Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La fisarmonica del centrosinistra
Mauro Calise

(*) In un anno, è cambiato tutto. Dal partito a vocazione maggioritaria, proteso oltre l’asticella del 40% per prendersi da solo il governo, siamo passati alla fisarmonica. A geometria – e alleanze – variabili. In tutte le direzioni. Cassata, almeno per il momento, la troppa impegnativa coalizione, la discussione si sposta sul terreno più flessibile – e, ovviamente, friabile – degli accordi di scopo. Liste civiche sul fianco destro, liste civetta sul territorio, liste unitarie – ma non troppo – col campo progressista che l’ex-sindaco di Milano sta provando a mettere in campo. Un frenetico via vai di messaggeri, trattative, e tavolini imbanditi di buoni propositi. Cui, però, mancano ancora i voti. Perché l’unica certezza, al momento, è che la folla e l’attenzione ai convegni riguardano soprattutto i politici, i diretti interessati all’ipotesi di riuscire a strappare un seggio in più. Molti colonnelli e capitani, ma di truppe poca o nessuna traccia.

E’ questa la principale novità rispetto allo scenario dominante fino al flop referendario. Prima, la scena era occupata dai leader, e dai sondaggi che ne scandivano le sorti. Pochi big – Renzi, Grillo, Berlusconi con Salvini a fare da outsider – che provavano a spostare il paese, in blocco, dalla propria parte. Oggi, siamo in un’altra era. I leader sembrano passati di moda. Renzi costretto a fare un passo indietro, Grillo che lo ha fatto sua sponte, il Cavaliere soprattutto impegnato a impedire il sorpasso leghista. Con la rassegnazione crescente che nessuno ce la farà a prendersi la posta. Da cui il ritorno della micropolitica. Quella dei piccoli passi. Uno avanti, uno di lato e un altro chissà dove. Nell’illusione che possa servire a spostare l’elettorato di qualche decimale di voto.

Su questo tipo di nuovo scacchiere, un ruolo importante - se riuscisse davvero a passare – lo giocherà la nuova legge elettorale. Che è stata costruita con l’intento di favorire gli accordi tattici, diversi collegio per collegio, a seconda delle convenienze – ipotizzate – dei vari attori. Non si capisce ancora se il Pd, alla fine, darà il via libera. Vale a dire, non quello ufficiale, ma quello reale che funziona con il passaparola all’ultim’ora. Né si sa se, con il voto segreto, i parlamentari Pd si allineerebbero tutti. L’unico, nel centrosinistra, cui il Rosatellum conviene – sicuramente e apertamente - è Pisapia. Che ha fatto capire a chiare lettere che non ha alcuna intenzione di restare prigioniero degli odi personali che sono il principale alimento dei transfughi del Mdp.  E avrebbe tutto da guadagnare da un congegno che, almeno per un terzo dei seggi, premia qualsiasi tipo di aggregazione. A quel punto, sarebbe molto più facile lasciare gli orfani della ditta a cuocersi nel proprio autoisolamento. E, soprattutto, puntare sulla sponda che, dall’interno del Pd, verrebbe offerta dai big – come Del Rio e Franceschini – che cercano in tutti i modi di spingere Renzi a riaprire i ponti, e il dialogo.

A parole, il segretario è d’accordo. Ma, dentro di sé, si rende conto che, in questa tela allargata, la sua leadership uscirebbe ridimensionata. Ma non è già così? Che cosa è, oggi, più pericoloso per Renzi? Il segretario ha pochissima voglia di accettare di cambiare gioco, infilarsi nel ginepraio sotterraneo della micropolitica in cui altri suoi compagni di partito sono notoriamente più abili. Ma, al tempo stesso, è consapevole che si muove sulle sabbie mobili. La situazione è così traballante che la resa dei conti nel Pd potrebbe essere anticipata anche a prima delle elezioni nazionali, qualora in Sicilia a novembre ci fosse una sonora sconfitta. Quindi, meglio giocare di rimessa. Conservando – almeno all’apparenza – «l’atteggiamento zen» che ha sfoderato nelle ultime occasioni pubbliche. Meglio non tirare troppo la corda. Almeno fino a quando c’è il rischio che possa essergli stretta intorno al collo.

                        ((^) “Il Mattino”, 2 ottobre 2017)

03/10/2017 14:44:07
comments powered by Disqus
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
07.12.2017
Federico Quadrelli (*)
Sul concetto di “crisi”Tra i tanti concetti che vengono utilizzati nel discorso pubblico e giornalistico, quello di “crisi” è il più abusato.Parliamo di crisi quasi sempre in termini negativi e superficiali in riferimento a qualsiasi cosa dell’esistenza umana, nella sua dimensione privata tanto quanto...
 
05.12.2017
Franco Livorsi
“Crepi l’astrologo” lo dico io. Se lui, l’astrologo, dice che una grande crisi della democrazia è “in cammino”, vada in malora. Meglio che accada a lui che a “lei”. Speriamo che l’astrologo stia interpretando male i segni del tempo. Come diceva Trockij “E’ vero che la storia è maestra di vita, ma è...
03.12.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Cominciano a uscire i sondaggi sulle intenzioni di voto che tengono conto della nuova legge elettorale (il cosiddetto rosatellum) e del nuovo disegno delle circoscrizioni. Il quadro è piuttosto preoccupante, almeno per coloro che hanno a cuore i destini del centro sinistra. Dai risultati di un recentissimo...
 
28.11.2017
Alfredo Somoza
Come quando negli Stati Uniti si aprono gli archivi di Stato perché sono passati 25 anni dai fatti, e si possono leggere documenti che chiariscono passaggi importanti del passato vicino, la pubblicazione del testamento del Venerabile Licio Gelli conferma molti fatti saputi, ma mai verificati in modo...
28.11.2017
Mauro Calise
Sembra ci sia una maledizione vichiana sulla – povera – politica italiana. Con la leadership di Renzi costretta a rincorrere – ricorsare – la parabola che fu del ventennio (pardon, venticinquennio) berlusconiano. Con una serie di scese in campo, discese ardite e – tentativi di – risalite che sono...
 
24.11.2017
Filippo Boatti
Non c’è dubbio, negli ultimi tempi ho personalmente espresso molte riserve e perplessità su un percorso politico della sinistra non lineare e troppo pasticciato, privo del polso di una vera classe dirigente e tutto giocato all'interno della tattica di Palazzo ma poco o nulla interessante per il mondo reale...
22.11.2017
Nicola Parodi
Praticamente tutti i commentatori politici attribuiscono grande peso a “ antipatie, astio, odio” fra i vari leader come causa delle difficoltà al realizzarsi di un alleanza delle varie forze del centrosinistra. Sicuramente le antipatie personali pesano ma dobbiamo considerare le reazioni di antipatia...
 
21.11.2017
Tommaso Manzillo
Il fallimento, nella tarda serata di domenica 19 novembre, nelle trattative per la formazione del nuovo governo tedesco, a causa del retromarcia dei liberali, formazione di minoranza, poco convinti dal programma di Angela Merkel, uscita come una vincitrice ridimensionata dalle ultime elezioni, forniscono...
Segnali
Lunedì 18 dicembre 2017 ore 16:45 Sinagoga di Alessandria - Via Milano 7 "Channukkàh 5778" La Festa...
martedì 19 dicembre ore 17,30 – 19,00 Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria al...
mercoledì 20 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza...
il 20 dicembre, dalle 17 alle 22 appuntamento alla Casa di Quartiere in via Verona 116Alessandria XMA...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
sabato 2 dicembre ore 15.00 “IL MERCATINO DI TELIA” Inaugurazione del mercato di Natale dell’Associazione...
Come ogni anno, parte, da oggi, la Campagna "Arance di Natale...arance per la vita" a sostegno del Centro...
lunedì 4 dicembre alle ore 18.00 con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie in cui Enzo Iacchetti,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018 UNO STRAORDINARIO ROAD...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Dal 15 al 19 Dicembre "La Principessa e L'Aquila"Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Tratto da...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.