Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
Geoingegneria e cambiamento climatico
Mauro Giani
(riceviamo e pubblichiamo)

(Possedere il clima entro il 2025)


         I primi esperimenti di manipolazione climatica risalgono agli inizi del 900 con tecniche artificiali semplici come l’irrorazione delle nubi in modo tale che esse potessero generare pioggia oppure dissolversi lasciando spazio al sole.

         Tecniche poco influenti a livello globale ma molto nocive ed inquinanti per la biosfera, in quanto, per far sì che tali azioni siano efficaci, bisogna impiegare elementi metallici elettroconduttivi come Alluminio, Bario, Stronzio, Quarzo, etc…, tutti dannosi per la vita.

         A distanza di anni però qualcosa è cambiato, la tecnologia si è rivoluzionata e le sostanze impiegate nonché lo scopo, vengono finanziate per far in modo che non sia più una semplice operazione autoctona o di piccola area ma, si sono resi conto che la manipolazione può essere efficace se effettuata a livello globale.

          Esiste infatti dal 1992 un progetto del Dipartimento della Difesa Statunitense, coordinato dalla Marina e dall’Aviazione, denominato HAARP (High-Frequency Active Auroral Research Program). E’ il cuore vero e proprio del più vasto – e ben più noto – programma di “Guerre Stellari”, avviato nei primi anni Ottanta sotto le amministrazioni Reagan-Bush, che ora sta accelerando la sua corsa drogato da una spesa militare mai vista in precedenza, giustificata dal solito bipensiero orwelliano: “La guerra è pace”.

La base principale di HAARP occupa un’estesa area a Gakona, in Alaska, sul cui terreno è installata una serie di 180 piloni d’alluminio alti 23 metri, su ognuno dei quali si trovano una coppia di antenne per la banda bassa ed una per la banda alta, in grado di trasmettere onde ad alta frequenza fino ad una distanza di 350 km. Queste onde sarebbero indirizzabili verso zone strategiche del pianeta, sia terrestri che atmosferiche.

         La tecnologia renderà disponibile, ai leader delle principali nazioni, tecniche per condurre operazioni di guerra segrete, che richiederanno l’impiego di un esiguo numero di forze di sicurezza […] Tecniche di modificazione climatica potranno essere impiegate per produrre prolungati periodi di siccità o tempesta”. Risalgono infatti a quei tempi, seppur in forma rudimentale, i primi studi relativi alla guerra climatica, come il Progetto Popeye per estendere la stagione dei monsoni in Vietnam.

Il documento più interessante è lo studio redatto da sette ufficiali dell’esercito Usa nell’Agosto del 1996, intitolato: ” Il clima come moltiplicatore di potenza: averne il controllo nel 2025″, nato da una direttiva del Comandante delle forze aeree statunitensi, tesa a stimolare un dibattito intellettuale tra i membri dell’esercito, in cui si afferma: “Nel 2025 le forze aereospaziali Usa potranno avere il controllo del clima se avranno capitalizzato le nuove tecnologie sviluppandole nella chiave delle applicazioni di guerra. […].

Ed è proprio dalla fine degli anni novanta quando, per la prima volta veniva diffusa l’idea del “Global Warming” o cambiamento climatico causato dall’uomo.

Fu proprio l’avvallo delle Nazioni Unite che diete la possibilità di diffondere una notizia falsa per far sì che gli Stati Uniti potessero effettuare esperimenti di manipolazione climatica a scopo militare, causando quello che oggi possiamo constatare con i nostri occhi: inondazioni, siccità, distruzione di raccolti, inacidimento dei mari e degli oceani (non dimentichiamo che l’alluminio provoca inacidimento delle acque), moria delle api, distruzione totale di ecosistemi terrestri nonché aumento di patologie neurodegenerative nella popolazione sottoposta ad irrorazione come l’Elzeihmer.

Il 14 gennaio del 1998 l’Unione Europea, attraverso la risoluzione n. B4-0551/95 si espresse contraria alle sperimentazioni di geoingegneria o h.a.a.r.p. e, precisamente all’articolo 11 ha affermato: considera il sistema militare USA di manipolazione ionosferica, HAARP, con base in Alaska - che è solo una parte dello sviluppo e dell'impiego di armi elettromagnetiche ai fini della sicurezza sia interna che esterna - un esempio della più grave minaccia militare emergente per l'ambiente globale e la salute umana, dato che esso cerca di manipolare a scopi militari la sezione della biosfera altamente sensibile ed energetica, mentre tutte le sue conseguenze non sono chiare; invita inoltre la Commissione, il Consiglio e gli Stati membri ad esercitare pressioni sui governi degli Stati Uniti, della Russia e di qualsiasi altro Stato impegnati in tali attività affinché vi pongano fine e si giunga ad una convenzione globale contro questo tipo di armi; sulla base anche della Convenzione Internazionale dell’ONU, meglio nota anche come  ENMOD, è il trattato internazionale che proibisce l’uso militare ed ogni altro utilizzo ostile delle tecniche di modifiche ambientali. La Convenzione è stata aperta alla firma il 18 maggio 1977 a Ginevra ed è entrata in vigore il 5 ottobre 1978.

I governi di tutto il mondo, grazie alle pressioni USA, hanno nascosto per anni tale progetto criminale, creando anche una vera e propria rete di disinformazioni e far sì che i popoli del mondo potessero credere alla bufala del cambiamento climatico causato dall’innalzamento del livello di anidride carbonica nell’atmosfera.

E’ vera l’affermazione di molti verdi europei ed italiani, siamo al punto di non ritorno ma, è vero anche che se i popoli potessero far sentire la propria voce ai politici, certe azioni che oggi si possono considerare veri e propri “crimini contro l’umanità”, forse una speranza per la nostra terra e la vita può ancora essere alimentata ed essa può ancora giocare con i destini del mondo.

 

 

11/07/2017 22:27:18
comments powered by Disqus
16.09.2017
" Fattorie Aperte"
I Verdi savonesi vogliono portare nuovamente all’attenzione di tutti l’importante progetto di centrale fotovoltaica, proposto quasi dieci anni fa dal Prof. Gianpiero Suetta del Solar Technology Group di Savona. Impianto collocabile a Finale Ligure nell’area dell’ex-cava Arene Candide, sul promontorio...
 
08.09.2017
Giorgio Abonante
Una proposta che rilanciamo anche se alcune cosette (...i contatti con il COCIV, i contatti con associazioni ambientaliste, locali e agricole...) andrebbero riprese in considerazione. Comunque una buona base di partenza....Come favorire la vivibilità dei nostri fiumi...Il progetto, oggi giacente al CIPE...
08.09.2017
Elvio Bombonato
Sperando che la solita cortina di silenzio non copra l’evento, mi sembra opportuno riportare la sottostante comunicazione dell’on. Fabio Lavagno, deputato del PD, che ha presentato un’interpellanza parlamentare al Ministero dell’Ambiente. L’on. Lavagno ricorda che l’incendio di ieri (doloso? chissà)...
 
30.08.2017
Oscar Brunasso
Il nuovo Mantra di ARPA Piemonte: i livelli riscontrati sono estremamente bassi e non determinano alcun significativo rischio per la popolazioneCosì recitano i ricorrenti comunicati ARPA Piemonte ogni qualvolta giungono notizie di emissioni o contaminazioni dall'impianto di incenerimento rifiuti TRM...
27.08.2017
Elvio Bombonato
L'azione dell'AFeVA (Associazione Familiari Vittime dell'Amianto) di Casale M., che svolge da anni un ruolo fondamentale per combattere l'uso dell'amianto in tutto il mondo, ha contribuito al successo dell'iniziativa della "sorella" ABREA brasiliana, presieduta da Fernanda Giannasi. Nei giorni scorsi...
 
26.08.2017
Pier Carlo Lava
“Far morire delle giovani piante già sofferenti per mancanza d’acqua e sopratutto per vandalismo è un delitto contro la natura”. Quando è stata costruita la nuova clinica Città di Alessandria è stata realizzata anche una strada di accesso laterale che conduce al parcheggio interno delle auto e che...
22.08.2017
Piero Mandarino
Brutta storia questa degli incendi boschivi, specie se a farne le spese è una delle aree protette della zona. Resta il dubbio sull' "innesco" del focolaio di incendio che, si spera, non sia di origine dolosa. Sarebbe un ulteriore sfregio a ciò che di più bello abbiamo nel nostro territorio alessandrino....
 
19.08.2017
Martino Danielli
La nuova legge sui parchi affonda quello che resta di un patrimonio che invece mai come ora andrebbe salvaguardato. E si apre la strada ancora di più agli interessi privati. Ancora una decisione in nome e per conto di pochi. .......​ Di fronte a un aumento galoppante dell’effetto serra, alla minaccia...
01.08.2017
Mario Salomone
Ben volentieri pubblichiamo l'intervento del prof. Mario Salomone, presidente uscente di FIMA, all'indomani della costituzione dei nuovi organismi dirigenti (dettagli su http://fimaonline.it )...Care socie e cari soci,è passato oramai qualche anno dal 24 aprile 2013, quando al Festival internazionale...
 
31.07.2017
Maurizio Blondet (*)
.Pieni di alta coscienza ambientale, di sicuro siete già molto preoccupati di quanto inquinano gli automezzi a combustione interna, specie Diesel. Presto vi faranno allarmare sempre più, grazie ad appositi servizi mediatici. Ma ecco la soluzione: come a segnale convenuto, Volvo annuncia che produrrà...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.