Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La tranquilla rivoluzione di Jeremy Corbyn
Antonio Lettieri
  

Dopo i catastrofici risultati che hanno abbattuto l’uno dopo l’altro i partiti socialisti europei, l’inatteso successo del Partito laburista è (o potrebbe essere ) una lezione e una boccata di ossigeno. Nella strategia del leader inglese non c’è niente di rivoluzionario. E’ solo una strategia politica di sinistra. Ragionevolmente di sinistra

Quando Theresa May improvvisamente convocò le elezioni generali per l’8 di giugno, la scelta apparve sorprendente. Si era ad appena un anno dal referendum che aveva dato la maggioranza ai Brexiters, coloro che volevano uscire dall’Unione europea. Il governo disponeva di una maggioranza esigua (17 voti) ma sufficiente per governare fino al 2020. Dopo le elezioni con 318 seggi non ha più la maggiorana necessaria di 326 seggi, e si accinge a formare un governo di minoranza, puntando sull’appoggio del DUP, il Partito unionista democratico dell’Irlanda del Nord che, disponendo di dieci seggi nella Camera dei Comuni, potrà garantire la tenuta del governo conservatore.

La domanda è come sia stato possibile che Theresa May, una politica con venti anni di esperienza parlamentare e per molti anni a capo del dicastero degli affari interni prima di essere nominata primo ministro nel 2016, abbia potuto compiere un errore di valutazione così grossolano, come avventurarsi in una prova elettorale non necessaria che le ha tolto la maggioranza di cui godeva. Il fatto è che lo stesso errore è stato compiuto dalla grande massa degli analisti politici e dai media britannici. Fino a due settimane prima della scadenza elettorale, il Partito laburista era considerato spacciato. E Jeremy Corbyn sembrava aver inciso il suo nome sulla pietra tombale del partito.  Ancora qualche giorno prima della prova elettorale, un esponente dell’ala parlamentare del Partito laburista aveva confessato al Financial Times: sarà un “massacro”, e ovviamente si riferiva al proprio partito.

Senonché il massacro laburista non si è verificato. Il partito guidato da Corbyn, di cui in tanti si chiedevano quando avrebbe gettato la spugna come un pugile suonato, ha ottenuto uno dei migliori risultati della storia del Labour, guadagnando il 40 per cento del voto popolare, due in meno del Partito conservatore e dieci in più del partito guidato da Miliband alle elezioni del 2015. Il sistema elettorale ne limita il numero dei seggi conquistati a 261, che gli impediscono di concorrere alla formazione del governo, ma sono pur sempre una trentina di seggi in più di quelli guadagnati dal Partito laburista nelle tornate elettorali del 2010 e del 2015.

L’aspetto più sorprendente non è tanto, o non è solo, in questo plateale rovesciamento delle previsioni. Vi è una questione di sostanza. Anzi due. La prima è che Corbyn aveva rovesciato la posizione del Partito laburista rispetto al rapporto del Regno Unito con l’Unione europea. Aveva dovuto sostenere la posizione del “Remain” nel referendum dell’estate del 2016, come imponeva la grande maggioranza dell’ala parlamentare del partito, pur non essendone convinto. Ma dopo la sconfitta referendaria, posto di fronte alla nuova sfida elettorale voluta da Theresa May, non aveva esitato. La Gran Bretagna si era espressa democraticamente per la Brexit, e il partito laburista doveva prenderne atto. A suo avviso, non era più in gioco la decisone di uscire, ma piuttosto le modalità e, per alcuni aspetti, i contenuti del negoziato con le istituzioni europee.

Una svolta radicale, e per molti versi rischiosa. In ogni caso una svolta insufficiente a mutare le sorti elettorali del partito laburista, dal momento che il campo della Brexit era stato già arato e ampiamente occupato dai conservatori. Ci voleva altro per ridare senso alla battaglia elettorale del partito. La scelta della Brexit era in realtà una premessa, la cornice necessaria ma non sufficiente di una generale svolta politica e programmatica del Partito laburista.

Chi ha avuto la pazienza di leggere il Manifesto elettorale del Partito laburista non poteva non rimanere stupito dinanzi a un programma limpidamente di sinistra, come in Gran Bretagna non si erano più visto dal tempo di Michael Foot nei primi anni della lunga era tatcheriana. La destra del partito aveva ferocemente attaccato il programma di Corbyn, giudicandolo un residuato novecentesco, non a caso espressione di un vecchio leader socialista da sempre all’opposizione del New Labour.

Nel Manifesto programmatico si potevano leggere alcuni obiettivi dimenticati dalla sinistra come quelli che seguono: l’aumento delle tasse sui redditi superiori a 80 mila sterline l’anno; investimenti pubblici per 240 miliardi di sterline in un decennio; una banca pubblica a sostegno degli investimenti delle piccole e medie imprese; la nazionalizzazione, alla scadenza delle concessioni, delle ferrovie privatizzate da Margaret Thatcher, definitivamente le più inefficienti in Europa; il rifinanziamento del servizio sanitario pubblico, antico fiore all’occhiello della storia politica laburista del dopo-guerra, ridotto da una sequenza di governi conservatori e laburisti degli ultimi decenni sull’orlo della bancarotta; un riassetto della parte pubblica del  sistema pensionistico; l’eliminazione delle esose tasse universitarie  diventate un’odiosa misura di discriminazione sociale nei confronti di una parte importante delle nuove generazioni provenienti da famiglie operaie e dei ceti medi.

Nell’insieme, una piattaforma difficilmente definibile estremista, se non per ragioni strettamente ideologiche. Ma con un difetto radicale: Il New Labour di Blair aveva rinunciato a quegli obiettivi esattamente venti anni fa in nome del “Nuovo centro” che tanto successo avrebbe avuto in tutta l’Europa continentale. Non è un caso che tornare a una politica vagamente keynesiana di intervento pubblico nel campo degli investimenti e di sostegno dei pilastri fondamentali del welfare come la sanità e l’istruzione, venga considerato un rigurgito di novecentismo.
Ma fin qui siamo nell’ambito di una più o meno aspra dialettica politica interna. La novità dirompente della piattaforma del partito laburista di Corbyn è nella sua estraneità alla filosofia politica che guida l’Unione europea: l’intervento pubblico diretto dal lato degli investimenti, le nazionalizzazioni nei casi di palese inefficienza del privato, la progressività delle tasse a carico dei ceti abbienti; il finanziamento del welfare come sostegno alla cittadinanza. In una parola, il ripudio ella politica di austerità, come dire, la violazione dei sacri principi del fondamentalismo di mercato alla base della politica dell’Unione europea.

In una sintesi estrema, la novità audace e rischiosa e fino a qualche settimana fa considerata suicida per il Partito laburista di Corbyn non sta solo nell’aver condiviso la Brexit in ossequio a una scelta democratica  popolare, ma nell’aver conferito un inequivocabile segno di sinistra – di una sinistra ragionevole e, per ciò stesso, radicale – alla scelta della Brexit. Una scelta  finora praticata dai conservatori e dall’UKIP di Farage in Gran Bretagna, da una destra nazionalista come nel caso del Fronte nazionale di Marine Le Pen in Francia, o dalla Lega di Salvini in Italia. Ora, con l’inatteso e sorprendente successo del Partito laburista di Corbyn la Brexit assume un inequivocabile significato di sinistra.

Molte cose ancora possono accadere. E’ probabile che Theresa May, uscita sconfitta dalla prova elettorale che aveva voluto, senza che fosse necessaria, debba cedere, dopo un breve periodo, la leadership a un altro esponente del partito: in questo caso, molto probabilmente a Boris Johnson, ex sindaco di successo di Londra e oggi ministro degli Esteri. Inoltre, un nuovo accento potrà avere il negoziato con le istituzioni europee per la Brexit, per una doppia circostanza: la prima è che più dell’80 per cento degli elettori britannici ha votato per i partiti formalmente schierati per l’uscita dall’UE, ben al di là del precedente esito referendario.
La seconda è che il Partito laburista si spenderà per un negoziato il più possibile soft, sia pure vincolato al raggiungimento degli obiettivi essenziali della Brexit. A questo punto sarà difficile per i falchi di Bruxelles e di alcune altre capitali europee insistere nella grottesca pretesa di infliggere una punizione alla Gran Bretagna, per scongiurare il pericolo che il suo esempio possa instillare il germe del contagio nell’eurozona lacerata dalla stagnazione economica e dalla disoccupazione di massa.

Il futuro può avere molti risvolti, come indica il fatto che viviamo in un’epoca nella quale gli “imprevisti” sono diventati eventi sempre più probabili. Ma il risultato britannico dell’incipiente estate del 2017 ci lascia una inequivocabile certezza. I partiti del tipico centrosinistra europeo sono stati spazzati via l’uno dopo l’altro. Tutte le prove elettorali si sono dimostrate per loro una ghigliottina inesorabile.

In Austria , il partito socialista con oltre un secolo di storia e di partecipazione al governo è scomparso dalla scena politica. La stessa cosa si è verificata in Olanda, dove, con le lezioni di metà marzo, del Partito socialista si sono perdute le tracce. Altre sconfitte si erano abbattute sulle vecchie socialdemocrazie europee: dal caso del Pasok in Grecia, a sua volta dissolto dopo la pluridecennale dinastia dei Papandreou, alla sconfitta del Psoe in Spagna, ridotto ad appoggiare il traballante governo di minoranza di Rajoy, dopo essere stato il partito più lungamente al governo nel corso dell’era post-franchista. Una deriva inarrestabile della sinistra europea diventata un disastroso naufragio con la dissoluzione del Partito socialista francese ridotto al sei per cento del voto dopo la debacle della presidenza di François Hollande.

Sotto questo profilo, la rinascita del Partito laburista britannico all’insegna di Corbyn segna una novità importante non solo al di là della Manica, dove era nata l’infausta Terza via di Giddens e Tony Blair. L’inatteso successo del Partito laburista è (o potrebbe essere ) una lezione e una boccata di ossigeno per la sinistra (non per quella che si vergogna di essere tale ) nell’Europa continentale. Il Manifesto programmatico laburista, la salda coraggiosa coerenza della leadership di Corbyn, il suo successo fra i giovani, fra gli operai e in una grande parte dei ceti medi meritano di essere analizzati, approfonditi e presi ad esempio. Nella strategia del vecchio leader socialista inglese non c’è niente di rivoluzionario. E’ solo una strategia politica di sinistra. Ragionevolmente di sinistra.

di Antonio Lettieri - 10 giugno 2017, da Eguaglianza & Libertà
06/07/2017 16:05:13
comments powered by Disqus
12.11.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Indubbiamente in questo momento, in particolare alla luce della peculiare leggere elettorale varata dal parlamento, il Partito Democratico appare l’elemento politico necessario per permettere una coalizione di governo solida. D’altra parte il PD del 40% delle europee appare altrettanto un fatto concluso...
 
11.11.2017
Giuseppe Rinaldi
L’articolo che segue è stato scritto quasi un anno fa, su richiesta degli amici di Appunti Alessandrini, i quali mi chiedevano di commentare la allora recente scissione del PD. L’articolo era intitolato “Cosa resterà della scissione del Pd?”. Mi permetto di proporlo ora, con il titolo appena modificato,...
10.11.2017
Carlo Patrignani
Dopo la bella discussione dell'incontro di oggi (10 novembre 2017) presso la sede dell'associazione CittaFutura di Alessandria, un suggerimento del civis Filippo Boatti. Viene ripresa la riflessione sui valori / significati dell'impegno in politica.... Da noi fiumi di parole sul fascismo di ritorno,...
 
07.11.2017
Marco Ciani (a cura di)
Pubblichiamo di seguito l’ampia intervista di Marco Ciani a Franco Livorsi, già professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. L’intervista è comparsa su “Appunti Alessandrini” il 4 novembre 2017. Il testo, in...
03.11.2017
Augusto Buscaglia
Lettera aperta: Al Sindaco di Casale Monferrato Al Presidente della Provincia di AlessandriaAl Presidente della Regione Piemonte Augusto BuscagliaIl quotidiano La Stampa di domenica 22 ottobre nelle edizioni di Asti e Cuneo dava notizia con giusto rilievo del via libera alla riapertura della tratta ferroviaria...
 
02.11.2017
Franco Livorsi
Sin da quando avevo vent’anni, all’inizio degli anni Sessanta, non c’era socialista di sinistra un poco colto che non dicesse - né dirigente comunista intelligente che non sussurrasse - che il regime sovietico era una forma di socialismo “degenerata”. Non uno dei miei amici di quel tempo lontano...
31.10.2017
Mauro Calise
Come di consueto l'intervento del prof. Calise ci viene segnalato dal civis Franco Livorsi. La pubblicazione originale è, come spesso avviene quando interviene Mauro Calise, del "Mattino" di Napoli. Ecco il testo... ... A sentirlo, ieri, dal palco del suggestivo scenario napoletano, sembrava tornato...
 
31.10.2017
Paul Krugman
Il presente testo è stato suggerito da Giorgio Abonante, già Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria. E' stato pubblicato per la prima volta su "Il Sole 24 Ore" del 29 ottobre 2017. ... La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole...
30.10.2017
Alfio Brina
L’ondata indipendentista che in questi giorni sta travolgendo la Catalogna; la spinta separatista anti Europa emersa in Gran Bretagna con il Brexit; I sussulti nazionalisti presenti nei Paesi dell’est Europa. L’estendersi minaccioso di formazioni politiche xenofobe e sovraniste in molti paesi europei...
 
30.10.2017
Giancarlo Patrucco
Vi ricordate la storia dei Promessi Sposi, quando Renzo va a chiedere lumi all’Azzeccagarbugli e pensa di portargli due polli come compenso? Renzo, alla fine, vuole soltanto avere qualche buon consiglio per poter sposare Lucia e vivere tranquillo. Cosa che non gli riuscirà, se non dopo la peste. Una...
Segnali
Domenica 19/11/17 alle ore 17:30 presso la Casa Di Quartiere Alessandria ANPI Alessandria saluterà...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Sabato 18 novembre, dalle ore 9 presso Palazzo del Monferrato ad Alessandria si svolgerà il convegno...
sabato 18 Novembre, alle ore 16:00 presso la Casa di Quartiere di Via Verona 116 - Alessandria. “ PANTA...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
sabato 18 novembre alle ore 16.00 presso la chiesa di Santa Lucia mostra libraria realizzata in collaborazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
Da lunedì 13 a sabato 18 novembre alle ore 10.40 alle ore 11,30 che verranno messe in onda su Retequattro,...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
sabato 18 novembre, alle ore 16.30 ad Albenga presso Palazzo Peloso Cepolla (Museo Navale Romano), Piazza...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.