Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
IL "PD" prigioniero delle primarie
Mauro Calise

Non bisogna stancarsi di ripeterlo. Di fronte alla deriva autoritaria della democrazia dei partiti segnalata dai Cinquestelle con il loro movimento personale, dinastico e virtuale. E col riaffacciarsi all’orizzonte dell’eterno ritorno di re Silvio, ormai privo di scettro ma comunque pronto a rimescolare – e a ridare – le carte. Le primarie del Pd rappresentano un’estrema, meritevolissima occasione di partecipazione di massa. L’ultimo scampolo di quel secolo breve dei partiti che è – purtroppo – alle nostre spalle. Ma proprio per questo trend inesorabile dei meccanismi di mobilitazione elettorale – sempre più frammentati, leaderistici e digitalizzati – le primarie si stanno confermando – come ha scritto Tommaso Cerno sull’Espresso - «un dispendio di energia politica enorme» che lascerà, sul tappeto, una sinistra più indebolita. E un partito ancora più diviso.

La conferma è nei messaggi incrociati dei tre aspiranti segretari, ieri alla convention dell’Ergife. Dove non si sono ascoltate rilevanti diversità programmatiche, ma si è letta – fin troppo chiaramente – la scenografia delle baruffe, e delle faide, cui assisteremo nei mesi a venire. Fino alle prossime elezioni, e anche oltre. Emiliano – coerentemente col fatto che era stato a un passo dall’addio – ha incentrato il proprio intervento sul recupero dei Cinquestelle. Una strategia che ha perseguito fin dai suoi esordi come governatore, e che trova una sponda esterna nella linea annunciata da Bersani. Il 30 aprile, difficilmente questa opzione raccoglierà molti consensi. Ma si possono facilmente immaginare i fuochi d’artificio che ne verranno quando in Parlamento comincerà la tratta dei voti per rabberciare la maggioranza. Allorquando il Pd sarà costretto a sbilanciarsi verso il centro o il centrodestra per supportare l’esecutivo, Emiliano sarà la sirena – e, all’occorrenza, il cavallo di Troia – dell’alternativa grillina.

Più incerto, almeno per il momento, il ruolo che si ritaglierà Orlando. Essendo stato per tre anni al governo, al fianco strettissimo di Renzi, il Guardasigilli fa fatica a spiegare cosa sia cambiato in pochi mesi da spingerlo a uno scontro frontale con il suo ex-premier. Salvo il fatto – su cui ieri ha insistito – che con il proporzionale c’è bisogno di metter mano a una strategia di alleanze più aperta e più inclusiva. Già. Ma il problema è che, conti alla mano, sappiamo già – salvo improbabili miracoli – che a sinistra non ci saranno i numeri per formare un nuovo esecutivo. E allora? Visto che lo spazio «scassatore» già lo ha occupato Emiliano e in quello «moderatore» cercherà di muoversi Renzi, Orlando che pesci intende prendere? La direzione più plausibile resta – come già altre volte preannunciato – quella di logorare Renzi dall’interno. Facendo da contrappunto ad ogni scelta troppo decisa o troppo ardita, e ribadendo la prospettiva di una riunificazione del Pd. Una opzione ideologica con un proprio richiamo nostalgico, anche quando sarà a tutti evidente che potrebbe cambiare un bel niente.

E’ questo il rischio che Renzi ha cercato di esorcizzare, tornando anche in questa occasione a enfatizzare l’esigenza che – dopo le primarie – tutto il partito si riconosca nella leadership del vincitore. Chiudendo la stagione delle recriminazioni – e scissioni. La lingua batte dove il dente duole. Renzi insiste su questo nodo, perché sa bene che non si scioglierà. Anzi, si aggroviglierà. La vittoria referendaria delle forze antimaggioritarie rappresenta, infatti, la rivincita storica contro la svolta che, nei primi anni novanta, aveva avviato anche l’Italia verso i lidi di una democrazia governante. Con un premier più forte e un leader egemone nel proprio campo politico. Questo, oggi, è alle nostre spalle. E non si vede come possa tornare. Renzi riuscirà, tutt’al più, a riconquistarsi un controllo alquanto saldo sul proprio partito. Ma non ha più uno strumento elettorale – e tanto meno un contesto culturale – per affermare stabilmente una linea e un perimetro di forze politiche che la appoggino al governo. Gli italiani avranno tutto il tempo per accorgersi del pantano in cui si sono cacciati bocciando la stagione delle riforme. Nel frattempo, però, è probabile che chi tenterà con più coraggio di tirarli fuori sarà il primo a farne le spese

 

                                                                         “Il Mattino”, 10 aprile 2017

11/04/2017 15:12:26
comments powered by Disqus
19.11.2017
Franco Livorsi
Avendo scritto qui, il 19 ottobre, un lungo articolo - che a quanto pare è stato non poco letto - intitolato “La congiura dei pazzi” - sulla pervicace volontà delle diverse fazioni della sinistra, da Bersani a Renzi, di seguitare a combattersi senza quartiere anche mentre la casa della sinistra, e...
 
18.11.2017
Simona Maggiorelli (")
Anche alla luce della discussione di venerdì allego per il sito di "Città Futura" la recensione del libro di Moni Ovadia: "Il coniglio Hitler e il cilindro del demagogo". Proposto da Renzo Penna ...... Più che dare risposte, Moni Ovadia, vuole sollevare domande, il più possibile, scomode. Nel...
12.11.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Indubbiamente in questo momento, in particolare alla luce della peculiare leggere elettorale varata dal parlamento, il Partito Democratico appare l’elemento politico necessario per permettere una coalizione di governo solida. D’altra parte il PD del 40% delle europee appare altrettanto un fatto concluso...
 
11.11.2017
Giuseppe Rinaldi
L’articolo che segue è stato scritto quasi un anno fa, su richiesta degli amici di Appunti Alessandrini, i quali mi chiedevano di commentare la allora recente scissione del PD. L’articolo era intitolato “Cosa resterà della scissione del Pd?”. Mi permetto di proporlo ora, con il titolo appena modificato,...
10.11.2017
Carlo Patrignani
Dopo la bella discussione dell'incontro di oggi (10 novembre 2017) presso la sede dell'associazione CittaFutura di Alessandria, un suggerimento del civis Filippo Boatti. Viene ripresa la riflessione sui valori / significati dell'impegno in politica.... Da noi fiumi di parole sul fascismo di ritorno,...
 
07.11.2017
Marco Ciani (a cura di)
Pubblichiamo di seguito l’ampia intervista di Marco Ciani a Franco Livorsi, già professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. L’intervista è comparsa su “Appunti Alessandrini” il 4 novembre 2017. Il testo, in...
03.11.2017
Augusto Buscaglia
Lettera aperta: Al Sindaco di Casale Monferrato Al Presidente della Provincia di AlessandriaAl Presidente della Regione Piemonte Augusto BuscagliaIl quotidiano La Stampa di domenica 22 ottobre nelle edizioni di Asti e Cuneo dava notizia con giusto rilievo del via libera alla riapertura della tratta ferroviaria...
 
02.11.2017
Franco Livorsi
Sin da quando avevo vent’anni, all’inizio degli anni Sessanta, non c’era socialista di sinistra un poco colto che non dicesse - né dirigente comunista intelligente che non sussurrasse - che il regime sovietico era una forma di socialismo “degenerata”. Non uno dei miei amici di quel tempo lontano...
31.10.2017
Mauro Calise
Come di consueto l'intervento del prof. Calise ci viene segnalato dal civis Franco Livorsi. La pubblicazione originale è, come spesso avviene quando interviene Mauro Calise, del "Mattino" di Napoli. Ecco il testo... ... A sentirlo, ieri, dal palco del suggestivo scenario napoletano, sembrava tornato...
 
31.10.2017
Paul Krugman
Il presente testo è stato suggerito da Giorgio Abonante, già Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria. E' stato pubblicato per la prima volta su "Il Sole 24 Ore" del 29 ottobre 2017. ... La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.