Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Quasi novemila "Partecipate" in Italia
Alfio Brina

 

 

CENTO MILA GLI AMMINISTRATORI  DELLE VARIE AZIENDE

OLTRE DUE MILIARDI DI EURO L’ANNO L’ONERE PER I LORO EMOLUMENTI

 

L’Ires, il Centro studi della CGIL nazionale, ha pubblicato uno studio approfondito sulle società pubbliche presenti nel territorio nazionale.

Le aziende partecipate sono società nel cui capitale sono presenti le amministrazioni pubbliche. Secondo i dati del Tesoro in Italia sono 8.893, di cui 7.230 attive.

Considerando che ogni società partecipata è diretta da un Consiglio di gestione composto da 5 - 7 o più membri, si stima che complessivamente gli amministratori delle aziende pubbliche non siano meno di 100 mila unità. Ora, tra stipendi, emolumenti vari, gettoni di presenza, costi di gestione, segretarie e auto blu, si calcola che il costo complessivo si aggiri oltre i 2 miliardi di euro l’anno.

L’ex commissario allo Spending review, Carlo Cottarelli nel suo rapporto presentato all’inizio del 2014 aveva stimato in 2 miliardi l’anno i possibili risparmi derivanti dal disboscamento di tale giungla: il numero delle partecipate si sarebbe dovuto ridurre da quasi 9.000 a non più di 1.000.

Gli affondi della spending review nel processo di revisione della spesa pubblica avviati formalmente da tempo, sono rimasti del tutto inefficaci. Dal 2005 al 2016 in media – dice lo studio della CGIL - in Italia sono sorte un’azienda al giorno.

La Regione con il maggio numero di partecipate è la Lombardia con 1.349, mentre il Molise si ferma a 58. Occupano quasi 800 mila lavoratori. Le amministrazioni maggiormente coinvolte sono i Comuni con 6.074 partecipate (ex municipalizzate). Le province sono a quota 1.885. Le Camere di Commercio a 1.292. Le Università a 993 e le regioni a 776. Lo stato si ferma a 562, ma al Tesoro fa capo il maggior numero di addetti. Considerando solo le partecipate degli enti locali, il 29,1% è in perdita: il rosso complessivo raggiunge i 688 milioni di euro. Il 60% risulta in utile, le altre in pareggio.

In Alessandria, sino al 1995, le municipalizzate erano 4, in seguito, con le giunte Calvo, Scagni e Fabbio sono lievitate a 36. La giunta Rossa le ha ridotte ad una ventina. Sono ancora tante!

In Italia abbiamo una società pubblica ogni 6.821 abitanti. La Valle d’Aosta 1 ogni 1.929 abitanti; in Trentino Alto Adige 1 ogni 2.126; in Friuli Venezia Giulia 1 ogni 4.139; Toscana 1 ogni 4.522; Liguria, Emilia, Marche, Abruzzi e Molise 1 ogni 5-6 mila abitanti. L’Umbria, Il Veneto ed il Piemonte 1 ogni 6-7 mila abitanti; La Lombardia 1ogni 7.419 abitanti, la Basilicata 1ogni 8.826 abitanti; il Lazio 1 ogni 9.273 abitanti. Così la Sardegna 1 ogni 9.000. Le più virtuose sotto questo aspetto sono le regioni meridionali: 1 a 14.554 la Campania, Così la Sicilia, la Calabria 1 ogni12.000, la Puglia 1 ogni 12.355 abitanti.

Lo studio della CGIL dice che l’inondazione è cominciata nella seconda metà degli anni “Novanta” con la riforma delle autonomie locali. Ma è dal decennio successivo che si registra l’impennata maggiore grazie anche alla famosa riforma del Titolo V della Costituzione voluta da un centrosinistra all’inseguimento forsennato della Lega Nord che ha ampliato a dismisura le prerogative della politica locale alimentandone le tentazioni più inconfessabili, con ripercussioni negative sul fronte della spesa e dell’indebitamento pubblico.

La Legge 190 del dicembre 2014 prevedeva che gli enti locali predisponessero piani di razionalizzazione delle partecipate entro il marzo dell’anno successivo. La Corte dei conti ha rilevato che due mesi dopo quella scadenza soltanto 3.570 soggetti sugli 8.186 interessati dalla disposizione l’avevano osservata.

Anche la Legge Madia, di riforma della Pubblica Amministrazione, ha fissato per legge tale riduzione, la stessa però, prima si è incagliata alla Corte Costituzionale poi ha dovuto affrontare un’estenuante trattativa fra governo e poteri locali.

A settembre, su questo tema, insieme alle norme sulla mobilità del personale, il governo dovrà affrontare i sindacati.

Un immobilismo disarmante è presente a livello di Enti locali.

Molti amministratori non voglio scontrarsi né con la rete clientelare ed elettoralistica che alimenta le nomine nei diversi consigli di amministrazione, né tanto meno con il personale e i relativi sindacati delle aziende da sopprimere o accorpare.

Così anche gli enti inutili continuano a sopravvivere e ad erodere risorse pubbliche sottraendole ad investimenti strutturali e produttivi.  

 

                                                                A cura di Alfio Brina

15/07/2017 00:15:52
comments powered by Disqus
21.09.2017
Mauro Calise
Sul passo indietro – non più di lato – di Beppe Grillo non ci sono spiegazioni. Almeno, di quelle credibili. Cioè, spiegazioni politiche. Per ora, l’attenzione dei media si è concentrata sulle reazioni interne. Che sono tra il perplesso e l’allarmato. Il che, per un movimento abituato a discutere in...
 
16.09.2017
Alfio Brina
E’ col Bilancio 2013 che lo Stato ha previsto stanziamenti per mettere in sicurezza il territorio del nostro paese, ma comuni e regioni sono in ritardo nel presentare i progetti. Poi arrivano i temporali, i torrenti ed i canali di scolo delle acque sono intasati, le vie cittadine si inondano, le case...
13.09.2017
Filippo Boatti
Il disegno di legge sul cosiddetto Ius Soli fu presentato alla Camera dei Deputati nel 2015 ed è poi a lungo rimasto inattivo. Ripescato poi dal governo Gentiloni nella primavera del 2017 su input renziano e buttato ingenerosamente nella disputa elettorale in vista delle elezioni amministrative. Il dibattito...
 
12.09.2017
Mauro Calise
In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della...
12.09.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre...
 
03.09.2017
Michele Filiippo Fontefrancesco
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no. Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese...
21.08.2017
Domenico Ravetti
Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.Si risponde: “Federalismo Comunale”L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto...
 
20.08.2017
Giuseppe Spedicato
Tutti sappiamo che il nostro paese non è un paese per i giovani. Abbiamo un esercito di giovani disoccupati ed un altro esercito di giovani che non frequentano scuole di nessun tipo e non svolgono nessun tipo di lavoro. Nel Sud la situazione è ancora più grave. A tutto ciò si aggiunge un impressionante...
13.08.2017
Mauro Calise (*)
Cercando la bottiglia mezza piena, è una fortuna che ci siano a novembre le elezioni regionali in Sicilia. Nel caos politico in cui ci ritroviamo, la tenzone per Palazzo D’Avalos offre la possibilità di provare uno schema di gioco – tradotto in politichese: di alleanze - per vedere l’effetto che...
 
12.08.2017
Agostino Spataro
A proposito di Argentina e non solo. Caro Rodolfo (1), come sai, nel 2015 mi recai in Argentina per seguire le elezioni presidenziali e ritornai con una brutta impressione a proposito del ruolo svolto da certa "sinistra" pura e dura - a mio parere- parolaia e velleitaria. Che cosa successe? Maurizio...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.