Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
i "Verdi" per una vera riforma del Parchi
Coordinamento Verdi Piemonte
 Riforma aree protette: i VERDI PIEMONTESI per una vera tutela del territorio a partire dai Parchi.

E’ stata approvata dal Senato la riforma della legge 394/91 che riguarda le Aree Protette e ora è approdata alla Camera. I VERDI piemontesi, nel cui territorio insistono 2 Parchi Nazionali e 94 aree protette, esprimono grande preoccupazione per i contenuti della riforma.

Nel 1991 il nostro Paese si è dotato di una normativa organica e unitaria con una visione globale di beni preziosi da proteggere come ecosistemi ancora incontaminati,  la biodiversità, l’acqua, i boschi, il paesaggio.

17 associazioni ambientaliste e centinaia di esperti e uomini di cultura hanno criticato una riforma che va nella direzione opposta agli obiettivi di protezione e salvaguardia dell’ambiente naturale e contraddice gli articoli 9 e 32 della Costituzione che attribuiscono allo Stato il compito di proteggere il Paesaggio e la salute delle persone che potrebbero essere danneggiate dal depauperamento ambientale.

Le modifiche apportate alla 394/91 non  colgono il senso costituzionale che vede la tutela della natura in capo allo Stato e la trasferisce verso il livello locale.

La riforma non prevede competenze specifiche per direttori e presidenti dei Parchi togliendo la competenza della nomina al Ministero e attribuendola al Consiglio direttivo del Parco.

Il Consiglio direttivo prevede la presenza di portatori di interessi specifici e non generali come deve essere. Non vengono definiti strumenti di partecipazione dei cittadini né la previsione di comitati scientifici.

Le risorse stanziate per le 23 perle naturalistiche del Paese sono irrisorie, meno di quanto occorre per costruire un km della variante di valico  Bologna Firenze.

La riforma non valorizza il ruolo delle aree protette come strumento efficace per la difesa della biodiversità e non chiarisce il ruolo che deve svolgere la Comunità del Parco. Un testo che doveva rafforzare il ruolo e le competenze dello Stato centrale nella gestione delle aree marine protette, ma che in realtà continua a lasciare questo settore nell’incertezza e senza risorse adeguate.

. Un sistema di “royalties” che, pur legato ad infrastrutture ad alto impatto già esistenti, deve essere modificato per evitare di condizionare e mettere sotto ricatto i futuri pareri che gli enti parco su queste dovranno rilasciare;


·
Controllo della fauna selvatica da parte dei cacciatori, che devono avere conseguito un'idonea abilitazione. Cio’ potrebbe acuire le pressioni del mondo venatorio

· L’istituzione di un fantomatico Parco del Delta del Po senza che venga definito se si tratti o meno di un parco nazionale, quando peraltro la costituzione di questo, come Parco Nazionale, è già oggi obbligatoria ai sensi dalla legge vigente

· Non si vietano le esercitazioni militari nei parchi e nei siti natura 2000;

· Non si garantisce il passaggio delle Riserve naturali dello Stato, del personale e delle risorse impegnate ai parchi;

Sono alcuni dei motivi che fanno di questa riforma una riforma sbagliata, incapace di dare soluzioni ai problemi delle Aree Protette, ma addirittura tale da avvicinare troppo sino a sovrapporre pericolosamente i portatori d’interesse con i soggetti preposti alla tutela, svilendo la missione primaria delle aree protette e mettendole in ulteriore sofferenza. Alla luce di ciò, gli elementi utili introdotti dalla riforma, soprattutto in termini di pianificazione, di classificazione e gestione dei siti della rete Natura 2000, di considerazione dei servizi ecosistemici, appaiono sostanzialmente depotenziati.

A venticinque anni dalla sua approvazione, il Senato, snaturandone i presupposti, approva modifiche inadeguate alla legge sulle aree protette che ha garantito la conservazione della natura e la salvezza di una parte cospicua del territorio italiano. La questione ora si sposta alla Camera dei Deputati. I VERDI faranno di tutto per far capire che la protezione della natura è una risorsa e una ricchezza che il nostro Paese non può più permettersi di compromettere ulteriormente.

A tal proposito il Coordinamento dei VERDI ECOLOGISTI E CIVICI del Piemonte intende promuovere un Convegno per affrontare le problematiche emerse con la nuova proposta di legge.

 

03/04/2017 23:59:39
comments powered by Disqus
20.04.2017
Franco Livorsi
Quattro Renzi. So bene che per molti uno basta e avanza. Ma qui io provo a fare un ragionamento su quel che è accaduto (“primo” Renzi), su quello che avrebbe potuto accadere (“secondo” Renzi), su quello che sta accadendo (“terzo” Renzi) e su quello che potrebbe ancora accadere (“quarto” Renzi). Propongo...
 
17.04.2017
Elvio Bombonato
Il presente articolo riprende e prosegue due miei precedenti: "Il primo conflitto di interessi" e "Perché votare no al Referendum Costituzionale" pubblicati entrambi su questo giornale, che proponevano di abolire tutti i vitalizi anche quelli in godimento; ridurre il numero delle Regioni; cancellare...
11.04.2017
Mauro Calise
Non bisogna stancarsi di ripeterlo. Di fronte alla deriva autoritaria della democrazia dei partiti segnalata dai Cinquestelle con il loro movimento personale, dinastico e virtuale. E col riaffacciarsi all’orizzonte dell’eterno ritorno di re Silvio, ormai privo di scettro ma comunque pronto a rimescolare...
 
03.04.2017
Coordinamento Verdi Piemonte
Riforma aree protette: i VERDI PIEMONTESI per una vera tutela del territorio a partire dai Parchi. E’ stata approvata dal Senato la riforma della legge 394/91 che riguarda le Aree Protette e ora è approdata alla Camera. I VERDI piemontesi, nel cui territorio insistono 2 Parchi Nazionali e 94 aree protette,...
03.04.2017
Mauro Calise
Ci sono due vicende parallele, nell’orticello della politica italiana, che la dicono lunga sul destino – sempre più incerto – della nostra democrazia. Una è fin troppo visibile, e occuperà – con polemiche, strascichi e ricorsi – i notiziari dei prossimi giorni. Riguarda il congresso del Pd. L’ultimo...
 
03.04.2017
Domenico Ravetti
Positivo il voto degli iscritti al PD a favore di Andrea Orlando​Verso le Primarie del 30 aprile Il voto degli iscritti al PD della provincia di Alessandria a favore di Andrea Orlando è molto positivo tant’è che questa è la provincia, insieme al VCO, dove Renzi raccoglie meno rispetto a tutte le altre...
03.04.2017
Federico Fornaro
(...) "Per prima cosa via capilista bloccati 'Non si farà perchè a Renzi, Berlusconi e Grillo piace Parlamento di nominati' Roma, 2 apr. (askanews) - " "Sulla legge elettorale PD e Forza Italia sono unite - in passato come adesso - nella difesa dei capilista bloccati, fino al punto di immaginare di esportarli...
 
28.03.2017
Filippo Orlando
Dopo il referendum del 4 dicembre mi pare sia chiaro che la situazione della sinistra italiana sia rimasta ingarbugliata e non soddisfacente, malgrado la battaglia per recuperare il concetto di ‘rappresentanza democratica’ e di difesa del fondamento strutturale della costituzione del 48’ abbia riattivato...
25.03.2017
Franco Livorsi
Giovedì 23 marzo l’ACSAL, in collaborazione con il Laboratorio dell’Istituto di Storia Politica e Istituzioni dell’Università Piemonte Orientale, ha organizzato in Alessandria un interessante dibattito sul tema: “Post-democrazia? – Le retoriche del populismo, del nazionalismo e del sovranismo nella...
 
23.03.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Nel linguaggio politico attuale, populismo è uno dei termini più usati. Si parla continuamente di leader populisti, partiti populisti e di pericolo populista. È singolare però che il termine sia impiegato quasi esclusivamente con un’accezione negativa. In quella che taluni considerano come l’epoca...
Segnali
Raggruppiamo in un unico segnale le comunicazioni relative alle varie iniziative che si tengono nelle diverse...
22 e 23 Aprile nei Giardini Pubblici di Alessandria, in corso Crimea, ottava edizione di FloreAle,...
L’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino e il Comune di Pecetto di Valenza...
domenica 23 aprile 2017 ore 17.00 Museo Etnografico “La Gambarina” Presentazione del libro "L'estate...
Domenica 23 aprile 2017 a Masio (AL) si terrà la consueta Sagra dei Subrich, tipiche frittatine di ortaggi. A...
Giovedì 27 aprile, ore 16,30 nell'aula 104 del del Dipartimento Giurisprudenza e Scienze Politiche,...
Gabriele Del Grande LIBERO SUBITO Sono diventati 48 mila i detenuti politici nelle carceri turche all’indomani...
In occasione del 25 aprile, anniversario della liberazione dell'Italia dalla dittatura fascista e dall’occupazione...
Dal 21 al 28 aprile l’ANPI Provinciale organizza la “Festa d'Aprile” Per visualizzare la locandina con...
Segnaliamo un articolo , pubblicato sulla rivista online economiaepolitica.it (http://www.economiaepolitica.it/la-rivista/ ). Link...
Domenica 12 marzo alle 21,15 prenderà avvio rassegna cinematografica "Spendori della Nouvelle Vague", presso...
STAGIONE 2016-2017 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO FILM DI UN MAESTRO DEL CINEMA ITALIANO ...
Da Venerdì 21 Aprile Il Cinema Teatro Macallè - Alessandria, Castelceriolo presenta "PERSONAL SHOPPER"...
giovedì 27 aprile alle 21.00 presso l’Auditorium San Baudolino (via Bonardi 3) andrà in scena per la prima...
Mercoledi 26 aprile ore 12 alla Cittadella di Alessandria incontro pubblico “Il recupero della Cittadella” con Sergio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.