Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
IL "PD" prigioniero delle primarie
Mauro Calise

Non bisogna stancarsi di ripeterlo. Di fronte alla deriva autoritaria della democrazia dei partiti segnalata dai Cinquestelle con il loro movimento personale, dinastico e virtuale. E col riaffacciarsi all’orizzonte dell’eterno ritorno di re Silvio, ormai privo di scettro ma comunque pronto a rimescolare – e a ridare – le carte. Le primarie del Pd rappresentano un’estrema, meritevolissima occasione di partecipazione di massa. L’ultimo scampolo di quel secolo breve dei partiti che è – purtroppo – alle nostre spalle. Ma proprio per questo trend inesorabile dei meccanismi di mobilitazione elettorale – sempre più frammentati, leaderistici e digitalizzati – le primarie si stanno confermando – come ha scritto Tommaso Cerno sull’Espresso - «un dispendio di energia politica enorme» che lascerà, sul tappeto, una sinistra più indebolita. E un partito ancora più diviso.

La conferma è nei messaggi incrociati dei tre aspiranti segretari, ieri alla convention dell’Ergife. Dove non si sono ascoltate rilevanti diversità programmatiche, ma si è letta – fin troppo chiaramente – la scenografia delle baruffe, e delle faide, cui assisteremo nei mesi a venire. Fino alle prossime elezioni, e anche oltre. Emiliano – coerentemente col fatto che era stato a un passo dall’addio – ha incentrato il proprio intervento sul recupero dei Cinquestelle. Una strategia che ha perseguito fin dai suoi esordi come governatore, e che trova una sponda esterna nella linea annunciata da Bersani. Il 30 aprile, difficilmente questa opzione raccoglierà molti consensi. Ma si possono facilmente immaginare i fuochi d’artificio che ne verranno quando in Parlamento comincerà la tratta dei voti per rabberciare la maggioranza. Allorquando il Pd sarà costretto a sbilanciarsi verso il centro o il centrodestra per supportare l’esecutivo, Emiliano sarà la sirena – e, all’occorrenza, il cavallo di Troia – dell’alternativa grillina.

Più incerto, almeno per il momento, il ruolo che si ritaglierà Orlando. Essendo stato per tre anni al governo, al fianco strettissimo di Renzi, il Guardasigilli fa fatica a spiegare cosa sia cambiato in pochi mesi da spingerlo a uno scontro frontale con il suo ex-premier. Salvo il fatto – su cui ieri ha insistito – che con il proporzionale c’è bisogno di metter mano a una strategia di alleanze più aperta e più inclusiva. Già. Ma il problema è che, conti alla mano, sappiamo già – salvo improbabili miracoli – che a sinistra non ci saranno i numeri per formare un nuovo esecutivo. E allora? Visto che lo spazio «scassatore» già lo ha occupato Emiliano e in quello «moderatore» cercherà di muoversi Renzi, Orlando che pesci intende prendere? La direzione più plausibile resta – come già altre volte preannunciato – quella di logorare Renzi dall’interno. Facendo da contrappunto ad ogni scelta troppo decisa o troppo ardita, e ribadendo la prospettiva di una riunificazione del Pd. Una opzione ideologica con un proprio richiamo nostalgico, anche quando sarà a tutti evidente che potrebbe cambiare un bel niente.

E’ questo il rischio che Renzi ha cercato di esorcizzare, tornando anche in questa occasione a enfatizzare l’esigenza che – dopo le primarie – tutto il partito si riconosca nella leadership del vincitore. Chiudendo la stagione delle recriminazioni – e scissioni. La lingua batte dove il dente duole. Renzi insiste su questo nodo, perché sa bene che non si scioglierà. Anzi, si aggroviglierà. La vittoria referendaria delle forze antimaggioritarie rappresenta, infatti, la rivincita storica contro la svolta che, nei primi anni novanta, aveva avviato anche l’Italia verso i lidi di una democrazia governante. Con un premier più forte e un leader egemone nel proprio campo politico. Questo, oggi, è alle nostre spalle. E non si vede come possa tornare. Renzi riuscirà, tutt’al più, a riconquistarsi un controllo alquanto saldo sul proprio partito. Ma non ha più uno strumento elettorale – e tanto meno un contesto culturale – per affermare stabilmente una linea e un perimetro di forze politiche che la appoggino al governo. Gli italiani avranno tutto il tempo per accorgersi del pantano in cui si sono cacciati bocciando la stagione delle riforme. Nel frattempo, però, è probabile che chi tenterà con più coraggio di tirarli fuori sarà il primo a farne le spese

 

                                                                         “Il Mattino”, 10 aprile 2017

11/04/2017 15:12:26
comments powered by Disqus
18.01.2018
Egidio Zacheo
1. - La ricorrenza dell' 80° anniversario della morte di Antonio Gramsci va colta come una opportunità per cercare di capire il nostro Paese, le ragioni profonde delle nostre difficoltà, dei nostri ritardi politici e civili. Conveniamo tutti sul fatto che dobbiamo ripensare la...
 
18.01.2018
Giancarlo Patrucco
Quando frequentavo le scuole elementari (tempi che furono, purtroppo), ci andavo volentieri perché il cortile di casa mia mi stava stretto. Neanche un bambino con cui giocare, mentre di faccia ce n’era una casa piena. Urla e risate si sentivano tutt’intorno, ma mia madre era inflessibile: vietato attraversare...
18.01.2018
Mauro Calise
Bisogna leggerle tre volte le proiezioni Ipsos sul Corriere. E poi una quarta. Ma, per chi si occupa di questi numeri da una vita, resta un mistero come sia stato possibile inventare - in zona Cesarini - una legge che resuscitasse il centrodestra. Mettesse con le spalle al muro il Pd. Lasciasse in pista...
 
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
 
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
 
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
 
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.