Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La teoria della sconfitta utile
Giuseppe Rinaldi


1. Cominciano a uscire i sondaggi sulle intenzioni di voto che tengono conto della nuova legge elettorale (il cosiddetto rosatellum) e del nuovo disegno delle circoscrizioni. Il quadro è piuttosto preoccupante, almeno per coloro che hanno a cuore i destini del centro sinistra. Dai risultati di un recentissimo sondaggio Ixé (30/11/2017) - cito dall’Huffington Post – se si votasse oggi lo scenario risulterebbe questo: «Alla Camera la coalizione di centrodestra è prima con il 35,5% e 270 seggi, poi c'è il M5S con il 29,4% e 165 seggi seguito dalla coalizione di centrosinistra con il 28,6% e 162 seggi; infine la Sinistra con il 6,5% e 25 seggi. Al Senato stesse percentuali e seggi assegnati in questo modo: 135 al centrodestra, 85 al M5S, 81 seggi al Centrosinistra e infine 8 alla Sinistra».

Com’è evidente, se i risultati effettivi saranno vicini a questi - anche con un ampio margine di oscillazione – avremmo due conseguenze degne di nota: a) il PD si sta appressando ormai a diventare il terzo partito e b) non ci sarà in generale alcuna possibilità di formare una qualche maggioranza coerente e stabile. Il che consegnerà il Paese nuovamente ad altri cinque anni di coalizioni innaturali e stentate, governi deboli e instabilità. Certo, in tal caso si potrebbe anche andare subito a nuove elezioni per correggere il tiro, ma certamente - come accadde già nel 2013 – nessuno vorrà lasciare il certo per l’incerto e quindi tutti gli eletti resteranno avvinghiati agli scranni appena conquistati.

2. D’altro canto, che ormai i giochi siano fatti e che la sconfitta del centro sinistra sia inevitabile è un’impressione diffusa e persistente, sia presso i protagonisti che presso gli osservatori. È interessante il fatto che, nel dibattito di questi giorni, stia tornando in auge la questione del voto utile. Ne ha parlato Scalfari con preoccupazione. Ne ha parlato D’Alema, con una certa soddisfazione. Cosa comporta il voto utile? Qualora l’elettore di centro sinistra, con lucidità e realismo, dia ormai per spacciata la propria parte, questi potrebbe saggiamente cercare di usare il proprio voto per favorire la soluzione considerata come la meno peggio. Non è una mera ipotesi, è già successo platealmente in Sicilia. Il fatto è che non è neanche del tutto chiaro in cosa possa consistere il meno peggio. Così, una parte di loro potrebbe votare, turandosi il naso, per la destra berlusconiana (in funzione anti Salvini, sperando magari in un nuovo Patto del nazareno) e un’altra parte potrebbe rassegnarsi a votare per il M5S, considerando un governo Salvini/ Berlusconi  come l’estremo male. Tutto ciò – tra l’altro – non farebbe che aumentare i voti rispettivi della coalizione di destra e del M5S, ai danni del PD.  D’Alema – lo ha dichiarato esplicitamente – si aspetta dall’applicazione della strategia del voto utile una perdita di voti devastante per il PD.

3. Accade così che - come insegna autorevolmente D’Alema - accanto a quella del voto utile stia emergendo a sinistra una strategia davvero insolita, anche se già variamente sperimentata, che è quella della sconfitta utile. Si ricorderà che all’indomani della pesante sconfitta elettorale siciliana del centro sinistra, alcuni uomini della sinistra stricto sensu ebbero a dire che il risultato del 6% della coalizione di Fava rappresentava un successo. La sconfitta utile è dunque quella auspicata ai danni del PD dalla coalizione che si appresta a nascere tra MDP, SI e Possibile, pare con la leadership di Grasso. Non si sa ancora come si chiameranno, anche se qualcuno dice Liberi ed Eguali (nome che a noi ricorda la sfortunata impresa di Babeuf). La sconfitta utile per costoro è la sconfitta del PD e, segnatamente, quella di Matteo Renzi (il quale ha già ricevuto molte batoste, evidentemente considerate ancora non sufficienti). Di fronte a questo obiettivo primario, quel che potrebbe accadere al sistema politico italiano, al sistema Paese, a tutti noi, per costoro è decisamente secondario. «Ci penseremo dopo!» ha detto esplicitamente Bersani.

4. La teoria della sconfitta utile ha dei fondamenti scientifici e si basa sul fatto oggettivo che se non si è abbastanza forti per vincere, si può essere tuttavia abbastanza forti per far perdere qualcuno. Proprio in questi giorni il CENSIS ha affermato, nel suo ultimo rapporto, che l’elemento caratteriale tipico dell’Italia odierna pare essere diventato il rancore. Ce ne eravamo accorti. L’espressione del proprio rancore contro il proprio nemico giurato offre evidentemente una soddisfazione così grande da mettere in secondo piano, ad esempio, cinque anni di instabilità politica, cinque anni di un governo Salvini o cinque anni di un governo Di Maio. Il che significherebbe la vanificazione totale di quel minimo di ripresa economica cui stiamo oggi assistendo. Detto per inciso, noi alessandrini ne sappiamo qualcosa. La politica del rancore e la teoria della sconfitta utile è stata utilizzata ad Alessandria dal cosiddetto quarto polo, ed ha funzionato alla perfezione. I renziani del PD sono stati spazzati via ma ora in città governa il centro destra. I sacrifici degli alessandrini compiuti negli ultimi cinque anni saranno con ogni probabilità vanificati. Una sconfitta senz’altro utile dunque, ma a chi?

5. I sondaggi attribuiscono più o meno un 6% alla nascitura coalizione di sinistra stricto sensu. Se raggiungerà questo risultato, il compagno Grasso (o chi per lui) dichiarerà anch’egli di avere ottenuto un grande successo. Se poi dovesse raggiungere il 10% dichiarerà di avere conseguito una vittoria  epocale, dirà di avere invertito un trend involutivo della sinistra, di avere rimesso il lavoro al centro dell’agenda politica e di avere sconfitto il neocentrismo renziano. Applaudiranno compatti tutti i sostenitori orfani della coalizione sociale di Landini, la CGIL della Camusso e tutte quelle formazioni parapolitiche sedicenti di sinistra che al referendum hanno fatto votare contro Renzi.

Bene, perfetto. Secondo questa fulgida e lungimirante visione, nella situazione d’instabilità permanente che seguirà l’utile sconfitta del PD, nella prospettiva di un governo Salvini/ Berlusconi o di un governo Di Maio, i lavoratori e la bersaniana “nostra gente” verranno subito a trovarsi in una situazione migliore di prima. Salvini o Di Maio elimineranno il jobs act e reintrodurranno l’articolo 18, daranno ascolto alle rivendicazioni della CGIL, firmeranno un sacco di contratti vantaggiosi per i lavoratori ed elimineranno l’odiata “buona scuola” renziana. Saranno eliminati gli ottanta euro e tutte le altre prebende renziane e con il ricavato si faranno gli investimenti pubblici per far ripartire lo sviluppo. Il debito pubblico scenderà vertiginosamente, tutti pagheranno doverosamente le tasse, i posti di lavoro cresceranno come funghi e si ridurrà la disoccupazione giovanile. Soprattutto ci sarà l’accoglienza dei profughi e la cittadinanza per tutti i figli di immigrati nati in Italia. Sicuramente avremo più peso in Europa e faremo passi avanti decisivi nella costruzione dell’Europa politica. E poi, dimenticavo, sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno. Insomma, grazie alla sconfitta utile, con la vittoria di Salvini/ Berlusconi, o con quella di Di Maio, i lavoratori e il popolo della sinistra (“la nostra gente”) andranno tutti a stare decisamente meglio. Più o meno come ad Alessandria.

 

Giuseppe Rinaldi

3/12/2017

 

Blog: http://finestrerotte.blogspot.it/

03/12/2017 17:50:24
comments powered by Disqus
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
07.12.2017
Federico Quadrelli (*)
Sul concetto di “crisi”Tra i tanti concetti che vengono utilizzati nel discorso pubblico e giornalistico, quello di “crisi” è il più abusato.Parliamo di crisi quasi sempre in termini negativi e superficiali in riferimento a qualsiasi cosa dell’esistenza umana, nella sua dimensione privata tanto quanto...
 
05.12.2017
Franco Livorsi
“Crepi l’astrologo” lo dico io. Se lui, l’astrologo, dice che una grande crisi della democrazia è “in cammino”, vada in malora. Meglio che accada a lui che a “lei”. Speriamo che l’astrologo stia interpretando male i segni del tempo. Come diceva Trockij “E’ vero che la storia è maestra di vita, ma è...
03.12.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Cominciano a uscire i sondaggi sulle intenzioni di voto che tengono conto della nuova legge elettorale (il cosiddetto rosatellum) e del nuovo disegno delle circoscrizioni. Il quadro è piuttosto preoccupante, almeno per coloro che hanno a cuore i destini del centro sinistra. Dai risultati di un recentissimo...
 
28.11.2017
Alfredo Somoza
Come quando negli Stati Uniti si aprono gli archivi di Stato perché sono passati 25 anni dai fatti, e si possono leggere documenti che chiariscono passaggi importanti del passato vicino, la pubblicazione del testamento del Venerabile Licio Gelli conferma molti fatti saputi, ma mai verificati in modo...
28.11.2017
Mauro Calise
Sembra ci sia una maledizione vichiana sulla – povera – politica italiana. Con la leadership di Renzi costretta a rincorrere – ricorsare – la parabola che fu del ventennio (pardon, venticinquennio) berlusconiano. Con una serie di scese in campo, discese ardite e – tentativi di – risalite che sono...
 
24.11.2017
Filippo Boatti
Non c’è dubbio, negli ultimi tempi ho personalmente espresso molte riserve e perplessità su un percorso politico della sinistra non lineare e troppo pasticciato, privo del polso di una vera classe dirigente e tutto giocato all'interno della tattica di Palazzo ma poco o nulla interessante per il mondo reale...
22.11.2017
Nicola Parodi
Praticamente tutti i commentatori politici attribuiscono grande peso a “ antipatie, astio, odio” fra i vari leader come causa delle difficoltà al realizzarsi di un alleanza delle varie forze del centrosinistra. Sicuramente le antipatie personali pesano ma dobbiamo considerare le reazioni di antipatia...
 
21.11.2017
Tommaso Manzillo
Il fallimento, nella tarda serata di domenica 19 novembre, nelle trattative per la formazione del nuovo governo tedesco, a causa del retromarcia dei liberali, formazione di minoranza, poco convinti dal programma di Angela Merkel, uscita come una vincitrice ridimensionata dalle ultime elezioni, forniscono...
Segnali
Lunedì 18 dicembre 2017 ore 16:45 Sinagoga di Alessandria - Via Milano 7 "Channukkàh 5778" La Festa...
martedì 19 dicembre ore 17,30 – 19,00 Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria al...
mercoledì 20 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza...
il 20 dicembre, dalle 17 alle 22 appuntamento alla Casa di Quartiere in via Verona 116Alessandria XMA...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
sabato 2 dicembre ore 15.00 “IL MERCATINO DI TELIA” Inaugurazione del mercato di Natale dell’Associazione...
Come ogni anno, parte, da oggi, la Campagna "Arance di Natale...arance per la vita" a sostegno del Centro...
lunedì 4 dicembre alle ore 18.00 con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie in cui Enzo Iacchetti,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018 UNO STRAORDINARIO ROAD...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Dal 15 al 19 Dicembre "La Principessa e L'Aquila"Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Tratto da...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.