Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
Delitti sull' "acqua"
Aydin(*)

 

L’acqua è la principale ricchezza della piana alessandrina, l’unica sicura dopo l’amaro risveglio  dal sogno industriale degli Anni 70, dall’illusione collettiva di trasferire oltre Appennino parte dell’obsoleta industria ligure. Solo all’abbondanza di acqua si devono rese agrarie tra le più elevate d’Europa che normalmente superano  i 100 quintali per ettaro per il granoturco, i 600 per le bietole da zucchero, i 60 per il grano e la soia, senza poi contare le coltivazioni intensive di ortaggi e frutta in cui si toccano punte da giardino dell’Eden. In un territorio in cui si contano oggi meno operai di quanti ve ne fossero nel 1912, in cui le industrie sopravvivono in un cimitero di capannoni abbandonati, non c’è altra ricchezza. Solo dall’agricoltura, e da ciò che rimane dell’industria, trae oggi sostentamento la miriadi di piccoli commerci polverizzati e l’enfatico esercito impiegatizio con cui si è cercato un facile rimedio alla crescente disoccupazione e all’ emigrazione verso le altre province. Ed i dati parlano chiaro. Su un prelievo  totale  di acque sotterranee di 23 710 litri al secondo, ben 20 723, pari all’87,41%, vanno all’agricoltura, contro  2140 dell’industria, equivalenti al 9,06% ed i soli 837 corrispondenti al 3,53% dell’uso potabile. Tanto l’acqua è abbondante, tanto è fragile la struttura geologica da cui trae origine. I 200 000 abitanti gravano sulla “conoide” compresa tra Serravalle  Scrivia, Tortona ed Alessandria, utilizzano l’acqua proveniente da un unico torrente, lo Scrivia, che trovandosi in posizione più elevata alimenta le falde sotterranee dell’intera zona. E le acque scorrono, a volte, a pochi metri dal suolo in un terreno alluvionale di sabbie e ghiaie altamente permeabili, e quindi assai facilmente penetrabile da ogni tipo di inquinamento. La crisi che da tempo sta travagliando l’ Alessandrino, arretrato dal 35° al 37° posto nella classifica del reddito delle province italiane, genera e si rivela anche in strutture economiche tendenti a sostituire la tradizionale economia produttiva con forme di subeconomia basate sulla produzione a breve termine delle risorse. In questi ultimi anni in tutta la “conoide” Scrivia sono proliferate cave di inerti e di ghiaia, in gran parte destinata ad altre regioni, con estrazioni selvagge che, in violazione ad ogni vigente legge, hanno scoperchiato le falde sconvolgendo l’andamento delle acque sotterranee. A peggiorare la situazione, le cave, una volta esaurite, sono state trasformate in discariche di ogni genere  e tipo, con conseguenze facilmente intuibili sull’inquinamento delle acque. Anche i dati di questi “profitti”di rapina sono noti. Un ettaro di cava esausta vale circa 10 milioni, che diventano più di un miliardo se la cava si trasforma in discarica. E così, ogni giorno che passa, si distrugge l’unica vera ricchezza dell’Alessandrino, in un preoccupante silenzio che accomuna i partiti, i sindacati, le associazioni contadine nonché i neonati raggruppamenti ecologisti. E’ un silenzio difficile da comprendere, a cui si può trovare spiegazione unicamente in carenze culturali ed in un progressivo distacco dalle reali esigenze del territorio. Basterebbe conoscere la storia industriale della zona per sapere che l’Alessandrino deve alla disponibilità di acqua alcune delle sue principali industrie. La Montedison fu localizzata a Spinetta Marengo, piccolo sobborgo in cui non esisteva alcuna “vocazione chimica”, unicamente perché si poteva attingere dalle falde sotterranee ben 1200 litri di acqua ogni secondo. Un vero e proprio “fiume”, assai difficilmente reperibile in altre località.  Analogo discorso vale per la Michelin e la Spad che rinunciarono a proposte localizzative  di altre province proprio per difficoltà di approvvigionamento idrico. L’acqua, e crediamo il dato incontestabile, sta diventando, ogni giorno che passa, un bene sempre più prezioso, ed averne a disposizione quantitativi quasi illimitati può diventare un valido strumento anche per il rilancio industriale del basso Alessandrino. Perché ciò sia fattibile occorre mantenere integra la qualità delle acque. Se esaminiamo le analisi delle acque  sotterranee e le confrontiamo con quelle passate, notiamo un accrescersi del contenuto di metalli pesanti, di prodotti clorurati e di altre sostanze tossiche sebbene, generalmente, in quantitativi minimi e non ritenuti dannosi dalle vigenti norme sanitarie. Se è criminoso fare dell’allarmismo, lo è ugualmente il non preoccuparsi di quanto potrà accadere in futuro se l’attuale progressivo degrado non verrà arrestato.

(*) GUIDO MANZONE    (uno dei testi che ci permette di ricordare un grande collaboratore)

LA STAMPA  7-6-87

09/11/2017 12:59:33
comments powered by Disqus
18.11.2017
Elvio Bombonato
Comunicato congiunto tra Comune di Alessandria, ARPA e ASL, i quali hanno firmato un protocollo ( a righe o a quadretti?; ahi il burocratese), un accordo sottoscritto, con l’impegno di realizzarlo. Pardon, rinnovato, “con l'obiettivo di aumentare i controlli preventivi e combattere gli alti tassi...
 
09.11.2017
Aydin(*)
L’acqua è la principale ricchezza della piana alessandrina, l’unica sicura dopo l’amaro risveglio dal sogno industriale degli Anni 70, dall’illusione collettiva di trasferire oltre Appennino parte dell’obsoleta industria ligure. Solo all’abbondanza di acqua si devono rese agrarie tra le più elevate...
07.11.2017
Gruppo promotore "Sfridoo"
La Startup che restituisce valore agli scarti. A Ecomondo approda Sfridoo, la prima piattaforma digitale che aiuta le aziende a comprare e vendere il proprio scarto di produzione Rimini fiera apre le porte a Ecomondo, la manifestazione dedicata alla green e alla circular economy che accoglie da...
 
05.11.2017
Dario Fornaro
Salendo lentamente, ma inesorabilmente, da Sud a Nord del paese – e persistendo oltre misura la siccità che ha stremato in ogni dove terreni agricoli e aree boscate – l’ondata degli incendi “casuali” ha raggiunto, in ottobre, anche il Piemonte ( e Lombardia) con le varie, lussureggianti vallate subalpine. Le...
30.10.2017
Linda Maggiori (*)
Su suggerimento del civis Claudio Pasero, da sempre impegnato in tematiche a carattere ambientale e di difesa della salute, presentiamo questo intervento di Linda Maggiori, sicuri di portare un "contributo" al dibattito in corso...... Per ogni milione di persone che abitano in Italia, 1.500 muoiono...
 
24.10.2017
Legambiente (circoli delle province di Vercelli e Alessandria)
Fusione nucleare: lasciamola sul sole! Per Legambiente il modello energetico a cui tendere è ben altro, e prevede l’utilizzo dell’energia solare che giunge a tutti noi, senza bisogno di realizzare complessissime e costosissime centrali che oltretutto genereranno inevitabilmente materiali radioattivi...
11.10.2017
Pier Luigi Cavalchini
Ha avuto ragione l’ingegnere Marco Neri nella sua replica finale a ricordare che “siamo già ad un ottimo livello di sicurezza idraulica in caso di alluvioni” e che i provvedimenti presi dalla città di Alessandria vengono presi a modello come “migliore scelta possibile”.Questo, sia ben chiaro, pur nelle...
 
07.10.2017
Gian Domenico Zucca
Chi scrive si è laureato in Scienze Geologiche presso l’università di Genova nel marzo del lontano 1971, ed ha sentito parlare del disastro del 13 agosto 1935 della diga di Molare nella media valle dell’Orba direttamente dal capo dell’Istituto di Geologia, professor Sergio Conti, titolare del corso...
02.10.2017
Gian Domenico Zucca
Chi scrive si è laureato in Scienze Geologiche presso l’università di Genova nel marzo del lontano 1971, ed ha sentito parlare del disastro del 13 agosto 1935 della diga di Molare nella media valle dell’Orba direttamente dal capo dell’Istituto di Geologia, professor Sergio Conti, titolare del corso...
 
22.09.2017
Associazione "Gabbie vuote"
..... eper promuovere un governo corrispondenteil resto viene da sè perchè tutti mirano a soddisfare i bisogni umaniIniziamo questa lettera aperta con le parole appena pronunciate (settembre 2017) dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni davanti agli studenti del nuovo polo scolastico di Cernusco...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.