Associazione Città Futura - Logo
Economia
Vola colomba bianca vola…nel cielo di Francoforte
Maria Rita Gelsomino

A partire dal mese di ottobre le banche italiane hanno perso in borsa mediamente quasi il 2% in più rispetto alle banche europee, da quando la Vigilanza Bce ha annunciato il varo di nuove norme per gli istituti dell’Eurozona. Queste prevedono che, a partire dal prossimo gennaio, a fronte di nuovi crediti non performati (Npl, non performing loans) vengano accantonati da parte delle istituzioni finanziarie europee capitali pari al 100% del loro valore e iscritti a bilancio. Tale processo deve completarsi entro due anni per gli Npl sprovvisti di garanzie ed entro sette anni per quelli coperti da qualche garanzia. Le nuove regole verranno dibattute, e forse in qualche misura attenuate, nella riunione pubblica all’Eurotower prevista per il prossimo 8 dicembre, non riguarderanno lo stock di Npl già presenti in pancia delle banche dell’Eurozona fino al 31 dicembre prossimo che ammontano a circa 1000 miliardi di euro complessivamente di cui 350 solo in Italia.

Le nuove regole sui crediti delle banche sarebbero il frutto di un compromesso, necessario per rassicurare i tedeschi sulla solidità patrimoniale delle banche dell’Eurozona, stabilito sottobanco tra la Cancelliera Angela Merkel e Bce, per rimuovere gli ostacoli che si frappongono al completamento dell’Unione Bancaria, in particolare l’istituzione di una garanzia unica sui depositi, provvedimento indispensabile per ripristinare la fiducia nell’euro smarrita negli ultimi anni.  

Tuttavia le situazioni in questo momento non sono del tutto ben definite. Il consigliere esecutivo della Bce Yves Merchs, in una conferenza a Milano, ha espresso i suoi convincimenti sulla necessità di abbattere la pericolosa valanga di 1000 miliardi di Npl che si aggira per l’Europa. Di fronte alle perplessità espresse da politici, imprenditori e banchieri riguardo a soluzioni che potrebbero danneggiare l’economia in ripresa, ha risposto che le regole vanno rispettate contro le pretese di “eccezioni culturali”. Ora si sa che Merchs appartiene all’area dei falchi berlinesi, comunque la sua posizione appare supportata dalla nuova situazione politica prodottasi in Germania dopo le elezioni. Ricordiamo brevemente che i due principali partiti che fino a pochi anni fa avevano circa l’80% dei voti oggi si attestano a poco più del 50% e l’alleanza Cdu/Spd è implosa. L’ Spd passa all’opposizione e, per governare, la Merkel dovrà accordarsi con i liberali dell’Fdp e i Verdi in un’inedita maggioranza a tre. All’opposizione si trova inoltre la pattuglia di euroscettici di AfD che ha conquistato ben 92 seggi e rappresenta il 13% degli elettori. I liberali hanno già dichiarato la loro ferma opposizione alla condivisione dei debiti bancari e alla garanzia unica sui depositi, posizione del tutto identiche a quelle espresse dagli euroscettici dell’AfD. Qualcuno dei liberali dell’Fdp ha persino dichiarato che si dovrebbe estromettere la Grecia dall’Unione in quanto zavorra. La linea della Bundesbank è molto netta: nessuna mutualizzazione dei rischi sovrani prima che gli stati non avranno messo ordine nei loro conti pubblici e pareggiato i bilanci, e prima che le banche degli stati membri non abbiano ripulito i loro bilanci, condizione necessaria per evitare il rischio di mettere le mani nelle tasche dei contribuenti tedeschi . A questo punto occorre ricordare che i contribuenti italiani hanno trasferito alcune decine di miliardi di euro all’Esm per consentire alle banche tedesche e francesi di uscire indenni dalla crisi greca.

La soluzione di compromesso elaborata da Draghi e la Cancelliera riguardo alle nuove regole sui crediti tende a superare l’empasse tra le diverse posizioni e realizzare il compimento dell’Unione bancaria .

Si sa che l’Italia sta attraversando un periodo di congiuntura economica favorevole, il Pil sta crescendo dell’1,5% contro il +2,3% della media europea, siamo ultimi ma tuttavia agganciati al vagone europeo della ripresa. Per evitare che questa fase positiva si spenga, è necessario garantire il sostegno agli investimenti delle imprese e ai consumi delle famiglie, entrambi alimentati dai prestiti bancari. E’comunque evidente che le nuove norme rappresenteranno, se varate, un nuovo gravoso costo per le banche che per questo calano in borsa. Si teme possano provocare una fase di credit crunch colpendo i prestiti, accrescendo la pressione sul capitale delle banche dissanguate da un quinquennio di ricapitalizzazioni richieste agli azionisti nonché al governo che ha dovuto mettere a disposizione 20 miliardi di euro pro salvataggi.

Nell’ultimo board della Bce Draghi ha speso la sua influenza per sostenere la decisione di avviare un’uscita morbida dal programma di quantitative easing.  Le scelte:

·        Per tutto il 2017 il programma di acquisto di titoli sul mercato proseguirà nelle quantità note cioè 60 miliardi di euro al mese

·        A partire da gennaio 2018 fino a settembre gli acquisti si ridurranno di 30 miliardi.

·        I capitali rimborsati verranno reinvestiti sul mercato, e sarà un intervento massiccio.

·        Il direttorio Bce ha poi deciso a maggioranza di mantenere una posizione aperta, contraria in pratica a dichiarare conclusa per sempre la stagione degli stimoli. In caso di necessità si interverrà ancora.

Le decisioni di prolungare gli acquisti e di non fissare una scadenza per eventuali politiche monetarie espansive sono in un certo qual modo salvifiche per l’Italia, i boss dei mercati finanziari, che si preparavano ad aggredire con la speculazione l’Italia indebolita dal debito pubblico non ancora bilanciato a causa di una crescita debole, troveranno sulla loro strada una Bce pronta a contrastarli e i costi di rifinanziamento del debito si manterranno per ora a livelli accettabili.

Una colomba dunque ha spiccato il volo nei cieli di Francoforte.

Il paracadute della Bce ha salvato l’Unione monetaria e l’ancoraggio dell’Italia a questo sistema internazionale, il Vecchio Continente ha ritrovato la fiducia grazie alla politica adottata da Draghi, ma questa fase sta ormai per concludersi, presto le cose cambieranno.

La lunga ricreazione, nell’attesa delle elezioni tedesche e del nuovo governo a tre, sta per finire, da lontano si ode distinto il suono della campanella.

La cartella è a posto? I compiti sono stati fatti? La divisa in ordine?

L’Italia è oggetto di molte attenzioni dall’asse franco-tedesco, che ormai dopo la Brexit domina l’Europa, per lei si sta avvicinando una fase decisiva che la maggioranza dei suoi cittadini ancora non percepisce distintamente. In un articolo pubblicato sul Corriere, Giavazzi, noto economista, personalità pacata e certo non affetta da populismo ha affermato: “In Europa si stanno preparando riforme che influiranno sulla nostra economia molto più di tutte le leggi che in Parlamento si dibattono in queste settimane, a cominciare dalla prossima Legge di stabilità”.  Germania e Francia stanno accordandosi sul varo di un bilancio europeo comune per gestire l’economia dell’Unione. In capo ci sono le proposte di Schauble, ex ministro delle finanze tedesche, di trasformare l’Esm, il Fondo salva-stati, in una specie di fondo monetario europeo a cui ricorrere per aiutare gli stati del sud Europa e stabilire un rapporto di influenza più stretto sui loro bilanci statali. Poiché nessuno vuole correre rischi, l’integrazione avverrà attraverso un accordo stringente sulle regole. Il bilancio comune costituisce senz’altro una soluzione razionale, il problema sorge come si procederà a definire queste regole. Si discute inoltre, e siamo solo agli inizi, di modificare anche le istituzioni europee, ampliando le materie in cui si possa decidere con maggioranza semplice dei paesi membri e non all’unanimità.  Dopo il 2011 gran parte dei poteri decisionali sono stati trasferiti nella sostanza dall’Italia all’Europa e siamo precipitati in una crisi economica devastante da cui ci stiamo a fatica risollevando, non vorremmo che il processo di integrazione, gestito esclusivamente dall’asse franco-tedesco, ci ripotasse ancora al 2011 penalizzandoci in modo irreversibile.

07/11/2017 23:03:16
comments powered by Disqus
07.11.2017
Maria Rita Gelsomino
A partire dal mese di ottobre le banche italiane hanno perso in borsa mediamente quasi il 2% in più rispetto alle banche europee, da quando la Vigilanza Bce ha annunciato il varo di nuove norme per gli istituti dell’Eurozona. Queste prevedono che, a partire dal prossimo gennaio, a fronte di nuovi crediti...
 
11.10.2017
Roberto Sommella
Il testamento di Schaeuble disereda un'Italia che pensava di aver conquistato il diritto ad avere qualcosa. Comprensione, apprezzamento, flessibilità sui suoi conti pesanti di debito. Ci si illudeva, a Roma. E invece l'ex ministro delle Finanze tedesco di Angela Merkel, prima di chiudersi nella cupola...
08.09.2017
Maria Rita Gelsomino
In questi anni la politica si è presa un prolungato periodo di sospensione, una fase di inerzia che è servita ad accumulare i problemi irrisolti sotto i tappeti delle sue stanze del potere, una specie di sonno che ha generato faticose questioni geopolitiche. Tra queste, la necessità di costruire nuovi...
 
12.06.2017
Maria Rita Gelsomino
Negli ambienti finanziari di casa nostra hanno provocato una certa inquietudine le affermazioni di Andrew Balls, il capo degli investimenti obbligazionari di Pimco, uno dei più grandi fondi di investimento statunitensi, il quale ha dichiarato, senza giri di parole, che “ottenere il 2% su un Btp a dieci...
08.06.2017
Enrico Marro (*)
Fa un certo effetto sentirsi dire dalla banca centrale statunitense che gli americani oggi si ritrovano con più debiti del 2008, quando galleggiavano sui picchi della “bolla del credito” che di lì a poco avrebbe fatto collassare il sistema finanziario mondiale. Purtroppo però è la dura verità. La Federal...
 
24.05.2017
Maria Rita Gelsomino
Già dopo il primo turno elettorale delle elezioni francesi si era capito che i problemi dell’Europa non sarebbero più stati legati alla Frexit, i listini hanno festeggiato e il risultato del ballottaggio ha archiviato definitivamente lo stato di allarme maturato in seno all’Unione. Secondo il colosso...
21.04.2017
Nicola Boidi
Sui Trattati di Maastricht: «Un gruppo di banchieri si chiude in una stanza e se ne esce fuori con un insieme di regole che in una paginetta di regole fondamentali dell’economia porteranno le popolazioni europee o a morire di fame o a dover emigrare». Wynne Godley, economista della scuola di...
 
29.03.2017
Maria Rita Gelsomino
Oggi 29 marzo prende avvio l’iter formale della Brexit, la lettera firmata da Theresa May, con la quale Londra richiede l’attivazione dell’art. 50 del Trattato di Lisbona per l’uscita dall’Unione Europea, è stata consegnata alle 12,30 dall’ambasciatore britannico al Presidente del Consiglio Europeo...
10.03.2017
Nicola Boidi
«Abbiamo fatto una moneta senza Stato; noi abbiamo avuto la pretesa faustiana di riuscire a gestire una moneta senza metterla sotto l’ombrello di un potere caratterizzato da quei mezzi e modi che sono propri dello Stato e che avevano fatto ritenere che fossero le ragioni della forza e poi della credibilità...
 
31.01.2017
Maria Rita Gelsomino
Il progetto di Trump : rendere l’America grande come lo era stata in passato, le promesse del Regno Unito : un exit hard dall’Europa alla ricerca di una nuova collocazione internazionale; la Cina di Xi Jinping esibisce forza politica e volontà di potere, a Davos Xi parla in favore della globalizzazione come...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.