Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
L’Europa, l’Italia e l’operazione verità
Alfio Brina

                     

“Quando la realtà non può più essere nascosta – scrive l’economista Bini Smaghi, citando Umberto Eco e Guido Carli, - rimane un’ultima cartuccia da sparare, quella del complotto esterno e del capro espiatorio, così tutti cavalcano l’idea che l’Italia sia nelle condizioni in cui si trova per colpa dell’Europa”.

Abbiamo la stessa moneta degli altri paesi dell’unione monetaria, le stesse regole giuridiche, beneficiato dai tassi d’interesse calati sui minimi storici (che hanno ridotto l’onere del debito pubblico di 4 punti di Pil con un risparmio di circa 60 miliardi di euro ogni anno). Abbiamo beneficiato di un’interpretazione flessibile delle regole fiscali, nonché di una relativa “flessibilità” nella gestione del bilancio pubblico. Con il Quantitative Easing (chiamato anche alleggerimento quantitativo) abbiamo beneficiato di un intervento della BCE nell’acquisto dei Titoli del debito pubblico a tassi molto bassi.

Nonostante queste condizioni particolarmente favorevoli, il debito pubblico continua a lievitare oltre il 133% del Pil. Il Pil cresce ad un ritmo inferiore all’1% l’anno.

Nel biennio 2012-2013 gli investimenti nel nostro paese sono calati del 16%.

E’ evidente che l’Italia non riesce a tenere il passo degli altri partner europei.

Allora bisogna andare più in profondità e chiederci quali sono le cause che impediscono alla nostra economia di crescere ad un ritmo più elevato.

I FATTORI CHE FRENANO L’ATTIVITA’ ECONOMICA SONO A CASA NOSTRA.

Essi riguardano il contesto amministrativo, quello burocratico e giuridico, la scarsa concorrenza, la corruzione dilagante, l’arretratezza della pubblica istruzione, il ritardo degli investimenti pubblici, il sistema di sovvenzioni a favore di aziende decotte, l’ingolfamento del sistema bancario, la dimensione troppo piccola delle imprese che scoraggia la ricerca e lo sviluppo, l’assenza di meritocrazia, l’evasione fiscale dirompente.

In effetti, la struttura produttiva e sociale e di riflesso l’organizzazione sindacale del nostro paese è tutta costruita sulle corporazioni a difesa dell’esistente ed è estremamente difficile realizzare riforme capaci di modificare questi assetti. Basti pensare all’Alitalia, appesantita da forti esuberi di personale e da alti compensi retributivi che hanno portato a livelli d’indebitamento insostenibili. Ai Taxisti che non vogliono concorrenti di sorta. Ai commercianti, strozzati nella loro attività dal dilagare dei centri commerciali pur tuttavia determinati nel contrastare a livello locale ogni proposta di isola pedonale e di ammodernamento dell’assetto urbano delle città che favorirebbe il rifiorire delle stesse attività commerciali. Alla riforma della Pubblica Amministrazione: la legge Madia prevede l’accorpamento delle partecipate da circa 10 mila a 1.000, ma non si riesce a sbloccare questo grumo clientelare. Alla riforma della scuola dove il corpo insegnante è ostile al passaggio da un sistema retributivo basato sull’anzianità ad uno costruito sul merito. La legge nazionale e quella regionale incentivano l’accorpamento dei piccoli Municipi, le cui esigue dimensioni demografiche impedisce loro di far fronte a qualsiasi problema, ma anche lì la resistenza sembrano insuperabile.

Per non parlare dei vari comitati del NO: NO TAV. NO terzo valico. NO gasdotto in Puglia. NO impianti di smaltimento rifiuti.

Questa purtroppo è la realtà italiana. E allora, siamo così certi che le cause dei nostri mali siano da imputare solo all’Europa come continuano a blaterare i vari Salvini, Meloni e Di Maio? Siamo sicuri che la via salvifica vada ricercata in una nostra fuoriuscita dall’Euro e dall’Unione Europea per recuperare, dicono, la sovranità monetaria per poi svalutare la moneta? E poi con quali mezzi paghiamo il nostro debito e ci rapportiamo con i nostri interlocutori internazionali con i quali scambiamo, attraverso le esportazioni, le eccellenze della produzione agroalimentare, artigianale ed industriale del nostro paese?

La vittoria di Macron in Francia è un segno positivo, dopo il Brexit inglese e l’elezione di Trump a Presidente degli Stati Uniti. Il vento che negli ultimi tempi aveva gonfiato le vele degli antieuropeisti, dei populisti, degli xenofobi e dei demagoghi, inizia a mutare direzione. L’Europa che Macron ha in mente di trasformare insieme alla Merkel, punta al superamento della politica di austerità per rilanciare lo sviluppo economico del continente. Essa si basa, in ogni caso, su uno sviluppo ancorato alle riforme, da realizzare e non solo da annunciare, nonché al massimo rigore nei conti pubblici. Questa è la sfida vera che attende l’Italia nei prossimi mesi. Sfida che va affrontata con serietà e senza improvvisazioni.

 

                                                                               Alfio Brina

13/05/2017 22:07:17
comments powered by Disqus
21.09.2017
Mauro Calise
Sul passo indietro – non più di lato – di Beppe Grillo non ci sono spiegazioni. Almeno, di quelle credibili. Cioè, spiegazioni politiche. Per ora, l’attenzione dei media si è concentrata sulle reazioni interne. Che sono tra il perplesso e l’allarmato. Il che, per un movimento abituato a discutere in...
 
16.09.2017
Alfio Brina
E’ col Bilancio 2013 che lo Stato ha previsto stanziamenti per mettere in sicurezza il territorio del nostro paese, ma comuni e regioni sono in ritardo nel presentare i progetti. Poi arrivano i temporali, i torrenti ed i canali di scolo delle acque sono intasati, le vie cittadine si inondano, le case...
13.09.2017
Filippo Boatti
Il disegno di legge sul cosiddetto Ius Soli fu presentato alla Camera dei Deputati nel 2015 ed è poi a lungo rimasto inattivo. Ripescato poi dal governo Gentiloni nella primavera del 2017 su input renziano e buttato ingenerosamente nella disputa elettorale in vista delle elezioni amministrative. Il dibattito...
 
12.09.2017
Mauro Calise
In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della...
12.09.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre...
 
03.09.2017
Michele Filiippo Fontefrancesco
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no. Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese...
21.08.2017
Domenico Ravetti
Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.Si risponde: “Federalismo Comunale”L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto...
 
20.08.2017
Giuseppe Spedicato
Tutti sappiamo che il nostro paese non è un paese per i giovani. Abbiamo un esercito di giovani disoccupati ed un altro esercito di giovani che non frequentano scuole di nessun tipo e non svolgono nessun tipo di lavoro. Nel Sud la situazione è ancora più grave. A tutto ciò si aggiunge un impressionante...
13.08.2017
Mauro Calise (*)
Cercando la bottiglia mezza piena, è una fortuna che ci siano a novembre le elezioni regionali in Sicilia. Nel caos politico in cui ci ritroviamo, la tenzone per Palazzo D’Avalos offre la possibilità di provare uno schema di gioco – tradotto in politichese: di alleanze - per vedere l’effetto che...
 
12.08.2017
Agostino Spataro
A proposito di Argentina e non solo. Caro Rodolfo (1), come sai, nel 2015 mi recai in Argentina per seguire le elezioni presidenziali e ritornai con una brutta impressione a proposito del ruolo svolto da certa "sinistra" pura e dura - a mio parere- parolaia e velleitaria. Che cosa successe? Maurizio...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.