Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Liberalismo a stop-and-go
Michele Filippo Fontefrancesco

 

Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia.

Sulle colonne de “Lo Spiffero”, mettevo in evidenza un’istanza di fondo che l’azione legislativa apriva, un problema di un ventennio di enunciato liberalismo, ma in sostanza di titubante avanti ed indietro tra liberalizzazione e chiusura (http://www.lospiffero.com/ls_ballatoio_article.php?id=26249). L’on. Bargero mi rispondeva (http://www.lospiffero.com/ls_ballatoio_article.php?id=2625) evidenziando l’attualità di uno dei temi propri dell’economia politica da oltre due secoli; quello del se e come lo Stato debba regolamentare l’intraprendenza privata, il mercato.

Oggi, così come ai tempi di Ricardo, la riflessione è pressante perché ci si rende conto che molte volte è la stessa azione politica ad aver creato e tutelato le occasioni in cui i privati hanno sviluppato le loro attività. Però, da qui, l’analisi economica si fa analisi sociale; viene dato un giudizio etico sul modo in cui un’impresa consegue il proprio profitto; si esaminano le pratiche attraverso cui è generato e, nella misura in cui è lesiva della salute della società, si va a limitare l’azione dell’azienda attraverso leggi, norme e adempimenti. Ciò facendo lo Stato, in quanto soggetto regolatore, è trasformato in attore morale e moralizzatore della vita comunitaria. L’intervento chiarifica e attualizza questo ragionamento, però non sembra dare risposta ad un’altra domanda, a me molto più cara, legata a come l’Italia, a partire dagli anni Novanta ha interpretato l’idea di liberismo.

Non condivido, per esempio, l’idea di Nesi che qualche anno fa, nel suo Storia della mia gente, indicava nell’apertura al mercato globale, probabilmente incauta, fatta dalle nostre istituzioni nell’ultimo ventennio, una sorta di tradimento del mondo politico contro l’imprenditoria italiana, in particolare il mondo della piccola e media impresa. Non penso, infatti, che si sia astata alcuna precisa volontà politica di ledere agli interessi di un settore della nostra società così ampio e importante. È altrettanto vero, però, che non si sono compiutamente sviluppati gli strumenti necessari per limitare a livello locale l’impatto sociale della concorrenza globale. Dati alla mano, per esempio, il sistema NASpI è limitatamente usato come un’occasione di riqualificazione professionale; siamo ancora lontani dall’organizzazione di un sistema di formazione atto a garantire un’educazione permanente; il legame tra scuola e mondo del lavoro resta accidentato e, a tratti, abborracciato; la cultura di impresa non è patrimonio diffuso. Delineo questo stato dell’arte non volendo colpevolizzare il mondo delle istituzioni, ancor più perché esso non è un corpo avulso dalla società italiana ma ne è parte integrante ed espressione. Indicando le forme del presente, però, capisco perfettamente perché la perdita di posti di lavoro sia vissuta come un dramma da parte “della politica”. Non è un tatticismo elettorale, come alcuni commentatori cinici tendono ad indicare. È qualcosa di visceralmente umano; è la consapevolezza che una volta perso l’impiego, fuori dalla porta, non ci sia un fantastico mondo di opportunità e probabilmente neppure gli strumenti per creare quelle opportunità. È per questo che di fronte al rischio della disoccupazione, “la politica” si attiva per dar risposte ai lavoratori, a partire da un piccolo comune di collina, come può essere il mio, alla realtà di Montecitorio e Palazzo Madama o quella di Strasburgo. Si agisce anche a rischio di creare privati e pubblici cortocircuiti ideologici, consapevoli che ieri si è agito ricoprendo il ruolo di paladini del libero mercato ed oggi lo si va in qualche modo a restringere, regolare, addomesticare l’impresa.

Guardando a questo quadro e felicissimo di vedere centinaia di famiglie assicurate del proprio lavoro, mi ripropongo la domanda circa il rapporto tra il Paese e liberismo e, seppure, in questi anni di strada se ne sia fatta, ritrovo un’Italia nel guado con tanto bisogno di strumenti concreti per trovare un via dove andare. Nei primi giorni del 2018 sembra questa essere la vera sfida del domani, con qualche timore dato il contesto e la storia che ci portiamo dietro. 

04/01/2018 08:57:30
comments powered by Disqus
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
 
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
 
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
 
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
 
23.12.2017
Franco Livorsi
Nox. Un nostro comune amico giorni fa, su queste stesse colonne, notava, in “Città Futura”, “una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti”, “con qualche particolare accentuazione nel Partito Democratico”. Va però notato che questa difficoltà d’intendersi non ha nulla a che fare...
16.12.2017
Alfio Brina
Relazione al Seminario di “Città Futura” del 15 Dicembre 2017 Nel XXI secolo l’umanità ha di fronte a sé due sfide che rischiano di compromettere in maniera irreversibile la stabilità sociale ed i livelli di democrazia raggiunti attraverso secoli di storia, sono la diseguaglianza sociale e la disoccupazione tecnologica...
 
14.12.2017
Nuccio Lodato
Cari compagni e amici, ho da tempo rinunciato a proporre miei eventuali piccoli contributi "politici" personali a Città Futura perché, sia pure da lontano, mi pare di avvertirvi una tensione interna eccessiva e nervosismi controproducenti: gli stessi che stanno caratterizzando l'odierno quadro politico...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.