Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Il primato che non serve più
Mauro Calise
Bisogna leggerle tre volte le proiezioni Ipsos sul Corriere. E poi una quarta. Ma, per chi si occupa di questi numeri da una vita, resta un mistero come sia stato possibile inventare - in zona Cesarini - una legge che resuscitasse il centrodestra. Mettesse con le spalle al muro il Pd. Lasciasse in pista alla grande i Cinquestelle a dispetto del loro isolamento. E comunque senza riuscire a garantire – e neanche a fare intravedere – un’ipotesi di maggioranza di governo. Non c’è che dire: un capolavoro. Per di più col timbro patronimico del capogruppo del Pd. Almeno, visto il colpo micidiale che si sono autoinflitto, lo avessero chiamato Zappatellum!
Certo, i sondaggi possono sbagliare. Questo continuano a ripetere in giro, almeno i poveri democratici per provare a tirarsi su il morale. Ma che significa? La legge, l’hanno votata con questi numeri. Sapendo che, nella migliore delle ipotesi, gli toccava una terribile rimonta. E l’hanno votata lo stesso. Anzi, ne sono stati i promotori. E ora, ora che la frittata è fatta, l’unico tasto su cui batte il Pd è che i conti non si fanno nell’uninominale. Vince chi vince nel proporzionale. Ma come, se fosse questo il criterio, che ce li hanno messi a fare quei collegi? Perché creare un sistema bislacco che premia le coalizioni usa-e-getta, se poi non se ne vuole tener conto? Inutile prendersi in giro. Se Berlusconi e Salvini avranno la maggioranza relativa dei seggi, faranno la voce grossa. Molto grossa. E avranno tutto il diritto di farlo. Perché, sui banchi di Camera e Senato, non ci sarà una casacca diversa a seconda che il seggio è targato proporzionale o maggioritario. Saranno tutti del centrodestra. E – salvo sorprese clamorose – saranno i più numerosi.
Però, non abbastanza numerosi da riuscire a formare un governo. Questa è oggi l’unica speranza del Pd per il dopo-voto. Puntare sul fatto che, passata l’euforia delle prime settimane, Berlusconi dovrà essere in grado di tirar fuori un nome capace di rabberciare una maggioranza. E un nome simile, non esiste. Non esiste alcun nome che Renzi voterebbe insieme a Salvini. Quindi il boccino dell’incarico passerebbe, inevitabilmente, in altre mani. Arriverebbe il turno del Pd. Il momento – come ha detto ieri il segretario – di schierare il gioco di squadra. L’annuncio del Lingotto non arriva certo a sorpresa. Nell’angolo dove si ritrova, Renzi non è in condizione di continuare a rivendicare una centralità che non ha più. E sarebbe ben felice di potere avere ancora a Palazzo Chigi qualcuno di cui fidarsi. E che fosse comunque del Pd. Ma una simile situazione dovrebbe ricevere il placet del Cavaliere. Anzi, molto più del placet. Il Cavaliere dovrebbe accettare di rompere con Salvini e mettersi in un governo a guida Pd. Per di più, con dei numeri estremamente ballerini. Perché mai? L’unica prospettiva plausibile, sarebbe quella di logorare Renzi. Iniziare uno di quei tira-e-molla in cui Berlusconi ha dimostrato, tante volte, di essere maestro. Per poi finire sbattendo la porta, e correre a nuove elezioni.
Ma se questo deve essere l’approdo, tanto vale – per il Capo dello Stato – arrivarci senza troppi sconquassi. Tenendo in vita l’esecutivo attuale fino al momento in cui dall’opposizione urleranno di staccare la spina. Già, ma lo urleranno davvero? La gran parte dei parlamentari Cinquestelle – nel caso di un ritorno alle urne – cadrebbero nella tagliola del secondo mandato. A cominciare dal loro Capo. Certo, si possono inventare una deroga. Ma sarebbe una mossa scivolosa. Anche perché, alle loro spalle, premono in molti per un ricambio. E gli eletti del centrodestra, soprattutto quelli usciti vincitori dagli scontri frontali sul territorio nell’uninominale, c’è da scommettere che non avranno molta voglia di ricominciare da capo. Anzi, non ne avranno nessuna.
Tanto più che difficilmente verrà una spinta in questa direzione da parte degli elettori. Che – complice anche un sistema di voto incomprensibile – appaiono sempre più distaccati. Disinteressati. Rassegnati – come scrive Pagnoncelli - alla «progressiva minore importanza attribuita alla politica che, a differenza del passato, oggi rappresenta un frammento dell’identità delle persone, peraltro nemmeno il più importante». Forse la chiave per queste elezioni così incerte e così improbabili è tutta qui. In una posta in gioco che è solo un frammento, marginale, di ciò che per noi conta davvero.
    (“Il  Mattino”, 14 gennaio 2018)
18/01/2018 16:48:12
comments powered by Disqus
16.02.2018
Agostino Spataro
di Agostino Spataro *… In Europa la sinistra, storicamente forte soprattutto in Italia, Francia e Spagna, è crollata insieme al “muro” per implosione o perché fagocitata dal canto delle sirene del neoliberismo asociale e corruttore.La liquidazione dei partiti di massa sia d’ispirazione marxista ma anche...
 
13.02.2018
Mauro Calise
Prima o poi, questo nodo verrà al pettine. Magari i Cinquestelle riusciranno a conservare – a questo turno - il serbatoio di consensi accumulato a dispetto della pattuglia improbabile di candidati presentati. Forse per qualche mese reggerà il clamoroso voltafaccia con cui Di Maio ha sconfessato otto...
26.01.2018
Marco Revelli
Povertà globale. Il Rapporto Oxfam fotografa non solo le vette, straordinarie nel 2017, della ricchezza ma guarda il mondo anche dalle profondità globali degli abissi sociali L’ultimo rapporto Oxfam sullo stato sociale del pianeta è piombato come un pugno sul tavolo dei signori di Davos. Dice che l’1%...
 
18.01.2018
Egidio Zacheo
1. - La ricorrenza dell' 80° anniversario della morte di Antonio Gramsci va colta come una opportunità per cercare di capire il nostro Paese, le ragioni profonde delle nostre difficoltà, dei nostri ritardi politici e civili. Conveniamo tutti sul fatto che dobbiamo ripensare la...
18.01.2018
Giancarlo Patrucco
Quando frequentavo le scuole elementari (tempi che furono, purtroppo), ci andavo volentieri perché il cortile di casa mia mi stava stretto. Neanche un bambino con cui giocare, mentre di faccia ce n’era una casa piena. Urla e risate si sentivano tutt’intorno, ma mia madre era inflessibile: vietato attraversare...
 
18.01.2018
Mauro Calise
Bisogna leggerle tre volte le proiezioni Ipsos sul Corriere. E poi una quarta. Ma, per chi si occupa di questi numeri da una vita, resta un mistero come sia stato possibile inventare - in zona Cesarini - una legge che resuscitasse il centrodestra. Mettesse con le spalle al muro il Pd. Lasciasse in pista...
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
 
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
 
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"La riunione del Comitato di...
Le 23 organizzazioni promotrici dell’appello “Mai più fascismi” hanno indetto la manifestazione nazionale...
lunedì 26 febbraio ore 17,30 – 19,00 presso Associazione Cultura e Sviluppo piazza Fabrizio De André,...
22 febbraio a partire dalle ore 21 presso la Taglieria del pelo (via Wagner, 38) ad Alessandria. serata...
Martedì 27 febbraio 2018 alle ore 17.30 Palazzo Comunale – Sala Consiglio, Alessandria, Piazza Libertà...
SETTIMANA DAL 20 al 27 febbraioMercoledì 21 febbraio ore 17.30ALESSANDRIA Casa di quartiere via Verona...
Sabato 24 febbraio alle 17.00 alla Taglieria del Pelo di Alessandria, si terrà l'assemblea pubblica convocata...
Venerdì 23 febbraio 2018, ore 21.00 Presso l’Associazione Culturale Sin.tonia Piazza D’Annunzio 1 Alessandria incontro...
La precarietà non è solo più una condizione lavorativa, ma si è trasformata nel presente in cui viviamo;...
Venerdì 23 Febbraio alle ore 19,presso l'Isola ritrovata via Santa Maria di Castello aperitivo conviviale...
sabato 17 marzo 2018 Italia Nostra Sezione Alessandria organizza gita a Milano, per la visita alla...
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
L’Associazione BlogAL con il contributo della Fondazione SociAL, in collaborazione con La Compagnia Gli...
Il due volte Premio Oscar ”Manchester by the sea” mercoledì 21 ...
Programma Proiezioni Dal 23 al 27 Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Martedì 20 Febbraio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.