Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
L’Europa, l’Italia e l’operazione verità
Alfio Brina

                     

“Quando la realtà non può più essere nascosta – scrive l’economista Bini Smaghi, citando Umberto Eco e Guido Carli, - rimane un’ultima cartuccia da sparare, quella del complotto esterno e del capro espiatorio, così tutti cavalcano l’idea che l’Italia sia nelle condizioni in cui si trova per colpa dell’Europa”.

Abbiamo la stessa moneta degli altri paesi dell’unione monetaria, le stesse regole giuridiche, beneficiato dai tassi d’interesse calati sui minimi storici (che hanno ridotto l’onere del debito pubblico di 4 punti di Pil con un risparmio di circa 60 miliardi di euro ogni anno). Abbiamo beneficiato di un’interpretazione flessibile delle regole fiscali, nonché di una relativa “flessibilità” nella gestione del bilancio pubblico. Con il Quantitative Easing (chiamato anche alleggerimento quantitativo) abbiamo beneficiato di un intervento della BCE nell’acquisto dei Titoli del debito pubblico a tassi molto bassi.

Nonostante queste condizioni particolarmente favorevoli, il debito pubblico continua a lievitare oltre il 133% del Pil. Il Pil cresce ad un ritmo inferiore all’1% l’anno.

Nel biennio 2012-2013 gli investimenti nel nostro paese sono calati del 16%.

E’ evidente che l’Italia non riesce a tenere il passo degli altri partner europei.

Allora bisogna andare più in profondità e chiederci quali sono le cause che impediscono alla nostra economia di crescere ad un ritmo più elevato.

I FATTORI CHE FRENANO L’ATTIVITA’ ECONOMICA SONO A CASA NOSTRA.

Essi riguardano il contesto amministrativo, quello burocratico e giuridico, la scarsa concorrenza, la corruzione dilagante, l’arretratezza della pubblica istruzione, il ritardo degli investimenti pubblici, il sistema di sovvenzioni a favore di aziende decotte, l’ingolfamento del sistema bancario, la dimensione troppo piccola delle imprese che scoraggia la ricerca e lo sviluppo, l’assenza di meritocrazia, l’evasione fiscale dirompente.

In effetti, la struttura produttiva e sociale e di riflesso l’organizzazione sindacale del nostro paese è tutta costruita sulle corporazioni a difesa dell’esistente ed è estremamente difficile realizzare riforme capaci di modificare questi assetti. Basti pensare all’Alitalia, appesantita da forti esuberi di personale e da alti compensi retributivi che hanno portato a livelli d’indebitamento insostenibili. Ai Taxisti che non vogliono concorrenti di sorta. Ai commercianti, strozzati nella loro attività dal dilagare dei centri commerciali pur tuttavia determinati nel contrastare a livello locale ogni proposta di isola pedonale e di ammodernamento dell’assetto urbano delle città che favorirebbe il rifiorire delle stesse attività commerciali. Alla riforma della Pubblica Amministrazione: la legge Madia prevede l’accorpamento delle partecipate da circa 10 mila a 1.000, ma non si riesce a sbloccare questo grumo clientelare. Alla riforma della scuola dove il corpo insegnante è ostile al passaggio da un sistema retributivo basato sull’anzianità ad uno costruito sul merito. La legge nazionale e quella regionale incentivano l’accorpamento dei piccoli Municipi, le cui esigue dimensioni demografiche impedisce loro di far fronte a qualsiasi problema, ma anche lì la resistenza sembrano insuperabile.

Per non parlare dei vari comitati del NO: NO TAV. NO terzo valico. NO gasdotto in Puglia. NO impianti di smaltimento rifiuti.

Questa purtroppo è la realtà italiana. E allora, siamo così certi che le cause dei nostri mali siano da imputare solo all’Europa come continuano a blaterare i vari Salvini, Meloni e Di Maio? Siamo sicuri che la via salvifica vada ricercata in una nostra fuoriuscita dall’Euro e dall’Unione Europea per recuperare, dicono, la sovranità monetaria per poi svalutare la moneta? E poi con quali mezzi paghiamo il nostro debito e ci rapportiamo con i nostri interlocutori internazionali con i quali scambiamo, attraverso le esportazioni, le eccellenze della produzione agroalimentare, artigianale ed industriale del nostro paese?

La vittoria di Macron in Francia è un segno positivo, dopo il Brexit inglese e l’elezione di Trump a Presidente degli Stati Uniti. Il vento che negli ultimi tempi aveva gonfiato le vele degli antieuropeisti, dei populisti, degli xenofobi e dei demagoghi, inizia a mutare direzione. L’Europa che Macron ha in mente di trasformare insieme alla Merkel, punta al superamento della politica di austerità per rilanciare lo sviluppo economico del continente. Essa si basa, in ogni caso, su uno sviluppo ancorato alle riforme, da realizzare e non solo da annunciare, nonché al massimo rigore nei conti pubblici. Questa è la sfida vera che attende l’Italia nei prossimi mesi. Sfida che va affrontata con serietà e senza improvvisazioni.

 

                                                                               Alfio Brina

13/05/2017 22:07:17
comments powered by Disqus
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
 
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
 
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
 
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
 
23.12.2017
Franco Livorsi
Nox. Un nostro comune amico giorni fa, su queste stesse colonne, notava, in “Città Futura”, “una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti”, “con qualche particolare accentuazione nel Partito Democratico”. Va però notato che questa difficoltà d’intendersi non ha nulla a che fare...
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Venerdì 19 gennaio, a partire dalle ore 20.30 presso l'Associazione Cultura e Sviluppo di P.zza De Andrè...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.