Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
A. M. Farabbi:"Dentro la O"
Francesco Roat
 La poetessa Anna Maria Farabbi confessa in una nota che il suo ultimo testo, “dentro la Oˮ (edito da Kammeredizioni), è frutto di un lavoro pluriennale. Da molto tempo, infatti, l’autrice andava cercando di: “elaborare una capacità stilistica che rendesse l’essenzialità lirica corrispondente a quella meditativa”. Ritengo che in quest’opera vi sia riuscita appieno. Lo testimonia non solo l’intensità/icasticità della creazione poetica, ma pure la felice coesistenza di più registri di scrittura che vedono coabitare, accanto ai versi, pagine autobiografiche nonché riflessioni e contemplazioni all’insegna di una prosa non certo meramente ombelicale ma aperta soprattutto a cogliere/accogliere l’altro da sé, attraverso una disponibilità coniugata tramite: “una ritmica congiuntiva, esistenziale politica spirituale”.

Farabbi, ovviamente, qui medita in primo luogo sulla parola, anzi sulle singole vocali che costituiscono l’ossatura portante di ogni termine. In primo luogo cercando appunto di penetrare nella lettera o, il cui cuore rappresenta  ‒ a seconda dell’ottica mediante la quale guardiamo ad essa ‒ il vuoto o la pienezza. Non a caso lo spunto che innesca la scrittura del libro è costituito da quello che l’autrice chiama, con vocabolo obsoleto ma pregnante, il “manicomio” (la Comunità terapeutica di Torre Certalda) dove lei presta la sua opera creativo-caritatevole che, poeticamente: “cantando crea un nido sonoro nel corpo dell’altro”. Così, se la mente e il cuore dei “matti” narrati da Farabbi possono sembrare a prima vista vuoti a livello razionale/emozionale, ad una più attenta lettura essi risultano colmi d’un dolore/amore: “disperato, isolato, sprofondato” che appare davvero umano, troppo umano.

L’autrice non ama molto invece la vocale i, troppo saccentemente verticale, la cui testa tonda, staccata dal corpo della lettera, dice molto della separazione tutta occidentale tra spirito e materia, intelletto e pancia, ragione e sentimento. Assai meglio la e: sorta di “cruna” o “occhiello” ospitale, che: “con/sente di essere attraversato, impollinato, seminato, pur mantenendo la sua personalità segnica”. Oppure la a ‒ dalla “postura salda” sulla quale essa “siede” ‒, che si pronuncia a bocca aperta ed è il segno alfabetico iniziale, allusivo giusto dell’apertura, dell’alba e dell’annunciazione. Problematica, infine, la vocale ultima, cioè la u: che può alludere all’unione ma al contempo alla separazione “tra due montagne”. Iato che, nella società umana, occorre tentar di colmare o almeno attraversare, gettando un ponte che dall’io giunga al tu e si trasformi in noi.

La parola meditazione compare svariate volte in questo testo dal carattere contemplativo. Basterebbe questa brevissima poesia senza titolo a testimoniarlo: “piove   ascolto il vuoto tra le gocce / mentre le bevo”. (Si consideri lo spazio lasciato/palesato dopo il primo verbo). O quest’altra, parimenti concisa: “siedo in terra attorno al fuoco // pregando il fuoco di bruciare / l’eccesso della mia interiorità”. Sembrano entrambe degli haiku, ma solo per la consapevolezza attenta e la precisione dello sguardo. Inoltre va chiarito che, per Farabbi, il poeta/soggetto meditante non deve certo isolarsi in una qualche vana torre d’avorio. Si tratta semmai di: “lavorare interiormente, abitando gli elementi tra le altre creature, con le altre creature”.

E sempre badando alla concretezza dell’elemento corporeo, terrestre, terragno; perché tutto sulla terra è qui motivo di contemplazione/considerazione. Come avviene in una sobria lirica, esemplare per la sua vis espressivo-evocativa: “una riga di formiche sul ghiaccio / porta il pane fino a casa”. O nella seguente: “i buoi hanno abbandonato il carro / talmente bianchi   luminosi // l’estate tra le mosche dormendo”.

È una specie di religiosità laica quella che traspare da certi versi di Farabbi. Vedi la poesia priva di titolazione, che intitolerei eucaristia: “mia nonna tagliava il pane per tutti in parti uguali / guardavamo le sue mani e la luce veloce tra il coltello e la polpa // seduti attorno a un’ostia di legno”. O, se vogliamo, quella dell’autrice si delinea come la spiritualità profana e sensuale (“appartengo da eretica alla terra e alla resistenza. Lavoro l’equilibrio interiore mentre attraverso gli inferni e un amore che mi apre le labbra”) d’una donna che di sé dice pure: “o assomiglio all’uccella / o alla mula sul corpo della montagna // o alla scrittura delle nuvole”.

Un’ultima considerazione. La poesia della nostra poetessa è anche espressione d’un intento civile, trattando temi d’interesse collettivo a cui troppi scrittori contemporanei paiono disattenti. Farabbi ci ricorda  invece di come: “non c’è luogo in terra che non sia comunità”. E forse il modo migliore per chiudere la mia recensione è citare i quattro versi chiave di lungo testo poetico, intitolato “uno, la poesia biologica nel manicomioarca”: “io non sono una viandante né una pastora né una contadina di montagna / ma sono anche una viandante una pastora una contadina di montagna una / che con le mani raccoglie il mare e lo porta   ai matti // lo posso fare   perché ho la poesia in corpo”.

16/11/2016 16:52:34
comments powered by Disqus
15.12.2017
Patrizia Gioia
Il nuovo libro di Francesco Roat - Mimesis/Filosofie Tutti parlano, nessuno mi sente cantare: Oh, se imparaste da me il silenzio !” Chi può dichiarare al mondo intero che Dio è morto, se non colui che Dio l'ha incontrato, vissuto...
 
14.12.2017
Francesco Roat
Francesco Roat Il libro intitolato Cifre della trascendenza (Fazi Editore) raccoglie le ultime lezioni tenute, nel semestre estivo del 1961 presso l’Università di Heidelberg, da Karl Jaspers sul rapporto tra filosofia e religione vista quale dimensione/prospettiva del trascendente, essendo rivolta ‒...
13.12.2017
Marina Elettra Maranetto
Una casa tra i campi scabri della pianura coperta dalla prima neve. La fiamma nel camino stenta a crepitare, assonnata come gli abitanti che muovono i primi rumori d’un placido risveglio: niente affanno lungo le scale, né il caffè in piedi che esce pessimo dalla macchinetta ancora fredda, il pensiero...
 
10.12.2017
Agostino Spataro
La comunità internazionale non ha condiviso l’improvvida decisione del presidente USA, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme come capitale dello stato d’Israele, in spregio delle ripetute risoluzioni dell’ONU. Bene, dunque, hanno fatto i governi europei e, fra questi anche il governo italiano e...
04.12.2017
Salvatore Ragonesi
Paula Elias, nata in Brasile, arrivata in Italia in seguito ad un semplice viaggio turistico, vive da molti anni a Marina di Carrara dove ha collocato la sede principale della sua attività professionale e dei suoi impegni artistici, dopo aver frequentato a Milano l’Accademia di Brera ed aver acquisito...
 
03.12.2017
Elvio Bombonato
La Redazione ripubblica un precedente intervento di E.B. che riteniamo tornato di grande attualità. ...Non intendo occuparmi direttamente della tragedia sofferta dai coniugi di Mirabello, e rispettare, nei limiti del possibile, la loro giusta richiesta di silenzio; chi vuole può leggersi i due articoli...
13.11.2017
Francesco Roat
L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire...
 
12.11.2017
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti...
09.11.2017
Gian Domenico Zucca
Parrebbe il titolo d’un romanzo d’avventure alpine, e relativo film, se non serie di telefilm, ed invece è una seccatura estrema. E se tale solo fosse, per quanto noiosa, sarebbe ancora poca cosa. Sto parlando dei cannoni in agricoltura. “Cannoni? È una barzelletta? In agricoltura? Che frutti sono?...
 
01.11.2017
Gian Domenico Zucca
Roberto Gremmo, Anteo Zamboni e l’attentato a Mussolini L’antifascismo anarchico e l’attentato a Mussolini, Storia Ribelle, Biella, luglio 2017, pp. 240, 20 €. ... Il Duce la sera del 21 ottobre 1929 si era recato a Bologna per presiedere alle manifestazioni relative all’inaugurazione dello stadio,...
Segnali
Lunedì 18 dicembre 2017 ore 16:45 Sinagoga di Alessandria - Via Milano 7 "Channukkàh 5778" La Festa...
martedì 19 dicembre ore 17,30 – 19,00 Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria al...
mercoledì 20 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (Piazza...
il 20 dicembre, dalle 17 alle 22 appuntamento alla Casa di Quartiere in via Verona 116Alessandria XMA...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
sabato 2 dicembre ore 15.00 “IL MERCATINO DI TELIA” Inaugurazione del mercato di Natale dell’Associazione...
Come ogni anno, parte, da oggi, la Campagna "Arance di Natale...arance per la vita" a sostegno del Centro...
lunedì 4 dicembre alle ore 18.00 con uno spettacolo gratuito presentato da Red Ronnie in cui Enzo Iacchetti,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018 UNO STRAORDINARIO ROAD...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Dal 15 al 19 Dicembre "La Principessa e L'Aquila"Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Tratto da...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.