Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
"Il nulla è tutto". Parola di "guru"
Francesco Roat

Vedānta significa in sanscrito la fine (anta) dei Veda, ossia la parte conclusiva dell’omonimo corpus di scritture religiose induiste. Tale parte è costituita dalle Upaniṣad: parola che deriva dalla radice sanscrita sad (da cui il verbo sedere) e dai prefissi upa e ni (vicino a) e che descrive l’atteggiamento corretto del devoto che ha giusto da sedersi accanto al guru (maestro spirituale) per ascoltarne la parola. Le Upaniṣad sono quindi sia una sorta di commentari dell’insegnamento vedico sia il loro culmine, avendo esse per fine la cosiddetta liberazione (mokṣa) dalla condizione illusoria mondana (maya), giacché per il Vedānta la realtà è ben altro rispetto a ciò che la nostra mente discrimina separando il soggetto dall’oggetto, l’io dal mondo. Secondo i Veda, infatti, e soprattutto secondo la scuola dell’Advaita Vedānta (il primo termine significa: non duale), al di là dell’apparenza fenomenica, esiste solo una unitaria realtà assoluta (il Brahman) da cui erroneamente noi ci sentiamo separati.

L’indiano Sri Nisargadatta Maharaj (1897-1981) è considerato uno dei maggiori esponenti di detta scuola e la sua notorietà/autorevolezza lo ha fatto conoscere anche in Occidente, dove i suoi libri – da lui mai scritti, ma che sono il risultato della trascrizione degli innumerevoli discorsi tenuti ai discepoli – sono stati pubblicati in svariate lingue, tra cui l’italiano. A questo proposito, Ubaldini Editore ha recentemente dato alle stampe un nuovo testo del guru di Bombay, Il nulla è tutto. Discorsi inediti, il quale fa riferimento alle registrazioni dei dialoghi intrecciatisi (durante gli ultimi due mesi del 1979) tra il maestro e i numerosi visitatori che venivano a trovarlo/interrogarlo ogni giorno. È questa una testimonianza storica di notevole valore: vuoi perché ci permette di gustare le parole dell’ultimo Maharaj, destinato a morire poco meno di due anni dopo, vuoi perché tali discorsi riassumono in maniera chiara ed esemplare la filosofia di questo grande personaggio.

Filosofia che potremmo sintetizzare utilizzando una frase lapidaria, pronunciata dal Maharaj davanti ad un perplesso ospite, giunto sin dall’Occidente a consultarlo: “Il brahman, ovvero Dio, è la tua vera natura. Tale identità non muore. Tu temi la morte perché ti identifichi col corpo. Se acquisirai fede, in base a queste parole, non conoscerai mai la morte. E quindi non sentirai il bisogno di chiarimenti su questioni di spiritualitàˮ. Tale affermazione è di una semplicità estrema ma mette in discussione – vanificandole – razionalità, mente giudicante, conoscenza. E ciò per il fatto che, a detta del maestro, non solo occorre trascendere la mera fisicità ma la stessa coscienza, essendo quest’ultima un’attività intellettuale, cioè generata dalla mente che, assieme al corpo, non esaurisce certo in modo esaustivo il nostro essere.

È un accorato invito a prendere le distanze dalla mera discorsività onde approdare alla meditazione, nella quale vengono a cadere pensieri e parole per consentire una più vasta comprensione. L’obiettivo: pervenire ad uno stato non dualistico, ove: “c’è solo puro essere”. Tuttavia una tale dimensione può risultare inquietante per l’uomo assetato di sapere e di avere; se non altro la pace interiore. Ma il Maharaj, per nulla consolatorio, si rivela assai tranchant: “L’assoluto è nirguna, ossia senza qualità o connotazioni. C’è posto per la beatitudine finché c’è la coscienza, ma poi non più”.

L’invito è quindi di prendere le distanze da teorie e speculazioni, da dogmi e credenze d’ogni tipo, meditando semmai su un’affermazione delle Upaniṣad – secondo la quale è bene rendersi conto che l’anima individuale o Sé (ātman) coincide con il divino/Tutto (brahman) –, espressa attraverso la celebre formula: “quello sei tu” (tat tvam asi), cui sin dall’inizio della sua predicazione ha sempre fatto riferimento Nisargadatta Maharaj, ricordando puntualmente ad ogni discepolo che: “Il tuo capitale è la consapevolezza «io sono», usala. Medita su di essa. Grazie ad essa”.

Accanto a una simile e liberatoria presa d’atto troviamo la sottolineatura d’una imprescindibile umiltà di fondo, simile a quella socratica, intorno al nostro presunto sapere. Nota infatti il nostro guru: “«Non so» è l’atteggiamento migliore. Non possiamo dire che la Realtà sia questo o quello. Possiamo solo affermare «neti neti», che significa: «Non è questo, non è questo»ˮ. A causa di ciò il saggio non si attacca a niente, né desidera nulla, considerando tutto: “perfettamente a postoˮ. Condizione illuminata e illuminante che accosta il Maharaj ai nostri grandi mistici occidentali: da Meister Eckhart a Edith Stein, da Giovanni della Croce a Simone Weil. Tutti propugnatori di un’accettazione/accoglienza incondizionata e forti della capacità di abbandonarsi fiduciosamente alla vita o, in termini religiosi, a Dio. In tal caso persino la sofferenza estrema può trasmutarsi in grato miracolo, poiché – nota la mistica francese: “Il dolore ci inchioda al tempo, ma l’accettazione del dolore ci trasporta al termine del tempo, nell’eternitàˮ 
07/04/2017 21:31:32
comments powered by Disqus
18.09.2017
Me.Dea. Alessandria
Ben volentieri diamo la giusta evidenza a questo nuovo tassello che, sostanzialmente, significa il pieno sostegno della città, dell'intera provincia alle motivazioni e agli obiettivi che da sempre caratterizzano l'attività dell'associazione Me.Dea. Una realtà importabnte da conoscere e sostenere in tutti...
 
15.09.2017
Mauro Fornaro
Con linguaggio più da guru che non da sociologo positivo Zygmunt Bauman, in un brano apparso su Avvenire del 5 settembre u.s. (tratto dal recente volume Elogio della letteratura, editore Einaudi, che riporta il dialogo con Riccardo Mazzeo), accenna alla figura del padre. La redazione di Avvenire ne...
15.09.2017
Francesco Roat
Francesco Roat Dopo l’edizione de Il grande brivido. Saggi di simbolica e arte (1987) e de La danza di Śiva (2001), Adelphi torna a pubblicare (quantunque a seguito d’una latitanza durata parecchi anni) un altro volume di Ananda K. Coomaraswamy ‒ eminente studioso dei rapporti tra la civiltà simbolica...
 
09.09.2017
Salvatore Ragonesi
Il prezioso volume di Beniamino Gemignani “Il lavoro e i suoi martiri”. Edito recentemente dalla SEA di Carrara. Beniamino Gemignani ha fatto un’opera notevole di ricostruzione storiografica del conflitto che si è svolto nelle cave marmifere apuane tra operai e imprenditori, lavoro e capitale, e del dolore...
04.09.2017
Marina Elettra Maranetto
E’ di moda cucinare e dettare la ricetta: sia bollito, sia porchetta, basta aver di che campare. Far lo “Chef” è un bel cimento: semidei assai pagati son promossi, idolatrati, e ogni piatto è un gran portento. Stanno a cena a dissertare gli “Accademici” del dire, su ogni inezia...
 
29.08.2017
Agostino Spataro
Un’idea per Matteo Renzi, ma anche per Salvini e Berlusconi. “Vi sentite calunniati?”, “Dicono cose non vere di Voi?”… Bene… L’ 'affare' è dietro l’angolo. L’idea ce l’ha suggerita il Cardinale Mazarino alle prese con le malelingue francesi (e non solo) di quattrocento anni fa (n.d.r.). … Da...
27.08.2017
Aidyn (*)
In dieci anni (1960 - 1970) sono stati colpiti i boschi 30 914 volte ... Fuoco, mezzi chimici e,naturalmente, lottizzazioni: ecco i mezzi degli speculatori. All’attuale velocità di rimboschimento ci vorrebbero trecento anni per frenare il disastro. Le conseguenze: alluvioni e scarsità d’acqua insieme....
 
22.08.2017
Ass. Bedrote Volker (Popoli Minacciati) *
Siria del Nord / Turchia: cresce l'insicurezza nella regione kurda del Nord della SiriaIl Consiglio di Sicurezza deve fermare l'attacco turco a Afrin e impedire la fuga in massa della popolazione!...L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si è appellata al presidente del Consiglio di Sicurezza delle...
18.08.2017
Daniele Borioli
Parigi, Nizza, ancora Parigi, Bruxelles, Berlino, Londra, e ora Barcellona. Sono ormai diversi gli episodi di questo nuovo devastante e destabilizzante terrorismo, che colpisce a caso le persone, purché siano vittime innocenti, e che non casualmente sceglie i propri luoghi-simbolo. L'ultimo, è quello...
 
18.08.2017
Agostino Spataro
Barcellona, da una strage all'altra. L'Europa continua a essere sotto attacco eppure non si riesce a bloccare il terrorismo. Inspiegabile. A mio parere, da tempo, verso l'Europa, da tanti vista come una pingue preda, c'é una corsa che mira a destabilizzarla, a distruggere la sua economia, i suoi assetti...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.