Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
i "Verdi" per una vera riforma del Parchi
Coordinamento Verdi Piemonte
 Riforma aree protette: i VERDI PIEMONTESI per una vera tutela del territorio a partire dai Parchi.

E’ stata approvata dal Senato la riforma della legge 394/91 che riguarda le Aree Protette e ora è approdata alla Camera. I VERDI piemontesi, nel cui territorio insistono 2 Parchi Nazionali e 94 aree protette, esprimono grande preoccupazione per i contenuti della riforma.

Nel 1991 il nostro Paese si è dotato di una normativa organica e unitaria con una visione globale di beni preziosi da proteggere come ecosistemi ancora incontaminati,  la biodiversità, l’acqua, i boschi, il paesaggio.

17 associazioni ambientaliste e centinaia di esperti e uomini di cultura hanno criticato una riforma che va nella direzione opposta agli obiettivi di protezione e salvaguardia dell’ambiente naturale e contraddice gli articoli 9 e 32 della Costituzione che attribuiscono allo Stato il compito di proteggere il Paesaggio e la salute delle persone che potrebbero essere danneggiate dal depauperamento ambientale.

Le modifiche apportate alla 394/91 non  colgono il senso costituzionale che vede la tutela della natura in capo allo Stato e la trasferisce verso il livello locale.

La riforma non prevede competenze specifiche per direttori e presidenti dei Parchi togliendo la competenza della nomina al Ministero e attribuendola al Consiglio direttivo del Parco.

Il Consiglio direttivo prevede la presenza di portatori di interessi specifici e non generali come deve essere. Non vengono definiti strumenti di partecipazione dei cittadini né la previsione di comitati scientifici.

Le risorse stanziate per le 23 perle naturalistiche del Paese sono irrisorie, meno di quanto occorre per costruire un km della variante di valico  Bologna Firenze.

La riforma non valorizza il ruolo delle aree protette come strumento efficace per la difesa della biodiversità e non chiarisce il ruolo che deve svolgere la Comunità del Parco. Un testo che doveva rafforzare il ruolo e le competenze dello Stato centrale nella gestione delle aree marine protette, ma che in realtà continua a lasciare questo settore nell’incertezza e senza risorse adeguate.

. Un sistema di “royalties” che, pur legato ad infrastrutture ad alto impatto già esistenti, deve essere modificato per evitare di condizionare e mettere sotto ricatto i futuri pareri che gli enti parco su queste dovranno rilasciare;


·
Controllo della fauna selvatica da parte dei cacciatori, che devono avere conseguito un'idonea abilitazione. Cio’ potrebbe acuire le pressioni del mondo venatorio

· L’istituzione di un fantomatico Parco del Delta del Po senza che venga definito se si tratti o meno di un parco nazionale, quando peraltro la costituzione di questo, come Parco Nazionale, è già oggi obbligatoria ai sensi dalla legge vigente

· Non si vietano le esercitazioni militari nei parchi e nei siti natura 2000;

· Non si garantisce il passaggio delle Riserve naturali dello Stato, del personale e delle risorse impegnate ai parchi;

Sono alcuni dei motivi che fanno di questa riforma una riforma sbagliata, incapace di dare soluzioni ai problemi delle Aree Protette, ma addirittura tale da avvicinare troppo sino a sovrapporre pericolosamente i portatori d’interesse con i soggetti preposti alla tutela, svilendo la missione primaria delle aree protette e mettendole in ulteriore sofferenza. Alla luce di ciò, gli elementi utili introdotti dalla riforma, soprattutto in termini di pianificazione, di classificazione e gestione dei siti della rete Natura 2000, di considerazione dei servizi ecosistemici, appaiono sostanzialmente depotenziati.

A venticinque anni dalla sua approvazione, il Senato, snaturandone i presupposti, approva modifiche inadeguate alla legge sulle aree protette che ha garantito la conservazione della natura e la salvezza di una parte cospicua del territorio italiano. La questione ora si sposta alla Camera dei Deputati. I VERDI faranno di tutto per far capire che la protezione della natura è una risorsa e una ricchezza che il nostro Paese non può più permettersi di compromettere ulteriormente.

A tal proposito il Coordinamento dei VERDI ECOLOGISTI E CIVICI del Piemonte intende promuovere un Convegno per affrontare le problematiche emerse con la nuova proposta di legge.

 

03/04/2017 23:59:39
comments powered by Disqus
21.09.2017
Mauro Calise
Sul passo indietro – non più di lato – di Beppe Grillo non ci sono spiegazioni. Almeno, di quelle credibili. Cioè, spiegazioni politiche. Per ora, l’attenzione dei media si è concentrata sulle reazioni interne. Che sono tra il perplesso e l’allarmato. Il che, per un movimento abituato a discutere in...
 
16.09.2017
Alfio Brina
E’ col Bilancio 2013 che lo Stato ha previsto stanziamenti per mettere in sicurezza il territorio del nostro paese, ma comuni e regioni sono in ritardo nel presentare i progetti. Poi arrivano i temporali, i torrenti ed i canali di scolo delle acque sono intasati, le vie cittadine si inondano, le case...
13.09.2017
Filippo Boatti
Il disegno di legge sul cosiddetto Ius Soli fu presentato alla Camera dei Deputati nel 2015 ed è poi a lungo rimasto inattivo. Ripescato poi dal governo Gentiloni nella primavera del 2017 su input renziano e buttato ingenerosamente nella disputa elettorale in vista delle elezioni amministrative. Il dibattito...
 
12.09.2017
Mauro Calise
In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della...
12.09.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre...
 
03.09.2017
Michele Filiippo Fontefrancesco
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no. Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese...
21.08.2017
Domenico Ravetti
Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.Si risponde: “Federalismo Comunale”L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto...
 
20.08.2017
Giuseppe Spedicato
Tutti sappiamo che il nostro paese non è un paese per i giovani. Abbiamo un esercito di giovani disoccupati ed un altro esercito di giovani che non frequentano scuole di nessun tipo e non svolgono nessun tipo di lavoro. Nel Sud la situazione è ancora più grave. A tutto ciò si aggiunge un impressionante...
13.08.2017
Mauro Calise (*)
Cercando la bottiglia mezza piena, è una fortuna che ci siano a novembre le elezioni regionali in Sicilia. Nel caos politico in cui ci ritroviamo, la tenzone per Palazzo D’Avalos offre la possibilità di provare uno schema di gioco – tradotto in politichese: di alleanze - per vedere l’effetto che...
 
12.08.2017
Agostino Spataro
A proposito di Argentina e non solo. Caro Rodolfo (1), come sai, nel 2015 mi recai in Argentina per seguire le elezioni presidenziali e ritornai con una brutta impressione a proposito del ruolo svolto da certa "sinistra" pura e dura - a mio parere- parolaia e velleitaria. Che cosa successe? Maurizio...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.