Associazione Città Futura - Logo
Economia
Il sonno della "Politica"
Maria Rita Gelsomino

In questi anni la politica si è presa un prolungato periodo di sospensione, una fase di inerzia che è servita ad accumulare i problemi irrisolti sotto i tappeti delle sue stanze del potere, una specie di sonno che ha generato faticose questioni geopolitiche. Tra queste, la necessità di costruire nuovi equilibri per spegnere i focolai di guerra che infiammano una vasta area del Medio Oriente con le intermittenti fasi di terrorismo endemico, spie di una situazione confusa di contrasti insoluti sia col mondo occidentale che all’interno dell’Islam stesso. L’instabilità si proietta anche all’Estremo Oriente dove l’avventurismo di Kim Jong-un presenta il conto di una pace mai fatta tra Corea del Nord, ultimo scampolo del mondo comunista, e Corea del Sud dopo la guerra degli anni ’50 del secolo scorso. Infine la grande problematica dei migranti che richiede uno sforzo di gestione razionale non ideologica da assumere non solo a livello italiano ma soprattutto europeo.

Il mondo occidentale sta affrontando una grande fase di incertezza legata alla verifica della sostenibilità del proprio sistema economico, finanziario e produttivo che non si è ancora del tutto ripreso dalla devastante crisi economica del decennio scorso che alcuni ottimisti hanno dato per scontato finita alle nostre spalle. Ora sappiamo che la crisi ha modificato profondamente l’assetto delle vecchie classi sociali , tra queste alcune sono state favorite, altre impoverite  e comunque si sta assistendo non solo all’emergere di grandi disuguaglianze nella società ma anche a una profonda divisione tra classi sociali che genera un clima di sfiducia tra  cittadini e le istituzioni.

In America l’elezione di Trump ha rappresentato la spia di un malessere diffuso, che denuncia una condizione sociale dove le differenze tra ricchi e poveri non sono mai state tanto abissali, in cui lo Stato sociale non può essere migliorato poiché le imprese sono costrette a competere con dittature in cui non esistono diritti per i lavoratori. Al di là delle statistiche economiche e delle performance della borsa, un’elevata percentuale dei 350 milioni di cittadini americani vive al di sotto dei limiti di povertà.  Sono scomparsi i buoni posti di lavoro con benefici sociali che ora restano in Cina e in altri paesi del terzo mondo.  Trump simboleggia l’espressione del profondo disagio di un vasto strato di popolazione completamente scordato dai racconti dei successi Apple o Facebook o altre super imprese innovatrici che distribuiscono favolosi salari ai dipendenti, frazione troppo esigua della popolazione per creare benessere diffuso. Anche in Europa, nelle democrazie indebolite dalla crisi importata dagli Usa, si stanno diffondendo nuove culture politico-sociali meno attente ai diritti democratici acquisiti dopo secoli di lotte.

Dalle statistiche di previsione e dai dati che le compongono si può affermare che tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 si assisterà ad una vera resa dei conti tesa a verificare la sostenibilità dell’attuale sistema economico e finanziario, sarà difficile in ogni caso incantare le opinioni pubbliche con le sole promesse. Si sperava che arrivassero chiarimenti e soluzioni da Jackson Hole da parte del capo della Fed americana, Janet Yellen e da Mario Draghi presidente Bce, i personaggi più autorevoli della finanza mondiale.

 La Yellen è impegnata a salvare la riforma incompiuta di Obama, la Dodd-Frank varata nel 2010 e messa in atto solo per una parte, con la quale si sperava di frenare la vocazione essenzialmente speculativa di Wall Street, scongiurare i collassi conseguenti agli abusi della finanza, contenere il mercato dei derivati fuori dalle borse e la finanza ombra che ha ormai raggiunto un valore pari alla finanza ufficiale. Ma Trump, spalleggiato dalle grandi banche di affari, è contrario e preme perché ripristini le vecchie regole, se ne vada dalla Fed e tutto rientri nella situazione di dieci anni fa non ostante la recessione patita e lo scempio del sistema bancario conseguente all’abolizione del Glass-Steagall-act . Sta ritornando in grande spolvero il neoliberismo che tanti danni ha procurato e che pone la finanza privata al centro dei meccanismi di accumulazione dei capitali e le autorità di politica economica al suo servizio.

Draghi, a cinque anni dal “ Whatever it takes” , il discorso londinese con cui esprimeva la sua assoluta volontà di sostenere l’euro, non ostante le apparenze, non se la passa meglio. Anche se la Merkel difende ufficialmente il suo operato si ritrova osteggiato dalla Bundesbank che non vede l’ora che completi il suo mandato e se ne vada via e con lui sparisca il Quantitative Easing che ai tedeschi ha procurato un’atroce urticaria. Nella conferenza stampa odierna il governatore ha annunciato che sul Qe verranno prese decisioni a ottobre e comunque inizieranno ad essere esaminate le strategie di politica monetaria che saranno applicate dopo la fine della politica espansiva attuale. Il tapering è dunque alle porte.

Questi due anziani signori, alle soglie del pensionamento, che a Jackson Hole si sono fatti fotografare seduti sulla stessa panchina, costituiscono per ora i soli paletti che sono impegnati a impedire  il ritorno al Medio Evo economico e finanziario del decennio scorso.

 

08/09/2017 19:01:26
comments powered by Disqus
08.01.2018
Maria Rita Gelsomino
Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sciolto le Camere e ha indetto le elezioni politiche per il 4 marzo prossimo, la legislatura sul piano politico può considerarsi conclusa anche se sul piano formale durerà fino a marzo. In questo quinquennio si sono succeduti tre esecutivi: governo Letta...
 
07.01.2018
Michael Jacobs (*)
A new form of capitalismOur current economic system is in crisis and it is time for fundamental reform, writes Michael Jacobs….Quindi a che cosa assomiglierebbe un capitalismo “riformato”?In primo luogo, sarebbe governato da una visione sociale e politica molto più chiara, ciò che l’economia ha come...
07.11.2017
Maria Rita Gelsomino
A partire dal mese di ottobre le banche italiane hanno perso in borsa mediamente quasi il 2% in più rispetto alle banche europee, da quando la Vigilanza Bce ha annunciato il varo di nuove norme per gli istituti dell’Eurozona. Queste prevedono che, a partire dal prossimo gennaio, a fronte di nuovi crediti...
 
11.10.2017
Roberto Sommella
Il testamento di Schaeuble disereda un'Italia che pensava di aver conquistato il diritto ad avere qualcosa. Comprensione, apprezzamento, flessibilità sui suoi conti pesanti di debito. Ci si illudeva, a Roma. E invece l'ex ministro delle Finanze tedesco di Angela Merkel, prima di chiudersi nella cupola...
08.09.2017
Maria Rita Gelsomino
In questi anni la politica si è presa un prolungato periodo di sospensione, una fase di inerzia che è servita ad accumulare i problemi irrisolti sotto i tappeti delle sue stanze del potere, una specie di sonno che ha generato faticose questioni geopolitiche. Tra queste, la necessità di costruire nuovi...
 
12.06.2017
Maria Rita Gelsomino
Negli ambienti finanziari di casa nostra hanno provocato una certa inquietudine le affermazioni di Andrew Balls, il capo degli investimenti obbligazionari di Pimco, uno dei più grandi fondi di investimento statunitensi, il quale ha dichiarato, senza giri di parole, che “ottenere il 2% su un Btp a dieci...
08.06.2017
Enrico Marro (*)
Fa un certo effetto sentirsi dire dalla banca centrale statunitense che gli americani oggi si ritrovano con più debiti del 2008, quando galleggiavano sui picchi della “bolla del credito” che di lì a poco avrebbe fatto collassare il sistema finanziario mondiale. Purtroppo però è la dura verità. La Federal...
 
24.05.2017
Maria Rita Gelsomino
Già dopo il primo turno elettorale delle elezioni francesi si era capito che i problemi dell’Europa non sarebbero più stati legati alla Frexit, i listini hanno festeggiato e il risultato del ballottaggio ha archiviato definitivamente lo stato di allarme maturato in seno all’Unione. Secondo il colosso...
21.04.2017
Nicola Boidi
Sui Trattati di Maastricht: «Un gruppo di banchieri si chiude in una stanza e se ne esce fuori con un insieme di regole che in una paginetta di regole fondamentali dell’economia porteranno le popolazioni europee o a morire di fame o a dover emigrare». Wynne Godley, economista della scuola di...
 
29.03.2017
Maria Rita Gelsomino
Oggi 29 marzo prende avvio l’iter formale della Brexit, la lettera firmata da Theresa May, con la quale Londra richiede l’attivazione dell’art. 50 del Trattato di Lisbona per l’uscita dall’Unione Europea, è stata consegnata alle 12,30 dall’ambasciatore britannico al Presidente del Consiglio Europeo...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Venerdì 19 gennaio, a partire dalle ore 20.30 presso l'Associazione Cultura e Sviluppo di P.zza De Andrè...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.