Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La palude della non-politica
Mauro Calise
Può esserci qualcosa di peggio dell’antipolitica che è diventata, da qualche anno, l’incubo delle democrazie europee? Si, c’è. E in Italia lo stiamo sperimentando. E’ la palude della non-politica. Quel misto di incapacità e impossibilità da parte di tutti i principali partiti a difendere, nei confronti dell’elettorato, la soglia minima di credibilità e autorevolezza. Quella soglia che fa scattare, da un lato, l’affezione e la fiducia dei simpatizzanti e, dall’altro, l’ostilità di coloro che si oppongono a ciò che un dato partito rappresenta. Siamo, cioè, arrivati – quasi - al punto di rimpiangere perfino il ventennio della cosiddetta Seconda repubblica, quando l’unico motore era lo scontro tra berlusconiani e antiberlusconiani. Un motore antiquato che girava, il più delle volte, a vuoto. Ma che è comunque riuscito ad accendere passioni e contrapposizioni anche feroci. E a tenere viva la tensione a discutere, a partecipare. La tensione senza la quale una democrazia è destinata a spegnersi.

Oggi, è questo che fa più paura. Lo spettacolo di un sistema politico che ha smarrito le coordinate elementari – destra, sinistra, centro frantumate nel frullatore grillino e nelle diaspore interne di quelli che un tempo erano i poli portanti del regime dell’alternanza. Un sistema che, accanto alla bussola spaziale, ha perso anche quella personale, orfano delle personalità che fino a ieri erano riuscite a surrogare il vuoto dei grandi partiti. Berlusconi che non tramonta mai, ma è ben lungi dal riuscire a risorgere, Grillo che ormai non si capisce se fa il burattinaio o il burattino. E Renzi che appena un anno fa sembrava destinato a governare a tempo indeterminato. E oggi è costretto sulla difensiva, nascondendosi con schermaglie verbali per non bruciarsi l’ultima chance di ritornare a Palazzo Chigi.

A peggiorare – se possibile – la situazione c’è la sensazione crescente che l’impasse della politica tracima – e degenera – nella deriva di una società che non ha più ancoraggi istituzionali. La gazzarra violenta dei no-vax, la capitale senza acqua e trasporti, gli incendi che hanno devastato la penisola sono purtroppo fenomeni diffusi nella vita contemporanea. Ma, in altri tempi e condizioni, sarebbero stati messi subito all’indice, contrastati, ridimensionati. Oggi, invece, appaiono lo specchio di una polis che non si tiene più insieme. E – quel che è peggio – non sa intravedere meccanismi o idee per svoltare.

Purtroppo, era stato previsto. La sconfitta del progetto renziano di riforma costituzionale ha lasciato terra bruciata. Bruciato è il campo del Si, privo del suo condottiero che ne era il solo, vero collante. E che ancora non si sa per quanto tempo sarà costretto a rimuginare il passato, e a difendersi dai congiurati che non smetteranno di provare a farlo definitivamente fuori. Ma bruciato – ancor più profondamente – è il campo del No. Che si è dissolto subito idealmente, ma ha lasciato una scia politica di fantasmi resuscitati. Partitini del 2 e 3 per cento che rimpinguano i talk-show e risbattono il dibattito pubblico indietro di quarant’anni.

E il paradosso – la ciliegina esplosiva sulla torta – di questa palude – politica, istituzionale, morale – è che, salvo miracoli, oggi stiamo comunque meglio di come staremo all’indomani del prossimo appuntamento elettorale. Oggi possiamo ancora contare su un governo che trova la sua forza proprio nella propria debolezza. Nel fatto, cioè, di essere a breve, anzi a brevissimo termine, e di non avere alternative. Ma cosa succederà in primavera? L’unica certezza è che, al posto di un trionfatore politico, avremo uno - anzi numerosi - (pseudo) vincitori aritmetici. Vale a dire, ci ritroveremo alle prese con un balletto di percentuali che il povero Capo dello Stato avrà il compito di dipanare. A chi toccherà l’incarico? Al partito col maggior numero di voti – presumibilmente i cinquestelle – ma incapace di fare coalizioni? A quello, invece, che pur con meno voti – Berlusconi e la sua Forza Italia – potrebbe vantare un’alleanza già collaudata in passato, sommando i propri voti alla Lega? O spetterebbe al Pd di Renzi che, trovandosi in posizione centrale, potrebbe almeno coltivare l’illusione di rabberciare una maggioranza nelle due camere del parlamento? 

Il lettore, a questo punto, avrà capito che, comunque dovesse finire, finirà abbastanza male. E, forse, non finirà proprio. Nel senso che, probabilmente, torneremo di nuovo alle urne. Ecco, è questa la chiave del malessere che tutti avvertiamo. Sappiamo che il paese è malato. Ma sappiamo anche che nessuno, al momento, ha una ricetta per curarlo.

 

                                                                                    (“Il Mattino”, 30 luglio 2017)

31/07/2017 21:31:48
comments powered by Disqus
16.10.2017
Nuccio Lodato
Fine legislatura e colpi di mano elettorali, migranti e haters, populismi e e indistinte ambizioni politiche, “scissionisti” e progressisti misteriosi… «Fenomeno enigmatico quanto universale è la massa che d'improvviso c'è la ...
 
16.10.2017
Dario Fornaro
LEPANTO E LA TENACIA DEL SIMBOLO La commemorazione della Battaglia di Lepanto ( 7 ottobre 1571) tenutasi nei giorni scorsi a Boscomarengo, in “casa” di Pio V, con una tavola rotonda ampiamente ripresa dalla “Stampa” (8.10. us.), è stata anche l’occasione, per il giornalista (P.B.) e poi anche per...
14.10.2017
Tommaso Ciriaco (*)
Intervista a Matteo Renzi: “Il Pd ha l’idea dell’Italia come comunità: non solo Pil che cresce ma diritti, cultura, educazione”, Matteo Renzi, partiamo dalla stretta attualità. Come valuta il Rosatellum? «Un passo avanti. Non sono entusiasta, naturalmente, perché il 14 dicembre è stato sconfitto...
 
12.10.2017
Mauro Calise
Certo, mettere la fiducia su una legge elettorale è procedura irrituale. Per di più a pochi mesi dal voto. E presta il fianco alle proteste eclatanti che Cinquestelle e Mdp già hanno cominciato a inscenare. E che terranno per un bel po’ banco in parlamento. Però, va anche detto che a questo...
03.10.2017
Mauro Calise
(*) In un anno, è cambiato tutto. Dal partito a vocazione maggioritaria, proteso oltre l’asticella del 40% per prendersi da solo il governo, siamo passati alla fisarmonica. A geometria – e alleanze – variabili. In tutte le direzioni. Cassata, almeno per il momento, la troppa impegnativa coalizione,...
 
01.10.2017
Massimiliano di Giorgio
Paolo Galletti (il suo intervento è visibile su www.verdi.it) ha aperto coraggiosamente il dibattito, chiedendosi e chiedendo giorni fa “Perché i Verdi non sono forti anche in Italia”. La sua non è soltanto una domanda, ma anche la ricerca di una soluzione a un problema, e dunque va considerata una...
27.09.2017
Mauro Calise
Uscisse ora veramente di scena, come ha annunciato per l’ennesima volta, Grillo passerebbe alla storia della politica italiana come un profondo innovatore e, al tempo stesso, un leader geniale. Due attributi che si è meritato, e che tutti – amici e nemici – sarebbero costretti a riconoscergli dal momento...
 
27.09.2017
Mauro Fornaro
Domenica 17 settembre è apparso su La Stampa un lungo articolo di Enzo Bianchi, fondatore della Comunità di Bose: trattasi di una sintesi della lezione magistrale da lui tenuta al Festivalfilosofia di Modena col titolo “Maschio e femmina Dio li creò”. Il giornale dal canto suo titola l’articolo in prima...
27.09.2017
Franco Gavio
(uscito per la prima volta su: https://democraticieriformisti.wordpress.com/2017/09/26/giorgio-abonante-quel-passante-che-prima-o-poi-ti-aspetti/)...​ Al cospetto della attuale situazione politica italiana, ma non solo, un militante di sinistra è riconducibile alla figura di quel tennista frastornato...
 
25.09.2017
Filippo Orlando
Non vi può essere dubbio sul fatto che nel campo del Centrosinistra la divisione e la confusione regni sovrana. Inoltre, il dibattito fra le forze politiche, alla sinistra e alla destra del PD e nel PD stesso, è di scarsa qualità e non riesce ad elevarsi al di sopra del minimo interesse di giornata. Non...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
sabato 21 ottobre alle ore 11.00, presso la sede della Croce Verde di Alessandria si svolgerà la cerimonia...
Segnaliamo un articolo di Giancarlo Bertocco dell'Università degli Studi dell’Insubria e pubblicato...
Prossimo appuntamento: Sabato 21 ottobre dalle 15.00 alle 19.00 presso il Centro culturale “Cultura...
Riceviamo e pubblichiamo i comunicati stampa del MDP relativi all'elezione dei Coordinatori per le provincie...
Sabato 21 ottobre 2017 alle ore 17 presso il Museo Etnografico Gambarina verrà presentato il video...
sabato 21 ottobre 2017 alle ore 10,00 presso l’Auditorium del MarengoMuseum di Spinetta Marengo Sono...
sabato 21 ottobre 2017 – San Fratello (ME) Sarà dedicato alla riscoperta della presenza degli Aleramici giunti...
Sabato 11 Novembre inizia la Nuova Stagione Musicale di "Macallè Reloaded - Movie Blues" al Cinema Macallè Tony...
lunedì 23 ottobre dalle 17 alle 20 alla Casa dell'ambiente Corso Moncalieri 18, 10131 Torino si terrà...
Giovedì 5 ottobre 2017 alle ore 16 nella sede del Consiglio regionale (via Alfieri 15 a Torino) apre...
Ha preso il via, per l'anno scolastico 2017-'18, la 34° edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei....
Nasce Massa Critica, una piattaforma per informare e attivare le persone ai temi fondamentali del presente...
Vinci l'abbonamento al Teatro Sociale Sai scrivere racconti o poesie? Ti piace disegnare o realizzare...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.