Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Lo strabismo della democrazia al tempo dei partiti personali
Mauro Calise

Ci sono due vicende parallele, nell’orticello della politica italiana, che la dicono lunga sul destino – sempre più incerto – della nostra democrazia. Una è fin troppo visibile, e occuperà – con polemiche, strascichi e ricorsi – i notiziari dei prossimi giorni. Riguarda il congresso del Pd. L’ultimo partito sopravvissuto alla grande stagione, ormai al tramonto, delle organizzazioni di massa. Un fenomeno che andrebbe seguito con l’attenzione che – in altri campi – dedichiamo alle specie in via di estinzione. Non dico con gratitudine, una virtù che non esiste in politica. Ma almeno con la consapevolezza che si tratta dell’unico organismo – di un qualche peso – in cui è ancora possibile dibattere dei programmi futuri, confrontarsi e sfidarsi apertamente, contare in modo trasparente i risultati, e decretare il vincitore secondo regole riconosciute da tutti. Anche da coloro che non fanno parte di quel partito. Insomma, indipendentemente dal fatto che ci stia più simpatico Renzi, o Orlando o Emiliano, o che piuttosto li detestiamo tutti e tre, dovremmo tutti celebrare questo evento come un segnale di tenuta del nostro sgangherato edificio democratico. Tanto più prezioso perché, ormai, unico nel panorama dell’intero sistema politico. Semmai ci saranno altre primarie, riguarderanno protagonisti ininfluenti. E di contro, per quelli più importanti, possiamo essere ben certi che, invece, primarie vere non ci saranno.

Col che veniamo alla seconda vicenda, quella che riguarda i due processi – uno civile, l’altro penale – che investono i Cinquestelle a Genova, per le denunce intentate ai vertici dalla candidata spodestata con atto monocratico da Grillo dalla competizione a sindaco. I profili giuridici del caso sono in bilico tra Kafka e Ionescu. Il presidente del Tribunale, incaricato di istruire la causa, ha, infatti, dichiarato che aspetta di leggere il fascicolo per capire come procedere. Al momento, parole testuali, non saprebbe se il M5S andrebbe considerato «come un partito, associazione alla pari di un sindacato, una pro-loco o una bocciofila». Il che, tradotto per il cittadino comune, significa che, alle prossime elezioni, noi potremmo ritrovarci al governo un gruppo che – nella patria del diritto romano – è, al suo interno, regolamentato come una qualunque bocciofila di paese. Anzi, di un piccolo paese. Visto che le cronache recenti delle comunarie – il termine fastoso con cui i grillini hanno battezzato le loro consultazioni online per la scelta del candidato sindaco – ci dicono che la partita a Piacenza si è chiusa per 59 a 31, mentre quella – molto più partecipata – di Padova ha segnato il trionfo del vincente per ben 108 a 48. Per completare l’informazione sulla quantità e qualità della democrazia dei Cinquestelle, è importante che il lettore sappia che un punto dirimente nella sfida tra i ricorrenti genovesi e il Garante riguarda la lettera maiuscola. Sembra infatti – non è una barzelletta – che, per difendersi da eventuali ricorsi, Grillo abbia messo una V maiuscola nel MoVimento di cui è intestatario insieme a suo nipote Enrico e al suo commercialista di fiducia. In modo da non confonderlo con quello, munito di una sola minuta lettera minuscola, che è invece in campo per prendere voti.

Dunque, a voler tirar le conclusioni, queste due vicende parallele sulla democrazia dei partiti in Italia mostrano, da una parte, il Pd impegnato con decine di migliaia di militanti nel primo round di una competizione di massa per scegliere il proprio leader, con il secondo previsto il 30 aprile con - almeno - un milione di votanti. Dall’altra ci sono i Cinquestelle, impigliati in una serie di processi per sbrogliare le candidature decise da qualche decina di iscritti, su un server le cui chiavi rimangono ben salde – e secretate – nelle mani di una aziendina privata. Bene, che cosa pensate che accadrà nei prossimi giorni? Vi aspettate che ci sia finalmente non dico una sollevazione popolare ma almeno un robusto e duraturo moto di indignazione e di opinione contro il protrarsi della dittatura di Grillo sul suo partito personale? O, invece, c’è qualche lettore così ingenuo da prevedere che il can can dei media stampati, e ancor più di quelli televisivi, si concentrerà su qualche lite immancabile tra i candidati Pd, per contestare qualche zerovirgola e guastare la festa al vincitore? Con in più la ciliegina sulla torta, che i grillini – dai loro blog e dai microfoni che sempre li inseguono – spareranno a zero sul sistema mediocratico che li tartassa. Forse, il principale pericolo per il futuro della democrazia italiana sta proprio in questa matassa. Ci siamo persi nella foresta dei vecchi partiti, mentre l’albero di un nuovo partito autoritario cresce – e presto governerà - al di sopra delle nostre teste.

 

                                                                  (“Il Mattino”, 2 aprile 2017)

03/04/2017 16:19:14
comments powered by Disqus
18.01.2018
Egidio Zacheo
1. - La ricorrenza dell' 80° anniversario della morte di Antonio Gramsci va colta come una opportunità per cercare di capire il nostro Paese, le ragioni profonde delle nostre difficoltà, dei nostri ritardi politici e civili. Conveniamo tutti sul fatto che dobbiamo ripensare la...
 
18.01.2018
Giancarlo Patrucco
Quando frequentavo le scuole elementari (tempi che furono, purtroppo), ci andavo volentieri perché il cortile di casa mia mi stava stretto. Neanche un bambino con cui giocare, mentre di faccia ce n’era una casa piena. Urla e risate si sentivano tutt’intorno, ma mia madre era inflessibile: vietato attraversare...
18.01.2018
Mauro Calise
Bisogna leggerle tre volte le proiezioni Ipsos sul Corriere. E poi una quarta. Ma, per chi si occupa di questi numeri da una vita, resta un mistero come sia stato possibile inventare - in zona Cesarini - una legge che resuscitasse il centrodestra. Mettesse con le spalle al muro il Pd. Lasciasse in pista...
 
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
 
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
 
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
 
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.