Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Lo strabismo della democrazia al tempo dei partiti personali
Mauro Calise

Ci sono due vicende parallele, nell’orticello della politica italiana, che la dicono lunga sul destino – sempre più incerto – della nostra democrazia. Una è fin troppo visibile, e occuperà – con polemiche, strascichi e ricorsi – i notiziari dei prossimi giorni. Riguarda il congresso del Pd. L’ultimo partito sopravvissuto alla grande stagione, ormai al tramonto, delle organizzazioni di massa. Un fenomeno che andrebbe seguito con l’attenzione che – in altri campi – dedichiamo alle specie in via di estinzione. Non dico con gratitudine, una virtù che non esiste in politica. Ma almeno con la consapevolezza che si tratta dell’unico organismo – di un qualche peso – in cui è ancora possibile dibattere dei programmi futuri, confrontarsi e sfidarsi apertamente, contare in modo trasparente i risultati, e decretare il vincitore secondo regole riconosciute da tutti. Anche da coloro che non fanno parte di quel partito. Insomma, indipendentemente dal fatto che ci stia più simpatico Renzi, o Orlando o Emiliano, o che piuttosto li detestiamo tutti e tre, dovremmo tutti celebrare questo evento come un segnale di tenuta del nostro sgangherato edificio democratico. Tanto più prezioso perché, ormai, unico nel panorama dell’intero sistema politico. Semmai ci saranno altre primarie, riguarderanno protagonisti ininfluenti. E di contro, per quelli più importanti, possiamo essere ben certi che, invece, primarie vere non ci saranno.

Col che veniamo alla seconda vicenda, quella che riguarda i due processi – uno civile, l’altro penale – che investono i Cinquestelle a Genova, per le denunce intentate ai vertici dalla candidata spodestata con atto monocratico da Grillo dalla competizione a sindaco. I profili giuridici del caso sono in bilico tra Kafka e Ionescu. Il presidente del Tribunale, incaricato di istruire la causa, ha, infatti, dichiarato che aspetta di leggere il fascicolo per capire come procedere. Al momento, parole testuali, non saprebbe se il M5S andrebbe considerato «come un partito, associazione alla pari di un sindacato, una pro-loco o una bocciofila». Il che, tradotto per il cittadino comune, significa che, alle prossime elezioni, noi potremmo ritrovarci al governo un gruppo che – nella patria del diritto romano – è, al suo interno, regolamentato come una qualunque bocciofila di paese. Anzi, di un piccolo paese. Visto che le cronache recenti delle comunarie – il termine fastoso con cui i grillini hanno battezzato le loro consultazioni online per la scelta del candidato sindaco – ci dicono che la partita a Piacenza si è chiusa per 59 a 31, mentre quella – molto più partecipata – di Padova ha segnato il trionfo del vincente per ben 108 a 48. Per completare l’informazione sulla quantità e qualità della democrazia dei Cinquestelle, è importante che il lettore sappia che un punto dirimente nella sfida tra i ricorrenti genovesi e il Garante riguarda la lettera maiuscola. Sembra infatti – non è una barzelletta – che, per difendersi da eventuali ricorsi, Grillo abbia messo una V maiuscola nel MoVimento di cui è intestatario insieme a suo nipote Enrico e al suo commercialista di fiducia. In modo da non confonderlo con quello, munito di una sola minuta lettera minuscola, che è invece in campo per prendere voti.

Dunque, a voler tirar le conclusioni, queste due vicende parallele sulla democrazia dei partiti in Italia mostrano, da una parte, il Pd impegnato con decine di migliaia di militanti nel primo round di una competizione di massa per scegliere il proprio leader, con il secondo previsto il 30 aprile con - almeno - un milione di votanti. Dall’altra ci sono i Cinquestelle, impigliati in una serie di processi per sbrogliare le candidature decise da qualche decina di iscritti, su un server le cui chiavi rimangono ben salde – e secretate – nelle mani di una aziendina privata. Bene, che cosa pensate che accadrà nei prossimi giorni? Vi aspettate che ci sia finalmente non dico una sollevazione popolare ma almeno un robusto e duraturo moto di indignazione e di opinione contro il protrarsi della dittatura di Grillo sul suo partito personale? O, invece, c’è qualche lettore così ingenuo da prevedere che il can can dei media stampati, e ancor più di quelli televisivi, si concentrerà su qualche lite immancabile tra i candidati Pd, per contestare qualche zerovirgola e guastare la festa al vincitore? Con in più la ciliegina sulla torta, che i grillini – dai loro blog e dai microfoni che sempre li inseguono – spareranno a zero sul sistema mediocratico che li tartassa. Forse, il principale pericolo per il futuro della democrazia italiana sta proprio in questa matassa. Ci siamo persi nella foresta dei vecchi partiti, mentre l’albero di un nuovo partito autoritario cresce – e presto governerà - al di sopra delle nostre teste.

 

                                                                  (“Il Mattino”, 2 aprile 2017)

03/04/2017 16:19:14
comments powered by Disqus
20.05.2017
Franco Livorsi
E’ bello interloquire su “Città Futura on-line”, che è rimasto uno dei pochi luoghi di discussione tra famiglie diverse della sinistra, che solitamente sanno solo combattersi come cani e gatti (anche se pure noi civesfuturi, quanto a contrasti “in famiglia”, quando ci mettiamo non scherziamo)....
 
18.05.2017
Filippo Boatti
Questo fine settimana (19-20-21 maggio) la nuova formazione politica “Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista” terrà la sua prima convention programmatica “Fondamenta” a Milano. Nell’attesa di conoscere quali saranno dunque i “fondamentali” o le basi su cui tale nuova formazione della Sinistra...
13.05.2017
Alfio Brina
“Quando la realtà non può più essere nascosta – scrive l’economista Bini Smaghi, citando Umberto Eco e Guido Carli, - rimane un’ultima cartuccia da sparare, quella del complotto esterno e del capro espiatorio, così tutti cavalcano l’idea che l’Italia sia nelle condizioni in cui...
 
13.05.2017
redazione
Pensando di dare un contributo al dibattito sulla questione occupazionale, proponiamo un articolo comparso sulla rivista online “Economiaepolitica” tra i cui autori ritroviamo alcuni professori dell’UPO. Gli autori dell’articolo partendo dal dato che gli occupati nel settore pubblico sono in Italia...
09.05.2017
Pier Luigi Cavalchini
Un “Settanta per Cento” che dà forza…​Difficile capire quali saranno le linee guida della prossima strategia renziana. Di certo esce da un successo “doppio”, ottenuto grazie alle “primarie”. Prima di tutto per il risultato (il 70 per cento è davvero ragguardevole) poi per la dimostrazione di forza e...
 
04.05.2017
Carlo Viscardi
Caro Livorsi ho letto…e riletto con attenzione il tuo pezzo su Città futura : e, a parte qualche piccola precisazione storica “ …un PD fondato da Veltroni..(?) ” da parte di chi c’era e non da osservatore…!, penso che l’approccio del ragionamento sviluppato anche con dovizia di dati sia sostanzialmente...
03.05.2017
Alfio Brina
Domenica 30 aprile, 1 milione e 848.658 cittadini si sono recati ai gazebo per eleggere il Segretario nazionale del PD. Matteo Renzi ha ottenuto 1 milione e 283.389 voti, il 70,01%; Andrea Orlando 357.526 voti, il 19,5%: Michele Emiliano 192.219 voti, il 10,49%. Domenica 7 maggio, l’Assemblea nazionale...
 
03.05.2017
Alfredo Somoza
Molto probabilmente Marine Le Pen non aveva previsto di poter avere un concorrente a sinistra capace di affermarsi nella sua stessa fascia di elettorato e con gli stessi suoi cavalli di battaglia, tranne quello dell’immigrazione. La novità rappresentata da Jean-Luc Mélenchon al primo turno delle presidenziali...
03.05.2017
Stefano Montefiori °
Lo scrittore Edouard Louis: «Mio padre operaio per sentirsi vivo sceglieva Le Pen» «Ma io voterò contro Marine». La sinistra? «Ha smesso di difendere i deboli, e si è occupata al massimo di come gestirli all’interno del mercato»shadowLo scrittore francese Édouard Louis risponde da New York dove sta...
 
03.05.2017
Patrizia Nosengo
Non amo i vincitori, soprattutto quelli che non fanno prigionieri. Vi è qualcosa di moralmente riprovevole nella vittoria, se non altro per la possibilità ch’essa consente di esercitare illimitatamente la volontà di potenza. Ho parteggiato - come tutti, credo, anzi spero - per Patroclo, quando per...
Segnali
ALESSANDRIA GREEN WEEK Natura e Dintorni al Giardino Botanico 19-26 MAGGIO 2017 Ritorna, con la sua terza...
Venerdì 26 maggio ore 21 Sala Conferenze dell’Enoteca Comunale Convegno dal titolo La guerra senza...
venerdi' 26 maggio 2017, alle ore 21, Sala Zandrino - Teatro Comunale Alessandria presentazione del film...
27-28 maggio 2017 - un week-end in cascina, tra le risaie… in riva al Po a Morano Torna anche quest’anno...
Domenica 28 Maggio alle ore 10 alla Soms Cristo in corso Acqui assemblea aperta a tutti con il Sindaco...
lunedì 29 maggio prossimo alle ore 18. presso la Libreria Mondadori di Alessandria presentazione del libro "L'Ammerikano"...
lunedì 29 maggio alle 17,30 Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 15121 Alessandria ultimo appuntamento della...
il 26 Maggio alle ore 21 presso la sede della Casa di Quartiere in Via Verona 116 ad Alessandria. Rifondazione...
Domenica 28 maggio presso il Museo Etnografico della Gambarina un nuovo concerto di Musicalia, con...
Sabato 27 maggio ore 17 Palazzo Callori Vignale Monferrato Presentazione del libro Chi ha paura di...
L’Associazione SpazioIdea, la Libreria Fissore e l'Associazione La Voce della Luna, in collaborazione...
Domenica 28 Maggio 2017 - ore 17,00 Teatro Comunale di Alessandria Happydemìa - anteprima spettacolo...
Sabato 27 maggio 2017 alle ore 17.00 nella Sala Bobbio della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di...
Programmazione Cinema Teatro Macallè - Alessandria, Castelceriolo Da Venerdì 26 a Martedì 30 Maggio 2017...
il 2 giugno a Lu Monferrato alle ore 19.00 nella piazza dedicata al generale "Luigi Gherzi", torna...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.