Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
Conferme e nuovi impegni per la FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali)
Mario Salomone

Ben volentieri pubblichiamo l'intervento del prof. Mario Salomone, presidente uscente di FIMA, all'indomani della costituzione dei nuovi organismi dirigenti  (dettagli su  http://fimaonline.it )

...
Care socie e cari soci,

è passato oramai qualche anno dal 24 aprile 2013, quando al Festival internazionale di giornalismo a Perugia fondammo ufficialmente la Federazione Italiana Media Ambientali, con un Comitato direttivo provvisorio, dopo l’appello ai media verso Rio+20 dell’anno precedente e un incontro preliminare a Rimini, presso Ecomondo.

Il percorso fondativo vide poi il 7 novembre 2013, nella assemblea nazionale convocata ancora a Rimini, l’elezione dell’Ufficio di presidenza ora uscente, del presidente e del segretario generale.

Un bilancio e alcuni ringraziamenti

Oltre quattro anni di attività, insomma, sono un tempo giusto per fare un bilancio. Quello economico è presto detto: il totale complessivo di oltre tre anni non arriva a 10mila euro tra quote soci e donazioni, e ciononostante non presenta debiti. Quello delle attività, invece, è molto più ricco e questo soltanto grazie all’impegno volontario e gratuito di quanti ci hanno aiutato e hanno donato alla Federazione la loro passione, le loro competenze, le loro strutture e il loro tempo per assicurare le funzioni di base. I soci, innanzitutto, negli anni complessivamente più di trecento, tra persone singole e testate, che ci hanno dato fiducia con la loro adesione e che spesso si sono messi al servizio delle iniziative che abbiamo organizzato in diverse città d’Italia, dagli eventi di formazione alla presenza durante la Marcia per il clima di Roma nel dicembre 2015, fino alle presentazioni e ai convegni durante il Salone del libro di Torino 2016 e al seminario nazionale con SNPA e ARPA a Bologna, per citarne soltanto alcuni.

Voglio ringraziare al termine di questo triennio in particolare le due tesoriere (prima Ilaria Romano e poi Eliana Rapisarda), Alessandro Tibaldeschi e la sua squadra che hanno curato l’ufficio stampa nonché David De Angelis che ha creato il logo dell’associazione, i componenti del primo Comitato che ha curato la fase di avviamento della FIMA, tutti i membri dell’Ufficio di Presidenza uscente e gli autorevoli membri del Comitato scientifico che alla Federazione hanno dedicato energie e hanno presidiato tematiche specifiche, nonché le organizzazioni che hanno sostenuto la FIMA dando idee, sollecitando patrocini, partecipando alle nostre iniziative, offrendo spazi e opportunità, anche risorse economiche come nel caso di Aboca, nostra fedele azienda associata.

Molti altri ci piacerebbe citare ma l’elenco diventerebbe troppo lungo, aggiungiamo soltanto un ultimo grazie speciale, a nome dell’intera FIMA, a Marco Fratoddi: senza di lui, eccezionale Segretario generale della Federazione, senza il suo entusiasmo, la sua generosità, la sua umanità, la sua professionalità, il suo infaticabile lavoro, la sua dedizione alla FIMA, la sua capacità di tessere reti, nulla di quanto è stato fatto, compreso questo momento di confronto on-line che ora si conclude, sarebbe stato possibile.

Termino dunque il mio mandato di presidente con la soddisfazione di aver superato la difficile fase di avvio di quella grande sfida che è la FIMA grazie al contributo collettivo di una bella squadra.

Elementi di preoccupazione

Non possiamo però nasconderci che abbiamo dovuto destinare parte dell’attività della FIMA non solo, come avremmo preferito, a far progredire la qualità e la diffusione della comunicazione ambientale in Italia (ruolo in cui comunque la FIMA si è distinta e che è la sua primaria ragion d’essere), ma a denunciare disinformazione, errori scientifici, attacchi alla libertà di informazione, ridimensionamento degli spazi dati ai temi ambientali da parte di alcuni media. Durante il nostro mandato, ad esempio, abbiamo assistito alla chiusura di una storica testata RAI come Ambiente Italia e di una nuova trasmissione che stava conquistando un suo importante spazio, come Scala Mercalli.

Questo in un quadro in movimento, di crisi di molti organi di stampa e di problemi occupazionali, in cui alla disattenzione verso l’ambiente, con le sue emergenze ma anche con le sue opportunità di innovazione e sviluppo sostenibile, da parte dei media “main stream”, cercano di sopperire molte testate su carta e online (in gran parte aderenti a FIMA) e il fiorire di “social media”, medaglia a due facce.

Prospettive

Viviamo in una “società del rischio” che è tutto legato, nelle sue cause o per la crescente vulnerabilità di vite e cose, a fattori tecnologici e al tipo di sviluppo che contraddistingue iil periodo dell’Antropocene, come lo ha definito ormai quasi vent’anni fa il Nobel per la chimica Paul Crutzen. Inquinamento atmosferico, acustico e luminoso, ciclo dell’acqua, dissesto idrogeologico, terremoti, frane, valanghe, alluvioni, incidenti industriali, cibo adulterato e/o sprecato, lavorazioni nocive, stili di vita sbagliati, ma anche ingiustizie sociali o biblici esodi di massa di popoli in fuga dalla fame e dalle guerre ci dicono che dobbiamo imparare ad abitare con più saggezza la Terra.

L’informazione ambientale, in questa sfida, ha un ruolo fondamentale: è presupposto di cittadinanza, aiuta nelle scelte, mette in guardia dai pericoli, valorizza soluzioni, indica strade migliori vero un futuro vivibile e sostenibile.

La FIMA ha messo un piccolo seme. Ora però bisogna guardare avanti, conquistare altri pezzi nel mondo dei media di diverso genere, dialogare con tutte le parti sociali, lavorare fianco a fianco con tutti, dalle istituzioni alla società civile.

A chi assume ora la responsabilità di FIMA (frutto, tra l’altro, di una partecipazione al voto raddoppiata rispetto alla volta precedente, altro elemento di soddisfazione e positivo segnale di rafforzamento della Federazione) il mio augurio di farcela, nel solco di quanto realizzato finora. Credo, infatti, nel mix tra continuità e avvicendamento e pertanto come sapete non ho ripresentato la mia candidatura per il triennio 2017-2019.

Non finisce qui però il mio impegno per le ragioni della FIMA, di cui sono onorato di essere stato il primo presidente, a sostegno della cultura e dell’informazione ambientale in un paese che ne ha tanto, tanto bisogno.

A Roberto Giovannini, che mi succede nel delicato incarico di Presidente, a Marco Fratoddi che rimette a disposizione di FIMA la sua esperienza e le sue capacità come confermato Segretario generale, ai membri confermati dell’Ufficio di presidenza uscente, custodi della memoria di quanto è stato fatto, ai nuovi che entrano a portare nuova linfa alla Federazione le mie congratulazioni più affettuose e i miei auguri di buon lavoro.

Un caro saluto a tutte e tutti

Mario Salomone

01/08/2017 12:59:53
comments powered by Disqus
01.08.2017
Mario Salomone
Ben volentieri pubblichiamo l'intervento del prof. Mario Salomone, presidente uscente di FIMA, all'indomani della costituzione dei nuovi organismi dirigenti (dettagli su http://fimaonline.it )...Care socie e cari soci,è passato oramai qualche anno dal 24 aprile 2013, quando al Festival internazionale...
 
31.07.2017
Maurizio Blondet (*)
.Pieni di alta coscienza ambientale, di sicuro siete già molto preoccupati di quanto inquinano gli automezzi a combustione interna, specie Diesel. Presto vi faranno allarmare sempre più, grazie ad appositi servizi mediatici. Ma ecco la soluzione: come a segnale convenuto, Volvo annuncia che produrrà...
29.07.2017
Renzo Penna
Il concetto di “beni comuni” in economia indica quei beni, quali le risorse naturali esauribili (l’acqua, la fauna, la flora,…) dal cui sfruttamento nessuno può essere escluso. Per questo il problema dei beni comuni era, in origine, quello di stabilire delle regole che permettessero l’uso universale...
 
29.07.2017
Elvio Bombonato
L’AFeVA (Associazione Familiari Vittime dell’Amianto) di Casale, capofila mondiale della lotta contro l’amianto, ha trasmesso un comunicato di Fernanda Giannasi dell'ABREA (Associazione Familiari Vittime Amianto brasiliana), che qui riassumo. ... L’ABREA intende includere nella propria “class action”...
11.07.2017
Mauro Giani
(riceviamo e pubblichiamo)(Possedere il clima entro il 2025) I primi esperimenti di manipolazione climatica risalgono agli inizi del 900 con tecniche artificiali semplici come l’irrorazione delle nubi in modo tale che esse potessero generare pioggia oppure dissolversi lasciando spazio al...
 
19.06.2017
Pier Luigi Cavalchini
La Giunta Comunale su proposta dell’Assessorato Ambiente e Salute ha approvato un importante Protocollo d’Intesa (1) con ASL AL e ARPA PIEMONTE. Si tratta di una sinergia operativa tra l’ASL AL attraverso il Coordinamento del Piano Locale di Prevenzione (Coordinamento PLP ASL AL - Funzioni Aziendali...
15.06.2017
Aydin (*)
Ecco come entro pochi anni i tedeschi potranno farci concorrenza anche nella produzione degli ortaggi Aquisgrana. La Germania si appresta a fare concorrenza all’Italia nella produzione massiccia di ortaggi. Il piano che si sta approntando proprio in questi giorni prevede la realizzazione di colture...
 
01.06.2017
Edo Ronchi
La transizione ecologica è per Macron “prioritaria” per affrontare le sfide della nostra epoca a partire da quella climatica, perché coinvolge “tutti gli aspetti della vita economica e sociale”: una transizione innanzitutto “economica ed energetica”, in altri termini una transizione verso una green economy....
16.05.2017
Tommaso Manzillo
Si è svolta nel pomeriggio di domenica 14 maggio in San Foca, marina di Melendugno, una manifestazione pacifica e di protesta contro la realizzazione del gasdotto T.A.P. Al termine, ha preso la parola il dott. G. Serravezza, oncologo salentino, dopo aver sospeso lo sciopero della sete che durava oramai...
 
13.05.2017
Patrizia Gioia
Piange ciò che ha fine e ricomincia. Ciò che era area erbosa aperto spazio e si fa cortile / bianco come cera. Piange ciò che muta / anche per farsi migliore. La luce del futuro non cessa un solo istante di ferirci. ( Pier Paolo Pasolini /il pianto della scavatrice) ... Torno sempre da Roma...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Giunti alla quarantunesima edizione, la Festa dell’Unità di Fubine, quest'anno nel circuito provinciale,...
il 26 Agosto a Viguzzolo e Cerreto di Zerba due momenti di raccoglimento e ricordo dei Partigiani: CHICCHIRICHI...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
A partire da sabato 19 fino al 26 agosto avranno luogo i festeggiamenti per la festa patronale di Volpedo. Programma:...
Sostegno alle manifestazioni regionali, nazionali e internazionali e promozione sportiva a favore di...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
sabato 26 agosto, alle ore 20.30 presso l’ex cava in località Brusa Vecchia, a Isola Sant’Antonio (AL). STORIE...
APERTURA PERIODO ESTIVO DEL MUSEO ETNOGRAFICO “C’ERA UNA VOLTA”.ORARIO ESTIVO (dal 25 Luglio al 1 Settembre)...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.