Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
La Sicilia, le basi straniere e le guerre nel mondo islamico
Agostino Spataro

La Sicilia, le basi straniere e le guerre nel mondo islamico

Quello che abbiamo temuto, e denunciato, è avvenuto: la Sicilia è stata trasformata in una formidabile piattaforma militare, convenzionale e nucleare, in mano straniere, al servizio di progetti avventuristici e di dominio verso il mondo arabo e il Mediterraneo che nulla hanno a che fare con gli interessi veri dei siciliani, anzi li danneggiano seriamente. 
Storicamente, verso questo “mondo” la Sicilia, i suoi regnanti più illuminati, hanno tenuto un comportamento ispirato ai buoni rapporti, alla pace. Con risultati importanti per il bene dell’Isola e dell’Europa. Oggi, ci hanno arruolato in guerre, in pericolosi atti d’ingerenza in contrasto con il diritto internazionale vigente ed estranei alla nostra tradizione di Isola amante della pace e della cooperazione con i popoli del Mediterraneo e del mondo arabo. Tradizione rinverdita negli 70-80 del secolo trascorso, durante i quali abbiamo realizzato grandiosi progetti di cooperazione con il mondo arabo fra i quali ricordo: il metanodotto transmediterraneo Algeria, Tunisia, Sicilia, Italia (se volete vi spiego perché ho citato la Sicilia come un po’ a se stante) a quello con la Libia di Gheddafi, entrambi approdati sulle coste sud dell’Isola. 
A proposito del “transmed” ricordo che, a un certo punto, a causa di pretese eccessive da parte tunisina, il progetto del metanodotto fu annullato. In quel caso, l’Italia non dichiarò guerra alla Tunisia che rifiutava il passaggio del "pipeline" sul suo territorio, non aprì le ostilità ma aprì una lunga e proficua trattativa (alla quale mi onoro di aver dato una mano, con alcuni deputati siciliani*) che portò a un accordo soddisfacente. 
Oggi, la Siria è sotto attacco anche perché rifiuta di far passare, a certe condizioni, sul suo territorio alcuni oleodotti sauditi e del golfo Persico.
Questione di civiltà! Noi facemmo la trattativa, questi qui fanno la guerra!  
Tutto ciò, conferma come la Sicilia, l’Italia con questi popoli desiderano convivere, lavorare, cooperare per far rinascere, in forme nuove e possibili, lo spirito della “civiltà mediterranea” (dai greci ai romani, dai fenici agli arabi, agli egizi, ecc)  che, per secoli, ha illuminato, illumina la “civiltà occidentale”. 
Tale, forzato coinvolgimento, infatti, non solo contrasta col sentimento pacifista dei siciliani, ma stride con una certa tradizione storica della Sicilia che, fin dall’antichità, quasi mai ha visto di buon occhio le guerre espansionistiche dell’Occidente contro i territori dell’Oriente islamico e ha fatto di tutto per evitare di parteciparvi.
Celebre è rimasto il comportamento, esemplare per saggezza e lungimiranza, di Federico II, re di Sicilia e imperatore del Sacro Romano Impero, il quale, inviato, suo malgrado, in Terra Santa (nel 1228) a capo della IX Crociata, “conquistò” Gerusalemme senza colpo ferire, sulla base di un accordo, lungamente e piacevolmente negoziato, con Malik al Kamil, sultano musulmano.
Addirittura, Qirtay Al-Izzi nel suo “Gotha” (manoscritto arabo del 1655) rileva che : "Quando l’imperatore, principe dei Franchi, aveva lasciato la Terra Santa e si era congedato da Al-Malik Al-Kamil ad Ascalona, i due monarchi si erano abbracciati promettendosi mutua amicizia, assistenza e fraternità”.
Prima di questo evento memorabile, accadde a Palermo un altro episodio di uguale valenza che vide protagonista un illustre avo del grande Federico, Ruggero I, il normanno, il quale riuscì a preservare la Sicilia dal coinvolgimento diretto nella prima Crociata, anche per non inimicarsi i vari regni del nord-Africa con i quali i normanni intrattenevano ottime relazioni politiche ed economiche.
L’episodio è riportato nella cronaca musulmana della prima Crociata, dallo storico arabo Ibn Al-Athir che, nel suo “Kamil” (Edizione Torneberg), scrive, fra l’altro:
“Nel 484/1091, i franchi portarono a termine la conquista della Sicilia ... Nel 490/1097, essi invasero la Siria ed eccone i motivi: il loro re Baldovino era imparentato con Ruggero il Franco (il normanno n.d.r.) che aveva conquistato la Sicilia, e gli mandò a dire che, avendo riunito un grande esercito, sarebbe venuto nel suo paese e da là sarebbe poi passato in Africa (in Tunisia) per conquistarla ...
Ruggero convocò i suoi fedeli e chiese loro consiglio in merito a questo problema ...
“Per il Vangelo - risposero - ecco un’occasione eccellente per loro come per noi, l’Africa sarà terra cristiana…”
“Allora - annota lo storico arabo con disarmante naturalezza - Ruggero sollevò l’anca, fece un gran peto (sic!) e disse: Affè mia, questa è buona. Come? Se essi verranno dalle mie parti, andrò incontro a spese enormi per equipaggiare le navi ...” 
Quindi convocò l’ambasciatore di Baldovino per notificargli la sua contrarietà acché l’esercito crociato attraversasse la Sicilia per raggiungere l’Africa e gli disse le testuali parole: “Per quanto concerne l’Africa, tra me ed i suoi abitanti ci sono impegni di fiducia e trattati” 
Oggi, purtroppo non c’è un nuovo Ruggero! 

 

* Su tale trattativa esistono ampi resoconti di stampa, documenti parlamentari e politici.

 

11/04/2017 20:37:24
comments powered by Disqus
23.05.2017
Francesco Roat
Nel subcontinente indiano, tradizionalmente, fra i vari voti che gli asceti possono proferire ‒ ci ricorda Giuliano Boccali nel libro: Il silenzio in India. Un’antologia, edito da Mimesis ‒ campeggia giusto quello del silenzio. Tale voto esemplare, precisa lo studioso milanese, non si limita al mero...
 
22.05.2017
Patrizia Gioia
Centoquarant'anni di vita Centoquaranta anni fa, il 2 luglio 1877 nasceva a Calw, nello Schwarzwald ( Wurttemberg) Hermann Hesse. Il padre Johannes, ex missionario, cittadino tedesco nato in Estonia e la madre Maria Gundert, nata in India da padre tedesco e madre svizzera francese, donano senza dubbio...
20.05.2017
Maria Luisa Jori
Il rispetto del proprio corpo, cioè tendere a mantenerlo sano il più a lungo possibile, è un dovere non solo nei confronti di se stessi, ma anche della comunità di appartenenza. Il mezzo più importante per salvaguardare la nostra salute è la scelta del cibo, che oggi incominciamo a capire...
 
15.05.2017
Marina Elettra Maranetto
Ma i miei ex compagni duri e puri, non dovevano elaborare una riforma elettorale, dura e pura anche lei, entro sei mesi dal loro “gran rifiuto”? Ma la Storia non aveva insegnato che dopo le Idi di Marzo, tolto di mezzo quel cattivone di Cesare, si era ristabilita in Roma la vera democrazia e...
15.05.2017
Elvio Bombonato
Scritta nel 1964, appartiene al primo De Andrè, dalla ballata dell’eroe alla canzone di Marinella, Città vecchia, chiude con Geordie. Pure questa è una ballata, narrativa perché racconta, come provato dalla musica, un ritmato popolare, cadenzato, solo chitarra col crescendo e diminuendo della voce,...
 
05.05.2017
Elvio Bombonato
Il giudice Caselli al parco Eternot di Casale ha commentato la sentenza di Prescrizione della Cassazione sul caso Eternit. L'articolo impeccabile di Silvana Mossano sulla Stampa Alessandria del 1/5/17 titola ”Caselli sul caso Eternit. In Cassazione non si sono resi conto del dolore e delle vite spezzate....
05.05.2017
Elvio Bombonato
Il giudice Caselli al parco Eternot di Casale ha commentato la sentenza di Prescrizione della Cassazione sul caso Eternit. L'articolo impeccabile di Silvana Mossano sulla Stampa Alessandria del 1/5/17 titola ”Caselli sul caso Eternit. In Cassazione non si sono resi conto del dolore e delle vite spezzate. A...
 
03.05.2017
Alfio Brina
I sindacati CGIL, CISL e UIL, hanno indetto un referendum con il quale chiedevano ai dipendenti Alitalia (circa 11.000) di approvare o respingere il pre-accordo che prevedeva la riduzione degli esuberi del personale di terra di 980 unità e la riduzione degli stipendi del personale navigante dell’8%....
03.05.2017
Filippo Orlando
Valentino Parlato ci ha lasciati; lo ha fatto con la riservatezza e con la umiltà che aveva contraddistinto il suo modo di fare politica e giornalismo e di ‘abitare’ la scena pubblica. Molti ora scriveranno necrologi più o meno lunghi, frettolosamente ripercorreranno la sua vita di impegnato militante...
 
03.05.2017
Marina Elettra Maranetto
Sì, dillo alla ragazza innamorata… anche se l’esperienza altrui poco serve a chi deve misurarsi con la vita, ma che il diavolo si nasconda nelle pieghe dei particolari non bisogna stancarsi di ricordarlo. - Se dopo i trentacinque anni vive ancora con la mamma nonostante un reddito autonomo è egocentrico...
Segnali
Il Sindaco e Presidente della Provincia di Alessandria, il Prefetto di Alessandria, Romilda Tafuri, e...
Domenica 4 giugno 2017ore 16:30 Presso il Sacrario della Benedicta 12° Concerto alla Benedicta Sono...
mercoledi 31 maggio, ore 21,15 ultimo appuntamento del corso "Cinema, Introspezione, Empatia", presso...
Mercoledì 31 maggio 2017dalle ore 14 tornei di calcetto e basket presso il Parco Carrà si terrà il momento...
L’Associazione SpazioIdea, la Libreria Fissore e l'Associazione La Voce della Luna, in collaborazione...
La Compagnia Gli Illegali in collaborazione con il Chiostro Hostel and Hotel e l’Associazione di Promozione...
STAGIONE 2016-2017 TRE DONNE DIVISE TRA DUE MONDI PREMIATO A TORONTO, SAN SEBASTIAN E ALL’HAIFA INTERNATIONAL...
Programmazione Cinema Teatro Macallè - Alessandria, Castelceriolo Da Venerdì 26 a Martedì 30 Maggio 2017...
giovedì 1 giugno 2017 ore 19,00-22,30 (con pausa buffet) Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè conferenza...
Il primo fine settimana di giugno, dal 2 al 4 giugno, Alessandria e provincia rivivranno l’epopea del...
il 2 giugno a Lu Monferrato alle ore 19.00 nella piazza dedicata al generale "Luigi Gherzi", torna...
Nel prossimo weekend lungo, nei giorni 2, 3 e 4 Giugno, FIAB onlus organizza una serie di iniziative...
martedì 6 giugno - h 17 presso il MUSEO C ERA UNA VOLTA -. Piazza della Gamberina, Via Mazzini -...
Per doverosa informazione ai lettori pubblichiamo il comunicato stampa del Comune di Alessandria relativo...
Fino al 31 maggio sono aperte le iscrizione per il nuovo corso serale CAT (ex Geometra). Dall’anno scolastico...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.