Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Voglia di perdere
Giuseppe Rinaldi

 

1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre suscettibili di modifica, i risultati sono quanto mai preoccupanti per chi abbia a cuore le prestazioni elettorali della sinistra, intesa qui in senso ampio (cioè la sola sinistra che sarebbe in grado di vincere). Il candidato Cancelleri (M5S) è dato al 35%; il candidato Nello Musumeci (Centro destra) è dato al 34%. Il candidato Fabrizio Micari (Centro sinistra) è dato al 22% mentre il candidato Fava (Sinistra) è dato al 6%. Resta un residuo 3% per altre candidature. Questo significa che – allo stato attuale – anche se i litigiosi candidati Fava e Micari sommassero i loro voti, arriverebbero solo a un misero 27%. Quand’anche il PD si spostasse sulla candidatura Fava, perderebbe i voti degli alfaniani e quindi, comunque, Fava non avrebbe alcuna possibilità di vincere (e lo spostamento a destra di Alfano rafforzerebbe ulteriormente il centro destra). Si sperimenterebbe insomma una splendida e rigorosa coalizione spostata a sinistra, ma perdente.  Per concludere l’informativa, l’affluenza è data al 46%, mentre gli indecisi ammonterebbero al 25%. Si tenga conto che spesso gli indecisi finiscono per distribuirsi analogamente a coloro che hanno già deciso. Altri sondaggi diffusi nelle settimane precedenti, seppure con stime leggermente diverse fornivano comunque la stessa graduatoria. Salvo miracoli dell’ultima ora, in Sicilia se la giocheranno dunque il M5S e il Centro destra. Per il M5S un successo siciliano avrebbe il senso della prima conquista di una regione, mentre per il cento destra avrebbe il senso della sperimentazione di una alleanza che potrebbe vincere a livello nazionale nella primavera del 2018.

2. In contrasto con questa situazione, proprio in questi giorni nella sinistra (anche qui intesa in senso lato) continuiamo ad assistere alla solita sceneggiata pre – elettorale. Il PD apre ad Alfano (del resto ci sta insieme al governo) perché teme di perdere, senza il suo contributo. MDP sostiene Fava perché non vuol stare con Alfano e vuole umiliare il PD. Lo stesso vale per SI. I Verdi sostengono Fava per via dell’ambiente. Pisapia non sa da che parte stare e sembra propendere per Micari, ma non vuole rinunciare al suo ruolo di federatore del centro sinistra e, allo stato attuale, non è dato di capire quali saranno le sue indicazioni di voto. Poi ci sono anche quelli che, prima di tutto, vogliono che siano fatte le primarie di coalizione (a neanche due mesi dal voto!). Purtroppo, nonostante tutta questa nobile effervescenza, si scopre dal sondaggio Demopolis che il candidato Fava (peraltro ottima e valida persona) è accreditato solo del 6% e sarebbe quindi assolutamente ininfluente agli effetti del risultato finale. Il suo apporto non servirebbe neanche a vincere contro i due contendenti più forti, con o senza Alfano. D’altro canto il candidato Micari comunque non sembra in grado di impensierire i rivali. Fino a ieri sembrava che anche Crocetta se ne andasse per i fatti suoi. Sembra ora, obtorto collo, abbia deciso di sostenere Micari, ma con quale entusiasmo e con quale effettivo impegno non si sa. Del resto non ci è stata data ancora l’opportunità – da parte delle diverse forze politiche della sinistra in senso lato - di una valutazione obiettiva dell’operato di Crocetta, sostenuto da una ampia coalizione in cui il Pd era comunque il partito numericamente più importante. Valutare con onestà l’operato degli uscenti non si usa proprio più. Stando sempre a sondaggi pubblicati nelle settimane precedenti, pare comunque che il giudizio dei siciliani non sia stato entusiasmante. C’è un gran disegnare coalizioni ma l’analisi dell’operato non si usa più, così nessuno si prenderà mai alcuna responsabilità.

3. Insomma, invece di pensare a come rimontare nei confronti degli avversari meglio posizionati, a sinistra in senso ampio non si ragiona su quanto fatto o non fatto, si sta a fare gli schizzinosi, si mettono i distinguo, i veti e compagnia bella con quelli della propria parte. Di fronte ai dati del sondaggio appena esposti, il dibattito pre elettorale dentro il centro sinistra e la sinistra siciliani appare davvero lunare. Del resto, i polli di Renzo si beccavano tra loro, incuranti del fatto che sarebbero andati tutti quanti al macello (troppo stupidi, i polli di Renzo!). Certo, il rigore, la passione, la purezza e l’identità possono avere i loro motivi che la ragione non conosce. Ma ragionare così poco, fin sull’orlo dell’astinenza, come sta succedendo in Sicilia, fa sorgere più di un sospetto su quanto si sta consumando nel panorama siculo e su quali saranno gli esiti finali.

4. Abbiamo visto in Alessandria – pochi mesi fa – com’è andata a finire. Per avere una sinistra più a sinistra della sinistra (però con componenti moderato destrorse, tanto per essere aperti, unitari e plurali!) siamo riusciti a presentare quattro liste concorrenti e a regalare così la vittoria alla Lega e al centro destra. E adesso ce li godremo per cinque anni. E se non faranno stupidaggini – semplicemente se si limiteranno a non far niente – ce li godremo per altri cinque. Cose del tutto simili erano già accadute a Torino e in Liguria. Lo stesso era accaduto con il referendum dello scorso novembre che ha posto fine al governo Renzi. Lo stesso sembra ora destinato ad accadere in Sicilia. Si dirà che quello siciliano non è un test nazionale. Che regione più, regione meno, poco importa. Che la Sicilia è una di quelle regioni che toccano alla destra. Peccato che quello che accadrà in Sicilia ha buone prospettive di essere l’anticipazione di quel che accadrà proprio sul piano nazionale, nelle elezioni politiche che si terranno nella primavera del 2018. I presupposti ci sono tutti. Le forze politiche della sinistra (sempre in senso lato) e – diciamolo chiaro – soprattutto le forze politiche minori, quelle che contano poco o niente ma che devono a tutti costi far vedere che esistono, loro e i loro leader, non hanno nessuna determinazione a vincere, hanno soltanto intenzione di perseverare nelle loro tattiche per guadagnare qualche vantaggio marginale, nel loro ruolo di eterni oppositori. Per posizionarsi, in nome del loro cosiddetto popolo. Il quale - pur reduci sconfitti e con le ossa rotte – comunque li applaudirà e li ringrazierà in eterno per averli salvati dall’onta del peccato.

5.  Sarebbe ora di capire, anche da parte dei più duri di comprendonio, che tutto questo fiorire di astuti posizionamenti perdenti da parte dei cespugli di sinistra della politica nazionale e locale servono – oltre che a conseguire il sicuro risultato finale di far perdere tutti – soltanto a garantire miserande rendite di posizione particolaristiche. Pare però che ormai non ci sia più niente da fare, la locomotiva sta correndo verso il baratro e nessuno pare intenzionato a frenare per primo. Se non ci penseranno la logica e il buon senso a fare pulizia di questi atteggiamenti demenziali, ci penseranno purtroppo gli eventi, con una bella distruzione creatrice alla Schumpeter - dove però solo la distruzione è certa, mentre la creazione resterà tutta da vedere. La sconfitta siciliana sarà solo l’anticipazione di quanto potrebbe accadere alle prossime elezioni politiche nazionali in primavera. Anche e soprattutto perché le lacerazioni non si sanano in poche settimane e gli elettori – come del resto è accaduto proprio ad Alessandria – non capirebbero coalizioni dell’ultimo minuto con quelli che, appena prima, ti hanno dato addosso per farti perdere.

Possiamo solo augurarci che la distruzione creatrice – insieme alla probabilissima sconfitta di tutta la sinistra in senso lato – finisca per spazzare via definitivamente tutti i cespugli e cespuglietti e i loro relativi leader che, con tutte le loro chiacchiere, non sono mai riusciti a vincere neanche una volta e che anzi continuano a farci perdere. Perdere, continuare a perdere come unico mezzo per liberarsi di certe zavorre. Questo sembra essere diventato il compito attuale del centro sinistra e della sinistra, e per tutto il resto possiamo aspettare. È certo un prezzo davvero caro da pagare, ma se non altro avremo la consolazione di non dover più vedere certe facce in circolazione intente a darci le loro lezioni di alta politica.


Sito: https://finestrerotte.blogspot.it/

 

 ...
Per ingrandire l'immagine cliccare sull'icona sottostante.​

 

12/09/2017 06:42:15
comments powered by Disqus
21.09.2017
Mauro Calise
Sul passo indietro – non più di lato – di Beppe Grillo non ci sono spiegazioni. Almeno, di quelle credibili. Cioè, spiegazioni politiche. Per ora, l’attenzione dei media si è concentrata sulle reazioni interne. Che sono tra il perplesso e l’allarmato. Il che, per un movimento abituato a discutere in...
 
16.09.2017
Alfio Brina
E’ col Bilancio 2013 che lo Stato ha previsto stanziamenti per mettere in sicurezza il territorio del nostro paese, ma comuni e regioni sono in ritardo nel presentare i progetti. Poi arrivano i temporali, i torrenti ed i canali di scolo delle acque sono intasati, le vie cittadine si inondano, le case...
13.09.2017
Filippo Boatti
Il disegno di legge sul cosiddetto Ius Soli fu presentato alla Camera dei Deputati nel 2015 ed è poi a lungo rimasto inattivo. Ripescato poi dal governo Gentiloni nella primavera del 2017 su input renziano e buttato ingenerosamente nella disputa elettorale in vista delle elezioni amministrative. Il dibattito...
 
12.09.2017
Mauro Calise
In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della...
12.09.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre...
 
03.09.2017
Michele Filiippo Fontefrancesco
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no. Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese...
21.08.2017
Domenico Ravetti
Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.Si risponde: “Federalismo Comunale”L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto...
 
20.08.2017
Giuseppe Spedicato
Tutti sappiamo che il nostro paese non è un paese per i giovani. Abbiamo un esercito di giovani disoccupati ed un altro esercito di giovani che non frequentano scuole di nessun tipo e non svolgono nessun tipo di lavoro. Nel Sud la situazione è ancora più grave. A tutto ciò si aggiunge un impressionante...
13.08.2017
Mauro Calise (*)
Cercando la bottiglia mezza piena, è una fortuna che ci siano a novembre le elezioni regionali in Sicilia. Nel caos politico in cui ci ritroviamo, la tenzone per Palazzo D’Avalos offre la possibilità di provare uno schema di gioco – tradotto in politichese: di alleanze - per vedere l’effetto che...
 
12.08.2017
Agostino Spataro
A proposito di Argentina e non solo. Caro Rodolfo (1), come sai, nel 2015 mi recai in Argentina per seguire le elezioni presidenziali e ritornai con una brutta impressione a proposito del ruolo svolto da certa "sinistra" pura e dura - a mio parere- parolaia e velleitaria. Che cosa successe? Maurizio...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.