Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Voglia di perdere
Giuseppe Rinaldi

 

1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre suscettibili di modifica, i risultati sono quanto mai preoccupanti per chi abbia a cuore le prestazioni elettorali della sinistra, intesa qui in senso ampio (cioè la sola sinistra che sarebbe in grado di vincere). Il candidato Cancelleri (M5S) è dato al 35%; il candidato Nello Musumeci (Centro destra) è dato al 34%. Il candidato Fabrizio Micari (Centro sinistra) è dato al 22% mentre il candidato Fava (Sinistra) è dato al 6%. Resta un residuo 3% per altre candidature. Questo significa che – allo stato attuale – anche se i litigiosi candidati Fava e Micari sommassero i loro voti, arriverebbero solo a un misero 27%. Quand’anche il PD si spostasse sulla candidatura Fava, perderebbe i voti degli alfaniani e quindi, comunque, Fava non avrebbe alcuna possibilità di vincere (e lo spostamento a destra di Alfano rafforzerebbe ulteriormente il centro destra). Si sperimenterebbe insomma una splendida e rigorosa coalizione spostata a sinistra, ma perdente.  Per concludere l’informativa, l’affluenza è data al 46%, mentre gli indecisi ammonterebbero al 25%. Si tenga conto che spesso gli indecisi finiscono per distribuirsi analogamente a coloro che hanno già deciso. Altri sondaggi diffusi nelle settimane precedenti, seppure con stime leggermente diverse fornivano comunque la stessa graduatoria. Salvo miracoli dell’ultima ora, in Sicilia se la giocheranno dunque il M5S e il Centro destra. Per il M5S un successo siciliano avrebbe il senso della prima conquista di una regione, mentre per il cento destra avrebbe il senso della sperimentazione di una alleanza che potrebbe vincere a livello nazionale nella primavera del 2018.

2. In contrasto con questa situazione, proprio in questi giorni nella sinistra (anche qui intesa in senso lato) continuiamo ad assistere alla solita sceneggiata pre – elettorale. Il PD apre ad Alfano (del resto ci sta insieme al governo) perché teme di perdere, senza il suo contributo. MDP sostiene Fava perché non vuol stare con Alfano e vuole umiliare il PD. Lo stesso vale per SI. I Verdi sostengono Fava per via dell’ambiente. Pisapia non sa da che parte stare e sembra propendere per Micari, ma non vuole rinunciare al suo ruolo di federatore del centro sinistra e, allo stato attuale, non è dato di capire quali saranno le sue indicazioni di voto. Poi ci sono anche quelli che, prima di tutto, vogliono che siano fatte le primarie di coalizione (a neanche due mesi dal voto!). Purtroppo, nonostante tutta questa nobile effervescenza, si scopre dal sondaggio Demopolis che il candidato Fava (peraltro ottima e valida persona) è accreditato solo del 6% e sarebbe quindi assolutamente ininfluente agli effetti del risultato finale. Il suo apporto non servirebbe neanche a vincere contro i due contendenti più forti, con o senza Alfano. D’altro canto il candidato Micari comunque non sembra in grado di impensierire i rivali. Fino a ieri sembrava che anche Crocetta se ne andasse per i fatti suoi. Sembra ora, obtorto collo, abbia deciso di sostenere Micari, ma con quale entusiasmo e con quale effettivo impegno non si sa. Del resto non ci è stata data ancora l’opportunità – da parte delle diverse forze politiche della sinistra in senso lato - di una valutazione obiettiva dell’operato di Crocetta, sostenuto da una ampia coalizione in cui il Pd era comunque il partito numericamente più importante. Valutare con onestà l’operato degli uscenti non si usa proprio più. Stando sempre a sondaggi pubblicati nelle settimane precedenti, pare comunque che il giudizio dei siciliani non sia stato entusiasmante. C’è un gran disegnare coalizioni ma l’analisi dell’operato non si usa più, così nessuno si prenderà mai alcuna responsabilità.

3. Insomma, invece di pensare a come rimontare nei confronti degli avversari meglio posizionati, a sinistra in senso ampio non si ragiona su quanto fatto o non fatto, si sta a fare gli schizzinosi, si mettono i distinguo, i veti e compagnia bella con quelli della propria parte. Di fronte ai dati del sondaggio appena esposti, il dibattito pre elettorale dentro il centro sinistra e la sinistra siciliani appare davvero lunare. Del resto, i polli di Renzo si beccavano tra loro, incuranti del fatto che sarebbero andati tutti quanti al macello (troppo stupidi, i polli di Renzo!). Certo, il rigore, la passione, la purezza e l’identità possono avere i loro motivi che la ragione non conosce. Ma ragionare così poco, fin sull’orlo dell’astinenza, come sta succedendo in Sicilia, fa sorgere più di un sospetto su quanto si sta consumando nel panorama siculo e su quali saranno gli esiti finali.

4. Abbiamo visto in Alessandria – pochi mesi fa – com’è andata a finire. Per avere una sinistra più a sinistra della sinistra (però con componenti moderato destrorse, tanto per essere aperti, unitari e plurali!) siamo riusciti a presentare quattro liste concorrenti e a regalare così la vittoria alla Lega e al centro destra. E adesso ce li godremo per cinque anni. E se non faranno stupidaggini – semplicemente se si limiteranno a non far niente – ce li godremo per altri cinque. Cose del tutto simili erano già accadute a Torino e in Liguria. Lo stesso era accaduto con il referendum dello scorso novembre che ha posto fine al governo Renzi. Lo stesso sembra ora destinato ad accadere in Sicilia. Si dirà che quello siciliano non è un test nazionale. Che regione più, regione meno, poco importa. Che la Sicilia è una di quelle regioni che toccano alla destra. Peccato che quello che accadrà in Sicilia ha buone prospettive di essere l’anticipazione di quel che accadrà proprio sul piano nazionale, nelle elezioni politiche che si terranno nella primavera del 2018. I presupposti ci sono tutti. Le forze politiche della sinistra (sempre in senso lato) e – diciamolo chiaro – soprattutto le forze politiche minori, quelle che contano poco o niente ma che devono a tutti costi far vedere che esistono, loro e i loro leader, non hanno nessuna determinazione a vincere, hanno soltanto intenzione di perseverare nelle loro tattiche per guadagnare qualche vantaggio marginale, nel loro ruolo di eterni oppositori. Per posizionarsi, in nome del loro cosiddetto popolo. Il quale - pur reduci sconfitti e con le ossa rotte – comunque li applaudirà e li ringrazierà in eterno per averli salvati dall’onta del peccato.

5.  Sarebbe ora di capire, anche da parte dei più duri di comprendonio, che tutto questo fiorire di astuti posizionamenti perdenti da parte dei cespugli di sinistra della politica nazionale e locale servono – oltre che a conseguire il sicuro risultato finale di far perdere tutti – soltanto a garantire miserande rendite di posizione particolaristiche. Pare però che ormai non ci sia più niente da fare, la locomotiva sta correndo verso il baratro e nessuno pare intenzionato a frenare per primo. Se non ci penseranno la logica e il buon senso a fare pulizia di questi atteggiamenti demenziali, ci penseranno purtroppo gli eventi, con una bella distruzione creatrice alla Schumpeter - dove però solo la distruzione è certa, mentre la creazione resterà tutta da vedere. La sconfitta siciliana sarà solo l’anticipazione di quanto potrebbe accadere alle prossime elezioni politiche nazionali in primavera. Anche e soprattutto perché le lacerazioni non si sanano in poche settimane e gli elettori – come del resto è accaduto proprio ad Alessandria – non capirebbero coalizioni dell’ultimo minuto con quelli che, appena prima, ti hanno dato addosso per farti perdere.

Possiamo solo augurarci che la distruzione creatrice – insieme alla probabilissima sconfitta di tutta la sinistra in senso lato – finisca per spazzare via definitivamente tutti i cespugli e cespuglietti e i loro relativi leader che, con tutte le loro chiacchiere, non sono mai riusciti a vincere neanche una volta e che anzi continuano a farci perdere. Perdere, continuare a perdere come unico mezzo per liberarsi di certe zavorre. Questo sembra essere diventato il compito attuale del centro sinistra e della sinistra, e per tutto il resto possiamo aspettare. È certo un prezzo davvero caro da pagare, ma se non altro avremo la consolazione di non dover più vedere certe facce in circolazione intente a darci le loro lezioni di alta politica.


Sito: https://finestrerotte.blogspot.it/

 

 ...
Per ingrandire l'immagine cliccare sull'icona sottostante.​

 

12/09/2017 06:42:15
comments powered by Disqus
18.01.2018
Egidio Zacheo
1. - La ricorrenza dell' 80° anniversario della morte di Antonio Gramsci va colta come una opportunità per cercare di capire il nostro Paese, le ragioni profonde delle nostre difficoltà, dei nostri ritardi politici e civili. Conveniamo tutti sul fatto che dobbiamo ripensare la...
 
18.01.2018
Giancarlo Patrucco
Quando frequentavo le scuole elementari (tempi che furono, purtroppo), ci andavo volentieri perché il cortile di casa mia mi stava stretto. Neanche un bambino con cui giocare, mentre di faccia ce n’era una casa piena. Urla e risate si sentivano tutt’intorno, ma mia madre era inflessibile: vietato attraversare...
18.01.2018
Mauro Calise
Bisogna leggerle tre volte le proiezioni Ipsos sul Corriere. E poi una quarta. Ma, per chi si occupa di questi numeri da una vita, resta un mistero come sia stato possibile inventare - in zona Cesarini - una legge che resuscitasse il centrodestra. Mettesse con le spalle al muro il Pd. Lasciasse in pista...
 
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
 
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
 
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
 
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.