Associazione Città Futura - Logo
Elezioni e referendum
Le molte ambiguità (e le molte bufale) del centrodestra
Giancarlo Patrucco

Raccogliendo il materiale per scrivere questo pezzo, mi sono ben presto accorto di quanto avrei dovuto dilungarmi (e assillarvi) nel tentativo di rendere conto appieno delle palesi incongruenze, delle plateali divergenze, delle disinibite contorsioni che stanno costellando la campagna elettorale del centrodestra. Così, ho deciso di concentrarmi essenzialmente sul duello in corso fra i due leaders che sostengono il peso maggiore della coalizione, le due “gambe” principali su cui poggia: da una parte, la Lega di Salvini in formato esportazione per allargarsi al Sud: dall’altra, Forza Italia nel solito modello berlusconiano, un tantino appesantita dall’età del capo che di anni ne conta 81 ormai.

Quanto agli altri due sostegni, se quello costituito dalla Meloni prova faticosamente a smarcarsi da Salvini, la quarta gamba è stata concepita, voluta e creata solo ed esclusivamente a favore di Berlusconi. Quindi, stia ben ferma e soprattutto stia lì dove l’ha piazzata il cavaliere. In caso di un’auspicata vittoria risulterebbe utile a moderare le pretese salviniane; dopo un pareggio, potrebbe rivelarsi essenziale nel favorire un saltafosso con il centrosinistra, le cui propaggini più moderate sono appostate, speranzose, appena più in là.

E qui siamo alla prima, forse più eclatante contraddizione fra i due leaders. Salvini giura tutti i giorni – e c’è da credergli – che lui mai e poi mai “si metterebbe con la sinistra”. Berlusconi approva, plaude, concorda, ma tant’è. Appena sbarca in Europa, cambia immediatamente registro perché il suo partito sta nei Popolari europei, perché lui sa bene quanto conti la Comunità Europea e perché gli serve un avallo da quella parte lì.

Già, perché? Ricorderete benissimo i sorrisini tra Sarkozy e la Merkel, appena qualche anno fa, sorrisini che tra Macron e Merkel potrebbero ripetersi. Ricorderete poi che Berlusconi non può candidarsi, in attesa di un pronunciamento dell’Alta Corte Europea di Strasburgo che non arriverà prima di fine anno. Ecco il motivo per cui l’ex cavaliere sta andando in giro ad affermare l’eventualità e la possibilità di un secondo turno elettorale, qualora nessuno vincesse al primo. “Nessuno”, in questo caso, si riferisce a lui perché è sotto gli occhi di tutti come i sondaggi ci dicano che l’unica coalizione in grado di superare il fatidico 40% dovrebbe essere quella di centrodestra e, al suo interno, sia in vantaggio proprio Berlusconi.

La seconda ambiguità, con conseguenti bufale, corre parallela ai gommoni dei migranti che solcano il Mediterraneo (e troppe volte ci muoiono). In questo caso è Berlusconi che si vede costretto a rincorrere la Lega, sulla spinta dall’onda montante contro l’immigrazione. Il Cavaliere non può permettere che Salvini lo sorpassi e, dunque, si adegua. Ma, come gli capita di solito, rilancia: cacciamo a casa loro 100.000 immigrati? 200.000? 300.000? Suvvia, facciamo subito 600.000, che risultano essere – decina più, decina meno – il numero degli illegali sparsi sul territorio nazionale.

Qui, ambiguità e bufale si sprecano perché nessuno si ricorda di dirci quanto costerebbe allo Stato italiano rintracciare tutta quella gente e rispedirla a casa, quanti anni servirebbero per compiere uno sforzo di tale portata e quali sarebbero i costi di un immigrato accolto, comparati con quelli che servono a cacciarlo via. Come si vede, un balon d’essai più che una proposta ponderata. Ma, si sa, il tema è caldo, caldissimo e ci sono in ballo voti, tanti voti.

 Anche sul tema caldo delle tasse ci sono tanti voti. Dunque, non stupisce che Berlusconi e Salvini intervengano a più riprese, abbassando di volta in volta il limite massimo della tassazione, rincorrendosi tra loro. L’ultima trovata è quella della flat tax, che punta a ridurre tutte le aliquote IRPEF ad una sola. Secondo Berlusconi e Salvini, l’aliquota unica porterebbe a una maggiore equità fiscale, all’emersione dell’evasione e persino a un aumento complessivo del gettito per lo Stato. Secondo molti economisti, invece, capiterebbe ben altro. Riassumendo:

·   una flat tax intorno al 23-25% risulterebbe vantaggiosa soltanto per chi ha un reddito superiore ai 25.000 euro l’anno. Al di sotto, non capiterebbe proprio niente, anzi i contribuenti potrebbero averne svantaggi per la perdita di sussidi e contributi vari;

·    ecco perché il centro-destra si è affannato in questi giorni a proporre correttivi per sanare gli squilibri più evidenti in entrambe le direzioni. Ma c’è poco da correggere perché rimane un’evidenza: i benestanti ci guadagnano mentre i poveri non risparmiano nulla e può capitare che ci perdano.

Insomma, per concludere, una specie di Robin Hood alla rovescia, in barba al principio costituzionale che prevede la progressività della tassazione secondo la capacità dei cittadini. Ma, intanto, Berlusconi dà fiato alle trombe e azzarda una promessa strabiliante: tra flat tax, privatizzazioni e condoni vari, il nostro debito pubblico sarà domato in pochi anni, scendendo dal 130 al 100%.

Un mago della comunicazione. Non c’è paragone che tenga.

 

11/02/2018 11:17:20
comments powered by Disqus
15.02.2018
Salvatore Sinagra(*)
Evidenze empiriche oltre la campagna elettorale(su suggerimento del civis Giorgio Abonante)​​Flat tax e tagli delle imposte sui redditi più altiIn tutti i paesi progrediti il sistema fiscale è guidato da criteri di progressività, ovvero le imposte pagate crescono al crescere del reddito e più in generale...
 
14.02.2018
Agostino Spataro
…La sicurezza dovrebbe essere un valore fondante della convivenza civile, condiviso da tutte le forze democratiche. Tuttavia, se proprio le si vuol dare una connotazione politica credo che tutelare la sicurezza dei cittadini sia più interesse della sinistra e delle forze progressiste e meno della destra....
11.02.2018
Giancarlo Patrucco
Raccogliendo il materiale per scrivere questo pezzo, mi sono ben presto accorto di quanto avrei dovuto dilungarmi (e assillarvi) nel tentativo di rendere conto appieno delle palesi incongruenze, delle plateali divergenze, delle disinibite contorsioni che stanno costellando la campagna elettorale del...
 
25.01.2018
Franco Livorsi
Sarà perché ormai sono vecchio, ma in questo mondo politico mi sento sempre più fuori tempo (Nietzsche direbbe “inattuale” per libera scelta). Osservo i conflitti dei miei amati connazionali e provo uno stato d’animo di strano e un po’ trasognato stupore, come se assistessi a una delle commedie dell’assurdo...
23.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Ebbene Sì, sono passionale. Può essere un pregio in determinate circostanze, ma quando m’inoltro in considerazioni che richiedano un’analisi razionale è un inequivocabile difetto. Da stasera, come altre sere fino a Marzo, la riga rossa dell’ira mi salirà dai visceri come il lardo di Colonnata.. Ho...
 
20.12.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La nuova legge elettorale (il cosiddetto Rosatellum, approvato in via definitiva il 24 ottobre 2017) contiene diversi aspetti inconsueti e alquanto poco intuitivi che tuttavia è bene conoscere, allo scopo di comprendere quel che ci possiamo attendere dalle prossime consultazioni elettorali. Si tratta,...
30.11.2017
Claudio Tancredi Palma
(tratto da www.treccani.it). Nel presente contributo sono analizzate le caratteristiche e la struttura dei sistemi per l’elezione delle assemblee legislative nazionali, recentemente novellati, sia dal punto di vista della loro aderenza alle pronunce della Corte costituzionale in materia elettorale che...
 
30.04.2017
Claudio Braggio
Due regali insoliti arrivati in città per abili mani ignote, hanno avuto il pregio di sorprendere in modo piacevole chi ha avuto la sensibilità di notarli, per questo credo sarebbe bene avviare una riflessione sulla bellezza, anche come argomento da inserire nei programmi elettorali. Nelle immagini...
26.01.2017
Riceviamo e pubblichiamo...Il Movimento Cinque Stelle di Alessandria si prepara a governare10 PASSI PER RILANCIARE LA CITTÀ "Vogliamo dare agli alessandrini la città che meritano. Per questo, puntiamo su un programma forte, nato dalle vere necessità dei cittadini": queste le parole dei rappresentanti...
 
18.01.2017
M5S Alessandria
Terzo Valico. Una bomba ad orologeria che minaccia il nostro futuro. “C’è l’amianto? Tanto la malattia arriva fra trent’anni”: queste le parole di un alto dirigente COCIV trapelate da un'intercettazione telefonica. Parole che destano sconcerto perché pronunciate mentre file di camion scaricavano lo smarino,...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"La riunione del Comitato di...
Le 23 organizzazioni promotrici dell’appello “Mai più fascismi” hanno indetto la manifestazione nazionale...
lunedì 26 febbraio ore 17,30 – 19,00 presso Associazione Cultura e Sviluppo piazza Fabrizio De André,...
22 febbraio a partire dalle ore 21 presso la Taglieria del pelo (via Wagner, 38) ad Alessandria. serata...
Martedì 27 febbraio 2018 alle ore 17.30 Palazzo Comunale – Sala Consiglio, Alessandria, Piazza Libertà...
SETTIMANA DAL 20 al 27 febbraioMercoledì 21 febbraio ore 17.30ALESSANDRIA Casa di quartiere via Verona...
Sabato 24 febbraio alle 17.00 alla Taglieria del Pelo di Alessandria, si terrà l'assemblea pubblica convocata...
Venerdì 23 febbraio 2018, ore 21.00 Presso l’Associazione Culturale Sin.tonia Piazza D’Annunzio 1 Alessandria incontro...
La precarietà non è solo più una condizione lavorativa, ma si è trasformata nel presente in cui viviamo;...
Venerdì 23 Febbraio alle ore 19,presso l'Isola ritrovata via Santa Maria di Castello aperitivo conviviale...
sabato 17 marzo 2018 Italia Nostra Sezione Alessandria organizza gita a Milano, per la visita alla...
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
L’Associazione BlogAL con il contributo della Fondazione SociAL, in collaborazione con La Compagnia Gli...
Il due volte Premio Oscar ”Manchester by the sea” mercoledì 21 ...
Programma Proiezioni Dal 23 al 27 Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Martedì 20 Febbraio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.