Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La chiave per il futuro del “centrosinistra”: Europa, Donne, Green Economy
Monica Frassoni

A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare.

A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei Verdi italiani Luana Zanella, Angelo Bonelli e Gianluca Carrabs ( di cui trovate traccia qui ) hanno posto sul tavolo alcune importanti questioni di merito condivise da un mondo, quello legato all’associazionismo e attivismo ambientalista e a quello della green economy, che in Italia non ha un’adeguata rappresentanza né a livello istituzionale né a livello di dibattito pubblico.

Tranne poche eccezioni, nel gioco tutto identitario di molta sinistra fuori e dentro il Pd, agganciata a battaglie nobili ma ormai ridotte a slogan, come quella sull’art.18, è purtroppo povera la riflessione su come potrebbe cambiare il mondo del lavoro, la nostra società, il modo di vivere la città, di muoversi, di consumare, affrontando di petto i rischi e le opportunità rappresentate dai cambiamenti climatici e dalla digitalizzazione. I Verdi (e in generale il mondo ambientalista) hanno il dovere di portare avanti con forza e nel modo più coeso possibile poche ma significative proposte per un concreto cambio di passo non solo del centrosinistra italiano, ma anche dell’opinione pubblica e dei media.

Non ho mai capito perché un signore giovane e moderno come Renzi si sia fatto incantare dalle ragioni dei poteri fossili italiani, dai trivellatori ai sostenitori del gas come nuova frontiera della “sostenibilità” Made in Italy, buttando a mare le sue prime posizioni molto positive su rinnovabili, efficienza e consumo del suolo. Non mi è chiaro perché anche tanta parte della sinistra cosiddetta radicale paia distratta e poco appassionata a questi temi, preferendo battaglie, sicuramente meritorie ma insufficienti, di conservazione del “vecchio” lavoro invece di trovare modi di crearne di nuovo.

Credo, però, che si possa e debba intraprendere questa battaglia in vista delle elezioni.

Al di là delle decisioni sulle alleanze dei Verdi italiani, che sono comunque parte di una famiglia politica e di un movimento europeo e globale molto più ampio e coeso rispetto ad altri interlocutori, in queste settimane è fondamentale dar voce e visibilità alla necessità di porre al centro della discussione sull’Italia che verrà il tema della trasformazione ecologica della nostra economia e delle scelte che ne derivano. Basta sussidi ai fossili, basta concessioni milionarie ai costruttori di autostrade inutili, basta milioni (oltre 300 finora) gettati al vento a causa della violazione delle norme ambientali in Europa. Basta anche con la finzione che un “rinascimento” industriale sia possibile mettendo sullo stesso piano settori inquinanti e fossili e gli altri, ciò che il ministro Calenda chiama la “neutralità tecnologica”. E basta con una posizione troppo lontana dai paesi più avanzati – in particolare Francia e Germania – sul tema della lotta ai cambiamenti climatici.

Quest’ultimo tema è particolarmente urgente e importante. Nelle prossime settimane verranno definite delle significative norme europee in materia di clima ed energia, in particolare riguardo l’efficienza energetica negli edifici; a oggi, nella più totale mancanza di discussione pubblica, il governo italiano porta avanti posizioni di retroguardia su tutti questi temi. Noi pensiamo che questo possa e debba cambiare e che possa rappresentare un segnale importante nel quadro del dialogo in corso fra i diversi attori in vista delle elezioni.

Sì invece a misure radicali, ma realistiche e già sperimentate in molti paesi e città europee, per affrontare l’inquinamento atmosferico, la dispersione idrica e il consumo del suolo. Sì a uno spostamento di risorse verso politiche di conservazione e manutenzione del territorio. Sì a politiche industriali di lungo periodo che sappiano compiere scelte difficili, ma capaci di uscire dal pericoloso e devastante dibattito che pone una (falsa) scelta tra ambiente/salute e lavoro: questo dibattito, come nel caso dell’Ilva, è tragicamente incapace sia di risolvere il problema dell’occupazione sia quello della salute, né mostra di comprendere che l’uno è strettissimamente legato all’altro, perché assicurare condizioni di lavoro ottimali, una visione strategica di lungo periodo che tenga conto delle evoluzioni del mercato e della tecnologia e il rispetto delle normative ambientali, sono, in un paese avanzato, condizioni indispensabili di innovazione e competitività.

Sono davvero convinta dell’assoluta importanza di un dibattito aperto e pubblico su questi temi. Data l’inconsistenza e la difficoltà di costruire qualsiasi tipo di dialogo con il M5s perfino su queste tematiche (nonostante a parole siano tutti ambientalisti), e data la scelta ecoscettica – ma molto coerente – a favore di tutti gli inquinatori e fossili da parte della destra italiana, mi sembra folle che tanta parte della politica italiana che si definisce “progressista” non veda l’importanza di rispondere con un’offerta politica adeguata alle domande e preoccupazioni di oltre 6 milioni di italiani, costantemente esposti a inquinamento grave, e delle migliaia di imprese che, in solitudine e facendo spesso fronte all’indifferenza e ignoranza della amministrazione pubblica e della scuola, cercano di trovare la loro strada fuori dalla crisi attraverso scelte di sostenibilità.

Qui non siamo di fronte al problema di capire chi è più o meno di sinistra o chi è più o meno amico di Renzi, Grasso e D’Alema. Parliamo invece di dare una prospettiva di coalizione e di governo attraente e vicina ai bisogni delle persone, che oggi hanno a cuore soprattutto la qualità e sicurezza del proprio lavoro, delle città, dell’ambiente e del paese in cui vivono: in una parola, il proprio futuro.

C’è un altro tema da mettere visibilmente in agenda di cui si parla pochissimo anche in tempi di travolgente successo di campagne come #metoo, ed è il ruolo delle donne e la possibilità di una leadership condivisa. È un fatto che tutti i leader e rappresentanti di spicco del centro sinistra (eccezion fatta per Laura Boldrini e Luana Zanella) siano uomini. Capita che riunioni importanti di “vertice” siano tutte al maschile e che pochi ci facciano caso. Penso invece che questo sia un elemento fondamentale da mettere in campo. Non per una quota rosa vissuta con il fastidio di un obbligo al quale non si crede, ma come elemento fondamentale di una politica per un governo nuovo e migliore. Come ha detto Margot Wallström, ministro degli Esteri svedese e instancabile difensor(a) dei diritti delle donne, che ha presentato con modi gentili l’idea e i risultati molto concreti di una politica estera femminista, il femminismo è l’idea rivoluzionaria che le donne sono esseri umani. Sapere trarre tutte le conseguenze positive da questa semplice e incontrovertibile verità servirebbe davvero molto non solo alla politica, ma anche alla società italiana.

04/01/2018 00:28:54
comments powered by Disqus
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
 
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
 
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
 
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
 
23.12.2017
Franco Livorsi
Nox. Un nostro comune amico giorni fa, su queste stesse colonne, notava, in “Città Futura”, “una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti”, “con qualche particolare accentuazione nel Partito Democratico”. Va però notato che questa difficoltà d’intendersi non ha nulla a che fare...
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.