Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
La Sicilia, le basi straniere e le guerre nel mondo islamico
Agostino Spataro

La Sicilia, le basi straniere e le guerre nel mondo islamico

Quello che abbiamo temuto, e denunciato, è avvenuto: la Sicilia è stata trasformata in una formidabile piattaforma militare, convenzionale e nucleare, in mano straniere, al servizio di progetti avventuristici e di dominio verso il mondo arabo e il Mediterraneo che nulla hanno a che fare con gli interessi veri dei siciliani, anzi li danneggiano seriamente. 
Storicamente, verso questo “mondo” la Sicilia, i suoi regnanti più illuminati, hanno tenuto un comportamento ispirato ai buoni rapporti, alla pace. Con risultati importanti per il bene dell’Isola e dell’Europa. Oggi, ci hanno arruolato in guerre, in pericolosi atti d’ingerenza in contrasto con il diritto internazionale vigente ed estranei alla nostra tradizione di Isola amante della pace e della cooperazione con i popoli del Mediterraneo e del mondo arabo. Tradizione rinverdita negli 70-80 del secolo trascorso, durante i quali abbiamo realizzato grandiosi progetti di cooperazione con il mondo arabo fra i quali ricordo: il metanodotto transmediterraneo Algeria, Tunisia, Sicilia, Italia (se volete vi spiego perché ho citato la Sicilia come un po’ a se stante) a quello con la Libia di Gheddafi, entrambi approdati sulle coste sud dell’Isola. 
A proposito del “transmed” ricordo che, a un certo punto, a causa di pretese eccessive da parte tunisina, il progetto del metanodotto fu annullato. In quel caso, l’Italia non dichiarò guerra alla Tunisia che rifiutava il passaggio del "pipeline" sul suo territorio, non aprì le ostilità ma aprì una lunga e proficua trattativa (alla quale mi onoro di aver dato una mano, con alcuni deputati siciliani*) che portò a un accordo soddisfacente. 
Oggi, la Siria è sotto attacco anche perché rifiuta di far passare, a certe condizioni, sul suo territorio alcuni oleodotti sauditi e del golfo Persico.
Questione di civiltà! Noi facemmo la trattativa, questi qui fanno la guerra!  
Tutto ciò, conferma come la Sicilia, l’Italia con questi popoli desiderano convivere, lavorare, cooperare per far rinascere, in forme nuove e possibili, lo spirito della “civiltà mediterranea” (dai greci ai romani, dai fenici agli arabi, agli egizi, ecc)  che, per secoli, ha illuminato, illumina la “civiltà occidentale”. 
Tale, forzato coinvolgimento, infatti, non solo contrasta col sentimento pacifista dei siciliani, ma stride con una certa tradizione storica della Sicilia che, fin dall’antichità, quasi mai ha visto di buon occhio le guerre espansionistiche dell’Occidente contro i territori dell’Oriente islamico e ha fatto di tutto per evitare di parteciparvi.
Celebre è rimasto il comportamento, esemplare per saggezza e lungimiranza, di Federico II, re di Sicilia e imperatore del Sacro Romano Impero, il quale, inviato, suo malgrado, in Terra Santa (nel 1228) a capo della IX Crociata, “conquistò” Gerusalemme senza colpo ferire, sulla base di un accordo, lungamente e piacevolmente negoziato, con Malik al Kamil, sultano musulmano.
Addirittura, Qirtay Al-Izzi nel suo “Gotha” (manoscritto arabo del 1655) rileva che : "Quando l’imperatore, principe dei Franchi, aveva lasciato la Terra Santa e si era congedato da Al-Malik Al-Kamil ad Ascalona, i due monarchi si erano abbracciati promettendosi mutua amicizia, assistenza e fraternità”.
Prima di questo evento memorabile, accadde a Palermo un altro episodio di uguale valenza che vide protagonista un illustre avo del grande Federico, Ruggero I, il normanno, il quale riuscì a preservare la Sicilia dal coinvolgimento diretto nella prima Crociata, anche per non inimicarsi i vari regni del nord-Africa con i quali i normanni intrattenevano ottime relazioni politiche ed economiche.
L’episodio è riportato nella cronaca musulmana della prima Crociata, dallo storico arabo Ibn Al-Athir che, nel suo “Kamil” (Edizione Torneberg), scrive, fra l’altro:
“Nel 484/1091, i franchi portarono a termine la conquista della Sicilia ... Nel 490/1097, essi invasero la Siria ed eccone i motivi: il loro re Baldovino era imparentato con Ruggero il Franco (il normanno n.d.r.) che aveva conquistato la Sicilia, e gli mandò a dire che, avendo riunito un grande esercito, sarebbe venuto nel suo paese e da là sarebbe poi passato in Africa (in Tunisia) per conquistarla ...
Ruggero convocò i suoi fedeli e chiese loro consiglio in merito a questo problema ...
“Per il Vangelo - risposero - ecco un’occasione eccellente per loro come per noi, l’Africa sarà terra cristiana…”
“Allora - annota lo storico arabo con disarmante naturalezza - Ruggero sollevò l’anca, fece un gran peto (sic!) e disse: Affè mia, questa è buona. Come? Se essi verranno dalle mie parti, andrò incontro a spese enormi per equipaggiare le navi ...” 
Quindi convocò l’ambasciatore di Baldovino per notificargli la sua contrarietà acché l’esercito crociato attraversasse la Sicilia per raggiungere l’Africa e gli disse le testuali parole: “Per quanto concerne l’Africa, tra me ed i suoi abitanti ci sono impegni di fiducia e trattati” 
Oggi, purtroppo non c’è un nuovo Ruggero! 

 

* Su tale trattativa esistono ampi resoconti di stampa, documenti parlamentari e politici.

 

11/04/2017 20:37:24
comments powered by Disqus
23.07.2017
Marina Elettra Maranetto
Potevano entrambi definirsi reduci. Lei da una lunga relazione con un fascinoso bugiardo il cui lascito non meritava rimpianto; lui da una sofferta separazione, conseguenza prevedibile d’un matrimonio riparatore. Entrambi con le ossa dolenti avevano scelto una vacanza in montagna, impegnativa per la...
 
19.07.2017
Renzo Penna
Quando Guido Manzone mi telefonava, rigorosamente al telefono fisso di casa, era, generalmente, per lamentarsi dei guai che, più sovente a livello locale, o a quello nazionale, la sinistra stava combinando. Mi indicava i fatti e i responsabili e se, timidamente, obiettavo qualche difesa la sua replica...
18.07.2017
Claudio Lombardi
Da un anno Guido ci ha lasciati. Mi mancano i suoi scritti, mi manca il confronto, la discussione sui fatti di cronaca, di politica, di ambiente in particolare ma anche di tecnica, Guido era grande appassionato di motori. Ma Guido fu soprattutto giornalista di grande talento e ambientalista. Collaboratore...
 
15.07.2017
Aydin (*)
Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità QUANDO VINCEVA LA REAZIONE E alla Fraschetta la strage dei giacobini Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo...
14.07.2017
Elvio Bombonato
I BAMBINI D’ ITALIA di LINO TOFFOLO La canzoncina geniale di Lino Toffolo del 1976 “I bambini d’Italia” è puro NONSENSE, come i Limerick di Edward Lear (brevi poesie, strutturate con regole precise, come gli haiku giapponesi, dai contenuti apparentemente semplici e dal ritmo di filastrocca, che...
 
05.07.2017
Patrizia Gioia
di Hermann Hesse : L'ATTUALITA' MORTIFERA DELL'OBLIO. ..."Disperazione è il risultato di ogni serio tentativo di comprendere e giustificare la vita umana. Disperazione è il risultato di ogni serio tentativo di sostenere la vita con la virtù, con...
05.07.2017
Nuccio Lodato
Sono particolarmente grato ai miei che, con santa pazienza, mi hanno consentito di frequentare il Classico. Così ho potuto apprendere, tra le moltissime altre cose, che: 1. Esiste l’antipàsto, ma pure l’antispàsto… [ è irresistibile il fatto che, se cercate antispasto sui cd. “motori di ricerca”,...
 
03.07.2017
Elvio Bombonato (& Lorella Torti)
L’amica Lorella, che fu mia brillante allieva all’Istituto Tecnico Commerciale “Noè” di Valenza 35 anni fa, mi disse che una poesia in terza elementare le era piaciuta per il messaggio: un dono disinteressato che non chiedeva di essere ricambiato. Una bimba di otto anni oblativa è una rarità; le chiesi...
28.06.2017
Renzo Penna
Con una presa di posizione dell’Associazione ci siamo pronunciati, senza ambiguità e motivandolo, per la conferma a sindaco di Alessandria di Rita Rossa, rimarcando, però, che l’esito non era per nulla scontato e i rischi di un ritorno alla guida del Comune della Lega e delle destre molto forti. Il nostro...
 
28.06.2017
Agostino Spataro
In occasione del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, grande drammaturgo e Premio Nobel per la letteratura, pubblichiamo questo articolo di Laura Marullo in "Rassegna Bibliografica"(che ringraziamo) che analizza alcuni aspetti solitamente "trascurati" della personalità dello scrittore...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
Il Comune di Alessandria con la collaborazione del Gruppo Amag presenta Note e Visioni - L'estate alessandrina...
Venerdì 28 luglio 2017 dalle ore21.00 Grand Hotel Nuove Terme – Acqui Terme Concerto duo pianistico Marco...
sabato 8 luglio alle ore 21​ad Ovada nell' Oratorio dell' Annunziata,dove si trova uno degli strumenti...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
Programma Proiezioni Cinema Macallè dal 21 al 25 Luglio 2017Venerdì 21 Luglio ore 21,30 UN TIRCHIO QUASI...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
Fino a Domenica 14 Gennaio 2018Musei Reali - Galleria Sabauda, Piazzetta Reale 1 Torino Un'imperdibile...
Parte la Campagna dell' "Aglio solidale" a sostegno delle vittime della città martire di Cizre, nel...
È disponibile il bando del Premio Adelio Ferrero 2017 (trentaquattresima edizione). Contemporaneamentesono...
Dal 13 luglio al 23 ottobre a Palazzo Madama Torino Le forme del paesaggio italiano, anche nella sua declinazione...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.