Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La palude della non-politica
Mauro Calise
Può esserci qualcosa di peggio dell’antipolitica che è diventata, da qualche anno, l’incubo delle democrazie europee? Si, c’è. E in Italia lo stiamo sperimentando. E’ la palude della non-politica. Quel misto di incapacità e impossibilità da parte di tutti i principali partiti a difendere, nei confronti dell’elettorato, la soglia minima di credibilità e autorevolezza. Quella soglia che fa scattare, da un lato, l’affezione e la fiducia dei simpatizzanti e, dall’altro, l’ostilità di coloro che si oppongono a ciò che un dato partito rappresenta. Siamo, cioè, arrivati – quasi - al punto di rimpiangere perfino il ventennio della cosiddetta Seconda repubblica, quando l’unico motore era lo scontro tra berlusconiani e antiberlusconiani. Un motore antiquato che girava, il più delle volte, a vuoto. Ma che è comunque riuscito ad accendere passioni e contrapposizioni anche feroci. E a tenere viva la tensione a discutere, a partecipare. La tensione senza la quale una democrazia è destinata a spegnersi.

Oggi, è questo che fa più paura. Lo spettacolo di un sistema politico che ha smarrito le coordinate elementari – destra, sinistra, centro frantumate nel frullatore grillino e nelle diaspore interne di quelli che un tempo erano i poli portanti del regime dell’alternanza. Un sistema che, accanto alla bussola spaziale, ha perso anche quella personale, orfano delle personalità che fino a ieri erano riuscite a surrogare il vuoto dei grandi partiti. Berlusconi che non tramonta mai, ma è ben lungi dal riuscire a risorgere, Grillo che ormai non si capisce se fa il burattinaio o il burattino. E Renzi che appena un anno fa sembrava destinato a governare a tempo indeterminato. E oggi è costretto sulla difensiva, nascondendosi con schermaglie verbali per non bruciarsi l’ultima chance di ritornare a Palazzo Chigi.

A peggiorare – se possibile – la situazione c’è la sensazione crescente che l’impasse della politica tracima – e degenera – nella deriva di una società che non ha più ancoraggi istituzionali. La gazzarra violenta dei no-vax, la capitale senza acqua e trasporti, gli incendi che hanno devastato la penisola sono purtroppo fenomeni diffusi nella vita contemporanea. Ma, in altri tempi e condizioni, sarebbero stati messi subito all’indice, contrastati, ridimensionati. Oggi, invece, appaiono lo specchio di una polis che non si tiene più insieme. E – quel che è peggio – non sa intravedere meccanismi o idee per svoltare.

Purtroppo, era stato previsto. La sconfitta del progetto renziano di riforma costituzionale ha lasciato terra bruciata. Bruciato è il campo del Si, privo del suo condottiero che ne era il solo, vero collante. E che ancora non si sa per quanto tempo sarà costretto a rimuginare il passato, e a difendersi dai congiurati che non smetteranno di provare a farlo definitivamente fuori. Ma bruciato – ancor più profondamente – è il campo del No. Che si è dissolto subito idealmente, ma ha lasciato una scia politica di fantasmi resuscitati. Partitini del 2 e 3 per cento che rimpinguano i talk-show e risbattono il dibattito pubblico indietro di quarant’anni.

E il paradosso – la ciliegina esplosiva sulla torta – di questa palude – politica, istituzionale, morale – è che, salvo miracoli, oggi stiamo comunque meglio di come staremo all’indomani del prossimo appuntamento elettorale. Oggi possiamo ancora contare su un governo che trova la sua forza proprio nella propria debolezza. Nel fatto, cioè, di essere a breve, anzi a brevissimo termine, e di non avere alternative. Ma cosa succederà in primavera? L’unica certezza è che, al posto di un trionfatore politico, avremo uno - anzi numerosi - (pseudo) vincitori aritmetici. Vale a dire, ci ritroveremo alle prese con un balletto di percentuali che il povero Capo dello Stato avrà il compito di dipanare. A chi toccherà l’incarico? Al partito col maggior numero di voti – presumibilmente i cinquestelle – ma incapace di fare coalizioni? A quello, invece, che pur con meno voti – Berlusconi e la sua Forza Italia – potrebbe vantare un’alleanza già collaudata in passato, sommando i propri voti alla Lega? O spetterebbe al Pd di Renzi che, trovandosi in posizione centrale, potrebbe almeno coltivare l’illusione di rabberciare una maggioranza nelle due camere del parlamento? 

Il lettore, a questo punto, avrà capito che, comunque dovesse finire, finirà abbastanza male. E, forse, non finirà proprio. Nel senso che, probabilmente, torneremo di nuovo alle urne. Ecco, è questa la chiave del malessere che tutti avvertiamo. Sappiamo che il paese è malato. Ma sappiamo anche che nessuno, al momento, ha una ricetta per curarlo.

 

                                                                                    (“Il Mattino”, 30 luglio 2017)

31/07/2017 21:31:48
comments powered by Disqus
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
07.12.2017
Federico Quadrelli (*)
Sul concetto di “crisi”Tra i tanti concetti che vengono utilizzati nel discorso pubblico e giornalistico, quello di “crisi” è il più abusato.Parliamo di crisi quasi sempre in termini negativi e superficiali in riferimento a qualsiasi cosa dell’esistenza umana, nella sua dimensione privata tanto quanto...
 
05.12.2017
Franco Livorsi
“Crepi l’astrologo” lo dico io. Se lui, l’astrologo, dice che una grande crisi della democrazia è “in cammino”, vada in malora. Meglio che accada a lui che a “lei”. Speriamo che l’astrologo stia interpretando male i segni del tempo. Come diceva Trockij “E’ vero che la storia è maestra di vita, ma è...
03.12.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Cominciano a uscire i sondaggi sulle intenzioni di voto che tengono conto della nuova legge elettorale (il cosiddetto rosatellum) e del nuovo disegno delle circoscrizioni. Il quadro è piuttosto preoccupante, almeno per coloro che hanno a cuore i destini del centro sinistra. Dai risultati di un recentissimo...
 
28.11.2017
Alfredo Somoza
Come quando negli Stati Uniti si aprono gli archivi di Stato perché sono passati 25 anni dai fatti, e si possono leggere documenti che chiariscono passaggi importanti del passato vicino, la pubblicazione del testamento del Venerabile Licio Gelli conferma molti fatti saputi, ma mai verificati in modo...
28.11.2017
Mauro Calise
Sembra ci sia una maledizione vichiana sulla – povera – politica italiana. Con la leadership di Renzi costretta a rincorrere – ricorsare – la parabola che fu del ventennio (pardon, venticinquennio) berlusconiano. Con una serie di scese in campo, discese ardite e – tentativi di – risalite che sono...
 
24.11.2017
Filippo Boatti
Non c’è dubbio, negli ultimi tempi ho personalmente espresso molte riserve e perplessità su un percorso politico della sinistra non lineare e troppo pasticciato, privo del polso di una vera classe dirigente e tutto giocato all'interno della tattica di Palazzo ma poco o nulla interessante per il mondo reale...
22.11.2017
Nicola Parodi
Praticamente tutti i commentatori politici attribuiscono grande peso a “ antipatie, astio, odio” fra i vari leader come causa delle difficoltà al realizzarsi di un alleanza delle varie forze del centrosinistra. Sicuramente le antipatie personali pesano ma dobbiamo considerare le reazioni di antipatia...
 
21.11.2017
Tommaso Manzillo
Il fallimento, nella tarda serata di domenica 19 novembre, nelle trattative per la formazione del nuovo governo tedesco, a causa del retromarcia dei liberali, formazione di minoranza, poco convinti dal programma di Angela Merkel, uscita come una vincitrice ridimensionata dalle ultime elezioni, forniscono...
Segnali
Lunedì 18 dicembre 2017 ore 16:45 Sinagoga di Alessandria - Via Milano 7 "Channukkàh 5778" La Festa...
martedì 19 dicembre ore 17,30 – 19,00 Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria al...
mercoledì 20 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza...
il 20 dicembre, dalle 17 alle 22 appuntamento alla Casa di Quartiere in via Verona 116Alessandria XMA...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
sabato 2 dicembre ore 15.00 “IL MERCATINO DI TELIA” Inaugurazione del mercato di Natale dell’Associazione...
Come ogni anno, parte, da oggi, la Campagna "Arance di Natale...arance per la vita" a sostegno del Centro...
lunedì 4 dicembre alle ore 18.00 con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie in cui Enzo Iacchetti,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018 UNO STRAORDINARIO ROAD...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Dal 15 al 19 Dicembre "La Principessa e L'Aquila"Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Tratto da...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.