Associazione Città Futura - Logo
Cinema teatro televisione e musica
Trittico femminile al Piccolo di Milano
Loretta Ortolani
 Louise e Renée da Balzac con la regia di Sonia Bergamasco
...​
 

Mentre dà vita al suo gigantesco affresco della società ottocentesca nella quale vive, Balzac osserva le donne, tutte, e tutte le ama e nelle Mémoires de deux jeunes mariées (che è il titolo originario dell’opera dal quale lo spettacolo è tratto) ne rappresenta con profondità emozioni, sogni e cadute,  vissuto interiore e tentativo di affrancarsi dalle convenzioni dell’epoca.

Sin dalle prime scene della rappresentazione di questo “Louise e Renée” si evince che  scaturisce da una visione profondamente al femminile - e quella della regista Bergamasco lo è - che viene proposta al pubblico da due interpreti capaci di restituire quell’eterno doppiofemminile che oggi, come nell’ottocento, è ancora parte del conflitto nel quale le donne si dibattono passando dall’Eden dell’infanzia  alla disillusione dell’età adulta: essere mogli/madri o spiriti liberi non soggetti ad alcuna restrizione famigliare e sociale? E possono questi due aspetti convivere e, soprattutto, comunicare tra loro?

Di muri interiori ed esterni lo spettacolo ci parla: quelli che furono del collegio dove Louise e Renèe trascorsero 9 anni dell’infanzia e quelli che le imprigionano da adulte, mentre loro danno voce, prima alla giocosità ed allegra fisicità dell’infanzia e, dopo, alla rabbia, alla frustrazione, al dolore,  al rimpianto del proustiano tempo perduto.

E se il corpo è prigioniero di invisibili catene – meravigliosamente rappresentate dalla fasciatura che cinge il loro punto vita e della quale tenteranno di liberarsi in una delle più belle scene dello spettacolo – la parola, che tra le due donne lo sostituisce, è libera e ne è la regina incontrastata.

E’ infatti la Parola la vera protagonista, la parola che si sostituisce al contatto tra loro, la parola che è confessione intima e non solo comunicazione con l’altra da se, la parola che sovrasta gli eventi, la parola che prima è infantile gorgeggio e dopo urlo rabbioso. E poi si fa silenzio.

Effettivamente si può pensare che Louise e Renée potrebbero essere una sola figura femminile che contiene duplici aspetti, quelle sfumature e variegature che sono le mille parti di ogni donna, che se integrate tra loro compongono un femminile armonioso ma, se restano separate – come rappresentato in questo spettacolo – frantumano la personalità.

Bravissima Federica Fracassi/Renée con la sua mimica espressiva supportata da un volto dai lineamenti ottocenteschi e dalla sua recitazione classica, qui perfetta. La sua magnifica interpretazione riconduce ad un’attorialità che oseremmo definire demodè e che ricorda le grandi attrici teatrali italiane del passato, una per tutte Lydia Alfonsi. Questo “far teatro come una volta”, che non è incapacità di esprimersi con nuove formule recitative ma è espressione di una dote eccezionale di trasfigurarsi in un tempo altro e, nel medesimo istante, di essere prepotentemente nel presente della sala, ipnotizzandola, facendola vibrare con le vocali, con le consonanti che in Renée si fanno parola/verbo.

Perfetta pure Isabella Ragonese nella fase in cui è la giovane Louise, che il suo corpo minuto e il suo viso da fanciulla incarnano con naturalezza. Credibili e autenticamente plausibili, da attrice ben impostata, le sue squillanti e squisite risate di vezzosa ragazza ancora ignara del dolore che gioca, anche con gioco dolcemente ambiguo, grazie alle movenze fluenti di un corpo non ancora espressione di donna compiuta, quasi a volerlo far vibrare-librare nell’aria. Sarà la voce, invece, a scandire il tempo, nel “tic-tac” ripetitivo delle parole. “Renée dove sei?”: è forse il suo modo indiretto di domandarsi: “Io, dove sono? L’altra parte di me dov’è?”.

Grande quindi è il merito di Sonia Bergamasco che debuttando qui nel ruolo di regista dimostra,  attrice tra le attrici, una profonda capacità di estrarre da ognuna delle due colleghe, non solo le evidenti ma anche le più intime, vibranti capacità interpretative. Solo una donna poteva essere in grado di srotolare questo filo dell’esistenza femminile, come una Parca che gira la ruota e narra la storia, la modula, la indirizza., la rende lieve e subito dopo intensa, tragica, per poi proporla ancora da un’altra angolazione, sempre un po’ incompiuta, come è la vita di ogni donna autenticamente  immersa nell’esistenza. L’angolazione proposta dalla Bergamasco in questo lavoro induce a pensare che la strada intrapresa della regia le sia consona e possa in futuro offrire interessanti sorprese, non solo alle donne.

Spettacolo misurato eppure esaltante, perfetto nel suo essere tradizionale, dove esserlo significa non avere la pretesa di proporre una versione innovativa di un classico (e un classico è tale se tale resta..) ma l’audacia che la regista ha avuto – sempre più rara oggigiorno – di dimostrare come  un’opera possa essere ancora attuale seppure rappresentata secondi i canoni tradizionali.

Infine, ma non in ultimo, la drammaturgia di Massini, parte essenziale dell’operazione teatrale, si conferma di altissimo livello.

Louise e Renée, da Mémoires de deux jeunes mariées; drammaturgia di Stefano Massini, regia di Sonia Bergamasco; scene di Marco Rossi; costumi di Gianluca Sbicca; cura del movimento di Alessio Maria Romano. Con Isabella Ragonese (Louise) e Federica Fracassi (Renée). Produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa.

Si replica al Piccolo Teatro – “Paolo Grassi” a tutta domenica 30 aprile.

11/04/2017 22:38:01
comments powered by Disqus
13.04.2017
Nuccio Lodato
Confessioni pseudopolitiche di un nostalgico rossonero ... Insomma, finalmente sembra proprio fatta. Il pur sconosciuto ai più (anche in Cina, assicura Marcello Lippi che se ne intende) cinese Li Yonghong è il nuovo proprietario del Milan, dopo i 31 anni di Berlusconi. E' ufficiale, nel "comunicato congiunto"...
 
11.04.2017
Loretta Ortolani
Louise e Renée da Balzac con la regia di Sonia Bergamasco...​ Mentre dà vita al suo gigantesco affresco della società ottocentesca nella quale vive, Balzac osserva le donne, tutte, e tutte le ama e nelle Mémoires de deux jeunes mariées (che è il titolo originario dell’opera dal quale lo spettacolo...
11.04.2017
Nuccio Lodato
Voci lontane, sempre presenti… Ricordo di Lorenzo Pellizzari <Signora Valli, riesce allora a ricevermi?> <Ma caro Pellizzari, con tutte le cose importanti che lei avrà da fare, perché butta via tanto tempo a occuparsi di me?>. E’ la sintesi –autentica- del dialogo telefonico ( “impossibile” ma...
 
05.04.2017
Spectator
Sabato sera alla Casetta del quartiere Europa si è verificato uno degli eventi teatrali più significativi della stagione: davanti a circa 150 spettatori la rappresentazione di VOCI DALLA COLLINA, azione scenica dall’Antologia di Spoon River della compagnia Max Aub con la regia di Laura Bombonato. Voglio...
24.03.2017
Nuccio Lodato
Se ne va uno degli ultimi “critici veri” Mi è trascorso giusto mezzo secolo dall’incontro con Mino, credo propiziato dall’amico Umberto Rossi, cominciando a collaborare a “Cinema60”, che allora aveva solo sette anni e la cifra in testata al posto della parola (ma che oggi resiste grazie a lui da quasi…...
 
23.03.2017
Maria Luisa Jori
1. Il diritto di contare Oggi i film biografici contro il razzismo negli Usa sono frequenti, almeno a giudicare dal numero di quelli in concorso per il premio Oscar 2017. L’americano Il diritto di contare (regia di Theodore Melfi, titolo originale Hidden Figures) è uno di questi. Originale per...
10.03.2017
Maria Luisa Jori
Moonlight , film di Barry Jenkins ( Stati Uniti d'America , 2016 )ha ricevuto in tutto sedici premi: quelli per gli attori, quelli per la regia, per la qualità artistica dell’opera, per la sceneggiatura, la fotografia, la colonna sonora, il montaggio. I più importanti tra questi sono il premio...
 
09.03.2017
Nuccio Lodato
EpProust si muove! “Ma è lui o non lo è?”. “L’ho visto prima io!” “No, ne avevo già scritto…” ... Il Québec, come tutti sanno, è l’area francofona canadese: un territorio immenso, grande sei volte il nostro, ma popolato si e no da un settimo degli abitanti dell’Italia. Pullula, in proporzione, di...
01.03.2017
Nuccio Lodato
Lo scorso settembre/ottobre, la città di Tortona ha vissuto una straordinaria e sorprendente stagione musicale con la manifestazione Perosi 60, che, a sessant'anni appunto dalla scomparsa dell'illustre Maestro concittadino, e a sette dalla malaugurata conclusione del ciclico Festival Perosiano (1996-2010)...
 
17.02.2017
Nuccio Lodato
A dodici anni ormai dalla scomparsa, intervenuta a novanta, il suo teatro stanno tornando di prepotenza sulle scene e sugli schermi, non solo da noi. Spicca naturalmente il successo italiano e internazionale del bellissimo Il cliente di Ashgar Farhadi, non a caso nel circuito anglosassone presentato...
Segnali
Raggruppiamo in un unico segnale le comunicazioni relative alle varie iniziative che si tengono nelle diverse...
22 e 23 Aprile nei Giardini Pubblici di Alessandria, in corso Crimea, ottava edizione di FloreAle,...
L’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino e il Comune di Pecetto di Valenza...
domenica 23 aprile 2017 ore 17.00 Museo Etnografico “La Gambarina” Presentazione del libro "L'estate...
Domenica 23 aprile 2017 a Masio (AL) si terrà la consueta Sagra dei Subrich, tipiche frittatine di ortaggi. A...
Giovedì 27 aprile, ore 16,30 nell'aula 104 del del Dipartimento Giurisprudenza e Scienze Politiche,...
Gabriele Del Grande LIBERO SUBITO Sono diventati 48 mila i detenuti politici nelle carceri turche all’indomani...
In occasione del 25 aprile, anniversario della liberazione dell'Italia dalla dittatura fascista e dall’occupazione...
Dal 21 al 28 aprile l’ANPI Provinciale organizza la “Festa d'Aprile” Per visualizzare la locandina con...
Segnaliamo un articolo , pubblicato sulla rivista online economiaepolitica.it (http://www.economiaepolitica.it/la-rivista/ ). Link...
Domenica 12 marzo alle 21,15 prenderà avvio rassegna cinematografica "Spendori della Nouvelle Vague", presso...
STAGIONE 2016-2017 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO FILM DI UN MAESTRO DEL CINEMA ITALIANO ...
Da Venerdì 21 Aprile Il Cinema Teatro Macallè - Alessandria, Castelceriolo presenta "PERSONAL SHOPPER"...
giovedì 27 aprile alle 21.00 presso l’Auditorium San Baudolino (via Bonardi 3) andrà in scena per la prima...
Mercoledi 26 aprile ore 12 alla Cittadella di Alessandria incontro pubblico “Il recupero della Cittadella” con Sergio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.