Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
Conferme e nuovi impegni per la FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali)
Mario Salomone

Ben volentieri pubblichiamo l'intervento del prof. Mario Salomone, presidente uscente di FIMA, all'indomani della costituzione dei nuovi organismi dirigenti  (dettagli su  http://fimaonline.it )

...
Care socie e cari soci,

è passato oramai qualche anno dal 24 aprile 2013, quando al Festival internazionale di giornalismo a Perugia fondammo ufficialmente la Federazione Italiana Media Ambientali, con un Comitato direttivo provvisorio, dopo l’appello ai media verso Rio+20 dell’anno precedente e un incontro preliminare a Rimini, presso Ecomondo.

Il percorso fondativo vide poi il 7 novembre 2013, nella assemblea nazionale convocata ancora a Rimini, l’elezione dell’Ufficio di presidenza ora uscente, del presidente e del segretario generale.

Un bilancio e alcuni ringraziamenti

Oltre quattro anni di attività, insomma, sono un tempo giusto per fare un bilancio. Quello economico è presto detto: il totale complessivo di oltre tre anni non arriva a 10mila euro tra quote soci e donazioni, e ciononostante non presenta debiti. Quello delle attività, invece, è molto più ricco e questo soltanto grazie all’impegno volontario e gratuito di quanti ci hanno aiutato e hanno donato alla Federazione la loro passione, le loro competenze, le loro strutture e il loro tempo per assicurare le funzioni di base. I soci, innanzitutto, negli anni complessivamente più di trecento, tra persone singole e testate, che ci hanno dato fiducia con la loro adesione e che spesso si sono messi al servizio delle iniziative che abbiamo organizzato in diverse città d’Italia, dagli eventi di formazione alla presenza durante la Marcia per il clima di Roma nel dicembre 2015, fino alle presentazioni e ai convegni durante il Salone del libro di Torino 2016 e al seminario nazionale con SNPA e ARPA a Bologna, per citarne soltanto alcuni.

Voglio ringraziare al termine di questo triennio in particolare le due tesoriere (prima Ilaria Romano e poi Eliana Rapisarda), Alessandro Tibaldeschi e la sua squadra che hanno curato l’ufficio stampa nonché David De Angelis che ha creato il logo dell’associazione, i componenti del primo Comitato che ha curato la fase di avviamento della FIMA, tutti i membri dell’Ufficio di Presidenza uscente e gli autorevoli membri del Comitato scientifico che alla Federazione hanno dedicato energie e hanno presidiato tematiche specifiche, nonché le organizzazioni che hanno sostenuto la FIMA dando idee, sollecitando patrocini, partecipando alle nostre iniziative, offrendo spazi e opportunità, anche risorse economiche come nel caso di Aboca, nostra fedele azienda associata.

Molti altri ci piacerebbe citare ma l’elenco diventerebbe troppo lungo, aggiungiamo soltanto un ultimo grazie speciale, a nome dell’intera FIMA, a Marco Fratoddi: senza di lui, eccezionale Segretario generale della Federazione, senza il suo entusiasmo, la sua generosità, la sua umanità, la sua professionalità, il suo infaticabile lavoro, la sua dedizione alla FIMA, la sua capacità di tessere reti, nulla di quanto è stato fatto, compreso questo momento di confronto on-line che ora si conclude, sarebbe stato possibile.

Termino dunque il mio mandato di presidente con la soddisfazione di aver superato la difficile fase di avvio di quella grande sfida che è la FIMA grazie al contributo collettivo di una bella squadra.

Elementi di preoccupazione

Non possiamo però nasconderci che abbiamo dovuto destinare parte dell’attività della FIMA non solo, come avremmo preferito, a far progredire la qualità e la diffusione della comunicazione ambientale in Italia (ruolo in cui comunque la FIMA si è distinta e che è la sua primaria ragion d’essere), ma a denunciare disinformazione, errori scientifici, attacchi alla libertà di informazione, ridimensionamento degli spazi dati ai temi ambientali da parte di alcuni media. Durante il nostro mandato, ad esempio, abbiamo assistito alla chiusura di una storica testata RAI come Ambiente Italia e di una nuova trasmissione che stava conquistando un suo importante spazio, come Scala Mercalli.

Questo in un quadro in movimento, di crisi di molti organi di stampa e di problemi occupazionali, in cui alla disattenzione verso l’ambiente, con le sue emergenze ma anche con le sue opportunità di innovazione e sviluppo sostenibile, da parte dei media “main stream”, cercano di sopperire molte testate su carta e online (in gran parte aderenti a FIMA) e il fiorire di “social media”, medaglia a due facce.

Prospettive

Viviamo in una “società del rischio” che è tutto legato, nelle sue cause o per la crescente vulnerabilità di vite e cose, a fattori tecnologici e al tipo di sviluppo che contraddistingue iil periodo dell’Antropocene, come lo ha definito ormai quasi vent’anni fa il Nobel per la chimica Paul Crutzen. Inquinamento atmosferico, acustico e luminoso, ciclo dell’acqua, dissesto idrogeologico, terremoti, frane, valanghe, alluvioni, incidenti industriali, cibo adulterato e/o sprecato, lavorazioni nocive, stili di vita sbagliati, ma anche ingiustizie sociali o biblici esodi di massa di popoli in fuga dalla fame e dalle guerre ci dicono che dobbiamo imparare ad abitare con più saggezza la Terra.

L’informazione ambientale, in questa sfida, ha un ruolo fondamentale: è presupposto di cittadinanza, aiuta nelle scelte, mette in guardia dai pericoli, valorizza soluzioni, indica strade migliori vero un futuro vivibile e sostenibile.

La FIMA ha messo un piccolo seme. Ora però bisogna guardare avanti, conquistare altri pezzi nel mondo dei media di diverso genere, dialogare con tutte le parti sociali, lavorare fianco a fianco con tutti, dalle istituzioni alla società civile.

A chi assume ora la responsabilità di FIMA (frutto, tra l’altro, di una partecipazione al voto raddoppiata rispetto alla volta precedente, altro elemento di soddisfazione e positivo segnale di rafforzamento della Federazione) il mio augurio di farcela, nel solco di quanto realizzato finora. Credo, infatti, nel mix tra continuità e avvicendamento e pertanto come sapete non ho ripresentato la mia candidatura per il triennio 2017-2019.

Non finisce qui però il mio impegno per le ragioni della FIMA, di cui sono onorato di essere stato il primo presidente, a sostegno della cultura e dell’informazione ambientale in un paese che ne ha tanto, tanto bisogno.

A Roberto Giovannini, che mi succede nel delicato incarico di Presidente, a Marco Fratoddi che rimette a disposizione di FIMA la sua esperienza e le sue capacità come confermato Segretario generale, ai membri confermati dell’Ufficio di presidenza uscente, custodi della memoria di quanto è stato fatto, ai nuovi che entrano a portare nuova linfa alla Federazione le mie congratulazioni più affettuose e i miei auguri di buon lavoro.

Un caro saluto a tutte e tutti

Mario Salomone

01/08/2017 12:59:53
comments powered by Disqus
11.10.2017
Pier Luigi Cavalchini
Ha avuto ragione l’ingegnere Marco Neri nella sua replica finale a ricordare che “siamo già ad un ottimo livello di sicurezza idraulica in caso di alluvioni” e che i provvedimenti presi dalla città di Alessandria vengono presi a modello come “migliore scelta possibile”.Questo, sia ben chiaro, pur nelle...
 
07.10.2017
Gian Domenico Zucca
Chi scrive si è laureato in Scienze Geologiche presso l’università di Genova nel marzo del lontano 1971, ed ha sentito parlare del disastro del 13 agosto 1935 della diga di Molare nella media valle dell’Orba direttamente dal capo dell’Istituto di Geologia, professor Sergio Conti, titolare del corso...
02.10.2017
Gian Domenico Zucca
Chi scrive si è laureato in Scienze Geologiche presso l’università di Genova nel marzo del lontano 1971, ed ha sentito parlare del disastro del 13 agosto 1935 della diga di Molare nella media valle dell’Orba direttamente dal capo dell’Istituto di Geologia, professor Sergio Conti, titolare del corso...
 
22.09.2017
Associazione "Gabbie vuote"
..... eper promuovere un governo corrispondenteil resto viene da sè perchè tutti mirano a soddisfare i bisogni umaniIniziamo questa lettera aperta con le parole appena pronunciate (settembre 2017) dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni davanti agli studenti del nuovo polo scolastico di Cernusco...
16.09.2017
" Fattorie Aperte"
I Verdi savonesi vogliono portare nuovamente all’attenzione di tutti l’importante progetto di centrale fotovoltaica, proposto quasi dieci anni fa dal Prof. Gianpiero Suetta del Solar Technology Group di Savona. Impianto collocabile a Finale Ligure nell’area dell’ex-cava Arene Candide, sul promontorio...
 
08.09.2017
Giorgio Abonante
Una proposta che rilanciamo anche se alcune cosette (...i contatti con il COCIV, i contatti con associazioni ambientaliste, locali e agricole...) andrebbero riprese in considerazione. Comunque una buona base di partenza....Come favorire la vivibilità dei nostri fiumi...Il progetto, oggi giacente al CIPE...
08.09.2017
Elvio Bombonato
Sperando che la solita cortina di silenzio non copra l’evento, mi sembra opportuno riportare la sottostante comunicazione dell’on. Fabio Lavagno, deputato del PD, che ha presentato un’interpellanza parlamentare al Ministero dell’Ambiente. L’on. Lavagno ricorda che l’incendio di ieri (doloso? chissà)...
 
30.08.2017
Oscar Brunasso
Il nuovo Mantra di ARPA Piemonte: i livelli riscontrati sono estremamente bassi e non determinano alcun significativo rischio per la popolazioneCosì recitano i ricorrenti comunicati ARPA Piemonte ogni qualvolta giungono notizie di emissioni o contaminazioni dall'impianto di incenerimento rifiuti TRM...
27.08.2017
Elvio Bombonato
L'azione dell'AFeVA (Associazione Familiari Vittime dell'Amianto) di Casale M., che svolge da anni un ruolo fondamentale per combattere l'uso dell'amianto in tutto il mondo, ha contribuito al successo dell'iniziativa della "sorella" ABREA brasiliana, presieduta da Fernanda Giannasi. Nei giorni scorsi...
 
26.08.2017
Pier Carlo Lava
“Far morire delle giovani piante già sofferenti per mancanza d’acqua e sopratutto per vandalismo è un delitto contro la natura”. Quando è stata costruita la nuova clinica Città di Alessandria è stata realizzata anche una strada di accesso laterale che conduce al parcheggio interno delle auto e che...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
sabato 21 ottobre alle ore 11.00, presso la sede della Croce Verde di Alessandria si svolgerà la cerimonia...
Segnaliamo un articolo di Giancarlo Bertocco dell'Università degli Studi dell’Insubria e pubblicato...
Prossimo appuntamento: Sabato 21 ottobre dalle 15.00 alle 19.00 presso il Centro culturale “Cultura...
Riceviamo e pubblichiamo i comunicati stampa del MDP relativi all'elezione dei Coordinatori per le provincie...
Sabato 21 ottobre 2017 alle ore 17 presso il Museo Etnografico Gambarina verrà presentato il video...
sabato 21 ottobre 2017 alle ore 10,00 presso l’Auditorium del MarengoMuseum di Spinetta Marengo Sono...
sabato 21 ottobre 2017 – San Fratello (ME) Sarà dedicato alla riscoperta della presenza degli Aleramici giunti...
Sabato 11 Novembre inizia la Nuova Stagione Musicale di "Macallè Reloaded - Movie Blues" al Cinema Macallè Tony...
lunedì 23 ottobre dalle 17 alle 20 alla Casa dell'ambiente Corso Moncalieri 18, 10131 Torino si terrà...
Giovedì 5 ottobre 2017 alle ore 16 nella sede del Consiglio regionale (via Alfieri 15 a Torino) apre...
Ha preso il via, per l'anno scolastico 2017-'18, la 34° edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei....
Nasce Massa Critica, una piattaforma per informare e attivare le persone ai temi fondamentali del presente...
Vinci l'abbonamento al Teatro Sociale Sai scrivere racconti o poesie? Ti piace disegnare o realizzare...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.