Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
IL "PD" prigioniero delle primarie
Mauro Calise

Non bisogna stancarsi di ripeterlo. Di fronte alla deriva autoritaria della democrazia dei partiti segnalata dai Cinquestelle con il loro movimento personale, dinastico e virtuale. E col riaffacciarsi all’orizzonte dell’eterno ritorno di re Silvio, ormai privo di scettro ma comunque pronto a rimescolare – e a ridare – le carte. Le primarie del Pd rappresentano un’estrema, meritevolissima occasione di partecipazione di massa. L’ultimo scampolo di quel secolo breve dei partiti che è – purtroppo – alle nostre spalle. Ma proprio per questo trend inesorabile dei meccanismi di mobilitazione elettorale – sempre più frammentati, leaderistici e digitalizzati – le primarie si stanno confermando – come ha scritto Tommaso Cerno sull’Espresso - «un dispendio di energia politica enorme» che lascerà, sul tappeto, una sinistra più indebolita. E un partito ancora più diviso.

La conferma è nei messaggi incrociati dei tre aspiranti segretari, ieri alla convention dell’Ergife. Dove non si sono ascoltate rilevanti diversità programmatiche, ma si è letta – fin troppo chiaramente – la scenografia delle baruffe, e delle faide, cui assisteremo nei mesi a venire. Fino alle prossime elezioni, e anche oltre. Emiliano – coerentemente col fatto che era stato a un passo dall’addio – ha incentrato il proprio intervento sul recupero dei Cinquestelle. Una strategia che ha perseguito fin dai suoi esordi come governatore, e che trova una sponda esterna nella linea annunciata da Bersani. Il 30 aprile, difficilmente questa opzione raccoglierà molti consensi. Ma si possono facilmente immaginare i fuochi d’artificio che ne verranno quando in Parlamento comincerà la tratta dei voti per rabberciare la maggioranza. Allorquando il Pd sarà costretto a sbilanciarsi verso il centro o il centrodestra per supportare l’esecutivo, Emiliano sarà la sirena – e, all’occorrenza, il cavallo di Troia – dell’alternativa grillina.

Più incerto, almeno per il momento, il ruolo che si ritaglierà Orlando. Essendo stato per tre anni al governo, al fianco strettissimo di Renzi, il Guardasigilli fa fatica a spiegare cosa sia cambiato in pochi mesi da spingerlo a uno scontro frontale con il suo ex-premier. Salvo il fatto – su cui ieri ha insistito – che con il proporzionale c’è bisogno di metter mano a una strategia di alleanze più aperta e più inclusiva. Già. Ma il problema è che, conti alla mano, sappiamo già – salvo improbabili miracoli – che a sinistra non ci saranno i numeri per formare un nuovo esecutivo. E allora? Visto che lo spazio «scassatore» già lo ha occupato Emiliano e in quello «moderatore» cercherà di muoversi Renzi, Orlando che pesci intende prendere? La direzione più plausibile resta – come già altre volte preannunciato – quella di logorare Renzi dall’interno. Facendo da contrappunto ad ogni scelta troppo decisa o troppo ardita, e ribadendo la prospettiva di una riunificazione del Pd. Una opzione ideologica con un proprio richiamo nostalgico, anche quando sarà a tutti evidente che potrebbe cambiare un bel niente.

E’ questo il rischio che Renzi ha cercato di esorcizzare, tornando anche in questa occasione a enfatizzare l’esigenza che – dopo le primarie – tutto il partito si riconosca nella leadership del vincitore. Chiudendo la stagione delle recriminazioni – e scissioni. La lingua batte dove il dente duole. Renzi insiste su questo nodo, perché sa bene che non si scioglierà. Anzi, si aggroviglierà. La vittoria referendaria delle forze antimaggioritarie rappresenta, infatti, la rivincita storica contro la svolta che, nei primi anni novanta, aveva avviato anche l’Italia verso i lidi di una democrazia governante. Con un premier più forte e un leader egemone nel proprio campo politico. Questo, oggi, è alle nostre spalle. E non si vede come possa tornare. Renzi riuscirà, tutt’al più, a riconquistarsi un controllo alquanto saldo sul proprio partito. Ma non ha più uno strumento elettorale – e tanto meno un contesto culturale – per affermare stabilmente una linea e un perimetro di forze politiche che la appoggino al governo. Gli italiani avranno tutto il tempo per accorgersi del pantano in cui si sono cacciati bocciando la stagione delle riforme. Nel frattempo, però, è probabile che chi tenterà con più coraggio di tirarli fuori sarà il primo a farne le spese

 

                                                                         “Il Mattino”, 10 aprile 2017

11/04/2017 15:12:26
comments powered by Disqus
21.09.2017
Mauro Calise
Sul passo indietro – non più di lato – di Beppe Grillo non ci sono spiegazioni. Almeno, di quelle credibili. Cioè, spiegazioni politiche. Per ora, l’attenzione dei media si è concentrata sulle reazioni interne. Che sono tra il perplesso e l’allarmato. Il che, per un movimento abituato a discutere in...
 
16.09.2017
Alfio Brina
E’ col Bilancio 2013 che lo Stato ha previsto stanziamenti per mettere in sicurezza il territorio del nostro paese, ma comuni e regioni sono in ritardo nel presentare i progetti. Poi arrivano i temporali, i torrenti ed i canali di scolo delle acque sono intasati, le vie cittadine si inondano, le case...
13.09.2017
Filippo Boatti
Il disegno di legge sul cosiddetto Ius Soli fu presentato alla Camera dei Deputati nel 2015 ed è poi a lungo rimasto inattivo. Ripescato poi dal governo Gentiloni nella primavera del 2017 su input renziano e buttato ingenerosamente nella disputa elettorale in vista delle elezioni amministrative. Il dibattito...
 
12.09.2017
Mauro Calise
In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della...
12.09.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre...
 
03.09.2017
Michele Filiippo Fontefrancesco
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no. Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese...
21.08.2017
Domenico Ravetti
Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.Si risponde: “Federalismo Comunale”L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto...
 
20.08.2017
Giuseppe Spedicato
Tutti sappiamo che il nostro paese non è un paese per i giovani. Abbiamo un esercito di giovani disoccupati ed un altro esercito di giovani che non frequentano scuole di nessun tipo e non svolgono nessun tipo di lavoro. Nel Sud la situazione è ancora più grave. A tutto ciò si aggiunge un impressionante...
13.08.2017
Mauro Calise (*)
Cercando la bottiglia mezza piena, è una fortuna che ci siano a novembre le elezioni regionali in Sicilia. Nel caos politico in cui ci ritroviamo, la tenzone per Palazzo D’Avalos offre la possibilità di provare uno schema di gioco – tradotto in politichese: di alleanze - per vedere l’effetto che...
 
12.08.2017
Agostino Spataro
A proposito di Argentina e non solo. Caro Rodolfo (1), come sai, nel 2015 mi recai in Argentina per seguire le elezioni presidenziali e ritornai con una brutta impressione a proposito del ruolo svolto da certa "sinistra" pura e dura - a mio parere- parolaia e velleitaria. Che cosa successe? Maurizio...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.