Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
"Il nulla è tutto". Parola di "guru"
Francesco Roat

Vedānta significa in sanscrito la fine (anta) dei Veda, ossia la parte conclusiva dell’omonimo corpus di scritture religiose induiste. Tale parte è costituita dalle Upaniṣad: parola che deriva dalla radice sanscrita sad (da cui il verbo sedere) e dai prefissi upa e ni (vicino a) e che descrive l’atteggiamento corretto del devoto che ha giusto da sedersi accanto al guru (maestro spirituale) per ascoltarne la parola. Le Upaniṣad sono quindi sia una sorta di commentari dell’insegnamento vedico sia il loro culmine, avendo esse per fine la cosiddetta liberazione (mokṣa) dalla condizione illusoria mondana (maya), giacché per il Vedānta la realtà è ben altro rispetto a ciò che la nostra mente discrimina separando il soggetto dall’oggetto, l’io dal mondo. Secondo i Veda, infatti, e soprattutto secondo la scuola dell’Advaita Vedānta (il primo termine significa: non duale), al di là dell’apparenza fenomenica, esiste solo una unitaria realtà assoluta (il Brahman) da cui erroneamente noi ci sentiamo separati.

L’indiano Sri Nisargadatta Maharaj (1897-1981) è considerato uno dei maggiori esponenti di detta scuola e la sua notorietà/autorevolezza lo ha fatto conoscere anche in Occidente, dove i suoi libri – da lui mai scritti, ma che sono il risultato della trascrizione degli innumerevoli discorsi tenuti ai discepoli – sono stati pubblicati in svariate lingue, tra cui l’italiano. A questo proposito, Ubaldini Editore ha recentemente dato alle stampe un nuovo testo del guru di Bombay, Il nulla è tutto. Discorsi inediti, il quale fa riferimento alle registrazioni dei dialoghi intrecciatisi (durante gli ultimi due mesi del 1979) tra il maestro e i numerosi visitatori che venivano a trovarlo/interrogarlo ogni giorno. È questa una testimonianza storica di notevole valore: vuoi perché ci permette di gustare le parole dell’ultimo Maharaj, destinato a morire poco meno di due anni dopo, vuoi perché tali discorsi riassumono in maniera chiara ed esemplare la filosofia di questo grande personaggio.

Filosofia che potremmo sintetizzare utilizzando una frase lapidaria, pronunciata dal Maharaj davanti ad un perplesso ospite, giunto sin dall’Occidente a consultarlo: “Il brahman, ovvero Dio, è la tua vera natura. Tale identità non muore. Tu temi la morte perché ti identifichi col corpo. Se acquisirai fede, in base a queste parole, non conoscerai mai la morte. E quindi non sentirai il bisogno di chiarimenti su questioni di spiritualitàˮ. Tale affermazione è di una semplicità estrema ma mette in discussione – vanificandole – razionalità, mente giudicante, conoscenza. E ciò per il fatto che, a detta del maestro, non solo occorre trascendere la mera fisicità ma la stessa coscienza, essendo quest’ultima un’attività intellettuale, cioè generata dalla mente che, assieme al corpo, non esaurisce certo in modo esaustivo il nostro essere.

È un accorato invito a prendere le distanze dalla mera discorsività onde approdare alla meditazione, nella quale vengono a cadere pensieri e parole per consentire una più vasta comprensione. L’obiettivo: pervenire ad uno stato non dualistico, ove: “c’è solo puro essere”. Tuttavia una tale dimensione può risultare inquietante per l’uomo assetato di sapere e di avere; se non altro la pace interiore. Ma il Maharaj, per nulla consolatorio, si rivela assai tranchant: “L’assoluto è nirguna, ossia senza qualità o connotazioni. C’è posto per la beatitudine finché c’è la coscienza, ma poi non più”.

L’invito è quindi di prendere le distanze da teorie e speculazioni, da dogmi e credenze d’ogni tipo, meditando semmai su un’affermazione delle Upaniṣad – secondo la quale è bene rendersi conto che l’anima individuale o Sé (ātman) coincide con il divino/Tutto (brahman) –, espressa attraverso la celebre formula: “quello sei tu” (tat tvam asi), cui sin dall’inizio della sua predicazione ha sempre fatto riferimento Nisargadatta Maharaj, ricordando puntualmente ad ogni discepolo che: “Il tuo capitale è la consapevolezza «io sono», usala. Medita su di essa. Grazie ad essa”.

Accanto a una simile e liberatoria presa d’atto troviamo la sottolineatura d’una imprescindibile umiltà di fondo, simile a quella socratica, intorno al nostro presunto sapere. Nota infatti il nostro guru: “«Non so» è l’atteggiamento migliore. Non possiamo dire che la Realtà sia questo o quello. Possiamo solo affermare «neti neti», che significa: «Non è questo, non è questo»ˮ. A causa di ciò il saggio non si attacca a niente, né desidera nulla, considerando tutto: “perfettamente a postoˮ. Condizione illuminata e illuminante che accosta il Maharaj ai nostri grandi mistici occidentali: da Meister Eckhart a Edith Stein, da Giovanni della Croce a Simone Weil. Tutti propugnatori di un’accettazione/accoglienza incondizionata e forti della capacità di abbandonarsi fiduciosamente alla vita o, in termini religiosi, a Dio. In tal caso persino la sofferenza estrema può trasmutarsi in grato miracolo, poiché – nota la mistica francese: “Il dolore ci inchioda al tempo, ma l’accettazione del dolore ci trasporta al termine del tempo, nell’eternitàˮ 
07/04/2017 21:31:32
comments powered by Disqus
19.07.2017
Renzo Penna
Quando Guido Manzone mi telefonava, rigorosamente al telefono fisso di casa, era, generalmente, per lamentarsi dei guai che, più sovente a livello locale, o a quello nazionale, la sinistra stava combinando. Mi indicava i fatti e i responsabili e se, timidamente, obiettavo qualche difesa la sua replica...
 
18.07.2017
Claudio Lombardi
Da un anno Guido ci ha lasciati. Mi mancano i suoi scritti, mi manca il confronto, la discussione sui fatti di cronaca, di politica, di ambiente in particolare ma anche di tecnica, Guido era grande appassionato di motori. Ma Guido fu soprattutto giornalista di grande talento e ambientalista. Collaboratore...
15.07.2017
Aydin (*)
Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità QUANDO VINCEVA LA REAZIONE E alla Fraschetta la strage dei giacobini Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo...
 
14.07.2017
Elvio Bombonato
I BAMBINI D’ ITALIA di LINO TOFFOLO La canzoncina geniale di Lino Toffolo del 1976 “I bambini d’Italia” è puro NONSENSE, come i Limerick di Edward Lear (brevi poesie, strutturate con regole precise, come gli haiku giapponesi, dai contenuti apparentemente semplici e dal ritmo di filastrocca, che...
05.07.2017
Patrizia Gioia
di Hermann Hesse : L'ATTUALITA' MORTIFERA DELL'OBLIO. ..."Disperazione è il risultato di ogni serio tentativo di comprendere e giustificare la vita umana. Disperazione è il risultato di ogni serio tentativo di sostenere la vita con la virtù, con...
 
05.07.2017
Nuccio Lodato
Sono particolarmente grato ai miei che, con santa pazienza, mi hanno consentito di frequentare il Classico. Così ho potuto apprendere, tra le moltissime altre cose, che: 1. Esiste l’antipàsto, ma pure l’antispàsto… [ è irresistibile il fatto che, se cercate antispasto sui cd. “motori di ricerca”,...
03.07.2017
Elvio Bombonato (& Lorella Torti)
L’amica Lorella, che fu mia brillante allieva all’Istituto Tecnico Commerciale “Noè” di Valenza 35 anni fa, mi disse che una poesia in terza elementare le era piaciuta per il messaggio: un dono disinteressato che non chiedeva di essere ricambiato. Una bimba di otto anni oblativa è una rarità; le chiesi...
 
28.06.2017
Renzo Penna
Con una presa di posizione dell’Associazione ci siamo pronunciati, senza ambiguità e motivandolo, per la conferma a sindaco di Alessandria di Rita Rossa, rimarcando, però, che l’esito non era per nulla scontato e i rischi di un ritorno alla guida del Comune della Lega e delle destre molto forti. Il nostro...
28.06.2017
Agostino Spataro
In occasione del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, grande drammaturgo e Premio Nobel per la letteratura, pubblichiamo questo articolo di Laura Marullo in "Rassegna Bibliografica"(che ringraziamo) che analizza alcuni aspetti solitamente "trascurati" della personalità dello scrittore...
 
27.06.2017
Francesco Roat
Francesco Roat La Jaca Book, editrice dell’opera omnia di Raimon Panikkar, ha recentemente pubblicato un libro del celeberrimo teologo e filosofo spagnolo ‒ Kierkegaard e Śāṅkara. La fede e l’etica nel cristianesimo e nell’induismo, a cura di M. Carrara Pavan e P. Barone ‒; si tratta d’un breve ma...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Venerdì 21 luglio 2017 dalle ore 19.00 alla Cooperativa Valli Unite - cascina Montesoro Costa Vescovado...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
Sabato 22 ore 20.30 Parco di Villa Claudia Morbello Concerto del circolo mandolinistico “Risveglio” Ingresso...
Il Comune di Alessandria con la collaborazione del Gruppo Amag presenta Note e Visioni - L'estate alessandrina...
Venerdì 28 luglio 2017 dalle ore21.00 Grand Hotel Nuove Terme – Acqui Terme Concerto duo pianistico Marco...
sabato 8 luglio alle ore 21​ad Ovada nell' Oratorio dell' Annunziata,dove si trova uno degli strumenti...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
domenica 23 luglio 2017 la SEZIONE A.N.P.I. di SPINETTA M.GO (AL) organizza Manifestazione commemorativa 72°...
Domenica 23 Luglio 2017 - Note, Parole, in Collina - Giardino Belvedere - Torre Civica, Lu Monferrato...
Programma Proiezioni Cinema Macallè dal 21 al 25 Luglio 2017Venerdì 21 Luglio ore 21,30 UN TIRCHIO QUASI...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.