Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Quasi novemila "Partecipate" in Italia
Alfio Brina

 

 

CENTO MILA GLI AMMINISTRATORI  DELLE VARIE AZIENDE

OLTRE DUE MILIARDI DI EURO L’ANNO L’ONERE PER I LORO EMOLUMENTI

 

L’Ires, il Centro studi della CGIL nazionale, ha pubblicato uno studio approfondito sulle società pubbliche presenti nel territorio nazionale.

Le aziende partecipate sono società nel cui capitale sono presenti le amministrazioni pubbliche. Secondo i dati del Tesoro in Italia sono 8.893, di cui 7.230 attive.

Considerando che ogni società partecipata è diretta da un Consiglio di gestione composto da 5 - 7 o più membri, si stima che complessivamente gli amministratori delle aziende pubbliche non siano meno di 100 mila unità. Ora, tra stipendi, emolumenti vari, gettoni di presenza, costi di gestione, segretarie e auto blu, si calcola che il costo complessivo si aggiri oltre i 2 miliardi di euro l’anno.

L’ex commissario allo Spending review, Carlo Cottarelli nel suo rapporto presentato all’inizio del 2014 aveva stimato in 2 miliardi l’anno i possibili risparmi derivanti dal disboscamento di tale giungla: il numero delle partecipate si sarebbe dovuto ridurre da quasi 9.000 a non più di 1.000.

Gli affondi della spending review nel processo di revisione della spesa pubblica avviati formalmente da tempo, sono rimasti del tutto inefficaci. Dal 2005 al 2016 in media – dice lo studio della CGIL - in Italia sono sorte un’azienda al giorno.

La Regione con il maggio numero di partecipate è la Lombardia con 1.349, mentre il Molise si ferma a 58. Occupano quasi 800 mila lavoratori. Le amministrazioni maggiormente coinvolte sono i Comuni con 6.074 partecipate (ex municipalizzate). Le province sono a quota 1.885. Le Camere di Commercio a 1.292. Le Università a 993 e le regioni a 776. Lo stato si ferma a 562, ma al Tesoro fa capo il maggior numero di addetti. Considerando solo le partecipate degli enti locali, il 29,1% è in perdita: il rosso complessivo raggiunge i 688 milioni di euro. Il 60% risulta in utile, le altre in pareggio.

In Alessandria, sino al 1995, le municipalizzate erano 4, in seguito, con le giunte Calvo, Scagni e Fabbio sono lievitate a 36. La giunta Rossa le ha ridotte ad una ventina. Sono ancora tante!

In Italia abbiamo una società pubblica ogni 6.821 abitanti. La Valle d’Aosta 1 ogni 1.929 abitanti; in Trentino Alto Adige 1 ogni 2.126; in Friuli Venezia Giulia 1 ogni 4.139; Toscana 1 ogni 4.522; Liguria, Emilia, Marche, Abruzzi e Molise 1 ogni 5-6 mila abitanti. L’Umbria, Il Veneto ed il Piemonte 1 ogni 6-7 mila abitanti; La Lombardia 1ogni 7.419 abitanti, la Basilicata 1ogni 8.826 abitanti; il Lazio 1 ogni 9.273 abitanti. Così la Sardegna 1 ogni 9.000. Le più virtuose sotto questo aspetto sono le regioni meridionali: 1 a 14.554 la Campania, Così la Sicilia, la Calabria 1 ogni12.000, la Puglia 1 ogni 12.355 abitanti.

Lo studio della CGIL dice che l’inondazione è cominciata nella seconda metà degli anni “Novanta” con la riforma delle autonomie locali. Ma è dal decennio successivo che si registra l’impennata maggiore grazie anche alla famosa riforma del Titolo V della Costituzione voluta da un centrosinistra all’inseguimento forsennato della Lega Nord che ha ampliato a dismisura le prerogative della politica locale alimentandone le tentazioni più inconfessabili, con ripercussioni negative sul fronte della spesa e dell’indebitamento pubblico.

La Legge 190 del dicembre 2014 prevedeva che gli enti locali predisponessero piani di razionalizzazione delle partecipate entro il marzo dell’anno successivo. La Corte dei conti ha rilevato che due mesi dopo quella scadenza soltanto 3.570 soggetti sugli 8.186 interessati dalla disposizione l’avevano osservata.

Anche la Legge Madia, di riforma della Pubblica Amministrazione, ha fissato per legge tale riduzione, la stessa però, prima si è incagliata alla Corte Costituzionale poi ha dovuto affrontare un’estenuante trattativa fra governo e poteri locali.

A settembre, su questo tema, insieme alle norme sulla mobilità del personale, il governo dovrà affrontare i sindacati.

Un immobilismo disarmante è presente a livello di Enti locali.

Molti amministratori non voglio scontrarsi né con la rete clientelare ed elettoralistica che alimenta le nomine nei diversi consigli di amministrazione, né tanto meno con il personale e i relativi sindacati delle aziende da sopprimere o accorpare.

Così anche gli enti inutili continuano a sopravvivere e ad erodere risorse pubbliche sottraendole ad investimenti strutturali e produttivi.  

 

                                                                A cura di Alfio Brina

15/07/2017 00:15:52
comments powered by Disqus
12.11.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Indubbiamente in questo momento, in particolare alla luce della peculiare leggere elettorale varata dal parlamento, il Partito Democratico appare l’elemento politico necessario per permettere una coalizione di governo solida. D’altra parte il PD del 40% delle europee appare altrettanto un fatto concluso...
 
11.11.2017
Giuseppe Rinaldi
L’articolo che segue è stato scritto quasi un anno fa, su richiesta degli amici di Appunti Alessandrini, i quali mi chiedevano di commentare la allora recente scissione del PD. L’articolo era intitolato “Cosa resterà della scissione del Pd?”. Mi permetto di proporlo ora, con il titolo appena modificato,...
10.11.2017
Carlo Patrignani
Dopo la bella discussione dell'incontro di oggi (10 novembre 2017) presso la sede dell'associazione CittaFutura di Alessandria, un suggerimento del civis Filippo Boatti. Viene ripresa la riflessione sui valori / significati dell'impegno in politica.... Da noi fiumi di parole sul fascismo di ritorno,...
 
07.11.2017
Marco Ciani (a cura di)
Pubblichiamo di seguito l’ampia intervista di Marco Ciani a Franco Livorsi, già professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. L’intervista è comparsa su “Appunti Alessandrini” il 4 novembre 2017. Il testo, in...
03.11.2017
Augusto Buscaglia
Lettera aperta: Al Sindaco di Casale Monferrato Al Presidente della Provincia di AlessandriaAl Presidente della Regione Piemonte Augusto BuscagliaIl quotidiano La Stampa di domenica 22 ottobre nelle edizioni di Asti e Cuneo dava notizia con giusto rilievo del via libera alla riapertura della tratta ferroviaria...
 
02.11.2017
Franco Livorsi
Sin da quando avevo vent’anni, all’inizio degli anni Sessanta, non c’era socialista di sinistra un poco colto che non dicesse - né dirigente comunista intelligente che non sussurrasse - che il regime sovietico era una forma di socialismo “degenerata”. Non uno dei miei amici di quel tempo lontano...
31.10.2017
Mauro Calise
Come di consueto l'intervento del prof. Calise ci viene segnalato dal civis Franco Livorsi. La pubblicazione originale è, come spesso avviene quando interviene Mauro Calise, del "Mattino" di Napoli. Ecco il testo... ... A sentirlo, ieri, dal palco del suggestivo scenario napoletano, sembrava tornato...
 
31.10.2017
Paul Krugman
Il presente testo è stato suggerito da Giorgio Abonante, già Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria. E' stato pubblicato per la prima volta su "Il Sole 24 Ore" del 29 ottobre 2017. ... La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole...
30.10.2017
Alfio Brina
L’ondata indipendentista che in questi giorni sta travolgendo la Catalogna; la spinta separatista anti Europa emersa in Gran Bretagna con il Brexit; I sussulti nazionalisti presenti nei Paesi dell’est Europa. L’estendersi minaccioso di formazioni politiche xenofobe e sovraniste in molti paesi europei...
 
30.10.2017
Giancarlo Patrucco
Vi ricordate la storia dei Promessi Sposi, quando Renzo va a chiedere lumi all’Azzeccagarbugli e pensa di portargli due polli come compenso? Renzo, alla fine, vuole soltanto avere qualche buon consiglio per poter sposare Lucia e vivere tranquillo. Cosa che non gli riuscirà, se non dopo la peste. Una...
Segnali
Domenica 19/11/17 alle ore 17:30 presso la Casa Di Quartiere Alessandria ANPI Alessandria saluterà...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Sabato 18 novembre, dalle ore 9 presso Palazzo del Monferrato ad Alessandria si svolgerà il convegno...
sabato 18 Novembre, alle ore 16:00 presso la Casa di Quartiere di Via Verona 116 - Alessandria. “ PANTA...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
sabato 18 novembre alle ore 16.00 presso la chiesa di Santa Lucia mostra libraria realizzata in collaborazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
Da lunedì 13 a sabato 18 novembre alle ore 10.40 alle ore 11,30 che verranno messe in onda su Retequattro,...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
sabato 18 novembre, alle ore 16.30 ad Albenga presso Palazzo Peloso Cepolla (Museo Navale Romano), Piazza...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.