Associazione Città Futura - Logo
Economia
"A new form of capitalism"
Michael Jacobs (*)
 A new form of capitalism


Our current economic system is in crisis and it is time for fundamental reform, writes Michael Jacobs

….Quindi a che cosa assomiglierebbe un capitalismo “riformato”?

In primo luogo, sarebbe governato da una visione sociale e politica molto più chiara, ciò che l’economia ha come scopo. La crescita del PIL è ora una misura scarsamente indicativa della prosperità. Questo non è più associato a guadagni crescenti; non tiene conto del lavoro non retribuito o del danno ambientale; non misura la disuguaglianza. Quindi, abbiamo bisogno di un metro di valutazione migliore per il nostro benessere individuale e sociale. In un’economia riformata valuteremo i beni sociali – l’istruzione, la salute, l’assistenza sociale, la cultura, le città vivaci e i paesaggi meravigliosi – tanto quanto i beni per il consumo individuale. Saremmo preoccupati per la salute mentale delle persone sul posto di lavoro e per la loro produttività; conseguiremo un migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, nonché porremo termine [le differenze] di genere e la discriminazione razziale. La distribuzione del reddito e della ricchezza sarebbe al centro della nozione di prosperità della società, così come quella di produzione. E avremmo bisogno di garantire che le basi ambientali dell’economia, su scala globale, siano sostenute in modo sostenibile. Solo un ampio dibattito pubblico su questi obiettivi può garantire che essi diventino il fondamento di una nuova economia.

In secondo luogo, ci sarebbe una visione diversa per quanto concerne il business. Troppo spesso, quelli che sono alla ricerca di riformare il capitalismo sono descritti come “anti-business” (e a volte sembrano come se lo fossero). Ma questo è assurdo. Le imprese private impiegano più della metà della forza lavoro e generano più della metà del reddito nazionale. Quindi, essere “anti-business” significa essere “anti-economia”. Il problema è che tipo di affari desideriamo incentivare. La risposta sta nel fatto che la maggior parte di queste imprese dovrebbero assomigliare alle migliori che già esistono. Le aziende britanniche di maggior successo – e ce ne sono molte, dalla Siemens alla John Lewis, dalla Unilever alla Nationwide – investono a lungo termine. Si concentrano sull’innovazione, non sull’estrazione di valore. Cercano di creare buoni posti di lavoro, con una buona retribuzione, formazione e progressione di carriera, coinvolgendo i lavoratori sia per far crescere partecipazione e produttività. Cercano di ridurre il loro gravame ambientale. E pagano le tasse. Una combinazione di politica della concorrenza e fiscale, una riforma del governo societario e della strategia industriale, garantirebbe che in una nuova economia si abbia un numero maggiore di tali imprese e un numero inferiore di quelle che apportano discredito.

In terzo luogo, i mercati finanziari sarebbero concepiti per servire il resto dell’economia anziché semplicemente la propria redditività. Oggi, la maggior parte del settore finanziario si concentra sui rendimenti a breve termine a scapito degli investimenti a lungo termine. Abbiamo bisogno di meno trading e più investimenti. Una serie di riforme – dalla retribuzione dei dirigenti al dovere fiduciario dei fondi pensione e d’investimento; dalla tassazione alla creazione di nuove banche pubbliche d’investimento – sono probabilmente necessarie.

In quarto luogo, un capitalismo riformato distribuirebbe reddito e ricchezza in modo più equo. Ciò avverrebbe non solo in ragione della redistribuzione attraverso il sistema fiscale e previdenziale, anche se ciò sarà sempre importante. Questo accadrà nel modo in cui sono strutturati i mercati del lavoro e la proprietà dell’impresa. Un salario minimo, che aumenti in modo progressivo, verrebbe accresciuto dal rafforzamento della contrattazione collettiva da parte dei sindacati, con lo scopo di aumentare i salari e garantire che la maggior parte del reddito nazionale vada a lavoro. Le imprese sarebbero più possedute dai loro lavoratori, attraverso i fondi dei dipendenti e in vari tipi di modelli d’impresa cooperativa e sociale. Un fondo sovrano potrebbe dare all’intera popolazione una partecipazione nella proprietà del capitale.

In quinto luogo, i governi avrebbero un ruolo più forte nel guidare l’economia. La politica fiscale e monetaria sarebbe utilizzata (diversamente da ciò che accade correntemente) per sostenere la domanda e l’occupazione e gestire l’inflazione. Quando il settore privato non investirà, spetterà ai governi farlo. La strategia industriale – ora riconosciuta sia dal governo sia dall’opposizione – può aiutare sia a innalzare il tasso di investimento sia a indirizzarlo verso le esigenze della società. Oggi, abbiamo un forte bisogno di maggiori investimenti nelle infrastrutture, nell’innovazione, nell’automazione e nella digitalizzazione, nella de-carbonizzazione dell’economia e nel far fronte alla sfida di una società che invecchia. E ne abbiamo bisogno in modo più consistente nelle nazioni [Scotland, Wales e Ulster] e nelle regioni del paese al di fuori di Londra e particolarmente nel sud-est. La spesa pubblica non solo fornisce basi vitali per la crescita: infrastrutture, servizi pubblici e assistenza sociale. Essa socializza il rischio per il settore privato e crea aspettative su cui basare i piani d’investimento. Solo un governo (a livello nazionale e subnazionale) può fornire il coordinamento strategico di cui ha bisogno un’economia moderna.

È possibile una tale forma di capitalismo? Non c’è dubbio che c’è ancora molto lavoro da fare per arricchire le politiche e le riforme istituzionali necessarie per realizzarlo. Ma è la volontà politica, non un qualsiasi tipo di inevitabilità economica, quella che determina il tipo di economia che abbiamo. Non dovremmo illuderci che molti interessi acquisiti cercheranno di ostacolare la realizzazione di una nuova visione. Ma, oggi la cosa interessante è quanto sia diffusa la comprensione del fatto che il cambiamento sia necessario.    (articolo segnalato dal civis Giorgio Abonante)

(*) http://www.fabians.org.uk/a-new-form-of-capitalism/

[1] https://democraticieriformisti.wordpress.com/2017/10/13/john-quiggin-il-socialismo-con-una-sua- necessita-di-una-nuova-riforma-the-guardian-uk/tempra-lunica-alternativa-nel-21-secolo/

[2] https://democraticieriformisti.wordpress.com/2017/10/24/colin-crouch-puo-il-neoliberismo-salvarsi-da-se/

[3] https://democraticieriformisti.wordpress.com/2017/11/14/dani-rodrik-salviamo-leconomia-dal-neoliberismo/

[4] https://democraticieriformisti.wordpress.com/2017/12/22/steve-keen-benvenuti-eretici-leconomia-necessita-di-una-nuova-riforma-the-guardian-uk/

[5] http://www.michaeljacobs.org/biography.html

[6] https://www.ibs.it/ripensare-il-capitalismo-ebook/e/9788858129401?lgw_code=1122-E9788858129401&gclid=Cj0KCQiA4bzSBRDOARIsAHJ1UO5dKUDRqJcY-7M54mXdU__zZEgwip4I8vsvj0mqjJPzFPLMNP3v3l8aAlxAEALw_wcB

07/01/2018 22:38:14
comments powered by Disqus
08.01.2018
Maria Rita Gelsomino
Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sciolto le Camere e ha indetto le elezioni politiche per il 4 marzo prossimo, la legislatura sul piano politico può considerarsi conclusa anche se sul piano formale durerà fino a marzo. In questo quinquennio si sono succeduti tre esecutivi: governo Letta...
 
07.01.2018
Michael Jacobs (*)
A new form of capitalismOur current economic system is in crisis and it is time for fundamental reform, writes Michael Jacobs….Quindi a che cosa assomiglierebbe un capitalismo “riformato”?In primo luogo, sarebbe governato da una visione sociale e politica molto più chiara, ciò che l’economia ha come...
07.11.2017
Maria Rita Gelsomino
A partire dal mese di ottobre le banche italiane hanno perso in borsa mediamente quasi il 2% in più rispetto alle banche europee, da quando la Vigilanza Bce ha annunciato il varo di nuove norme per gli istituti dell’Eurozona. Queste prevedono che, a partire dal prossimo gennaio, a fronte di nuovi crediti...
 
11.10.2017
Roberto Sommella
Il testamento di Schaeuble disereda un'Italia che pensava di aver conquistato il diritto ad avere qualcosa. Comprensione, apprezzamento, flessibilità sui suoi conti pesanti di debito. Ci si illudeva, a Roma. E invece l'ex ministro delle Finanze tedesco di Angela Merkel, prima di chiudersi nella cupola...
08.09.2017
Maria Rita Gelsomino
In questi anni la politica si è presa un prolungato periodo di sospensione, una fase di inerzia che è servita ad accumulare i problemi irrisolti sotto i tappeti delle sue stanze del potere, una specie di sonno che ha generato faticose questioni geopolitiche. Tra queste, la necessità di costruire nuovi...
 
12.06.2017
Maria Rita Gelsomino
Negli ambienti finanziari di casa nostra hanno provocato una certa inquietudine le affermazioni di Andrew Balls, il capo degli investimenti obbligazionari di Pimco, uno dei più grandi fondi di investimento statunitensi, il quale ha dichiarato, senza giri di parole, che “ottenere il 2% su un Btp a dieci...
08.06.2017
Enrico Marro (*)
Fa un certo effetto sentirsi dire dalla banca centrale statunitense che gli americani oggi si ritrovano con più debiti del 2008, quando galleggiavano sui picchi della “bolla del credito” che di lì a poco avrebbe fatto collassare il sistema finanziario mondiale. Purtroppo però è la dura verità. La Federal...
 
24.05.2017
Maria Rita Gelsomino
Già dopo il primo turno elettorale delle elezioni francesi si era capito che i problemi dell’Europa non sarebbero più stati legati alla Frexit, i listini hanno festeggiato e il risultato del ballottaggio ha archiviato definitivamente lo stato di allarme maturato in seno all’Unione. Secondo il colosso...
21.04.2017
Nicola Boidi
Sui Trattati di Maastricht: «Un gruppo di banchieri si chiude in una stanza e se ne esce fuori con un insieme di regole che in una paginetta di regole fondamentali dell’economia porteranno le popolazioni europee o a morire di fame o a dover emigrare». Wynne Godley, economista della scuola di...
 
29.03.2017
Maria Rita Gelsomino
Oggi 29 marzo prende avvio l’iter formale della Brexit, la lettera firmata da Theresa May, con la quale Londra richiede l’attivazione dell’art. 50 del Trattato di Lisbona per l’uscita dall’Unione Europea, è stata consegnata alle 12,30 dall’ambasciatore britannico al Presidente del Consiglio Europeo...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.