Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La socialdemocrazia Europea colga la sfida: Crisi è anche opportunità
Federico Quadrelli (*)

  1. Sul concetto di “crisi”

Tra i tanti concetti che vengono utilizzati nel discorso pubblico e giornalistico, quello di “crisi” è il più abusato.

Parliamo di crisi quasi sempre in termini negativi e superficiali in riferimento a qualsiasi cosa dell’esistenza umana, nella sua dimensione privata tanto quanto in quella pubblica. Così la famiglia è in crisi e la Politica anche, come lo sono le relazioni sentimentali, la fede, la Chiesa, l’università, la scienza, l’etica, l’economia, i partiti, la democrazia, l’ambiente, la coesione sociale e via dicendo. Insomma, esiste qualche cosa che non sia in crisi? No. E c’è un motivo molto semplice per spiegarlo: tutto ciò che è vivo attraversa fasi più o meno intense, prolungate, importanti, drammatiche o meno, di crisi. Prendiamone semplicemente atto! E invece di lasciarci andare alla disperazione, alla rassegnazione o all’allarmismo, reagiamo con fermezza e in modo proattivo per trovare il modo di superare queste difficoltà e uscirne rafforzati. In una battuta: diventiamo resilienti!

Per poter discutere del tema che propongo, ossia la sfida che la socialdemocrazia europea deve sapere cogliere per salvarsi, è necessario spendere due righe sulla definizione che vogliamo dare di “crisi”. Se partiamo dall’analisi meramente etimologica della parola si scopre che essa non ha alcuna connotazione valoriale, non è né positiva né negativa. La parola greca da cui si origina, infatti, può essere tradotta con “discernere” o meglio, “prendere una decisione”. La crisi quindi è un qualche cosa che ci spinge ad agire e fare una scelta. Questa definizione esprime meglio di qualsiasi altra l’affermazione “essere in crisi”. Ossia, siamo messi davanti a una serie di circostanze che richiedono da parte nostra un’azione e non la rassegnazione. Mi sembra che come inizio sia già importante per capire quale suggerimento mi sento di dare: azione e non rassegnazione!

  1. La socialdemocrazia europea e la sua crisi  

Sulla crisi della socialdemocrazia europea si sono espressi numerosi autori nel corso dei decenni. Già questo lascia intendere che di socialdemocrazia in crisi si parla da un bel po’ di tempo. Si potrebbe dire, infatti, che la socialdemocrazia europea non abbia mai vissuto senza essere in crisi.

La socialdemocrazia in Europa ha attraversato periodi di profonda difficoltà provocati da fattori esterni tanto quanto da fattori interni. Le crisi superate dalla socialdemocrazia tedesca, per esempio, sono state numerose e certamente più complesse di quelle che vediamo oggi, spesso ridotte a mere questioni di perdita di consenso in punti %.

La SPD, il partito socialdemocratico tedesco, è uno dei più antichi al mondo, sicuramente il più antico in Europa. Nasce nel 1875 per promuovere una visione di mondo radicalmente diversa da quella in auge nella società di fine ottocento. Un partito che si rivolge a una classe lavoratrice emergente, oppressa e priva di qualsiasi forma di tutela. Acquista consenso elettorale, vince delle sfide politiche e riesce a mobilitare porzioni sempre maggiori di popolazione.

Si trova, suo malgrado, in una nazione che sarà protagonista delle due guerre mondiali, e che esprimerà uno dei personaggi politici più sconcertanti della storia dell’uomo. Un soggetto che spingerà un popolo verso il baratro e porterà avanti un piano di sterminio di massa a danni di milioni di persone innocenti. Nonostante questo, la SPD porterà avanti i suoi valori, quelli della solidarietà e fratellanza tra i popoli, della giustizia sociale e del progresso umano e della dignità della persona. Lo farà pur consapevole che questo le renderà la vita difficile. E sarà così. Perderà potere, non riuscirà a mobilitare abbastanza persone da contrapporsi al partito nazionalsocialista, sarà combattuta e perseguitata ferocemente da Hitler, come era accaduto già con il partito comunista poco prima.

C’è una frase celebre pronunciata in un discorso al Bundestag da Otto Wels, nel 1933, in occasione dell’approvazione della Ermachtigungsgesetz, quella che darà inizio al percorso totalitario della Germania nazista, che riferendosi ad Hitler dice: “Freiheit und Leben kamm man uns nehmen, die Ehre nicht”, che tradotto significa: “potrete toglierci la libertà e la vita, ma non l’onore”. (link: https://www.youtube.com/watch?v=bmhB6D1_AIc&t=15s)

Anche i liberali appoggeranno quella legge, votandola. Solo la SPD e il partito comunista si opporranno dando forma a quel che definiamo “onore”.

Non era forse la SPD in una situazione critica? Non era forse quella una crisi profonda? La SPD supererà anche questa sfida. Nei decenni successivi sarà protagonista della rinascita della Germania. Esprimerà uno dei cancellieri più amati della storia repubblicana, cioè Willy Brandt, e resisterà anche alla prepotenza della dittatura sovietica. Insomma, la SPD sarebbe stata quello che è stata, ed è, nel bene o nel male, se non avesse dovuto affrontare tante avversità e tanti orrori? Staremmo qua a celebrare i suoi 153 anni di storia? No, non credo. Il punto è allora chiedersi come ci è riuscita. La mia risposta è forse banale, ma è questa: resilienza.

Il termine è preso dal vocabolario della psicologia e indica una condizione di “reazione” davanti a fenomeni stravolgenti e in un clima di profonda incertezza. Si tratta della reazione a uno stato di crisi profonda: la SPD è stata resiliente nel periodo nazista, non lasciandosi schiacciare e obbligare all’oblio.

La socialdemocrazia vive oggi una condizione di confusione, più che di crisi. Non riesce a prendere decisioni, non ha il coraggio di dirsi chiaramente che cosa sia. Il mondo è cambiato e con lui le persone. La resilienza, in questo senso, dovrebbe significare una spinta al cambiamento, che non significa, e non deve significare, abbandonare se stessi. Significa resistere e adattarsi, dare la direzione ai cambiamenti che attraversano la società e non farsi cogliere di sorpresa da essi e lasciarsi trascinare qua e là senza bussola. Se Wels nel 1933 non avesse detto ciò che ha detto, avendo ben chiaro cosa la SPD rappresentasse, quel partito sarebbe morto probabilmente in quel periodo, invece, è ancora qua.

  1. Sulle cause delle crisi e sulle varie resilienze

I partiti aderenti alla famiglia socialdemocratica europea sono molti. Non posso prenderli tutti in rassegna, ma per comprendere cosa intendo con “resilienza” ed osservarne gli effetti pratici, potremmo guardare alla Gran Bretagna, per un caso positivo, e alla Francia per un caso negativo.

Il PS francese esce sconfitto dalle ultime elezioni, con risultati elettorali pessimi. Ma non è, questo, nello specifico, a dirci che il PS attraversa una fase di profonda crisi. Ce lo dice, piuttosto, il venir meno della sua capacità di esprimere coerenza tra i suoi valori e le politiche concrete. La crisi è d’identità. Lo stesso è stato per il Labour durante il periodo della terza via blairiana e per la SPD con Schröder. Quei partiti erano tutti al top dei loro consensi elettorali, ma le scelte politiche dimostravano alla base e ai propri elettori, specie quelli potenziali, che c’era una crescente distanza tra “il dire” e “il fare”. Veniva meno la loro aderenza ai valori e ai principi propri della socialdemocrazia.

Le scelte compiute da Hollande hanno massacrato il PS. Le scelte in Germania della SPD di essere responsabili e andare al governo con la CDU per ben due volte consecutive e la scelta di appoggiare politiche a livello europeo di austerità, hanno fatto il resto.

L’unico partito della famiglia socialdemocratica europea che sembra godere di ottima salute è quello che fino a poco fa era dato per spacciato: il Labour. Un leader espressione della “vecchia guardia”, Jeremy Corbyn, vince per due volte le primarie del partito, sbaragliando tutte e tutti. Nel giro di due appuntamenti elettorali aumenta il consenso del partito, prima di tutto in termini di iscritte ed iscritti (variabile spesso ignorata) e in secondo luogo in termini di punti % alle elezioni (sfonda il 40%). Lo fa proponendo un programma diametralmente opposto a tutti quelli visti da parte dei partiti socialdemocratici nel resto d’Europa. Tanto che diversi esponenti del PD italiano si lanceranno in profezie apocalittiche sul destino del Labour con Corbyn Segretario.

La resilienza del Labour si esprime nella sua capacità di affrontare la crisi in cui versa, dentro il partito e fuori, nella società (pensiamo alla Brexit), con il coraggio di ripartire dalla propria identità. Idee e valori tradotti in proposte politiche. Che raggiungono le persone. Le convincono. E lo fa con la voce e il volto di un leader che dice e fa le cose che dice da 40 anni a questa parte. Qui introduco allora due parole che mi serviranno per la conclusione: coerenza e credibilità.

In Germania, la SPD, propone un programma tradizionale, sul solco dei principi della socialdemocrazia. Un programma importante. Lo fa con il volto e la voce di Martin Schulz, già Presidente del Parlamento Europeo, che ha appoggiato senza troppe resistenze, le politiche di austerità emergendo in particolare nel contrasto con la Grecia.

Il risultato è stato decisamente deludente. Lontano da quello del Labour. Comunque migliore del PS francese. Perché? Quali sono gli ingredienti che hanno fatto la differenza? Una questione meramente geografica?

La mia risposta è questa: coerenza e credibilità!

  1. Conclusioni: essere coerenti, per tornare credibili

Non si può promettere ciò che non si è intenzionati a fare. Dopo anni di grande coalizione la SPD ha perso credibilità, poiché si è mostrata incoerente nelle sue azioni. Questo è il mood di tante e tanti militanti che ho percepito in questi mesi di campagna elettorale. Sull’altare della “responsabilità” è stato sacrificato molto, troppo. Valori e principi che sono passati in secondo e terzo piano rispetto all’esigenza di “governare”.

Sì, la smania, suicida, del governare a tutti i costi. Sì, ma governare per fare cosa? Per portare avanti quali proposte? Facendolo, ma in che modo? Questa logica economicista e iper-utilitaristica alla politica è veleno per una forza socialdemocratica, che ha l’aspirazione di essere ampiamente rappresentativa e di durare nel tempo.

Tornando al caso tedesco, dopo le grandi coalizioni, è difficile presentarsi ad elettrici ed elettori, ma prima di tutto ai primi militanti, promettendo mari e monti, quando per otto anni hai fatto l’esatto opposto. Rivendicare quei pochi successi ottenuti, grazie a contrattazioni al ribasso col partner di maggioranza, non serve (e non è servito) a molto.

Serve radicalità nelle posizioni. Occorre essere resilienti: non lasciarsi trascinare dalle condizioni del momento né dalle esigenze contingenti, ma tornare a volare alto. Essere di nuovo capaci, come forza politica che ha valori e principi chiari, di guardare al futuro, di plasmarlo, di dimostrare coerenza. Solo così la socialdemocrazia potrà, secondo me, tornare ad essere credibili e quindi protagonista del cambiamento.

(*) Federico Quadrelli, Segretario PD di Berlino (DE). Testo segnalato da Giorgio Abonante (consigliere comunale di minoranza ad Alessandria)

07/12/2017 12:17:35
comments powered by Disqus
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
07.12.2017
Federico Quadrelli (*)
Sul concetto di “crisi”Tra i tanti concetti che vengono utilizzati nel discorso pubblico e giornalistico, quello di “crisi” è il più abusato.Parliamo di crisi quasi sempre in termini negativi e superficiali in riferimento a qualsiasi cosa dell’esistenza umana, nella sua dimensione privata tanto quanto...
 
05.12.2017
Franco Livorsi
“Crepi l’astrologo” lo dico io. Se lui, l’astrologo, dice che una grande crisi della democrazia è “in cammino”, vada in malora. Meglio che accada a lui che a “lei”. Speriamo che l’astrologo stia interpretando male i segni del tempo. Come diceva Trockij “E’ vero che la storia è maestra di vita, ma è...
03.12.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Cominciano a uscire i sondaggi sulle intenzioni di voto che tengono conto della nuova legge elettorale (il cosiddetto rosatellum) e del nuovo disegno delle circoscrizioni. Il quadro è piuttosto preoccupante, almeno per coloro che hanno a cuore i destini del centro sinistra. Dai risultati di un recentissimo...
 
28.11.2017
Alfredo Somoza
Come quando negli Stati Uniti si aprono gli archivi di Stato perché sono passati 25 anni dai fatti, e si possono leggere documenti che chiariscono passaggi importanti del passato vicino, la pubblicazione del testamento del Venerabile Licio Gelli conferma molti fatti saputi, ma mai verificati in modo...
28.11.2017
Mauro Calise
Sembra ci sia una maledizione vichiana sulla – povera – politica italiana. Con la leadership di Renzi costretta a rincorrere – ricorsare – la parabola che fu del ventennio (pardon, venticinquennio) berlusconiano. Con una serie di scese in campo, discese ardite e – tentativi di – risalite che sono...
 
24.11.2017
Filippo Boatti
Non c’è dubbio, negli ultimi tempi ho personalmente espresso molte riserve e perplessità su un percorso politico della sinistra non lineare e troppo pasticciato, privo del polso di una vera classe dirigente e tutto giocato all'interno della tattica di Palazzo ma poco o nulla interessante per il mondo reale...
22.11.2017
Nicola Parodi
Praticamente tutti i commentatori politici attribuiscono grande peso a “ antipatie, astio, odio” fra i vari leader come causa delle difficoltà al realizzarsi di un alleanza delle varie forze del centrosinistra. Sicuramente le antipatie personali pesano ma dobbiamo considerare le reazioni di antipatia...
 
21.11.2017
Tommaso Manzillo
Il fallimento, nella tarda serata di domenica 19 novembre, nelle trattative per la formazione del nuovo governo tedesco, a causa del retromarcia dei liberali, formazione di minoranza, poco convinti dal programma di Angela Merkel, uscita come una vincitrice ridimensionata dalle ultime elezioni, forniscono...
Segnali
Lunedì 18 dicembre 2017 ore 16:45 Sinagoga di Alessandria - Via Milano 7 "Channukkàh 5778" La Festa...
martedì 19 dicembre ore 17,30 – 19,00 Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria al...
mercoledì 20 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza...
il 20 dicembre, dalle 17 alle 22 appuntamento alla Casa di Quartiere in via Verona 116Alessandria XMA...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
sabato 2 dicembre ore 15.00 “IL MERCATINO DI TELIA” Inaugurazione del mercato di Natale dell’Associazione...
Come ogni anno, parte, da oggi, la Campagna "Arance di Natale...arance per la vita" a sostegno del Centro...
lunedì 4 dicembre alle ore 18.00 con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie in cui Enzo Iacchetti,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018 UNO STRAORDINARIO ROAD...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Dal 15 al 19 Dicembre "La Principessa e L'Aquila"Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Tratto da...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.