Associazione Città Futura - Logo
Economia
Schaeuble disereda l'Italia
Roberto Sommella


Il testamento di Schaeuble disereda un'Italia che pensava di aver conquistato il diritto ad avere qualcosa. Comprensione, apprezzamento, flessibilità sui suoi conti pesanti di debito.

Ci si illudeva, a Roma. E invece l'ex ministro delle Finanze tedesco di Angela Merkel, prima di chiudersi nella cupola di cristallo del Bundestag dove vigilerà su AfD in qualità di presidente, ha mantenuto fede alla sua fama di falco che la accompagna da quando da consigliere di Kohl lo diffidava dal fidarsi di Roma partner stabile della moneta unica. E ha presentato il conto sotto forma di testimonianza alla sua ultima partecipazione all'Eurogruppo. La ricetta per il futuro dell'Eurozona dell'uomo che lascerà il posto presumibilmente ad un altro inflessibile tutore dei conti, ma di fede liberale nel Merkel IV, ha il sapore amaro di una rivincita postuma per chi voleva piegare i Pigs dall'indebitamento facile e non ci è riuscito.

Nessun debito condiviso, nessuna assicurazione per un reddito di solidarietà europeo, nessun bilancio comune, ma solo una nuova stretta occhiuta sui conti pubblici e la pericolosa trasformazione dell'Esm, il Fondo salva-stati, in Fondo monetario europeo, che aiuterà solo chi apre le porte di casa e del governo alla Troika.

Lascia perplessi ma non stupiti (se uno è falco non muore colomba) questo testo "non paper" di Schaeuble perché sembra che il tempo non sia passato. Come se la Grecia non fosse un problema creato dalle banche tedesche e trasformato in sindrome europea, costata tre volte il dovuto per la lentezza dell'intervento di Berlino. Come se i surplus reiterati della Germania, tale che il suo saldo dell'export oggi è poco meno della metà di quello del gigante cinese, non fossero da sanzionare veramente, piuttosto che meritevoli del solito buffetto che da anni gli regala Bruxelles. E come se il problema europeo si risolvesse con i soliti compiti a casa, dettati dai sacerdoti stavolta del neonato Fme, pena la fine della flessibilità sui conti, piuttosto che con una maggiore integrazione politica.

Se davvero è questa l'Europa che immagina Berlino, fatta di zero condivisione, persino sulla tutela dei depositi, fondamentale invece per l'Unione bancaria e impostata sulla gestione muscolare in Eurogruppo dei rapporti con i partner europei, verrebbe voglia di indire un referendum alla catalana, questo sì, ma certo non per uscire scriteriatamente dallo Stato, ma per marcare la differenza da un'Unione Europea, che così come la vogliono i tedeschi resta un condominio con un unico capo scala. Il loro. Troppo vecchia e troppo brutta come impostazione per crederla vera, se non fosse che lo stesso Fiscal Compact prevede per chi non rispetta la regola del debito un tutoraggio molto simile a quello prospettato dall'uomo che ha messo paura a mezz'Europa.

Il monito di Schauble forse è destinato a restare tale, ma sarebbe molto pericoloso prendere sotto gamba le palesi intenzioni autarchiche e "austeriche" di chi ha appena annunciato ai partner il nuovo progetto egemonico made in Germany.

Roberto Sommella Direttore Relazioni Esterne Antitrust, fondatore de La Nuova Europa  (prima pubblicazione: "uffington Post"

11/10/2017 21:52:20
comments powered by Disqus
11.10.2017
Roberto Sommella
Il testamento di Schaeuble disereda un'Italia che pensava di aver conquistato il diritto ad avere qualcosa. Comprensione, apprezzamento, flessibilità sui suoi conti pesanti di debito. Ci si illudeva, a Roma. E invece l'ex ministro delle Finanze tedesco di Angela Merkel, prima di chiudersi nella cupola...
 
08.09.2017
Maria Rita Gelsomino
In questi anni la politica si è presa un prolungato periodo di sospensione, una fase di inerzia che è servita ad accumulare i problemi irrisolti sotto i tappeti delle sue stanze del potere, una specie di sonno che ha generato faticose questioni geopolitiche. Tra queste, la necessità di costruire nuovi...
12.06.2017
Maria Rita Gelsomino
Negli ambienti finanziari di casa nostra hanno provocato una certa inquietudine le affermazioni di Andrew Balls, il capo degli investimenti obbligazionari di Pimco, uno dei più grandi fondi di investimento statunitensi, il quale ha dichiarato, senza giri di parole, che “ottenere il 2% su un Btp a dieci...
 
08.06.2017
Enrico Marro (*)
Fa un certo effetto sentirsi dire dalla banca centrale statunitense che gli americani oggi si ritrovano con più debiti del 2008, quando galleggiavano sui picchi della “bolla del credito” che di lì a poco avrebbe fatto collassare il sistema finanziario mondiale. Purtroppo però è la dura verità. La Federal...
24.05.2017
Maria Rita Gelsomino
Già dopo il primo turno elettorale delle elezioni francesi si era capito che i problemi dell’Europa non sarebbero più stati legati alla Frexit, i listini hanno festeggiato e il risultato del ballottaggio ha archiviato definitivamente lo stato di allarme maturato in seno all’Unione. Secondo il colosso...
 
21.04.2017
Nicola Boidi
Sui Trattati di Maastricht: «Un gruppo di banchieri si chiude in una stanza e se ne esce fuori con un insieme di regole che in una paginetta di regole fondamentali dell’economia porteranno le popolazioni europee o a morire di fame o a dover emigrare». Wynne Godley, economista della scuola di...
29.03.2017
Maria Rita Gelsomino
Oggi 29 marzo prende avvio l’iter formale della Brexit, la lettera firmata da Theresa May, con la quale Londra richiede l’attivazione dell’art. 50 del Trattato di Lisbona per l’uscita dall’Unione Europea, è stata consegnata alle 12,30 dall’ambasciatore britannico al Presidente del Consiglio Europeo...
 
10.03.2017
Nicola Boidi
«Abbiamo fatto una moneta senza Stato; noi abbiamo avuto la pretesa faustiana di riuscire a gestire una moneta senza metterla sotto l’ombrello di un potere caratterizzato da quei mezzi e modi che sono propri dello Stato e che avevano fatto ritenere che fossero le ragioni della forza e poi della credibilità...
31.01.2017
Maria Rita Gelsomino
Il progetto di Trump : rendere l’America grande come lo era stata in passato, le promesse del Regno Unito : un exit hard dall’Europa alla ricerca di una nuova collocazione internazionale; la Cina di Xi Jinping esibisce forza politica e volontà di potere, a Davos Xi parla in favore della globalizzazione come...
 
24.01.2017
Alfio Brina (a cura di )
All’inizio dell’anno, l’abbassamento delle temperature di circa 5 gradi ha fatto registrare nuovi record nelle importazioni di gas russo. Lo scorso 10 gennaio, al punto di ingresso di Tarvisio, in Friuli, sono transitati 115,6 milioni di metri cubi di metano diretti a case, scuole e industrie italiane,...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
sabato 21 ottobre alle ore 11.00, presso la sede della Croce Verde di Alessandria si svolgerà la cerimonia...
Segnaliamo un articolo di Giancarlo Bertocco dell'Università degli Studi dell’Insubria e pubblicato...
Prossimo appuntamento: Sabato 21 ottobre dalle 15.00 alle 19.00 presso il Centro culturale “Cultura...
Riceviamo e pubblichiamo i comunicati stampa del MDP relativi all'elezione dei Coordinatori per le provincie...
Sabato 21 ottobre 2017 alle ore 17 presso il Museo Etnografico Gambarina verrà presentato il video...
sabato 21 ottobre 2017 alle ore 10,00 presso l’Auditorium del MarengoMuseum di Spinetta Marengo Sono...
sabato 21 ottobre 2017 – San Fratello (ME) Sarà dedicato alla riscoperta della presenza degli Aleramici giunti...
Sabato 11 Novembre inizia la Nuova Stagione Musicale di "Macallè Reloaded - Movie Blues" al Cinema Macallè Tony...
lunedì 23 ottobre dalle 17 alle 20 alla Casa dell'ambiente Corso Moncalieri 18, 10131 Torino si terrà...
Giovedì 5 ottobre 2017 alle ore 16 nella sede del Consiglio regionale (via Alfieri 15 a Torino) apre...
Ha preso il via, per l'anno scolastico 2017-'18, la 34° edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei....
Nasce Massa Critica, una piattaforma per informare e attivare le persone ai temi fondamentali del presente...
Vinci l'abbonamento al Teatro Sociale Sai scrivere racconti o poesie? Ti piace disegnare o realizzare...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.