Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Sul dorso di un'oca
Francesco Roat

 

Il tradizionale Gioco dell’Oca non va considerato affatto come un gioco. Tale asserto non esprime certo una mera contraddizione di termini ma costituisce la tesi/ottica interpretativa che sta alla base del saggio di Roberta Borsani Sul dorso di un’oca. Il simbolismo iniziatico del Grande Gioco (Moretti&Vitali). Come tuttavia sottolinea l’autrice, va chiarito subito che lungo i secoli il Gioco dell’Oca è stato sempre recepito dai più come un gradevole passatempo sia per bambini che per adulti (nel Cinquecento e nel Seicento esso era assai apprezzato presso le corti aristocratiche europee), anche grazie alla semplicità delle sue regole e al fascino evocativo delle immagini che illustrano molte delle caselle di questo accattivante gioco da tavola. Però vari etnologi e studiosi del folklore hanno colto piuttosto in questo gioco ‒ nota Borsani ‒: “la rappresentazione di un progresso iniziatico, all’interno del quale sono contemplate esperienze spirituali profonde”.

Infatti il percorso a spirale a processo sinistrorso (lungo il quale ora si avanza, ora si retrocede, ora ci s’arresta in uno stallo paralizzante) che lo caratterizza allude senz’altro ad un viaggio interiore alla ricerca della propria autenticità. Si potrebbe anche dire, in termini junghiani, che esso alluda a un lento, sofferto e laborioso percorso/processo di individuazione. Non a caso le caselle/stazioni maggiormente significative del Gioco dell’Oca ‒ il ponte, la locanda, il pozzo, la prigione, la morte ‒ rimandano ad ambiti liminari/cruciali, in cui appunto occorre mettersi in gioco totalmente e con la massima serietà se si vuole procedere nella maturazione/crescita personale, la quale mai avviene senza che ci si debba misurare con le perdite, gli ostacoli e/o i problemi più o meno dilemmatici che ogni cammino esistenziale prevede.

Il Gioco dell’Oca ‒ suggerisce ancora Roberta Borsani ‒ rimanda pure al viaggio del pellegrino, dell’uomo errante per antonomasia che s’incammina lungo un itinerario nel segno del sacro, confidando alla fine del tragitto vi possa essere una sorta di conciliante/consolante “ritorno a casa”: alle proprie radici mai del tutto disseccate, a quella “unità” omnicomprensiva “che si irradia nella molteplicità senza perdersi”. Gioco/itinerario estremamente serio, si accennava sopra, ma al contempo anche gaio, se sappiamo far nostra la concezione induista della vita e del mondo-universo quale lila: quale gioco cosmico caleidoscopico e impermanente, messo in moto dalla divinità. Concezione che dovrebbe permetterci di divenire umili e ridimensionare assai le istanze/brame egoiche, rivolte a voler tutto dominare, soggiogare, controllare. In una parola: a vincere. Così guardando al Gioco dell’Oca si dovrebbe comprendere che la sua finalità, paradossalmente, non è la conquista della sessantatreesima casella (o novantesima, in certe varianti), poiché il suo senso profondo sta semmai nell’erranza stessa e nella sua accettazione/accoglienza.

Ce lo indica il moto tracciato dalla spirale che, pur procedendo sempre oltre, sembra volgersi indietro, ritornare sui propri passi, riformulare quasi ad ogni svolta la strategia del proprio movimento. Visto in controluce, osserva inoltre l’autrice, “il Gioco dell’Oca può insegnare cose profonde, segreti dell’arte del viaggio, quello grande che porta fin nelle valli oscure della morte senza smarrire la luce del ritorno ‒ anch’esso grande ritorno ‒ all’Uno”. E l’oca selvatica (in antico animale totemico e guida presso gli sciamani euroasiatici), nobile uccello migratore, conosce le trasferte avventurose e soprattutto l’arte del ritorno, che è destinazione/meta forse ancor più problematica dell’andata. Comunque sia, l’accento è da porre sul dinamismo/vitalismo del movimento che rappresenta insieme il mutamento cui siamo sottoposti, in quanto ogni stasi/rigidità significa morte. Ma appare altrettanto letale un’attività/motilità maniacale, fine a se stessa, costituita da un vagare senza direzione o bussola alcuna, che equivale solo a smarrirsi.

Interessante è altresì la sottolineatura, da parte della Borsani, del ruolo che nel nostro Gioco ha il lancio dei dadi, a cui il giocatore in un certo qual senso affida il proprio destino, sfidando in parallelo la sorte. Ciò in effetti comporta: “confrontarsi con un percorso in cui non tutto può essere controllato dall’io volitivo e cosciente”. Il Gioco dell’Oca quindi, non tanto ha a che fare con la fortuna, quanto con la capacità di tollerare/accettare il destino, tramite un positivo amor fati, grazie al quale saper affrontare con serenità le caselle fauste ed infauste e le sorti d’una partita che ancora una volta persino etimologicamente rimanda al viaggio esistenziale con cui ogni vivente è alle prese.

Polimorfe sono perciò le stazioni (sempre provvisorie) del Gioco dell’Oca ed ognuna di esse è ancipite, rappresentando al contempo un pericolo e un’opportunità, una chiusura ed un’apertura, uno svantaggio che potrebbe rivelarsi insomma ‒ se ben gestito ‒ un vantaggio. Emblematica quella della morte (o dello scheletro), collocata al numero 58 che non fa perdere il giocatore, né lo bandisce/annichilisce, rimandandolo invece alla casella iniziale del percorso, al quel numero uno che simboleggia appunto l’inizio ma pure l’unità, la pienezza, la totalità dell’essere. E giusto intono al tema della morte e del morire ineludibile Roberta Borsani ha scritto, a mio avviso,  pagine umanissime d’estrema pietas e di profonda saggezza. Come la conclusiva del saggio, intorno alle “sirene” d’un sedicente progresso scientifico che banalizza/esorcizza la morte e il morire tentando di anestetizzarne il dolore tramite le pratiche eutanasiche: “Come se la paura della morte fosse solo paura della sofferenza fisica, e non anche, per forza di cose e perché l’uomo non è un animale, paura di non essere più, di essere stato inutilmente, paura di ciò che potrebbe attendere o non attendere nell’aldilà”.

23/11/2015 22:12:01
comments powered by Disqus
24.06.2017
Elvio Bombonato
Leggo sui quotidiani che il procuratore sportivo Mino Raiola sarebbe adirato con un dirigente del Milan, il quale avrebbe consigliato il 18enne portiere fenomeno Gianluigi Donnarumma di guardarsene. Se è vero, il dirigente ha fatto bene, come bene fa l’allenatore Montella a consigliare il suo giovanissimo...
 
23.06.2017
Paola Sultana
Ad una persona di Legge, ad una appassionata persona impegnata per i diritti, quelli veramente fondamentali e importanti, lasciamo un primo commento "a caldo", a poche ore dalla scomparsa dell'on. Stefano Rodotà. Più sotto una breve biografia. ..."Ciao Stefano, tutta la Redazione e tutta l'associazione...
23.06.2017
Francesco Roat
La Jaca Book, editrice dell’opera omnia di Raimon Panikkar, ha recentemente pubblicato un libro del celeberrimo teologo e filosofo spagnolo ‒ Kierkegaard e Śāṅkara. La fede e l’etica nel cristianesimo e nell’induismo, a cura di M. Carrara Pavan e P. Barone ‒; si tratta d’un breve ma intenso testo che...
 
21.06.2017
Dan Glazebrook
rt.com Il Qatar non sta seguendo al progetto di isolare l’Iran, guidato dai sauditi e approvato dagli americani. Non solo perché Doha ha reso l’indipendenza da Riyadh un segno distintivo della propria politica estera, ma soprattutto perché Qatar ed Iran condividono il più grande giacimento di gas naturale...
19.06.2017
Marina Elettra Maranetto
Ormai credeva d’essere salva, rassicurata dal tepore della pantofola di coppia nella quale si era adagiata. Il disordine era scomparso e la sua vita scorreva finalmente piana tra attenzioni reciproche e consuetudini che scandivano il succedersi dei giorni. Tutto era previsto e prevedibile dopo la passione tumultuosa...
 
16.06.2017
Marina Elettra Maranetto
Mahi Binebine è l’autore. Nato a Marrakech è vissuto a Parigi, New York e Madrid prima di far ritorno in Marocco dove continua con successo la sua attività di scrittore. Perché ne parlo? Perché sorprendentemente ho trovato alcune risposte all’incredulità che coglie ad ogni attentato suicida con...
15.06.2017
Segreteria CGIL (e altri)
Riprendiamo integralmente il comunicato proveniente dalla Segreteria CGIL. Un compagno, un amico, ci ha lasciato. Una persona sensibile, competente e curiosa. Ancora una ferita nei nostri cuori già provati da altre recenti mancanze. La redazione di CittaFutura e l'intera associazione CittaFutura, si...
 
04.06.2017
Agostino Spataro
L'altra sera sono andato a trovare la statua di Gyorgy Lukacs minacciata di rimozione. Con la più viva sorpresa, ho dovuto costatare che la statua del grande pensatore marxista era stata rimossa a fine marzo. Dalle foto si possono rilevare i passaggi dell'espianto e il camion che l'ha portata via. Dove?...
02.06.2017
Elvio Bombonato
"NIENTE TASSE PER TOTTI", SLOGAN DI FORZA ITALIA ALLE PENULTIME ELEZIONI L'addio di Totti al calcio ha dominato giornali e TV aldilà di ogni umana sopportazione. Neanche l'ISIS ha avuto tante pagine, fatte di nulla, retorica trita e infondata. Quella di Totti è un'immagine stereotipata, costruita...
 
01.06.2017
Elvio Bombonato
Analisi filologica e testuale La lingua è un prodotto sociale, quindi cambia col trascorrere del tempo. Cambia in due modi: le parole vecchie mutano significato, e si aggiungono parole nuove. La lingua italiana scritta è rimasta la stessa per secoli, ecco perché noi riusciamo a leggere Dante, mentre...
Segnali
La sezione degli alpini di Alessandria compie 50° anni (1967 -2017) con un ricco programma di intrattenimento. Si...
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Domenica 25 Giugno 2017 Vinile Alessandria dedicata a "Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" dei Beatles...
sabato 24 e domenica 25 giugno 2017, l’Associazione Dronero Cult presenta la quinta edizione di “Dronero...
Lunedì 26 giugno alle ore 20:30 al Teatro Alessandrino gli allievi della scuola alessandrina potranno...
Venerdì 23 p.v. alle ore 21 chiesa di San Giovanni Evangelista (rione Cristo) ad Alessandria l'organista...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
E’ uscito l’atteso Bando Ordinario 2017 di Servizio Civile Nazionale. 'Bando per la selezione di 913...
La Ludoteca Comunale ‘C’è Sole e Luna’ propone per il mese di giugno un ricco calendario di attività dedicate...
La Compagnia Gli Illegali in collaborazione con il Chiostro Hostel and Hotel e l’Associazione di Promozione...
Programma Proiezioni Cinema Macallè dal 23 al 27 Giugno 2017Il Cinema Macallè ha il piacere di presentare...
lunedì 19 giugno alle 17 in via Arsenale 14/G, a Torino inaugurazione della mostra fotografica Villar...
dal 23 al 30 giugno: San Sebastiano Curone diventa centro della musica e della cultura. Il 23 giugno...
Parte la Campagna dell' "Aglio solidale" a sostegno delle vittime della città martire di Cizre, nel...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.