Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
L’Europa, l’Italia e l’operazione verità
Alfio Brina

                     

“Quando la realtà non può più essere nascosta – scrive l’economista Bini Smaghi, citando Umberto Eco e Guido Carli, - rimane un’ultima cartuccia da sparare, quella del complotto esterno e del capro espiatorio, così tutti cavalcano l’idea che l’Italia sia nelle condizioni in cui si trova per colpa dell’Europa”.

Abbiamo la stessa moneta degli altri paesi dell’unione monetaria, le stesse regole giuridiche, beneficiato dai tassi d’interesse calati sui minimi storici (che hanno ridotto l’onere del debito pubblico di 4 punti di Pil con un risparmio di circa 60 miliardi di euro ogni anno). Abbiamo beneficiato di un’interpretazione flessibile delle regole fiscali, nonché di una relativa “flessibilità” nella gestione del bilancio pubblico. Con il Quantitative Easing (chiamato anche alleggerimento quantitativo) abbiamo beneficiato di un intervento della BCE nell’acquisto dei Titoli del debito pubblico a tassi molto bassi.

Nonostante queste condizioni particolarmente favorevoli, il debito pubblico continua a lievitare oltre il 133% del Pil. Il Pil cresce ad un ritmo inferiore all’1% l’anno.

Nel biennio 2012-2013 gli investimenti nel nostro paese sono calati del 16%.

E’ evidente che l’Italia non riesce a tenere il passo degli altri partner europei.

Allora bisogna andare più in profondità e chiederci quali sono le cause che impediscono alla nostra economia di crescere ad un ritmo più elevato.

I FATTORI CHE FRENANO L’ATTIVITA’ ECONOMICA SONO A CASA NOSTRA.

Essi riguardano il contesto amministrativo, quello burocratico e giuridico, la scarsa concorrenza, la corruzione dilagante, l’arretratezza della pubblica istruzione, il ritardo degli investimenti pubblici, il sistema di sovvenzioni a favore di aziende decotte, l’ingolfamento del sistema bancario, la dimensione troppo piccola delle imprese che scoraggia la ricerca e lo sviluppo, l’assenza di meritocrazia, l’evasione fiscale dirompente.

In effetti, la struttura produttiva e sociale e di riflesso l’organizzazione sindacale del nostro paese è tutta costruita sulle corporazioni a difesa dell’esistente ed è estremamente difficile realizzare riforme capaci di modificare questi assetti. Basti pensare all’Alitalia, appesantita da forti esuberi di personale e da alti compensi retributivi che hanno portato a livelli d’indebitamento insostenibili. Ai Taxisti che non vogliono concorrenti di sorta. Ai commercianti, strozzati nella loro attività dal dilagare dei centri commerciali pur tuttavia determinati nel contrastare a livello locale ogni proposta di isola pedonale e di ammodernamento dell’assetto urbano delle città che favorirebbe il rifiorire delle stesse attività commerciali. Alla riforma della Pubblica Amministrazione: la legge Madia prevede l’accorpamento delle partecipate da circa 10 mila a 1.000, ma non si riesce a sbloccare questo grumo clientelare. Alla riforma della scuola dove il corpo insegnante è ostile al passaggio da un sistema retributivo basato sull’anzianità ad uno costruito sul merito. La legge nazionale e quella regionale incentivano l’accorpamento dei piccoli Municipi, le cui esigue dimensioni demografiche impedisce loro di far fronte a qualsiasi problema, ma anche lì la resistenza sembrano insuperabile.

Per non parlare dei vari comitati del NO: NO TAV. NO terzo valico. NO gasdotto in Puglia. NO impianti di smaltimento rifiuti.

Questa purtroppo è la realtà italiana. E allora, siamo così certi che le cause dei nostri mali siano da imputare solo all’Europa come continuano a blaterare i vari Salvini, Meloni e Di Maio? Siamo sicuri che la via salvifica vada ricercata in una nostra fuoriuscita dall’Euro e dall’Unione Europea per recuperare, dicono, la sovranità monetaria per poi svalutare la moneta? E poi con quali mezzi paghiamo il nostro debito e ci rapportiamo con i nostri interlocutori internazionali con i quali scambiamo, attraverso le esportazioni, le eccellenze della produzione agroalimentare, artigianale ed industriale del nostro paese?

La vittoria di Macron in Francia è un segno positivo, dopo il Brexit inglese e l’elezione di Trump a Presidente degli Stati Uniti. Il vento che negli ultimi tempi aveva gonfiato le vele degli antieuropeisti, dei populisti, degli xenofobi e dei demagoghi, inizia a mutare direzione. L’Europa che Macron ha in mente di trasformare insieme alla Merkel, punta al superamento della politica di austerità per rilanciare lo sviluppo economico del continente. Essa si basa, in ogni caso, su uno sviluppo ancorato alle riforme, da realizzare e non solo da annunciare, nonché al massimo rigore nei conti pubblici. Questa è la sfida vera che attende l’Italia nei prossimi mesi. Sfida che va affrontata con serietà e senza improvvisazioni.

 

                                                                               Alfio Brina

13/05/2017 22:07:17
comments powered by Disqus
23.07.2017
Renzo Penna
Risulta totalmente inutile e un pò ipocrita, scandalizzarsi per i 30 milioni di liquidazione di Flavio Cattaneo per i 16 mesi da Amministratore delegato di Telecom Italia (62 mila euro al giorno), o fare battute sulla brava Sabrina Ferilli. Se questo è il sistema chi fa il manager si "tutela" per tempo....
 
19.07.2017
Alfio Brina
Il Piano Triton ha sostituito l’operazione “Mare nostrum” nel presidio dei flussi migranti. Entrato in funzione il 1° novembre del 2014, prevede contributi volontari da parte di 15 dei 28 paesi membri dell’UE. In questi anni i fondi che l’Italia ha ricevuto per la gestione dei flussi migratori sono...
18.07.2017
Filippo Fontefrancesco
A volte si rompono, i partiti come i rapporti umani. Leggere in questi giorni del dibattito romano, delle possibili frammentazioni all’orizzonte colpisce, un po’ per tedio, un po’ per dispiacere, un po’ per incredulità: tedio, perché dal 2007 il dibattito circa la tenuta del partito, delle varie sue...
 
18.07.2017
Mauro Calise
A leggere l’intervista al Mattino dell’ex-ispiratore e mattatore della Seconda repubblica al tramonto, potrebbero venire le traveggole. E’ possibile che Berlusconi continui a ripetere, come un disco rotto, gli slogan del bipolarismo, rifiutandosi di prendere atto che, con l’arrivo dei Cinquestelle,...
15.07.2017
Alfio Brina
CENTO MILA GLI AMMINISTRATORI DELLE VARIE AZIENDE OLTRE DUE MILIARDI DI EURO L’ANNO L’ONERE PER I LORO EMOLUMENTI L’Ires, il Centro studi della CGIL nazionale, ha pubblicato uno studio approfondito sulle società pubbliche presenti nel territorio nazionale. Le aziende partecipate sono società...
 
09.07.2017
Pier Carlo Lava
Un Governo responsabile per quanto riguarda la sicurezza e il lavoro, ha l’obbligo di tutelare prima i cittadini italiani. ... Alessandria: In passato i migranti extra comunitari che arrivavano nel nostro paese, in particolare per talune categorie di imprese che diversamente sarebbero state costrette...
06.07.2017
Agostino Spataro
"Per la cd “comunità internazionale”, il “valore” della Libia è dato, essenzialmente, dalle sue produzioni e riserve d’idrocarburi (le prime dell’Africa) che si trovano, prevalentemente, a est del Paese (fra la Cirenaica e il confine con l’Egitto). Per me la Libia (che ho avuto la ventura di conoscere...
 
06.07.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Lettera aperta al Segretario Nazionale Caro Segretario, anche a Valenza abbiamo appreso, sui giornali, le disposizioni relative al nuovo congresso dei circoli del nostro Partito; regole che cambiano un quadro, lo sconvolgono ridefinendo la base elettorale di un congresso che sarebbe dovuto essere...
06.07.2017
Antonio Lettieri
Dopo i catastrofici risultati che hanno abbattuto l’uno dopo l’altro i partiti socialisti europei, l’inatteso successo del Partito laburista è (o potrebbe essere ) una lezione e una boccata di ossigeno. Nella strategia del leader inglese non c’è niente di rivoluzionario. E’ solo una strategia politica di...
 
05.07.2017
Elvira Dragonia Vernengo
Ogni giorno un nuovo caso di omicidio che riguarda una donna vittima di Stalking.Firmate anche voi a sostegno della petizione: https://mail.google.com/mail/u/0/#inbox/15d12b0603b58904 ​Una lunga scia di sangue che non sembra volersi interrompere. È evidente, che leggi attuali pur buone vengono scavalcate...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
Il Comune di Alessandria con la collaborazione del Gruppo Amag presenta Note e Visioni - L'estate alessandrina...
Venerdì 28 luglio 2017 dalle ore21.00 Grand Hotel Nuove Terme – Acqui Terme Concerto duo pianistico Marco...
sabato 8 luglio alle ore 21​ad Ovada nell' Oratorio dell' Annunziata,dove si trova uno degli strumenti...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
Programma Proiezioni Cinema Macallè dal 21 al 25 Luglio 2017Venerdì 21 Luglio ore 21,30 UN TIRCHIO QUASI...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
Fino a Domenica 14 Gennaio 2018Musei Reali - Galleria Sabauda, Piazzetta Reale 1 Torino Un'imperdibile...
Parte la Campagna dell' "Aglio solidale" a sostegno delle vittime della città martire di Cizre, nel...
È disponibile il bando del Premio Adelio Ferrero 2017 (trentaquattresima edizione). Contemporaneamentesono...
Dal 13 luglio al 23 ottobre a Palazzo Madama Torino Le forme del paesaggio italiano, anche nella sua declinazione...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.