Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
S'i fosse fuoco
Dario Fornaro

Salendo lentamente, ma inesorabilmente, da Sud a Nord del paese – e persistendo oltre misura la siccità che ha stremato in ogni dove terreni agricoli e aree boscate – l’ondata degli incendi “casuali” ha raggiunto, in ottobre, anche il Piemonte ( e Lombardia) con le varie, lussureggianti vallate subalpine.

Le cronache locali e le immagini “dal vivo” ci hanno rimandato fiamme ruggenti, nuvole di fumo e distese di monconi d’albero anneriti, in vastità e sequenze inaudite. Ci hanno documentato altresì i pericoli per le zone abitate e la mobilitazione dei soccorsi che  rendevano memorabili le operazioni di terra e dal cielo.

 Sgomento, ira, conta dei danni, apprezzamento degli interventi, pur con qualche accenno di recriminazioni, hanno caratterizzato i commenti, inframmezzati dalle voci preoccupate delle Cassandre meteo-ambientali. Ma sulle cause, prossime e remote, del dilagante fenomeno incendiario, la lingua si è inceppata e il pensiero si è arenato sulle secche del prevalente “fatto doloso”, ascrivibile alla non meglio precisata categoria dei “piromani” in fase di oscura, ma evidente moltiplicazione.

Di incendio doloso, come pure di generica piromania, si parla da tempo (a calare fino a zero, o quasi, è per fortuna il ricorso alla fantomatica autocombustione), ma la dimensione e la ripetitività, in crescita, del fenomeno inducevano a sospettare un retroterra motivazionale più complesso  o comunque difficilmente afferrabile.

La “tradizionale” azione dolosa trovava infatti una solida “giustificazione” in una qualche “utilità” perversa, ma  a suo modo comprensibile: una prossima gettata di erba fresca e rigogliosa per la pastorizia e, soprattutto la predisposizione di nuove, traverse opportunità di sfruttamento del suolo depauperato per l’edilizia strisciante e le opere connesse. Il fatto però che né l’habitat delle greggi né l’appetibilità edificatoria fossero palesemente estensibili a tutti i territori ora devastati (in effetti solo a poche zone effettivamente praticabili)  stanno costringendo esperti e commentatori a riposizionarsi, seppure a disagio, su una insospettabile varietà/novità/gravità delle pulsioni distruttive individuali.

Ben rappresentate, volendo, dai famosi versi “giocosi” di Cecco Angiolieri : S’i’ fosse fuoco, arderei ‘l mondo / s’i’ fosse vento, lo tampestarei / s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei / ..etc.  fino alle  donne giovani e leggiadre, peraltro non comprese nelle ire funeste del poeta dugentesco.

Scemata per fortuna, con i primi di novembre e l’annuncio di pioggia risanatrice, la panoramica degli incendi e la pressione degli interventi d’emergenza, i discorsi sparsi sulle cause del  frammentato disastro si stanno facendo - se non è un’impressione e a parte la grande, indiscutibile concausa  del suolo inaridito - più flebili o incerti, già sull’aspetto della “molteplicità strategica” degli inneschi di vallata (o sviluppo straordinariamente impetuoso dei limitati, numericamente parlando, attacchi piromani. Ma mentre scrivo il TGR parla di sei inneschi appena rilevati a  Borgo San Dalmazzo).

La differenza,  ai fini preventivi e repressivi, di azioni incendiarie organizzate e finalizzate (?) rispetto ad alcune “imprese” di singoli “lupi solitari” (come oggi si dice), è notevole e complicata sotto il profilo pratico della “caccia agli untori”, e le forze dell’ordine, con gli amministratori locali, ne sono certo ben consapevoli.

E’ la differenza  che passerebbe tra un “bullismo da paese” – che pure si è manifestato, in tono minore, anche tra le nostre campagne di pianura, ove sono andati in fumo, in rustici o in campo, gli imballi di paglia o fieno – e una sorta di “mini-terrorismo” (duole pronunciare anche solo la parola), rivolto a fomentare un clima di insicurezza, di sovrastante pericolo, buono a tutti gli usi.

Ovvio auspicare che prima di nuove – e ahimè prevedibili -  stagioni di vasta e complice aridità, questa storia dei “fuochi di massa” venga ripresa e riassunta, da chi può, nei suoi termini realistici e aggiornati. Anche ai fini di valutare le possibili contromisure tecnico-normative e di pubblico orientamento comportamentale.

Dario Fornaro

05/11/2017 20:49:00
comments powered by Disqus
18.11.2017
Elvio Bombonato
Comunicato congiunto tra Comune di Alessandria, ARPA e ASL, i quali hanno firmato un protocollo ( a righe o a quadretti?; ahi il burocratese), un accordo sottoscritto, con l’impegno di realizzarlo. Pardon, rinnovato, “con l'obiettivo di aumentare i controlli preventivi e combattere gli alti tassi...
 
09.11.2017
Aydin(*)
L’acqua è la principale ricchezza della piana alessandrina, l’unica sicura dopo l’amaro risveglio dal sogno industriale degli Anni 70, dall’illusione collettiva di trasferire oltre Appennino parte dell’obsoleta industria ligure. Solo all’abbondanza di acqua si devono rese agrarie tra le più elevate...
07.11.2017
Gruppo promotore "Sfridoo"
La Startup che restituisce valore agli scarti. A Ecomondo approda Sfridoo, la prima piattaforma digitale che aiuta le aziende a comprare e vendere il proprio scarto di produzione Rimini fiera apre le porte a Ecomondo, la manifestazione dedicata alla green e alla circular economy che accoglie da...
 
05.11.2017
Dario Fornaro
Salendo lentamente, ma inesorabilmente, da Sud a Nord del paese – e persistendo oltre misura la siccità che ha stremato in ogni dove terreni agricoli e aree boscate – l’ondata degli incendi “casuali” ha raggiunto, in ottobre, anche il Piemonte ( e Lombardia) con le varie, lussureggianti vallate subalpine. Le...
30.10.2017
Linda Maggiori (*)
Su suggerimento del civis Claudio Pasero, da sempre impegnato in tematiche a carattere ambientale e di difesa della salute, presentiamo questo intervento di Linda Maggiori, sicuri di portare un "contributo" al dibattito in corso...... Per ogni milione di persone che abitano in Italia, 1.500 muoiono...
 
24.10.2017
Legambiente (circoli delle province di Vercelli e Alessandria)
Fusione nucleare: lasciamola sul sole! Per Legambiente il modello energetico a cui tendere è ben altro, e prevede l’utilizzo dell’energia solare che giunge a tutti noi, senza bisogno di realizzare complessissime e costosissime centrali che oltretutto genereranno inevitabilmente materiali radioattivi...
11.10.2017
Pier Luigi Cavalchini
Ha avuto ragione l’ingegnere Marco Neri nella sua replica finale a ricordare che “siamo già ad un ottimo livello di sicurezza idraulica in caso di alluvioni” e che i provvedimenti presi dalla città di Alessandria vengono presi a modello come “migliore scelta possibile”.Questo, sia ben chiaro, pur nelle...
 
07.10.2017
Gian Domenico Zucca
Chi scrive si è laureato in Scienze Geologiche presso l’università di Genova nel marzo del lontano 1971, ed ha sentito parlare del disastro del 13 agosto 1935 della diga di Molare nella media valle dell’Orba direttamente dal capo dell’Istituto di Geologia, professor Sergio Conti, titolare del corso...
02.10.2017
Gian Domenico Zucca
Chi scrive si è laureato in Scienze Geologiche presso l’università di Genova nel marzo del lontano 1971, ed ha sentito parlare del disastro del 13 agosto 1935 della diga di Molare nella media valle dell’Orba direttamente dal capo dell’Istituto di Geologia, professor Sergio Conti, titolare del corso...
 
22.09.2017
Associazione "Gabbie vuote"
..... eper promuovere un governo corrispondenteil resto viene da sè perchè tutti mirano a soddisfare i bisogni umaniIniziamo questa lettera aperta con le parole appena pronunciate (settembre 2017) dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni davanti agli studenti del nuovo polo scolastico di Cernusco...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.