Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Sul dorso di un'oca
Francesco Roat

 

Il tradizionale Gioco dell’Oca non va considerato affatto come un gioco. Tale asserto non esprime certo una mera contraddizione di termini ma costituisce la tesi/ottica interpretativa che sta alla base del saggio di Roberta Borsani Sul dorso di un’oca. Il simbolismo iniziatico del Grande Gioco (Moretti&Vitali). Come tuttavia sottolinea l’autrice, va chiarito subito che lungo i secoli il Gioco dell’Oca è stato sempre recepito dai più come un gradevole passatempo sia per bambini che per adulti (nel Cinquecento e nel Seicento esso era assai apprezzato presso le corti aristocratiche europee), anche grazie alla semplicità delle sue regole e al fascino evocativo delle immagini che illustrano molte delle caselle di questo accattivante gioco da tavola. Però vari etnologi e studiosi del folklore hanno colto piuttosto in questo gioco ‒ nota Borsani ‒: “la rappresentazione di un progresso iniziatico, all’interno del quale sono contemplate esperienze spirituali profonde”.

Infatti il percorso a spirale a processo sinistrorso (lungo il quale ora si avanza, ora si retrocede, ora ci s’arresta in uno stallo paralizzante) che lo caratterizza allude senz’altro ad un viaggio interiore alla ricerca della propria autenticità. Si potrebbe anche dire, in termini junghiani, che esso alluda a un lento, sofferto e laborioso percorso/processo di individuazione. Non a caso le caselle/stazioni maggiormente significative del Gioco dell’Oca ‒ il ponte, la locanda, il pozzo, la prigione, la morte ‒ rimandano ad ambiti liminari/cruciali, in cui appunto occorre mettersi in gioco totalmente e con la massima serietà se si vuole procedere nella maturazione/crescita personale, la quale mai avviene senza che ci si debba misurare con le perdite, gli ostacoli e/o i problemi più o meno dilemmatici che ogni cammino esistenziale prevede.

Il Gioco dell’Oca ‒ suggerisce ancora Roberta Borsani ‒ rimanda pure al viaggio del pellegrino, dell’uomo errante per antonomasia che s’incammina lungo un itinerario nel segno del sacro, confidando alla fine del tragitto vi possa essere una sorta di conciliante/consolante “ritorno a casa”: alle proprie radici mai del tutto disseccate, a quella “unità” omnicomprensiva “che si irradia nella molteplicità senza perdersi”. Gioco/itinerario estremamente serio, si accennava sopra, ma al contempo anche gaio, se sappiamo far nostra la concezione induista della vita e del mondo-universo quale lila: quale gioco cosmico caleidoscopico e impermanente, messo in moto dalla divinità. Concezione che dovrebbe permetterci di divenire umili e ridimensionare assai le istanze/brame egoiche, rivolte a voler tutto dominare, soggiogare, controllare. In una parola: a vincere. Così guardando al Gioco dell’Oca si dovrebbe comprendere che la sua finalità, paradossalmente, non è la conquista della sessantatreesima casella (o novantesima, in certe varianti), poiché il suo senso profondo sta semmai nell’erranza stessa e nella sua accettazione/accoglienza.

Ce lo indica il moto tracciato dalla spirale che, pur procedendo sempre oltre, sembra volgersi indietro, ritornare sui propri passi, riformulare quasi ad ogni svolta la strategia del proprio movimento. Visto in controluce, osserva inoltre l’autrice, “il Gioco dell’Oca può insegnare cose profonde, segreti dell’arte del viaggio, quello grande che porta fin nelle valli oscure della morte senza smarrire la luce del ritorno ‒ anch’esso grande ritorno ‒ all’Uno”. E l’oca selvatica (in antico animale totemico e guida presso gli sciamani euroasiatici), nobile uccello migratore, conosce le trasferte avventurose e soprattutto l’arte del ritorno, che è destinazione/meta forse ancor più problematica dell’andata. Comunque sia, l’accento è da porre sul dinamismo/vitalismo del movimento che rappresenta insieme il mutamento cui siamo sottoposti, in quanto ogni stasi/rigidità significa morte. Ma appare altrettanto letale un’attività/motilità maniacale, fine a se stessa, costituita da un vagare senza direzione o bussola alcuna, che equivale solo a smarrirsi.

Interessante è altresì la sottolineatura, da parte della Borsani, del ruolo che nel nostro Gioco ha il lancio dei dadi, a cui il giocatore in un certo qual senso affida il proprio destino, sfidando in parallelo la sorte. Ciò in effetti comporta: “confrontarsi con un percorso in cui non tutto può essere controllato dall’io volitivo e cosciente”. Il Gioco dell’Oca quindi, non tanto ha a che fare con la fortuna, quanto con la capacità di tollerare/accettare il destino, tramite un positivo amor fati, grazie al quale saper affrontare con serenità le caselle fauste ed infauste e le sorti d’una partita che ancora una volta persino etimologicamente rimanda al viaggio esistenziale con cui ogni vivente è alle prese.

Polimorfe sono perciò le stazioni (sempre provvisorie) del Gioco dell’Oca ed ognuna di esse è ancipite, rappresentando al contempo un pericolo e un’opportunità, una chiusura ed un’apertura, uno svantaggio che potrebbe rivelarsi insomma ‒ se ben gestito ‒ un vantaggio. Emblematica quella della morte (o dello scheletro), collocata al numero 58 che non fa perdere il giocatore, né lo bandisce/annichilisce, rimandandolo invece alla casella iniziale del percorso, al quel numero uno che simboleggia appunto l’inizio ma pure l’unità, la pienezza, la totalità dell’essere. E giusto intono al tema della morte e del morire ineludibile Roberta Borsani ha scritto, a mio avviso,  pagine umanissime d’estrema pietas e di profonda saggezza. Come la conclusiva del saggio, intorno alle “sirene” d’un sedicente progresso scientifico che banalizza/esorcizza la morte e il morire tentando di anestetizzarne il dolore tramite le pratiche eutanasiche: “Come se la paura della morte fosse solo paura della sofferenza fisica, e non anche, per forza di cose e perché l’uomo non è un animale, paura di non essere più, di essere stato inutilmente, paura di ciò che potrebbe attendere o non attendere nell’aldilà”.

23/11/2015 22:12:01
comments powered by Disqus
18.08.2017
Daniele Borioli
Parigi, Nizza, ancora Parigi, Bruxelles, Berlino, Londra, e ora Barcellona. Sono ormai diversi gli episodi di questo nuovo devastante e destabilizzante terrorismo, che colpisce a caso le persone, purché siano vittime innocenti, e che non casualmente sceglie i propri luoghi-simbolo. L'ultimo, è quello...
 
18.08.2017
Agostino Spataro
Barcellona, da una strage all'altra. L'Europa continua a essere sotto attacco eppure non si riesce a bloccare il terrorismo. Inspiegabile. A mio parere, da tempo, verso l'Europa, da tanti vista come una pingue preda, c'é una corsa che mira a destabilizzarla, a distruggere la sua economia, i suoi assetti...
14.08.2017
Giacomo Russo Spena (a cura di)
... Intervista a Emiliano Brancaccio di Giacomo Russo Spena (*) L'economista boccia la visione dello Stato come semplice 'ancella' del capitale privato e non vede in Italia forze politiche capaci di proporre un'alternativa. Difendere la Costituzione? 'Non basta'. ... Dopo il salvataggio delle banche...
 
13.08.2017
Patrizia Gioia
Alle due di notte del 16 marzo 1957 Constantin Brancusi smette di volare. Nei giorni precedenti la morte, smette di parlare francese, parla romeno con chiunque vada a visitarlo. Al momento della sepoltura, nel cimitero di Montparnasse, viene distribuita, secondo il rito rumeno, una porzione tiepida...
11.08.2017
Elvio Bombonato
Nella mia ricerca dell’Italia che non c’è più o che va scomparendo, non poteva mancare il convinto elogio della Val Borbera e dei suoi abitanti. A un'ora di auto da Alessandria (prima di Serravalle si prenda l'autostrada uscendo a Vignole: pedaggio 40 cent), oppure utilizzando le efficienti Autolinee...
 
10.08.2017
Marina Elettra Maranetto
Trattasi di diritto acquisito per scelta, talvolta imposto dalle circostanze, ma non si può avere tutto dalla vita.​Consente l’ozio creativo in soggetti predisposti e la padronanza del tempo. E’ tuttora un’aspirazione di genere: donne stanche, trafelate, ristrette entro confini angusti e dunque private...
02.08.2017
Patrizia Gioia
Eri bello. Fatto di quella bellezza che seduce senza essere seduttiva, quella bellezza frutto di profonde ferite, di sguardi negli abissi, di aguzze redenzioni mai per sempre. Camminavi con quell'andatura tra cow-boy e dandy, elegantemente trascinando l'ombra pesante che ti disegnava quella faccia...
 
27.07.2017
Nuccio Lodato
In giro per il Monferrato sulle orme del Moncalvo Devo a un'indimenticabile cara figura, lo scomparso pittore di fede Bahai Arturo Figini, autonominatosi, dal paesino di cui originario nel Tortonese (vi si mangia una delle migliori... pizze del nord-ovest) "il Momperone" (1905-2002), la scoperta...
23.07.2017
Marina Elettra Maranetto
Potevano entrambi definirsi reduci. Lei da una lunga relazione con un fascinoso bugiardo il cui lascito non meritava rimpianto; lui da una sofferta separazione, conseguenza prevedibile d’un matrimonio riparatore. Entrambi con le ossa dolenti avevano scelto una vacanza in montagna, impegnativa per la...
 
19.07.2017
Renzo Penna
Quando Guido Manzone mi telefonava, rigorosamente al telefono fisso di casa, era, generalmente, per lamentarsi dei guai che, più sovente a livello locale, o a quello nazionale, la sinistra stava combinando. Mi indicava i fatti e i responsabili e se, timidamente, obiettavo qualche difesa la sua replica...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Giunti alla quarantunesima edizione, la Festa dell’Unità di Fubine, quest'anno nel circuito provinciale,...
il 26 Agosto a Viguzzolo e Cerreto di Zerba due momenti di raccoglimento e ricordo dei Partigiani: CHICCHIRICHI...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
A partire da sabato 19 fino al 26 agosto avranno luogo i festeggiamenti per la festa patronale di Volpedo. Programma:...
Sostegno alle manifestazioni regionali, nazionali e internazionali e promozione sportiva a favore di...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
sabato 26 agosto, alle ore 20.30 presso l’ex cava in località Brusa Vecchia, a Isola Sant’Antonio (AL). STORIE...
APERTURA PERIODO ESTIVO DEL MUSEO ETNOGRAFICO “C’ERA UNA VOLTA”.ORARIO ESTIVO (dal 25 Luglio al 1 Settembre)...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.