Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Renzi, la Costituzione, la sinistra e le elezioni
Nuccio Lodato

Cari compagni e amici,

ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici"  personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico giornaliero, con qualche particolare accentuazione nel Partito Democratico.

Quando Grasso propone di prendere a base programmatico-operativa l'art. 3 della Costituzione, si tocca con mano, in concreto, un'ovvietà risaputa: lo stato assolutamente insoddisfacente della sua progressiva attuazione, a quasi settan'anni dall'entrata in vigore. Almeno su questo i dissensi non dovrebbero registrarsi. Questa intervista alla costituzionalista Lorenza Carlassare, pubblicata dal «manifesto» il 2 dicembre scorso nel primo anniversario del referendum costituzionale, che qui ripropongo, per brevità, con lo schema "a domanda risponde" mi pare possa fornire a tutti materia di pacata riflessione, anche con gli eventuali spazi di disaccordo.                        

                                                                                             (Nuccio Lodato)

                                                                   

 

 

4 dicembre: un successo dagli effetti modesti

 

Lorenza Carlassare

 

       Il 4 dicembre abbiamo ottenuto una vittoria schiacciante. Ma ha prodotto un effetto molto modesto sul sistema politico. Naturalmente abbiamo evitato guai peggiori, eppure dietro quei tantissimi "No" al referendum istituzionale c'erano delle richieste che sono andate deluse. Non c'è stato il cambiamento che era lecito sperare. Se devo cercare le ragioni di questa delusione non posso che partire dal ruolo di Renzi.

       E' ancora lì e sta portando a compimento la sua opera: devastare la sinistra e riconsegnare il paese a Berlusconi. Il fatto che Renzi sia rimasto al centro del quadro politico immobilizza il Pd in una posizione che non è certo di sinistra. E impedisce qualsiasi vera riunificazione del centrosinistra. Guardiamo a questa campagna elettorale. Non c'è alcun progetto politico serio in campo. Mi irrita che si possano presentare alcune misure isolate -che al massimo potrebbero essere provvedimenti applicativi- come un programma politico definito. I bonus ad esempio. E' forse di sinistra distribuire soldi a tutte le famiglie, anche a quelle dei milionari? Quando le risorse sono limitate andrebbero concentrate sui redditi più bassi. Altro esempio, il bonus bebé. Non è proposto come una misura di giustizia sociale, ma come un'iniziativa in favore dell'aumento delle nascite. Era stata una misura fascista, altro che di sinistra.

       Bisognerebbe dire che i partiti, ai quali manca totalmente un progetto di società, potrebbero rifarsi alla Costituzione. Invece il Pd considera un programma massimalista dire che bisogna cominciare ad applicarla. Dimenticando o ignorando quello che spiegava Norberto Bobbio. la nostra Costituzione ha una trama liberale con apporti del pensiero cattolico e del pensiero socialista. Pensano che sia una Costituzione pericolosamente di sinistra. E non credo che rinunceranno, neppure dopo la sconfitta del 4 dicembre, a cambiarla. Non bisofna meravigliarsi. Nel nostro paese ci sono sempre state forze che hanno vissuto con fastidio la carta fondamentale proprio perché è una costituzione sociale. All'inizio cìè stata una resistenza ad applicarla, poi per un lungo periodo si è fatto come se la Costituzione non esistesse, infine è cominciata la fase delle grandi riforme: volevano cambiarla. Non escluso nuovi attacchi.

       Non dico affatto che non si possa rivedere. Anche il ruolo del senato si può rivedere. Ma che si facciano proposte razionali, si spieghino bene obiettivi e vantaggi. Si propongano unterventi mirati, le idee non mancano. Quello che abbiamo respinto con il referendum non era un progetto organico, era solo un tentativo di blindare il potere. Assistiamo adesso a una precisa manovra per dare la colpa della instabilità politica a noi che abbiamo sostenuto il "No". Una critica che arriva dai sostenitori del modello maggioritario, quello in cui c'è un solo partito che domina e che impone agli altri le sue volontà. In quel modello non sono previste mediazioni. Devo dire sinceramente che non mi preoccupa se nella prossima legislatura ci vorrà del tempo per formare un governo. Non mi ha mai preoccupato. In un sistema parlamentare è abbastanza normale che un accordo di governo passi per delle mediazioni politiche. E' la democrazia a prevederlo. Teniamocela stretta.  

14/12/2017 23:28:07
comments powered by Disqus
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
 
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
 
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
 
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
 
23.12.2017
Franco Livorsi
Nox. Un nostro comune amico giorni fa, su queste stesse colonne, notava, in “Città Futura”, “una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti”, “con qualche particolare accentuazione nel Partito Democratico”. Va però notato che questa difficoltà d’intendersi non ha nulla a che fare...
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.