE hanno partecipato ad una conferenza-lezione, tenuta dal prof. Egidio Lapenta, sulla storia del Complesso di San Francesco ex-Ospedale Militare. L’attività fa parte del Progetto Leone X, che vede come referenti i professori Simona Guasco...
12.12.2017
Giancarlo Patrucco
Come ha fatto il nostro direttore Pier Luigi Cavalchini passando dal piano locale a quello nazionale, anch’io invertirò le mie priorità, passando dal piano nazionale a quello locale, per altro già perfettamente presidiato da Piero Archenti e Dario Fornaro. Ammetto che ne so poco. Sto lontano dai...
 
05.12.2017
Dario Fornaro
Con la nomina, nei giorni scorsi, dell’ultimo presidente (ultimo in ordine di tempo; forse ultimo e basta), la Fondazione SLALA - tempio dei sogni logistici alessandrini sovrapposto alla consolidata realtà della Valle Scrivia – si appresta ad affrontare la fase ineludibile del redderationem, laicamente...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"La riunione del Comitato di...
Le 23 organizzazioni promotrici dell’appello “Mai più fascismi” hanno indetto la manifestazione nazionale...
lunedì 26 febbraio ore 17,30 – 19,00 presso Associazione Cultura e Sviluppo piazza Fabrizio De André,...
22 febbraio a partire dalle ore 21 presso la Taglieria del pelo (via Wagner, 38) ad Alessandria. serata...
Martedì 27 febbraio 2018 alle ore 17.30 Palazzo Comunale – Sala Consiglio, Alessandria, Piazza Libertà...
SETTIMANA DAL 20 al 27 febbraioMercoledì 21 febbraio ore 17.30ALESSANDRIA Casa di quartiere via Verona...
Sabato 24 febbraio alle 17.00 alla Taglieria del Pelo di Alessandria, si terrà l'assemblea pubblica convocata...
Venerdì 23 febbraio 2018, ore 21.00 Presso l’Associazione Culturale Sin.tonia Piazza D’Annunzio 1 Alessandria incontro...
La precarietà non è solo più una condizione lavorativa, ma si è trasformata nel presente in cui viviamo;...
Venerdì 23 Febbraio alle ore 19,presso l'Isola ritrovata via Santa Maria di Castello aperitivo conviviale...
sabato 17 marzo 2018 Italia Nostra Sezione Alessandria organizza gita a Milano, per la visita alla...
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
L’Associazione BlogAL con il contributo della Fondazione SociAL, in collaborazione con La Compagnia Gli...
Il due volte Premio Oscar ”Manchester by the sea” mercoledì 21 ...
Programma Proiezioni Dal 23 al 27 Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Martedì 20 Febbraio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.