Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
"Il nulla è tutto". Parola di "guru"
Francesco Roat

Vedānta significa in sanscrito la fine (anta) dei Veda, ossia la parte conclusiva dell’omonimo corpus di scritture religiose induiste. Tale parte è costituita dalle Upaniṣad: parola che deriva dalla radice sanscrita sad (da cui il verbo sedere) e dai prefissi upa e ni (vicino a) e che descrive l’atteggiamento corretto del devoto che ha giusto da sedersi accanto al guru (maestro spirituale) per ascoltarne la parola. Le Upaniṣad sono quindi sia una sorta di commentari dell’insegnamento vedico sia il loro culmine, avendo esse per fine la cosiddetta liberazione (mokṣa) dalla condizione illusoria mondana (maya), giacché per il Vedānta la realtà è ben altro rispetto a ciò che la nostra mente discrimina separando il soggetto dall’oggetto, l’io dal mondo. Secondo i Veda, infatti, e soprattutto secondo la scuola dell’Advaita Vedānta (il primo termine significa: non duale), al di là dell’apparenza fenomenica, esiste solo una unitaria realtà assoluta (il Brahman) da cui erroneamente noi ci sentiamo separati.

L’indiano Sri Nisargadatta Maharaj (1897-1981) è considerato uno dei maggiori esponenti di detta scuola e la sua notorietà/autorevolezza lo ha fatto conoscere anche in Occidente, dove i suoi libri – da lui mai scritti, ma che sono il risultato della trascrizione degli innumerevoli discorsi tenuti ai discepoli – sono stati pubblicati in svariate lingue, tra cui l’italiano. A questo proposito, Ubaldini Editore ha recentemente dato alle stampe un nuovo testo del guru di Bombay, Il nulla è tutto. Discorsi inediti, il quale fa riferimento alle registrazioni dei dialoghi intrecciatisi (durante gli ultimi due mesi del 1979) tra il maestro e i numerosi visitatori che venivano a trovarlo/interrogarlo ogni giorno. È questa una testimonianza storica di notevole valore: vuoi perché ci permette di gustare le parole dell’ultimo Maharaj, destinato a morire poco meno di due anni dopo, vuoi perché tali discorsi riassumono in maniera chiara ed esemplare la filosofia di questo grande personaggio.

Filosofia che potremmo sintetizzare utilizzando una frase lapidaria, pronunciata dal Maharaj davanti ad un perplesso ospite, giunto sin dall’Occidente a consultarlo: “Il brahman, ovvero Dio, è la tua vera natura. Tale identità non muore. Tu temi la morte perché ti identifichi col corpo. Se acquisirai fede, in base a queste parole, non conoscerai mai la morte. E quindi non sentirai il bisogno di chiarimenti su questioni di spiritualitàˮ. Tale affermazione è di una semplicità estrema ma mette in discussione – vanificandole – razionalità, mente giudicante, conoscenza. E ciò per il fatto che, a detta del maestro, non solo occorre trascendere la mera fisicità ma la stessa coscienza, essendo quest’ultima un’attività intellettuale, cioè generata dalla mente che, assieme al corpo, non esaurisce certo in modo esaustivo il nostro essere.

È un accorato invito a prendere le distanze dalla mera discorsività onde approdare alla meditazione, nella quale vengono a cadere pensieri e parole per consentire una più vasta comprensione. L’obiettivo: pervenire ad uno stato non dualistico, ove: “c’è solo puro essere”. Tuttavia una tale dimensione può risultare inquietante per l’uomo assetato di sapere e di avere; se non altro la pace interiore. Ma il Maharaj, per nulla consolatorio, si rivela assai tranchant: “L’assoluto è nirguna, ossia senza qualità o connotazioni. C’è posto per la beatitudine finché c’è la coscienza, ma poi non più”.

L’invito è quindi di prendere le distanze da teorie e speculazioni, da dogmi e credenze d’ogni tipo, meditando semmai su un’affermazione delle Upaniṣad – secondo la quale è bene rendersi conto che l’anima individuale o Sé (ātman) coincide con il divino/Tutto (brahman) –, espressa attraverso la celebre formula: “quello sei tu” (tat tvam asi), cui sin dall’inizio della sua predicazione ha sempre fatto riferimento Nisargadatta Maharaj, ricordando puntualmente ad ogni discepolo che: “Il tuo capitale è la consapevolezza «io sono», usala. Medita su di essa. Grazie ad essa”.

Accanto a una simile e liberatoria presa d’atto troviamo la sottolineatura d’una imprescindibile umiltà di fondo, simile a quella socratica, intorno al nostro presunto sapere. Nota infatti il nostro guru: “«Non so» è l’atteggiamento migliore. Non possiamo dire che la Realtà sia questo o quello. Possiamo solo affermare «neti neti», che significa: «Non è questo, non è questo»ˮ. A causa di ciò il saggio non si attacca a niente, né desidera nulla, considerando tutto: “perfettamente a postoˮ. Condizione illuminata e illuminante che accosta il Maharaj ai nostri grandi mistici occidentali: da Meister Eckhart a Edith Stein, da Giovanni della Croce a Simone Weil. Tutti propugnatori di un’accettazione/accoglienza incondizionata e forti della capacità di abbandonarsi fiduciosamente alla vita o, in termini religiosi, a Dio. In tal caso persino la sofferenza estrema può trasmutarsi in grato miracolo, poiché – nota la mistica francese: “Il dolore ci inchioda al tempo, ma l’accettazione del dolore ci trasporta al termine del tempo, nell’eternitàˮ 
07/04/2017 21:31:32
comments powered by Disqus
13.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Avevano un modo singolare di tenersi per mano. Francesca non aveva bisogno di stringerla attraverso il guanto perché entrambe accordavano la propria andatura in modo prefetto, un passo l’una, due passetti l’altra. Era un’espressione simbolica del loro legame, quel delicato sfiorarsi, in cui la più...
 
09.01.2018
Aydin (*)
LA CONGESTIONE E IL DESERTO Come le recenti alluvioni del Sud hanno dimostrato, la degradazione sta toccando livelli insostenibili. La drammatica esperienza statunitense: urbanesimo forzato, desertificazioni sempre più vaste, disoccupazione Se per tempi lunghi la perdurante rottura degli equilibri...
09.01.2018
Francesco Roat
Il muro del paradiso ‒ questo il titolo del testo colloquiale, scritto a quattro mani da Roberto Celada Ballanti e Marco Vannini, recentemente pubblicato da Lorenzo de’ Medici Press ‒ riprende un’immagine, tratta dalla letteratura mistica, di cui parla il Cusano illustrando ciò che egli chiama la porta...
 
05.01.2018
Elvio Bombonato
Dal portiere non c’era nessuno.C’era la luce sui poveri lettidisfatti. E sopra un tavolacciodormiva un ragazzacciobellissimo. Uscì dalle sue bracciaannuvolate, esitando, un gattino.SANDRO PENNA (“Poesie” 1927-38)La breve lirica, visiva (come sempre in Penna), esprime un contrasto...
28.12.2017
Marco Preve (*)
Gilberto Caldarozzi, 3 anni e 8 mesi per i falsi del G8, è il numero 2 della Dia. Per i giudici ha "gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero"24 dicembre 2017Più che la rabbia della vittima c’è il senso di sconfitta del cittadino di fronte al Potere, negli occhi di uno degli ex ragazzi...
 
27.12.2017
Cengiz Tomar
Questo è un piccolo regalo che facciamo alla figlia di un illustre medico di Istanbul da poco incarcerata in attesa di giudizio. La ricordiamo solo per iniziali, anche se “chi di dovere”, anche solo con le iniziali, sa benissimo risalire alla destinataria dell’intervento. L. C. è una valente turca laureata...
25.12.2017
Rosmina Raiteri
"Nostra patria è il mondo intero e nostra legge è la libertà" E' il titolo di un vecchio canto anarchico a cui si sono ispirati alcuni incontri di continuazione e sviluppo della Campagna Ero straniero. Si è conclusa a fine ottobre la raccolta firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare...
 
22.12.2017
Nuccio Lodato
Accade talvolta -o più verosimilmente, anzi, spesso: l'inverno del nostro scontento...- che in pochi giorni si faccia raccolta di parecchie cose (magari tra le più disparate) che abbiano il potere di irritarci. Forse il modo migliore di farci i conti può essere quello di buttarle fuori scrivendone....
15.12.2017
Patrizia Gioia
Il nuovo libro di Francesco Roat - Mimesis/Filosofie Tutti parlano, nessuno mi sente cantare: Oh, se imparaste da me il silenzio !” Chi può dichiarare al mondo intero che Dio è morto, se non colui che Dio l'ha incontrato, vissuto...
 
14.12.2017
Francesco Roat
Francesco Roat Il libro intitolato Cifre della trascendenza (Fazi Editore) raccoglie le ultime lezioni tenute, nel semestre estivo del 1961 presso l’Università di Heidelberg, da Karl Jaspers sul rapporto tra filosofia e religione vista quale dimensione/prospettiva del trascendente, essendo rivolta ‒...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Venerdì 19 gennaio, a partire dalle ore 20.30 presso l'Associazione Cultura e Sviluppo di P.zza De Andrè...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.