Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
"Il nulla è tutto". Parola di "guru"
Francesco Roat

Vedānta significa in sanscrito la fine (anta) dei Veda, ossia la parte conclusiva dell’omonimo corpus di scritture religiose induiste. Tale parte è costituita dalle Upaniṣad: parola che deriva dalla radice sanscrita sad (da cui il verbo sedere) e dai prefissi upa e ni (vicino a) e che descrive l’atteggiamento corretto del devoto che ha giusto da sedersi accanto al guru (maestro spirituale) per ascoltarne la parola. Le Upaniṣad sono quindi sia una sorta di commentari dell’insegnamento vedico sia il loro culmine, avendo esse per fine la cosiddetta liberazione (mokṣa) dalla condizione illusoria mondana (maya), giacché per il Vedānta la realtà è ben altro rispetto a ciò che la nostra mente discrimina separando il soggetto dall’oggetto, l’io dal mondo. Secondo i Veda, infatti, e soprattutto secondo la scuola dell’Advaita Vedānta (il primo termine significa: non duale), al di là dell’apparenza fenomenica, esiste solo una unitaria realtà assoluta (il Brahman) da cui erroneamente noi ci sentiamo separati.

L’indiano Sri Nisargadatta Maharaj (1897-1981) è considerato uno dei maggiori esponenti di detta scuola e la sua notorietà/autorevolezza lo ha fatto conoscere anche in Occidente, dove i suoi libri – da lui mai scritti, ma che sono il risultato della trascrizione degli innumerevoli discorsi tenuti ai discepoli – sono stati pubblicati in svariate lingue, tra cui l’italiano. A questo proposito, Ubaldini Editore ha recentemente dato alle stampe un nuovo testo del guru di Bombay, Il nulla è tutto. Discorsi inediti, il quale fa riferimento alle registrazioni dei dialoghi intrecciatisi (durante gli ultimi due mesi del 1979) tra il maestro e i numerosi visitatori che venivano a trovarlo/interrogarlo ogni giorno. È questa una testimonianza storica di notevole valore: vuoi perché ci permette di gustare le parole dell’ultimo Maharaj, destinato a morire poco meno di due anni dopo, vuoi perché tali discorsi riassumono in maniera chiara ed esemplare la filosofia di questo grande personaggio.

Filosofia che potremmo sintetizzare utilizzando una frase lapidaria, pronunciata dal Maharaj davanti ad un perplesso ospite, giunto sin dall’Occidente a consultarlo: “Il brahman, ovvero Dio, è la tua vera natura. Tale identità non muore. Tu temi la morte perché ti identifichi col corpo. Se acquisirai fede, in base a queste parole, non conoscerai mai la morte. E quindi non sentirai il bisogno di chiarimenti su questioni di spiritualitàˮ. Tale affermazione è di una semplicità estrema ma mette in discussione – vanificandole – razionalità, mente giudicante, conoscenza. E ciò per il fatto che, a detta del maestro, non solo occorre trascendere la mera fisicità ma la stessa coscienza, essendo quest’ultima un’attività intellettuale, cioè generata dalla mente che, assieme al corpo, non esaurisce certo in modo esaustivo il nostro essere.

È un accorato invito a prendere le distanze dalla mera discorsività onde approdare alla meditazione, nella quale vengono a cadere pensieri e parole per consentire una più vasta comprensione. L’obiettivo: pervenire ad uno stato non dualistico, ove: “c’è solo puro essere”. Tuttavia una tale dimensione può risultare inquietante per l’uomo assetato di sapere e di avere; se non altro la pace interiore. Ma il Maharaj, per nulla consolatorio, si rivela assai tranchant: “L’assoluto è nirguna, ossia senza qualità o connotazioni. C’è posto per la beatitudine finché c’è la coscienza, ma poi non più”.

L’invito è quindi di prendere le distanze da teorie e speculazioni, da dogmi e credenze d’ogni tipo, meditando semmai su un’affermazione delle Upaniṣad – secondo la quale è bene rendersi conto che l’anima individuale o Sé (ātman) coincide con il divino/Tutto (brahman) –, espressa attraverso la celebre formula: “quello sei tu” (tat tvam asi), cui sin dall’inizio della sua predicazione ha sempre fatto riferimento Nisargadatta Maharaj, ricordando puntualmente ad ogni discepolo che: “Il tuo capitale è la consapevolezza «io sono», usala. Medita su di essa. Grazie ad essa”.

Accanto a una simile e liberatoria presa d’atto troviamo la sottolineatura d’una imprescindibile umiltà di fondo, simile a quella socratica, intorno al nostro presunto sapere. Nota infatti il nostro guru: “«Non so» è l’atteggiamento migliore. Non possiamo dire che la Realtà sia questo o quello. Possiamo solo affermare «neti neti», che significa: «Non è questo, non è questo»ˮ. A causa di ciò il saggio non si attacca a niente, né desidera nulla, considerando tutto: “perfettamente a postoˮ. Condizione illuminata e illuminante che accosta il Maharaj ai nostri grandi mistici occidentali: da Meister Eckhart a Edith Stein, da Giovanni della Croce a Simone Weil. Tutti propugnatori di un’accettazione/accoglienza incondizionata e forti della capacità di abbandonarsi fiduciosamente alla vita o, in termini religiosi, a Dio. In tal caso persino la sofferenza estrema può trasmutarsi in grato miracolo, poiché – nota la mistica francese: “Il dolore ci inchioda al tempo, ma l’accettazione del dolore ci trasporta al termine del tempo, nell’eternitàˮ 
07/04/2017 21:31:32
comments powered by Disqus
23.05.2017
Francesco Roat
Nel subcontinente indiano, tradizionalmente, fra i vari voti che gli asceti possono proferire ‒ ci ricorda Giuliano Boccali nel libro: Il silenzio in India. Un’antologia, edito da Mimesis ‒ campeggia giusto quello del silenzio. Tale voto esemplare, precisa lo studioso milanese, non si limita al mero...
 
22.05.2017
Patrizia Gioia
Centoquarant'anni di vita Centoquaranta anni fa, il 2 luglio 1877 nasceva a Calw, nello Schwarzwald ( Wurttemberg) Hermann Hesse. Il padre Johannes, ex missionario, cittadino tedesco nato in Estonia e la madre Maria Gundert, nata in India da padre tedesco e madre svizzera francese, donano senza dubbio...
20.05.2017
Maria Luisa Jori
Il rispetto del proprio corpo, cioè tendere a mantenerlo sano il più a lungo possibile, è un dovere non solo nei confronti di se stessi, ma anche della comunità di appartenenza. Il mezzo più importante per salvaguardare la nostra salute è la scelta del cibo, che oggi incominciamo a capire...
 
15.05.2017
Marina Elettra Maranetto
Ma i miei ex compagni duri e puri, non dovevano elaborare una riforma elettorale, dura e pura anche lei, entro sei mesi dal loro “gran rifiuto”? Ma la Storia non aveva insegnato che dopo le Idi di Marzo, tolto di mezzo quel cattivone di Cesare, si era ristabilita in Roma la vera democrazia e...
15.05.2017
Elvio Bombonato
Scritta nel 1964, appartiene al primo De Andrè, dalla ballata dell’eroe alla canzone di Marinella, Città vecchia, chiude con Geordie. Pure questa è una ballata, narrativa perché racconta, come provato dalla musica, un ritmato popolare, cadenzato, solo chitarra col crescendo e diminuendo della voce,...
 
05.05.2017
Elvio Bombonato
Il giudice Caselli al parco Eternot di Casale ha commentato la sentenza di Prescrizione della Cassazione sul caso Eternit. L'articolo impeccabile di Silvana Mossano sulla Stampa Alessandria del 1/5/17 titola ”Caselli sul caso Eternit. In Cassazione non si sono resi conto del dolore e delle vite spezzate....
05.05.2017
Elvio Bombonato
Il giudice Caselli al parco Eternot di Casale ha commentato la sentenza di Prescrizione della Cassazione sul caso Eternit. L'articolo impeccabile di Silvana Mossano sulla Stampa Alessandria del 1/5/17 titola ”Caselli sul caso Eternit. In Cassazione non si sono resi conto del dolore e delle vite spezzate. A...
 
03.05.2017
Alfio Brina
I sindacati CGIL, CISL e UIL, hanno indetto un referendum con il quale chiedevano ai dipendenti Alitalia (circa 11.000) di approvare o respingere il pre-accordo che prevedeva la riduzione degli esuberi del personale di terra di 980 unità e la riduzione degli stipendi del personale navigante dell’8%....
03.05.2017
Filippo Orlando
Valentino Parlato ci ha lasciati; lo ha fatto con la riservatezza e con la umiltà che aveva contraddistinto il suo modo di fare politica e giornalismo e di ‘abitare’ la scena pubblica. Molti ora scriveranno necrologi più o meno lunghi, frettolosamente ripercorreranno la sua vita di impegnato militante...
 
03.05.2017
Marina Elettra Maranetto
Sì, dillo alla ragazza innamorata… anche se l’esperienza altrui poco serve a chi deve misurarsi con la vita, ma che il diavolo si nasconda nelle pieghe dei particolari non bisogna stancarsi di ricordarlo. - Se dopo i trentacinque anni vive ancora con la mamma nonostante un reddito autonomo è egocentrico...
Segnali
Il Sindaco e Presidente della Provincia di Alessandria, il Prefetto di Alessandria, Romilda Tafuri, e...
Domenica 4 giugno 2017ore 16:30 Presso il Sacrario della Benedicta 12° Concerto alla Benedicta Sono...
mercoledi 31 maggio, ore 21,15 ultimo appuntamento del corso "Cinema, Introspezione, Empatia", presso...
Mercoledì 31 maggio 2017dalle ore 14 tornei di calcetto e basket presso il Parco Carrà si terrà il momento...
L’Associazione SpazioIdea, la Libreria Fissore e l'Associazione La Voce della Luna, in collaborazione...
La Compagnia Gli Illegali in collaborazione con il Chiostro Hostel and Hotel e l’Associazione di Promozione...
STAGIONE 2016-2017 TRE DONNE DIVISE TRA DUE MONDI PREMIATO A TORONTO, SAN SEBASTIAN E ALL’HAIFA INTERNATIONAL...
Programmazione Cinema Teatro Macallè - Alessandria, Castelceriolo Da Venerdì 26 a Martedì 30 Maggio 2017...
giovedì 1 giugno 2017 ore 19,00-22,30 (con pausa buffet) Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè conferenza...
Il primo fine settimana di giugno, dal 2 al 4 giugno, Alessandria e provincia rivivranno l’epopea del...
il 2 giugno a Lu Monferrato alle ore 19.00 nella piazza dedicata al generale "Luigi Gherzi", torna...
Nel prossimo weekend lungo, nei giorni 2, 3 e 4 Giugno, FIAB onlus organizza una serie di iniziative...
martedì 6 giugno - h 17 presso il MUSEO C ERA UNA VOLTA -. Piazza della Gamberina, Via Mazzini -...
Per doverosa informazione ai lettori pubblichiamo il comunicato stampa del Comune di Alessandria relativo...
Fino al 31 maggio sono aperte le iscrizione per il nuovo corso serale CAT (ex Geometra). Dall’anno scolastico...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.