Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Voglia di perdere
Giuseppe Rinaldi

 

1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre suscettibili di modifica, i risultati sono quanto mai preoccupanti per chi abbia a cuore le prestazioni elettorali della sinistra, intesa qui in senso ampio (cioè la sola sinistra che sarebbe in grado di vincere). Il candidato Cancelleri (M5S) è dato al 35%; il candidato Nello Musumeci (Centro destra) è dato al 34%. Il candidato Fabrizio Micari (Centro sinistra) è dato al 22% mentre il candidato Fava (Sinistra) è dato al 6%. Resta un residuo 3% per altre candidature. Questo significa che – allo stato attuale – anche se i litigiosi candidati Fava e Micari sommassero i loro voti, arriverebbero solo a un misero 27%. Quand’anche il PD si spostasse sulla candidatura Fava, perderebbe i voti degli alfaniani e quindi, comunque, Fava non avrebbe alcuna possibilità di vincere (e lo spostamento a destra di Alfano rafforzerebbe ulteriormente il centro destra). Si sperimenterebbe insomma una splendida e rigorosa coalizione spostata a sinistra, ma perdente.  Per concludere l’informativa, l’affluenza è data al 46%, mentre gli indecisi ammonterebbero al 25%. Si tenga conto che spesso gli indecisi finiscono per distribuirsi analogamente a coloro che hanno già deciso. Altri sondaggi diffusi nelle settimane precedenti, seppure con stime leggermente diverse fornivano comunque la stessa graduatoria. Salvo miracoli dell’ultima ora, in Sicilia se la giocheranno dunque il M5S e il Centro destra. Per il M5S un successo siciliano avrebbe il senso della prima conquista di una regione, mentre per il cento destra avrebbe il senso della sperimentazione di una alleanza che potrebbe vincere a livello nazionale nella primavera del 2018.

2. In contrasto con questa situazione, proprio in questi giorni nella sinistra (anche qui intesa in senso lato) continuiamo ad assistere alla solita sceneggiata pre – elettorale. Il PD apre ad Alfano (del resto ci sta insieme al governo) perché teme di perdere, senza il suo contributo. MDP sostiene Fava perché non vuol stare con Alfano e vuole umiliare il PD. Lo stesso vale per SI. I Verdi sostengono Fava per via dell’ambiente. Pisapia non sa da che parte stare e sembra propendere per Micari, ma non vuole rinunciare al suo ruolo di federatore del centro sinistra e, allo stato attuale, non è dato di capire quali saranno le sue indicazioni di voto. Poi ci sono anche quelli che, prima di tutto, vogliono che siano fatte le primarie di coalizione (a neanche due mesi dal voto!). Purtroppo, nonostante tutta questa nobile effervescenza, si scopre dal sondaggio Demopolis che il candidato Fava (peraltro ottima e valida persona) è accreditato solo del 6% e sarebbe quindi assolutamente ininfluente agli effetti del risultato finale. Il suo apporto non servirebbe neanche a vincere contro i due contendenti più forti, con o senza Alfano. D’altro canto il candidato Micari comunque non sembra in grado di impensierire i rivali. Fino a ieri sembrava che anche Crocetta se ne andasse per i fatti suoi. Sembra ora, obtorto collo, abbia deciso di sostenere Micari, ma con quale entusiasmo e con quale effettivo impegno non si sa. Del resto non ci è stata data ancora l’opportunità – da parte delle diverse forze politiche della sinistra in senso lato - di una valutazione obiettiva dell’operato di Crocetta, sostenuto da una ampia coalizione in cui il Pd era comunque il partito numericamente più importante. Valutare con onestà l’operato degli uscenti non si usa proprio più. Stando sempre a sondaggi pubblicati nelle settimane precedenti, pare comunque che il giudizio dei siciliani non sia stato entusiasmante. C’è un gran disegnare coalizioni ma l’analisi dell’operato non si usa più, così nessuno si prenderà mai alcuna responsabilità.

3. Insomma, invece di pensare a come rimontare nei confronti degli avversari meglio posizionati, a sinistra in senso ampio non si ragiona su quanto fatto o non fatto, si sta a fare gli schizzinosi, si mettono i distinguo, i veti e compagnia bella con quelli della propria parte. Di fronte ai dati del sondaggio appena esposti, il dibattito pre elettorale dentro il centro sinistra e la sinistra siciliani appare davvero lunare. Del resto, i polli di Renzo si beccavano tra loro, incuranti del fatto che sarebbero andati tutti quanti al macello (troppo stupidi, i polli di Renzo!). Certo, il rigore, la passione, la purezza e l’identità possono avere i loro motivi che la ragione non conosce. Ma ragionare così poco, fin sull’orlo dell’astinenza, come sta succedendo in Sicilia, fa sorgere più di un sospetto su quanto si sta consumando nel panorama siculo e su quali saranno gli esiti finali.

4. Abbiamo visto in Alessandria – pochi mesi fa – com’è andata a finire. Per avere una sinistra più a sinistra della sinistra (però con componenti moderato destrorse, tanto per essere aperti, unitari e plurali!) siamo riusciti a presentare quattro liste concorrenti e a regalare così la vittoria alla Lega e al centro destra. E adesso ce li godremo per cinque anni. E se non faranno stupidaggini – semplicemente se si limiteranno a non far niente – ce li godremo per altri cinque. Cose del tutto simili erano già accadute a Torino e in Liguria. Lo stesso era accaduto con il referendum dello scorso novembre che ha posto fine al governo Renzi. Lo stesso sembra ora destinato ad accadere in Sicilia. Si dirà che quello siciliano non è un test nazionale. Che regione più, regione meno, poco importa. Che la Sicilia è una di quelle regioni che toccano alla destra. Peccato che quello che accadrà in Sicilia ha buone prospettive di essere l’anticipazione di quel che accadrà proprio sul piano nazionale, nelle elezioni politiche che si terranno nella primavera del 2018. I presupposti ci sono tutti. Le forze politiche della sinistra (sempre in senso lato) e – diciamolo chiaro – soprattutto le forze politiche minori, quelle che contano poco o niente ma che devono a tutti costi far vedere che esistono, loro e i loro leader, non hanno nessuna determinazione a vincere, hanno soltanto intenzione di perseverare nelle loro tattiche per guadagnare qualche vantaggio marginale, nel loro ruolo di eterni oppositori. Per posizionarsi, in nome del loro cosiddetto popolo. Il quale - pur reduci sconfitti e con le ossa rotte – comunque li applaudirà e li ringrazierà in eterno per averli salvati dall’onta del peccato.

5.  Sarebbe ora di capire, anche da parte dei più duri di comprendonio, che tutto questo fiorire di astuti posizionamenti perdenti da parte dei cespugli di sinistra della politica nazionale e locale servono – oltre che a conseguire il sicuro risultato finale di far perdere tutti – soltanto a garantire miserande rendite di posizione particolaristiche. Pare però che ormai non ci sia più niente da fare, la locomotiva sta correndo verso il baratro e nessuno pare intenzionato a frenare per primo. Se non ci penseranno la logica e il buon senso a fare pulizia di questi atteggiamenti demenziali, ci penseranno purtroppo gli eventi, con una bella distruzione creatrice alla Schumpeter - dove però solo la distruzione è certa, mentre la creazione resterà tutta da vedere. La sconfitta siciliana sarà solo l’anticipazione di quanto potrebbe accadere alle prossime elezioni politiche nazionali in primavera. Anche e soprattutto perché le lacerazioni non si sanano in poche settimane e gli elettori – come del resto è accaduto proprio ad Alessandria – non capirebbero coalizioni dell’ultimo minuto con quelli che, appena prima, ti hanno dato addosso per farti perdere.

Possiamo solo augurarci che la distruzione creatrice – insieme alla probabilissima sconfitta di tutta la sinistra in senso lato – finisca per spazzare via definitivamente tutti i cespugli e cespuglietti e i loro relativi leader che, con tutte le loro chiacchiere, non sono mai riusciti a vincere neanche una volta e che anzi continuano a farci perdere. Perdere, continuare a perdere come unico mezzo per liberarsi di certe zavorre. Questo sembra essere diventato il compito attuale del centro sinistra e della sinistra, e per tutto il resto possiamo aspettare. È certo un prezzo davvero caro da pagare, ma se non altro avremo la consolazione di non dover più vedere certe facce in circolazione intente a darci le loro lezioni di alta politica.


Sito: https://finestrerotte.blogspot.it/

 

 ...
Per ingrandire l'immagine cliccare sull'icona sottostante.​

 

12/09/2017 06:42:15
comments powered by Disqus
19.11.2017
Franco Livorsi
Avendo scritto qui, il 19 ottobre, un lungo articolo - che a quanto pare è stato non poco letto - intitolato “La congiura dei pazzi” - sulla pervicace volontà delle diverse fazioni della sinistra, da Bersani a Renzi, di seguitare a combattersi senza quartiere anche mentre la casa della sinistra, e...
 
18.11.2017
Simona Maggiorelli (")
Anche alla luce della discussione di venerdì allego per il sito di "Città Futura" la recensione del libro di Moni Ovadia: "Il coniglio Hitler e il cilindro del demagogo". Proposto da Renzo Penna ...... Più che dare risposte, Moni Ovadia, vuole sollevare domande, il più possibile, scomode. Nel...
12.11.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Indubbiamente in questo momento, in particolare alla luce della peculiare leggere elettorale varata dal parlamento, il Partito Democratico appare l’elemento politico necessario per permettere una coalizione di governo solida. D’altra parte il PD del 40% delle europee appare altrettanto un fatto concluso...
 
11.11.2017
Giuseppe Rinaldi
L’articolo che segue è stato scritto quasi un anno fa, su richiesta degli amici di Appunti Alessandrini, i quali mi chiedevano di commentare la allora recente scissione del PD. L’articolo era intitolato “Cosa resterà della scissione del Pd?”. Mi permetto di proporlo ora, con il titolo appena modificato,...
10.11.2017
Carlo Patrignani
Dopo la bella discussione dell'incontro di oggi (10 novembre 2017) presso la sede dell'associazione CittaFutura di Alessandria, un suggerimento del civis Filippo Boatti. Viene ripresa la riflessione sui valori / significati dell'impegno in politica.... Da noi fiumi di parole sul fascismo di ritorno,...
 
07.11.2017
Marco Ciani (a cura di)
Pubblichiamo di seguito l’ampia intervista di Marco Ciani a Franco Livorsi, già professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. L’intervista è comparsa su “Appunti Alessandrini” il 4 novembre 2017. Il testo, in...
03.11.2017
Augusto Buscaglia
Lettera aperta: Al Sindaco di Casale Monferrato Al Presidente della Provincia di AlessandriaAl Presidente della Regione Piemonte Augusto BuscagliaIl quotidiano La Stampa di domenica 22 ottobre nelle edizioni di Asti e Cuneo dava notizia con giusto rilievo del via libera alla riapertura della tratta ferroviaria...
 
02.11.2017
Franco Livorsi
Sin da quando avevo vent’anni, all’inizio degli anni Sessanta, non c’era socialista di sinistra un poco colto che non dicesse - né dirigente comunista intelligente che non sussurrasse - che il regime sovietico era una forma di socialismo “degenerata”. Non uno dei miei amici di quel tempo lontano...
31.10.2017
Mauro Calise
Come di consueto l'intervento del prof. Calise ci viene segnalato dal civis Franco Livorsi. La pubblicazione originale è, come spesso avviene quando interviene Mauro Calise, del "Mattino" di Napoli. Ecco il testo... ... A sentirlo, ieri, dal palco del suggestivo scenario napoletano, sembrava tornato...
 
31.10.2017
Paul Krugman
Il presente testo è stato suggerito da Giorgio Abonante, già Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria. E' stato pubblicato per la prima volta su "Il Sole 24 Ore" del 29 ottobre 2017. ... La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.