Associazione Città Futura - Logo
Economia
Consuntivo di legislatura e prospettive future
Maria Rita Gelsomino

 

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sciolto le Camere e ha indetto le elezioni politiche per il 4 marzo prossimo, la legislatura sul piano politico può considerarsi conclusa anche se sul piano formale durerà fino a marzo.  In questo quinquennio si sono succeduti tre esecutivi: governo Letta (aprile 2013- febbraio 2014) governo Renzi (febbraio 2014 – dicembre 2016) governo Gentiloni dicembre 2016 attualmente in carica.

 L’economia italiana ha registrato ritmi di ripresa, anche se inferiori al resto dell’Europa, praticamente da pochi mesi. Vediamo qual è stata l’evoluzione dei più importanti indicatori in questi cinque anni. Il Pil  è aumentato globalmente, nella passata legislatura, dell’1,7%, pari a circa lo 0,3% all’anno. Ricordando che nella legislatura 2008 – 2012 era retrocesso complessivamente del 6%, possiamo affermare che nell’attuale legislatura siamo passati da una fase di recessione ad una condizione di stagnazione. Stesso andamento per l’inflazione che ha registrato nell’ultimo quinquennio una crescita complessiva del 2,7%, pari a una media annuale di aumento dei prezzi di poco più dello 0,5%. Per contro notevole è stato l’aumento del debito pubblico, sia in termini assoluti che in rapporto al Pil, passato da 2034 a 2290 miliardi di euro  e dal 120% al 133%,  aumentando con un ritmo medio di circa 4 miliardi al mese mentre lo spread, il differenziale di rendimento tra i BTP italiani e i Bund tedeschi, è sceso dai 317 basic point di inizio legislatura agli attuali 156 . Anche i rendimenti dei nostri decennali hanno registrato una discesa dal 4,6% a circa il 2% grazie alle politiche monetarie espansive della Bce che ha inaugurato, dopo il 2014, il quantitative easing. La crescita zero non ha favorito l’occupazione rimasta praticamente al palo, i nuovi occupati sono aumentati in questi cinque anni di 334mila unità, in termini assoluti si è passati da 22.674.000 occupati di inizio legislatura agli attuali 23.080.000. Qualcosa di positivo possiamo tuttavia registrarlo. Il calo dell’euro rispetto al dollaro ha favorito le nostre esportazioni, con saldi postivi della nostra bilancia commerciale che nel 2016 ha registrato un record di avanzo commerciale di 51,6 miliardi pari al 3% del Pil, e nel quinquennio ha toccato il valore complessivo di 212 miliardi pari al 12,5% del Pil attuale. Anche la borsa si è ripresa, è cresciuta in questi anni del 37%.

I provvedimenti legislativi che hanno avuto un grande impatto sull’economia sono stati cinque.

Il governo Letta, con la Legge di Stabilità del 2014 ha istituito la Tasi, la Tassa sui servizi indivisibili, anche sulle prime abitazioni. Una parte dell’onere della Tasi viene caricata anche sul locatario in quanto soggetto usufruente dell’immobile, mentre il Comune ha diritto a trattenere la metà del gettito complessivo. Con la Legge di Stabilità del 2016 è stata abolita la Tasi sulle prime abitazioni.

Il governo Renzi ha esordito con la legge degli 80 euro in busta paga, avente lo scopo di aumentare il potere di acquisto degli italiani. Gli 80 euro vengono erogati all’inizio ai soli lavoratori del settore privato, con reddito minimo lordo annuo di 8.000 euro e massimo di 24.000, ma con la Legge di stabilità del 2015 sono estesi anche ai dipendenti pubblici. Sul piano formale si tratta di una detrazione fiscale. Il provvedimento ha avuto un’enorme popolarità e molti ritengono che si deve ad esso il clamoroso risultato ottenuto dal PD alle europee del maggio 2014.

Il Jobs Act, riforma sulla legislazione del lavoro, viene introdotto con due leggi del 2014 attuate nel 2015. E’ stato forse il provvedimento più significativo di questa legislatura. Crea tutele crescenti e consente alle imprese private di assumere dipendenti a tempo indeterminato senza l’obbligo, per i primi tre anni, di essere sottoposte all’art. 18 dello Statuto dei lavoratori e prevede, quale incentivo per le imprese, totale decontribuzione sempre per i primi tre anni dalla data di assunzione.

Il 22 novembre 2015 il governo Renzi, in sintonia con la Banca d’Italia vara il Decreto salvabanche. Con questo provvedimento vengono salvate quattro banche sull’orlo del fallimento, Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti. Le azioni e le obbligazioni subordinate vengono azzerate, anticipando la norma sul “bail in” prima dell’entrata in vigore previsto per il gennaio 2016. Gli Npl o crediti deteriorati vengono svenduti al 17,5% del loro valore iniziale scatenando una crisi di sfiducia su tutte le banche nazionali che avevano iscritto a bilancio gli Npl al 40% del loro valore nominale. Migliaia di piccoli risparmiatori sono rovinati e iniziano una campagna di proteste contro il governo. Questo provvedimento ha segnato l’inizio della crisi del renzismo.

Il Decreto salvarisparmio è stato varato dal governo Gentiloni succeduto all’esecutivo guidato da Renzi dopo la bocciatura delle riforme costituzionali. Programma lo stanziamento di 20 miliardi di euro per il salvataggio di Mps e le banche venete Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Gli strascichi di questi salvataggi hanno animato l’ultimo scorcio della legislatura, nelle udienze della Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, nella quale sono stati auditi i top manager delle banche salvate, il presidente Consob e il governatore di Bankitalia.

Riguardo al futuro ci sono segnali che il 2018 sarà gravido di novità politiche per l’Europa. E’opinione diffusa che sarà l’anno di importanti riforme propiziate in qualche modo dalla Brexit e dalla sconfitta elettorale di Marine Le Pen, da sempre elementi frenanti all’attuazione di processi integrativi in seno all’Unione. Ma quale modello di Unione si vuole costruire? Ci sono diverse proposte come l’istituzione di un Ministro delle Finanze unico dell’area euro, la trasformazione del Fondo Salvastati ESM in un vero Fondo Monetario Europeo, la necessità di costruire una difesa comune europea superando gli eserciti nazionali, e in tema di sicurezza, di una comune intelligence antiterrorismo. Numerose sono le proposte, tra queste quella sostenuta da un gruppo di economisti coordinati da Prodi, un piano da 150 miliardi di euro mirante a realizzare un New Deal nel campo dimenticato delle infrastrutture sociali come la salute, l’istruzione e l’edilizia pubblica. L’Italia, uno dei più grandi e popolosi paesi dell’Unione, è rimasta finora in disparte, alla finestra senza intervenire, cercando di capire le vere intenzioni di Germania e Francia. Non potrà continuare a restare muta al tavolo delle nuove riforme senza avanzare o discutere proposte e soluzioni, sarebbe devastante subire solo l’iniziativa altrui.

Ferruccio De Bortoli, nell’editoriale apparso sul Corriere della Sera di sabato 23 dicembre, sostiene che esiste un denominatore comune nei partiti che animano la campagna elettorale, l’amore per il deficit e l’odio per il debito inteso come accettazione del Fiscal Compact, divenuto lo spauracchio della politica italiana, e questo costituisce un comportamento pericoloso perché, con queste premesse, l’Europa non ci garantirà per il futuro né margini di manovra né tantomeno flessibilità. Non sappiamo come finirà per la Germania, se avrà un nuovo governo di Grosse Koalition o se l’Spd, non accettando l’alleanza con la Cdu, inaugurerà un periodo di incertezza e instabilità. In ogni caso a quel punto non sarà certo il Bund ad entrare in crisi, ma a ballare saranno i nostri Btp che già venerdì scorso sono tornati, per la prima volta da ottobre, sopra il 2% di rendimento. Negli ambienti finanziari, come ci informa Federico Fubini sempre sul Corriere, è cosa nota che ormai l’unico acquirente dei nostri titoli sovrani sia ormai solo la Bce perché tutti gli altri investitori se ne stanno disfando in quanto i tassi del nostro debito, nel mondo reale, al di fuori del quantitative easing, non sarebbero certo quelli di adesso. Cosa accadrà a settembre, quando il Qe finirà? Davvero pensiamo di piazzare i nostri bond sovrani sul mercato ai tassi di interesse accettati attualmente dalla Bce? Quanto verrà a costarci il servizio del debito? Non ci vuole molto per capire che si tornerà a ballare. Ma questo lo avranno capito anche i nostri partiti che nei loro programmi elettorali presentano proposte sontuose e costosissime?

Dal 2011 i problemi italiani, e in particolare quello del debito, non si sono risolti, anzi ulteriormente aggravati dall’imponente massa dei Npl che incombe sul sistema delle nostre banche. Ecco che cosa attende il futuro governo: conti pubblici molto problematici, al netto di tutti i proclami, ricette miracolose e quant’altro su ripartenze della nostra economia. Stiamo andando al voto consapevoli che il nostro destino non sarà deciso a Palazzo Chigi o in via XX Settembre, chiunque vinca il 4 marzo. Dipendiamo da altri e ognuno di noi sa bene che significa questa condizione.

 

08/01/2018 09:42:43
comments powered by Disqus
08.01.2018
Maria Rita Gelsomino
Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sciolto le Camere e ha indetto le elezioni politiche per il 4 marzo prossimo, la legislatura sul piano politico può considerarsi conclusa anche se sul piano formale durerà fino a marzo. In questo quinquennio si sono succeduti tre esecutivi: governo Letta...
 
07.01.2018
Michael Jacobs (*)
A new form of capitalismOur current economic system is in crisis and it is time for fundamental reform, writes Michael Jacobs….Quindi a che cosa assomiglierebbe un capitalismo “riformato”?In primo luogo, sarebbe governato da una visione sociale e politica molto più chiara, ciò che l’economia ha come...
07.11.2017
Maria Rita Gelsomino
A partire dal mese di ottobre le banche italiane hanno perso in borsa mediamente quasi il 2% in più rispetto alle banche europee, da quando la Vigilanza Bce ha annunciato il varo di nuove norme per gli istituti dell’Eurozona. Queste prevedono che, a partire dal prossimo gennaio, a fronte di nuovi crediti...
 
11.10.2017
Roberto Sommella
Il testamento di Schaeuble disereda un'Italia che pensava di aver conquistato il diritto ad avere qualcosa. Comprensione, apprezzamento, flessibilità sui suoi conti pesanti di debito. Ci si illudeva, a Roma. E invece l'ex ministro delle Finanze tedesco di Angela Merkel, prima di chiudersi nella cupola...
08.09.2017
Maria Rita Gelsomino
In questi anni la politica si è presa un prolungato periodo di sospensione, una fase di inerzia che è servita ad accumulare i problemi irrisolti sotto i tappeti delle sue stanze del potere, una specie di sonno che ha generato faticose questioni geopolitiche. Tra queste, la necessità di costruire nuovi...
 
12.06.2017
Maria Rita Gelsomino
Negli ambienti finanziari di casa nostra hanno provocato una certa inquietudine le affermazioni di Andrew Balls, il capo degli investimenti obbligazionari di Pimco, uno dei più grandi fondi di investimento statunitensi, il quale ha dichiarato, senza giri di parole, che “ottenere il 2% su un Btp a dieci...
08.06.2017
Enrico Marro (*)
Fa un certo effetto sentirsi dire dalla banca centrale statunitense che gli americani oggi si ritrovano con più debiti del 2008, quando galleggiavano sui picchi della “bolla del credito” che di lì a poco avrebbe fatto collassare il sistema finanziario mondiale. Purtroppo però è la dura verità. La Federal...
 
24.05.2017
Maria Rita Gelsomino
Già dopo il primo turno elettorale delle elezioni francesi si era capito che i problemi dell’Europa non sarebbero più stati legati alla Frexit, i listini hanno festeggiato e il risultato del ballottaggio ha archiviato definitivamente lo stato di allarme maturato in seno all’Unione. Secondo il colosso...
21.04.2017
Nicola Boidi
Sui Trattati di Maastricht: «Un gruppo di banchieri si chiude in una stanza e se ne esce fuori con un insieme di regole che in una paginetta di regole fondamentali dell’economia porteranno le popolazioni europee o a morire di fame o a dover emigrare». Wynne Godley, economista della scuola di...
 
29.03.2017
Maria Rita Gelsomino
Oggi 29 marzo prende avvio l’iter formale della Brexit, la lettera firmata da Theresa May, con la quale Londra richiede l’attivazione dell’art. 50 del Trattato di Lisbona per l’uscita dall’Unione Europea, è stata consegnata alle 12,30 dall’ambasciatore britannico al Presidente del Consiglio Europeo...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.