Associazione Città Futura - Logo
Attualità
La Questione Kurda
UIKI. Segreteria Nazionale
 

Il crollo dei vecchi equilibri in Medio Oriente
La drammatica espansione dell’auto-proclamatosi Stato Islamico in Siria e in Iraq nel 2013, ha rappresentato un ulteriore passo verso l’accelerazione del collasso dell’accordo franco-britannico Sykes-Picot, che -circa un secolo fa- divise le province dell’impero ottomano e causò, per i curdi e per altri gruppi etnici, la perdita dello status di semi-autonomia di cui avevano goduto sino a quel momento.

L’accordo Sykes-Picot (1916) fu ideato dalla Gran Bretagna e dalla Francia per attuare i loro interessi politici e strategici in Medio Oriente nel secolo successivo. Il modello coloniale e imperiale di governo fu quindi sostituito tout-cort dagli stati-nazione. Come diretta conseguenza della imposizione di tale modello europeo, la maggior parte dei regimi in Medio Oriente finirono per corrispondere con un unico gruppo etnico e religioso. La maggior parte dei gruppi etnici e religiosi della regione, però, hanno resistito alle linee di confine degli stati-nazione creati artificialmente “a tavolino”.

Col passare del tempo, il controllo di questi stati passò, di mano in mano, sempre per via di colpi di stato militari piuttosto che tramite evoluzioni politiche ed elezioni democratiche: basti pensare che, nella sola Turchia, si sono verificati almeno sei tra interventi e colpi di stato militari reali o presunti tali (colpo di stato del 1960, Memorandum militare 1971, colpo di stato del 1980, presunto colpo di stato del 1993, Memorandum militare 1997, presunto Colpo di Stato del 2016).

Fino a quando questi stati-nazione mantennero una stretta e proficua relazione con il mondo occidentale, gli interventi esterni in quei Paesi furono limitati. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, gli Stati Uniti sono emersi come la potenza occidentale sempre più attiva nella regione.

Origini della “questione curda”
Il variegato tessuto etnico e religioso del Kurdistan si era formato in migliaia di anni di convivenza tra popoli diversi. Questa rispettosa coesistenza venne gravemente minacciata. Nonostante le loro differenze, infatti, tali gruppi condividevano affinità e somiglianze culturali, economiche, politiche, psicologiche e sociali e consideravano le loro differenze come una fonte di ricchezza. Senza interferenze esterne, esse avevano generalmente vissuto in pace. Tuttavia, all’inizio del XX secolo, il modello dello stato nazionale forzatamente imposto dall’accordo Sykes-Picot del 1916 ebbe l’effetto di una pugnalata inferta al cuore del Medio Oriente e contribuì fortemente a seminare odio e ostilità tra i popoli, spingendo curdi, arabi, armeni, assiri, turcomanni e altri gruppi etnici al reciproco genocidio fisico e culturale. Risulta dunque evidente che i confini e i progetti politici “immaginati” e imposti dall’esterno non soddisfano i bisogni reali delle persone e non portano a risultati soddisfacenti. Le politiche imperialiste hanno portato in Medio Oriente la guerra, le cui vittime sono state e sono tuttora le diverse popolazioni e gruppi religiosi.

Ciascuno dei regimi a capo degli Stati nazionali appena creati, per timore di qualsiasi potenziale frammentazione, tentò di unificare lo Stato attraverso la diffusione del nazionalismo e la imposizione di “progetti di nazionalizzazione”, allo scopo di assimilare diversi gruppi etnici arabizzandoli, persianizzandoli o turchizzandoli. In realtà ciò portò alla negazione della stessa esistenza di molti gruppi etnici e religiosi (alawiti, albanesi, arabi, armeni, assiri, azeri, bosniaci, ceceni, circassi, cristiani, curdi, greci, laziti, tartari, yazidi) che vivevano specificamente in Turchia.

Quando il Trattato di Losanna nel 1923 entrò in vigore, la divisione del Kurdistan “immaginata” dall’accordo franco-britannico divenne una triste realtà ed esso venne smembrato tra i quattro diversi paesi di Iraq, Iran, Turchia e Siria, ma -a dispetto di questa nuova situazione di “area transfrontaliera” e nonostante il gran numero di lingue e religioni diverse- i curdi hanno continuato a condividere un forte senso di identità globale.

Le terre che formano il Kurdistan includono parti della Turchia orientale, dell’Iraq settentrionale, dell’Iran nord-occidentale e della Siria settentrionale, tutte abitate principalmente da curdi: in tutto, almeno 45 milioni di curdi che vivevano da molte migliaia di anni nella loro terra ancestrale. La divisione in quattro parti del Kurdistan permane tutt’oggi, sotto il controllo di Turchia, Iran, Iraq e Siria. Dal 2003, il Kurdistan iracheno gode dello status federale all’interno dell’Iraq, ma ancora oltre il 40% della terra del Kurdistan meridionale rimane sotto il controllo del governo di Baghdad (in particolare, l’area ricca di petrolio intorno alla città di Kirkuk). Dal 2012, i curdi hanno proclamato nel nord della Siria un’Autonomia Democratica aperta a tutte le componenti etniche e religiose presenti nell’area.

L’importanza geopolitica del Kurdistan, combinata con le notevoli risorse petrolifere e idriche del suo territorio, ha costantemente ostacolato, piuttosto che aiutato i curdi. Le situazioni e le questioni che i curdi hanno dovuto e devono affrontare nei paesi in cui la loro nazione è stata divisa variano in natura e intensità ma hanno fattori innegabilmente comuni: i curdi sono sospettati di avere idee e aspirazioni separatiste semplicemente in virtù della loro etnia, e hanno subito programmi di pulizia etnica (accompagnati da uccisioni di massa, deportazioni, discriminazioni e divieti di ogni genere).

Al giorno d’oggi tutte le regioni curde – fatta eccezione per l’area assegnata all’Iran – sono martoriate da guerre (vedi le aree assegnate a Iraq, Siria e Turchia).

Il crollo degli Stati nazionali in Medio Oriente
Gli stati-nazione di Turchia, Iran, Iraq e Siria, creati dall’Accordo Sykes-Picot, furono riconosciuti dalla Società delle Nazioni poco dopo la fine della Prima Guerra Mondiale. A distanza di un secolo, è evidente – in Iraq, Siria e Turchia – che questi stati unitari si stiano sgretolando e che sia necessaria una radicale trasformazione che li accompagni dal nazionalismo esasperato alla democrazia.

Terza Guerra Mondiale per la con-divisione del Medio Oriente

Con le insurrezioni della cosiddetta “Primavera Araba”, i popoli di etnia araba di tutto il Medio Oriente (e non solo) hanno reso palese di non essere contenti della loro situazione e hanno affermato il loro diritto a una vita libera in un paese democratico. Questo fenomeno sociale ha dato il via alla irrefrenabile caduta del vecchio ordine mondiale, in corso ormai da qualche anno nel Medio Oriente. Questa sorta di “terza guerra mondiale” potrebbe portare alla formazione di un nuovo equilibrio politico mondiale, Le grandi potenze (che vogliono conservare o conquistare la propria influenza nella regione), le forze conservatrici e regressive della regione (che vorrebbero mantenere le loro posizioni e i loro territori) e i popoli più antichi (“indigeni” depredati delle loro terre e delle loro identità, che non sono ovviamente contenti della loro posizione attuale e vogliono riconquistare il diritto alla propria esistenza) prendono parte a questa guerra. Ciascuna delle parti in causa vuole rafforzare la propria posizione e assumere un ruolo importante nei nuovi equilibri politici che si stanno costruendo. Per tale motivo, nel corso di questa guerra pluridimensionale, vecchie alleanze si indeboliscono o si spezzano e nuove alleanze si formano ogni giorno.

In questo ambito i curdi -che (lapalissianamente!) sono stati i più colpiti dall’Accordo Sykes-Picot (1916) e dal Trattato di Losanna (1923), che hanno smembrato la loro terra consegnandola nelle mani di regimi che hanno sottoposto i curdi a ripetuti genocidi e a una lenta inesorabile pulizia etnica- hanno valutato con attenzione la situazione e hanno scelto di “scendere in campo” per cambiare lo “status quo” e per trovare posto nel nuovo “scacchiere internazionale”. Più di ogni altra cosa, a dire il vero, i curdi vogliono vedere finalmente riconosciuto il loro diritto a una vita libera e a una forma di autogoverno assolutamente democratica e moderna, ideata e maturata nel corso di decenni di attivismo, di esperienza e di lotta politica in seno a diverse organizzazioni oltreché di resistenza armata per sopravvivere.

I curdi nel tumulto del Medio Oriente

Un risultato importante, se non il principale, della cosiddetta “Primavera Araba” è stata la perdita di egemonia da parte dello Stato unitario arabo in Medio Oriente. La insurrezione del popolo, che chiede il riconoscimento dei suoi diritti e il rispetto delle libertà democratiche,rappresenta infatti, un chiaro segnale che l’ideologia del Panarabismo non ha più ragione né possibilità di essere.

Come già accennato, in seguito all’Accordo Sykes-Picot del 1916 e al Trattato di Losanna, due parti del Kurdistan sono passate sotto il controllo di due stati arabi: il Kurdistan meridionale (Iraq nordoccidentale) è stato governato per decenni dal regime del Partito Baath dell’Iraq, il Kurdistan occidentale (Siria settentrionale) – oggi noto a tutti come Rojava (Kurdistan occidentale) – è stato invece governato dal regime del Partito Baath siriano.

Nel 2003, dopo la caduta del regime di Saddam Hussein seguita alla cosiddetta Guerra d’Iraq, il Kurdistan meridionale ottenne una forma di autonomia nell’ambito della nuova costituzione federale dell’Iraq, assumendo il nome di Governo Regionale del Kurdistan e diventando una sorta di “Stato nello Stato”. I curdi del Rojava (Kurdistan occidentale) hanno invece avviato una “rivoluzione silenziosa” contro il regime baathista siriano e conquistato – a partire dal 19 luglio 2012 – la loro autonomia sul campo, assumendo peraltro un ruolo fondamentale nella lotta all’autoproclamatosi Stato Islamico.

Risulta ormai evidente a tutti che la stabilità a lungo termine in tutta l’area – non soltanto in Iraq e Siria, ma anche in Iran e Turchia, – non è conseguibile senza la concessione dell’autonomia alle regioni curde e il riconoscimento delle loro istanze del popolo curdo e non può eludere la necessità evidente di nuovi sistemi di governo più aperti alla condivisione del potere.

Il giocatore più aggressivo nella regione: la Turchia

La Turchia -membro “chiave” della NATO nello scacchiere mediorientale- ha finora scelto di restare “seduta da una parte” al di fuori della guerra contro l’autoproclamatosi Stato Islamico della Siria e del Levante (Iraq) e di muovere, invece, guerra proprio contro gli unici che sinora hanno avuto pieno successo nella lotta contro l’ISIL/ISIS: i curdi del Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale). Proprio l’intervento militare dello Stato turco e i continui attacchi e i tentativi di invasione -che non accennano a fermarsi-anzi si stanno facendo più frequenti in Iraq e Siria, hanno sempre più esacerbato il conflitto aumentando la confusione politica già esistente in Medio Oriente, aggravando gli effetti disastrosi di questa lunga guerra e provocando tragedie umane di grandi proporzioni (intese non soltanto in termini numerici di vittime e di profughi).

In concomitanza con la guerra civile siriana iniziata nel 2011, i curdi del Rojava -al culmine di una sorta di “rivoluzione silenziosa” a cui forse erano preparati da tempo- si sono affrancati dal regime baathista e a partire dal 19 luglio 2012 hanno assunto il controllo del Kurdistan occidentale (Siria settentrionale), liberandolo palmo a palmo dall’occupazione dei terroristi dell’autoproclamatosi Stato Islamico e costituendovi una confederazione democratica aperta a tutte le etnie (arabi, armeni, assiri, ceceni, curdi, Turkmeni) residenti nell’area.

I successi curdi sono stati visti dalla Turchia come una seria minaccia all’integrità del proprio Stato unitario. L’affrancamento e l’ottenimento o la conquista dell’autonomia da parte dei curdi in Iraq e in Siria rappresentano, effettivamente, un pericolo per l’ ideologia turca di annientamento e di negazione delle minoranze etniche autoctone. In Turchia, i curdi sono oltre venticinque milioni: essi sono non soltanto il più numeroso gruppo etnico del Paese, ma costituiscono una spina nel fianco e la sfida più seria e persistente al nazionalismo turco. Come se non bastasse, la maggior parte dei curdi del Bakur (Kurdistan settentrionale/Turchia sudorientale) vivono nelle aree a ridosso dei confini con la Siria, l’Iraq e l’Iran. Nonostante ripetuti genocidi e operazioni di pulizia etnica su larga scala, nella penisola anatolica vive tuttora la comunità curda più numerosa di tutto il Medio Oriente. Ed è proprio in Turchia che i curdi continuano ad opporre una strenua resistenza che dura ormai da quaranta anni, guidata dal Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Partîya Karkerén Kurdîstan – PKK) per difendere la loro libertà, per convincere la Turchia ad attuare un radicale cambiamento democratico e per ottenere il riconoscimento costituzionale dell’identità stessa del popolo curdo (prima ancora della sua autonomia). Per tali motivi la questione dei diritti dei curdi in Turchia meriterebbe di essere trattata a parte e con maggiore attenzione e urgenza rispetto alla situazione attuale dei curdi in Iraq, in Iran e in Siria.

D’altra parte, la Turchia si trova davanti a un bivio e a una tremenda sfida: rinunciare alla strategia panturca nei confronti dei curdi e delle altre componenti etniche del paese oppure affrontare il rischio di un collasso dello Stato unitario, dello Stato-nazione come è già accaduto in Siria, in Egitto e in Libia.

La Turchia sembra effettivamente temere più di ogni altra cosa qualsiasi forma di autonomia per i curdi in qualunque parte del mondo. L’idea di una confederazione democratica nella Siria settentrionale che riconosca l’autonomia ai curdi e alle altre componenti etniche ivi presenti atterrisce il governo di Ankara, che vede in grave pericolo la ideologia fondante della Turchia stessa: quella dello Stato-nazione basato sull’egemonia e sull’esistenza stessa di un solo gruppo etnico (e sull’annientamento o sull’assimilazione forzata di tutti gli altri). La linea di confine tra la Siria e la Turchia è lunga oltre novecento chilometri ed è abitata, da entrambi i versanti, dai curdi… Il panico ha portato il governo turco a optare per la costruzione di un muro lungo (per ora) cinquecentoundici chilometri per impedire che amici, parenti e “connazionali” possano venire a contatto tra loro.

L’unica preoccupazione della Turchia, persino più forte di quella di promuovere i propri interessi nell’area, sembra essere diventata quella d’impedire alle Forze Democratiche Siriane e al popolo curdo di ottenere vittorie e successi (militari o politici) in Rojava.

Lo si evince anche dalle ripetute dichiarazioni e minacce gridate dal presidente turco Erdogan: “Non permetteremo mai la nascita di uno Stato autonomo nel nord della Siria lungo il nostro confine meridionale. Continueremo la nostra lotta a tale riguardo a qualunque costo!”

Le relazioni della Turchia con l’ISIS
Il sostegno della Turchia all’ISIS è stato chiaramente espresso dallo stesso Segretario di Stato americano John Kerry in una intervista alla CNN il 17 novembre 2015 riguardo alla messa in sicurezza del confine turco-siriano, che notoriamente i militanti dell’autoproclamatosi Stato Islamico usavano da anni per inviare armi, miliziani e altre merci di contrabbando in Siria: “Quasi l’intero confine della Siria settentrionale (il 75% di esso corrispondente alle aree controllate dalle YPG in Rojava) è stato messo in sicurezza e ci accingiamo finalmente ad avviare una operazione con i Turchi per chiudere i restanti novantotto chilometri (corrispondenti alle aree controllate dall’ISIS).” Potrebbero esserci prove più chiare per evidenziare la cooperazione tra Turchia e ISIS!?
Una volta superato l’ostacolo della Turchia, l’ISIS può essere sconfitto definitivamente. Le potenze internazionali dovrebbero rendersi conto del fatto che se davvero volessero sconfiggere definitivamente l’ISIS, dovrebbero preventivamente impedire alla Turchia di ostacolare la guerra all’ISIS stesso.

Il sogno turco di un impero neo-ottomano
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nel corso di una conferenza tenutasi a Istanbul il 20 ottobre 2016 fece per l’ennesima volta riferimento al Trattato di Losanna del 1923, affermando che la Turchia è stata intrappolata entro i confini odierni da quel deplorevole accordo: “Gli Ottomani avevano uno Stato con radici così profonde che il suo crollo ha causato profonde ferite materiali e morali alla nostra nazione… I nostri territori nel 1914 erano vasti 2,5 milioni di chilometri quadrati e sono stati ridotti a 780.000 chilometri quadrati con la firma del Trattato di Losanna… Un’istanza di revisione del Trattato da parte della Turchia è stata portata all’attenzione del Consiglio Nazionale Turco… Il futuro deve essere pianificato sulla base di una profonda analisi della storia. La Turchia sarà ricostruita come un Paese più grande, con l’aiuto di Allah.”

La Turchia cade a pezzi

La politica anticurda e espansionistica della Turchia ha fatto della Turchia stessa un’altra vittima dei tumulti in Medio Oriente. La strategia politica della Turchia in Medio Oriente è fallita rovinosamente. Solo pochi anni fa la Turchia era considerato il Paese di maggior successo, assolutamente rispettato in patria e all’estero. Esso rappresentava un modello di democrazia nell’ambito del mondo islamico e la strategia politica del cosiddetto “nessun problema con i vicini” (partenariato turco-siriano, sia commerciale che politico, che presto si tradusse in una zona di libero scambio con i paesi arabi; sostegno alla causa palestinese; pacificazione con Armenia e Grecia; processo di pace con il PKK; buone relazioni con l’Iran eccetera)a sembrava dare ottimi risultati, ma l’intero concetto di una Turchia molto rispettata con l’AKP mascherato da islamico è crollato dopo la primavera araba ed in particolare quando è iniziato il conflitto in Siria. Oggi la Turchia ha gravi problemi da risolvere e conflitti da affrontare su quasi ogni fronte…altro che “nessun problema con i vicini”!

L’unica alternativa possibile è la pace con i curdi: in Turchia, in Siria e in Iraq.

Politica dell’Iran in Medio Oriente

La Turchia e l’Iran sono apertamente in competizione per ottenere – grazie alle divisioni di segno religioso che caratterizzano il mondo arabo – il controllo formale e sostanziale sul Kurdistan iracheno e sul Kurdistan siriano. La Turchia usa la folta schiera delle forze sunnite, di cui Erdogan si erge a paladino, per fare pressioni sul governo sciita dell’Iraq e sul regime alawita in Siria, entrambi fortemente sostenuti (anche militarmente) dall’Iran che vuole stabilizzare quelle aree sotto il controllo del suo potente regime politico-religioso sciita. Particolare importanza assume il sostegno dell’Iran al regime siriano non soltanto per la sopravvivenza del presidente Bashar al-Assad. L’alleanza tra Iran e Siria si basa, infatti su una forte e profonda convergenza di interessi: la salvaguardia del sistema oppressivo dello stato-nazione fondato su una unica etnia e il contrasto all’egemonia tanto dell’Occidente quanto dell’Islam sunnita e all’influenza degli Stati Uniti in Medio Oriente. Per l’isolato geverno di Teheran, avere un regime amico in Siria si è rivelato una risorsa strategica fondamentale per la espansione dell’Iran nel mondo arabo sinora controllato dal loro principale nemico regionale (l’Arabia Saudita, sostenuta dagli Stati Uniti).

A tutt’oggi, è evidente che l’obiettivo principale della Repubblica Islamica dell’Iran sia quello di diventare una potenza regionale, senza alcuna preoccupazione riguardo al rispetto delle regole democratiche.

D’altro canto il collasso dell’ISIS in Siria, l’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti, e la forte paura di Israele e dei paesi arabi sunniti che si sentono minacciati dalle politiche interventiste iraniane nella regione, stanno aumentando in maniera esponenziale la possibilità che l’Iran diventi un punto nevralgico. Le divisioni politiche interne e le questioni giuridiche irrisolte nella società iraniana espongono il paese sia a una possibile trasformazione interna traumatica ,sia a un intervento militare da parte di una coalizione internazionale a causa della diffusa ed errata mentalità che ritiene che le crisi o le fasi di stallo debbano essere affrontate e risolte militarmente anziché con l’avvio di un reale processo di democratizzazione. È invece chiaro che la brama di espandere la propria sfera d’influenza all’estero senza prestare attenzione alcuna allo sviluppo della democrazia e dell’uguaglianza all’interno, non possa fare altro che creare uno Stato squilibrato, fragile e pericoloso. La catastrofe siriana ha dimostrato la necessità di risolvere i problemi in modo democratico, l’importanza di includere le diverse etnie (come il popolo curdo, minoranza oltremodo consistente in Iran) e di riconoscere e rispettare i diritti delle differenti “nazioni” (in un sistema confederale), religioni e tradizioni e
l’urgenza di assicurare l’equiparazione dei diritti delle donne a quelli degli uomini.

In Iran vivono tra i dodici e i quindici milioni di curdi. Essi hanno già tutto il potenziale necessario all’autodifesa e all’autogoverno (compresi i partiti politici: Società Democratica e Libera del Kurdistan orientale – KODAR, Partito della Vita Libera del Kurdistan – PJAK, Società delle Donne Libere del Kurdistan orientale – KJAR e Società della Gioventù del Kurdistan orientale – KCR) e una società civile ben organizzata. In particolare, Il KODAR (Dûyemîn Kongreya Komalgeha Demokratîk û Azad a Rojhilatê Kurdistan) tenta di promuovere – per migliorare le condizioni attuali – una “terza via” che non sia in linea con la continuazione dell’attuale disastrosa situazione,né permetta ingerenze, interferenze o interventi militari da parte di potenze straniere: essi propongono un modello di autonomia democratica all’avanguardia rispetto alla situazione politica dei Paesi del Medio Oriente e assolutamente saggia riguardo alla geografia politica, alla storia e alle realtà sociali dell’Iran.

Siria e Federazione Democratica della Siria del Nord

Il regime baathista in Siria ha sempre avuto un carattere centralista che non riconosceva i diritti democratici delle singole comunità tantomeno quelli dei curdi. Pertanto, in Siria la lotta dei curdi per il riconoscimento dei propri diritti è, in un certo senso, anche una battaglia per la democratizzazione della Siria a prescindere dal regime e da altre forze in campo. I curdi non stanno in realtà lottando per creare uno Stato separato dal resto della Siria: il loro scopo è stato quello di istituire nella Siria settentrionale un sistema democratico che possa diventare un modello per la futura Siria. Per quanto riguarda il raggiungimento di un accordo con il regime siriano, è chiaro che esso non può essere affrontato con un approccio miope. Stante la situazione precedente alla guerra civile siriana, una soluzione alla questione curda in Siria non è stata possibile: soltanto nel caso in cui il regime siriano dovesse accettare di avviare una piattaforma democratica sarà possibile quantomeno tentare di raggiungere un accordo.

Sin dal 19 luglio 2012, i curdi hanno stabilito un’amministrazione democratica nel Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale) che ha come primo obiettivo – peraltro già realizzato – la coesistenza pacifica e paritaria tra i vari gruppi etnici (arabi, armeni, assiri, ceceni, curdi, turcomanni) e religiosi (aleviti, cristiani, musulmani, yezidi). Questo sistema democratico che dovrebbe essere sostenuto da tutti costituisce l’esempio di quanto le Forze Democratiche Siriane auspicano verrà realizzato nella nuova Siria al termine della guerra all’autoproclamatosi Stato Islamico della Siria e del Levante.

Il Confederalismo Democratico nella Siria del Nord: un modello di pacifica transizione verso la democrazia in Siria

A seguito della esperienza maturata in questi ultimi anni nelle aree a maggioranza curda anche le altre comunità presenti nel nord della Siria si sono convinte della necessità di un comune modello democratico di autogoverno.

Tale “formula” di autogoverno si basa esplicitamente sulle idee del fondatore del Partito dei Lavoratori del Kurdistan PKK Abdullah Öcalan, detenuto dal 1999 -in regime di assoluto isolamento- nel carcere di massima sicurezza sull’isola desertificata di Imrali. La “Nazione Democratica” è un progetto che va oltre i limitati confini politici artificiali che sono stati creati dalle potenze colonialiste come una estensione della loro strategia politica di divisione e dominio nella società (Divide et impera)… La definizione di una nazione democratica -che non sia rigidamente vincolata da confini politici in una sola lingua, una sola cultura, una sola religione e una univoca interpretazione della storia- significa pluralità e comunità, nonché coesistenza di cittadini liberi, uguali e solidali.” si legge nei suoi scritti. La Nazione Democratica è infatti un progetto che mira a generare democrazia e fraternità, pace e libertà: non solo tra i curdi e non solo in Kurdistan, ma tra tutti i popoli in tutto il Medio Oriente. L’obiettivo del progetto di Abdullah Öcalan è dichiaratamente quello di diffondere una nuova mentalità e di creare strutture formate da e di cittadini liberi e politicamente attivi, indipendentemente dalla loro etnia, lingua, cultura e religione.

Questo sistema di autogoverno mira a rendere tutti i membri della comunità politicamente attivi a livello di base e a dare loro maggiore “potere”. Il potere alle istituzioni democratiche deriva infatti dalle assemblee formate da tutte le persone. Tali assemblee si confederano poi tra loro a livello locale, regionale e nazionale. Ed è sulla base di questo piano che il popolo del Rojava/Siria del Nord ha sancito l’instaurazione di un sistema democratico federale. Questo si trova evidentemente in totale disaccordo con la idea di stato-nazione centralizzato sinora propugnata dal regime di Damasco, che si basa sulla negazione e sulla emarginazione di tutte le lingue, culture e religioni della regione diverse da quella “ufficiale”, mentre invece l’intento del Confederalismo Democratico è quello di celebrare -al contempo- il pluralismo e le unicità delle varie lingue, culture e religioni di tutti i popoli storicamente presenti in Siria. Questa sua differenziazione dal precedente sistema si riflette ovviamente nel contratto sociale, nella società e nelle scelte politiche quotidiane.

La strategia della “terza via”

Dal punto di vista curdo, al momento, in Siria si stanno verificando due cose: da una parte una guerra “sporca” e dall’altra una rivoluzione. Il primo è un conflitto interno al sistema siriano, l’altro rientra nel conflitto globale tra sistemi di governo (il sistema dello Stato unitario “tradizionale” e il sistema di autonomia democratica del popolo). Per quanto riguarda il primo, è chiaro che le potenze internazionali manterranno il controllo anche nel prossimo futuro: non solo il regime di Assad e l’Esercito Libero Siriano, ma anche Russia, Cina, Iran, Stati Uniti, Unione Europea, Turchia, Arabia Saudita e Qatar hanno già acquisito troppi interessi e “voce in capitolo” in questo conflitto per poter sperare che si ritirino di buon grado al termine dello stesso, pertanto la situazione siriana sembra lontana dal poter essere risolta positivamente. D’altro canto, nella Siria del Nord i curdi stanno resistendo contro tutti gli attacchi e rimangono irremovibili e determinati a rafforzare il loro nuovo sistema di amministrazione, che -seppure ancora in fase iniziale- sta rapidamente diventando un valido modello per le esigenze della gente di tutta la regione. Esiste dunque per loro una terza alternativa di “lotta dentro la lotta”. Nella guerra “multipolare” in corso in Siria il movimento curdo ha deciso di percorrere -in Rojava/Siria settentrionale- questa terza via: praticamente una rivoluzione per il successo della quale non ci si schiera con il regime né con l’opposizione e con le potenze straniere che la foraggiano e nella quale ci si difende e non si attacca se non si è attaccati.

I curdi in Siria non sono schierati dalla parte degli americani, né dei russi. Essi costituiscono una terza forza e rappresentano una terza via sia dal punto di vista militare, sia dal punto di vista politico: chiunque sia disposto a riconoscere lo status politico e legale dell’autonomia del Rojava e il Confederalismo Democratico sarà, di ricambio, riconosciuto come interlocutore valido. Sinora nessuna potenza straniera a dire il vero, ha riconosciuto ufficialmente la Federazione Democratica del Rojava/Siria del Nord, ma è chiaro che l’epoca in cui qualcuno possa ancora pensare di poter sfruttare i curdi (e gli altri gruppi etnici che ne fanno parte) come strumenti tattici durante il conflitto contro l’ISIS e/o contro il regime baathista siriano è finita. Coloro che pensano di poter mantenere con i curdi una relazione meramente tattica e usarli per i propri scopi economici, militari e politici perché essi sono dei buoni combattenti commettono un errore: soltanto quei paesi seriamente interessati a una “partnership” strategica con la Federazione Democratica del Rojava/Siria del Nord possono pensare di avere successo.

Evidentemente la “terza via” ha prodotto un risultato positivo: grazie a questa posizione i curdi sono diventati una forza militare e politica d’importanza strategica con cui tutti – nell’area – devono necessariamente rapportarsi . Il futuro stesso della regione è ormai in qualche modo nelle mani dei curdi: per questo motivo le due maggiori potenze mondiali (Federazione Russa e Stati Uniti d’America), ma non solo, cercano di avviare o mantenere buone relazioni con i curdi. Così come gli uni hanno bisogno di partners internazionali, gli altri hanno bisogno dei curdi. E questo non vale solamente per le due “superpotenze”, ma per tutte le potenze più o meno direttamente interessate alla situazione in Siria. Tutto il mondo a questo punto ha riconosciuto che senza i curdi non ci sarebbero molte speranze di una evoluzione/soluzione positiva dell’attuale situazione siriana, né per il futuro della nuova Siria.

Questo sta determinando una graduale perdita d’importanza della Repubblica di Turchia,che fino ad ora ha potuto usare la sua posizione geografica strategica nel Medio Oriente come strumento di pressione nei confronti dell’Unione Europea e degli Stati Uniti d’America e ha potuto far valere il suo ruolo in seno all’alleanza NATO. La Federazione Democratica del Rojava e soprattutto i curdi stanno depauperando la Turchia di tale ruolo: per tale motivo il governo turco e in particolare modo il presidente turco Erdogan, hanno scatenato un’opposizione aggressiva (a dire poco!) nei confronti dei curdi nel Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale), nel Bashur (Kurdistan meridionale/Iraq nordoccidentale) e nel Bakur (Kurdistan settentrionale/Turchia sudorientale).
La Turchia, dunque, ha perso la sua influenza e la scelta della “terza via” da parte dei Curdi si è rivelata un successo.

Abdullah Öcalan: Strategia per un Medio Oriente democratico attraverso il Kurdistan

“Per oltre trent’anni il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) ha lottato per i legittimi diritti del popolo curdo. La nostra lotta, la nostra lotta per la liberazione ha trasformato la questione curda in una questione internazionale che ha interessato l’intero Medio Oriente e ha reso la soluzione della questione curda a portata di mano. Quando si formò il PKK, negli anni ’70, il clima politico e ideologico internazionale era caratterizzato dal mondo bipolare della Guerra Fredda e dal conflitto fra il campo socialista e il campo capitalista. Il PKK, a quel tempo, fu ispirato dal sorgere di movimenti di decolonizzazione in tutto il mondo. In quel contesto, cercammo di trovare la nostra strada, in accordo con la situazione particolare nella nostra patria. Il PKK non ha mai considerato la questione curda come un semplice problema di etnia o di nazionalità. Piuttosto, abbiamo ritenuto che il progetto dovesse essere quello di liberare la società e democratizzarla. Questi obiettivi hanno sempre più determinato le nostre azioni (soprattutto a partire) dagli anni ’90. Abbiamo anche riconosciuto un nesso di causalità tra la questione curda e la dominazione globale del sistema capitalistico moderno. Senza indagare su questo nesso e senza affrontarlo una soluzione non sarebbe possibile. Altrimenti, saremmo coinvolti solo in nuove dipendenze. Fino ad allora, volgendo lo sguardo sulle questioni di etnia e nazionalità che -come la questione curda- hanno radici profonde nella storia e nelle fondamenta della società, sembrava esserci soltanto una soluzione praticabile: la creazione di uno stato-nazione, che era il paradigma della modernità capitalista in quel momento. Noi non credevamo, tuttavia, che eventuali progetti politici già pronti sarebbero stati in grado di migliorare in modo duraturo la situazione della popolazione in Medio Oriente. Non erano (forse) stati proprio il nazionalismo e gli stati-nazione ad aver creato così tanti problemi in Medio Oriente!?

Diamo quindi uno sguardo più da vicino al background storico di questo paradigma e vediamo se possiamo tracciare una soluzione che evita la trappola del nazionalismo e che meglio si adatta alla situazione del Medio Oriente.”

07/01/2018 14:57:26
comments powered by Disqus
07.01.2018
UIKI. Segreteria Nazionale
Il crollo dei vecchi equilibri in Medio Oriente La drammatica espansione dell’auto-proclamatosi Stato Islamico in Siria e in Iraq nel 2013, ha rappresentato un ulteriore passo verso l’accelerazione del collasso dell’accordo franco-britannico Sykes-Picot, che -circa un secolo fa- divise le province dell’impero...
 
22.11.2017
Marina Elettra Maranetto
I volti della violenza sulle donne hanno diversi connotati, talvolta poco riportati dalla cronaca o poco noti. Mi pare doveroso ricordare. - Gli aborti selettivi. Il dato, pur non recentissimo, quantifica in circa 100 milioni il numero di bambine non nate in Cina negli ultimi anni. Le...
22.11.2017
Elvio Bombonato
La frequentazione tra Leopardi 32enne e Fanny a Firenze nel 1830, in V Liceo Linguistico la raccontavo così. Fanny era una nobildonna, bellissima, colta, sposata, ritenuta di facilissimi costumi, pur non essendo mai andata in spiaggia. Costei riceveva Leopardi nel suo boudoir (salotto privato) e lo...
 
05.11.2017
Gianni Ferraris
Possiamo dire che per l’ANPI il 2017 segna un passaggio epocale. Per la prima volta, alla buon’ora, una donna, Carla Nepolo, è Presidente dell’Associazione. Il fatto che non sia stata partigiana è ininfluente per ovvie questioni anagrafiche. Per questo ANPI decise di aprire le porte anche ai non partigiani,...
06.10.2017
Filippo Boatti
Ieri sera 5 ottobre 2017, a partire dalle 21.15, Rai Tre (per iniziativa di Lucia Annunziata) ha meritoriamente trasmesso in prima visione assoluta in Italia la prima parte dell’ultimo lavoro di Oliver Stone. Per questa intervista-documentario - un montaggio di interviste realizzate fra il 2015 e il...
 
02.08.2017
Agostino Spataro
Nel marzo 1981, Abu Ayad capo dei servizi di sicurezza dell'Olp, ricevette nella sua abitazione di Beirut, una delegazione parlamentare unitaria (DC, PCI, PSI, PDUP, PR) così composta: "La delegazione, in missione in Libano, incontrò Abu Ayad il 5 marzo 1981. Era guidata dall’on. Giuliano Silvestri...
08.07.2017
Elvio Bombonato & Walter Ottria
Il consigliere regionale Ottria ci ha fatto pervenire queste sue brevi note, molte critiche con la ufficializzazione del c.d. “Piano Cave” all’indomani dell’apposita “Conferenza dei Servizi”: “Il consigliere regionale Walter Ottria non ci sta. Secondo il capogruppo di 'Articolo 1 - Mdp' il Piano cave...
 
07.07.2017
Marina Elettra Maranetto
E’ neutro il progresso che si evolve attraverso i risultati della ricerca scientifica in ogni campo mentre non sempre lo è l’uso che se ne fa.La medicina offre rimedi impensabili, fornisce al corpo pezzi di ricambio e tecniche chirurgiche sostenute da strumenti sempre più perfezionati, le macchine possono...
05.07.2017
Ufficio Commissario " Terzo Valico "
(Riceviamo e pubblichiamo) Commissario di governo per il Terzo Valico: un atto fondamentale per l’avanzamento dell’opera, ora attendiamo il trasferimento dell’Osservatorio Ambientale ... APPROVATO L’AGGIORNAMENTO DEL PIANO CAVE PER IL TERZO VALICO In Piemonte individuate 12 cave prioritarie e...
 
02.07.2017
Patrizia Gioia
Il concerto di Vasco ieri sera Potrei definire così - il passato del futuro- il concerto di Vasco ( e qui il nome non è una firma) a cui ieri sera ho assistito seduta comodamente nella poltrona di un cinema milanese. Una rassegna dei suoi e dei miei quarant'anni di musica, ma soprattutto dei nostri...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.