Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Fabrizio De Andrè: La Guerra di Piero
Elvio Bombonato

Scritta nel 1964, appartiene al primo De Andrè, dalla ballata dell’eroe alla canzone di Marinella, Città vecchia, chiude con Geordie.  Pure questa è una ballata, narrativa perché racconta, come provato dalla musica, un ritmato popolare, cadenzato, solo chitarra col crescendo e diminuendo della voce, il timbro, inconfondibile, profondo e insieme caldo, di Fabrizio si impenna nel parlato (i tre monologhi interiori di Piero).

I testi di Fabrizio sono scritti con la musica non per la musica, si dividono in autonomia (Roberto Cotroneo).

Il narratore sceglie il presente storico come tempo dominante: si tratta del presente indicativo usato per descrivere avvenimenti del passato (adoperato per es. da Primo Levi per i suoi due primi romanzi: Mengaldo); il narratore avverte Piero e lo consiglia in tono concitato ;  a metà, poco prima dell’incontro col soldato “nemico”, e nell’ultima parte, compare il passato remoto, tempo ineluttabile, di un fatto avvenuto nel passato,  ormai finito. La strofa finale è uguale a quella iniziale: si tratta dunque di un’analessi chiusa. L’ascoltatore sa fin da subito che Piero e morto, soldato.  La prima guerra mondiale?  Fabrizio non precisa, come ne “La ballata dell’eroe”.  Piero diventa l’ emblema pacifista -antimilitarista dell’assurdità della guerra.

I versi sono endecasillabi;  la strofa scelta, il distico raddoppiato in quartine;  rima dominante quella baciata AA  BB  (come Pascoli ne “La cavalla storna”),  con le sole eccezioni della seconda strofa a rima incrociata CDDC e del secondo monologo interiore  Sintassi piena, che usa ipotassi e paratassi (subordinate e coordinate).

 

Dormi sepolto in un campo di grano

non è la rosa non è il tulipano

che ti fan veglia dall'ombra dei fossi

ma son mille papaveri rossi.

 

"Lungo le sponde del mio torrente

voglio che scendano i lucci argentati

non più i cadaveri dei soldati

portati in braccio dalla corrente."

 

Così dicevi ed era inverno

e come gli altri verso l'inferno

te ne vai triste come chi deve

il vento ti sputa in faccia la neve.

 

Fermati Piero, fermati adesso

lascia che il vento ti passi un po' addosso

dei morti in battaglia ti porti la voce

"Chi diede la vita ebbe in cambio una croce"...

 

Ma tu non lo udisti e il tempo passava

con le stagioni a passo di giava

ed arrivasti a varcar la frontiera

in un bel giorno di primavera.

 

E mentre marciavi con l'anima in spalle

vedesti un uomo in fondo alla valle

che aveva il tuo stesso identico umore

ma la divisa di un altro colore.

 

Sparagli Piero, sparagli ora

e dopo un colpo sparagli ancora

fino a che tu non lo vedrai esangue

cadere in terra e coprire il suo sangue.

 

"E se gli sparo in fronte o nel cuore

soltanto il tempo avrà per morire

ma il tempo a me resterà per vedere

vedere gli occhi di un uomo che muore".

 

E mentre gli usi questa premura

quello si volta, ti vede e ha paura

ed imbracciata l'artiglieria

non ti ricambia la cortesia.

 

Cadesti in terra senza un lamento

e ti accorgesti in un solo momento

che il tempo non ti sarebbe bastato

a chiedere perdono per ogni peccato.

 

Cadesti in terra senza un lamento

e ti accorgesti in un solo momento

che la tua vita finiva quel giorno

e non ci sarebbe stato un ritorno.

 

"Ninetta mia crepare di maggio

ci vuole tanto troppo coraggio

Ninetta bella dritto all'inferno

avrei preferito andarci in inverno."

 

E mentre il grano ti stava a sentire

dentro alle mani stringevi un fucile

dentro alla bocca stringevi parole

troppo gelate per sciogliersi al sole.

 

Dormi sepolto in un campo di grano

non è la rosa non è il tulipano

che ti fan veglia dall'ombra dei fossi

ma sono mille papaveri rossi.

 

-         Dormi:  “Dormono sulla collina” : Spoon River Antology; anche il sonetto di Rimbaud “Chi dorme nella valle”.

-         Non:  anafora per sottolineare.

-         Papaveri rossi:  fiori umili ed effimeri, però cangianti;  mille:  iperbole.

-         Lucci/cadaveri:  antitesi, sottolineata dall’agg. qualificativo argentati, in rima con soldati.

-         Portati in braccio dalla corrente:  analogia, metafora forte.

-         L’inferno:  metafora usuale per indicare la guerra.

-         Sputa la neve:  verbo semanticamente rilevato, per annunciare l’orrore che sta arrivando.

-         Fermati Piero:  imperativo, comando del narratore a Piero, affinché non rischi la vita, ribadito dall’anafora.  Allitterazione insistita della sibilante s, per sonorizzare.

-         Passava:  imperfetto durativo, esprime il passato nel suo svolgimento.

-         Passo di giava:  ballo in voga negli anni ’20; paragone a forma di similitudine breve implicita.

-         Frontiera/primavera:  rima in antitesi.

-         Con l’anima in spalle:  analogia, l’anima dentro lo zaino, correlativo oggettivo della sua alienazione.

-         Stesso identico:  raddoppiamento, per sottolineare.

-         Sparagli Piero:  nuovamente il narratore comanda e gli ordina di sparare per primo. Ancora ribadito dall’anafora.  Verbo onomatopeico (esprime un suono), grammaticale.

-         Esangue/sangue:  rima perfetta sia sul piano metrico sia del significato.

-         E se gli sparo:  la dubitativa esprime la perplessità di Piero, alieno rispetto alla violenza; monologo interiore di Piero.

-         Premura/paura; artiglieria/cortesia:  rime in antitesi.  Il “nemico” spara perché preso dal panico.

-         Quello si volta, ti vede, ha paura:  l’asindeto (le virgole) per velocizzare l’azione, anche con la scelta dei monosillabi e dei bisillabi.

-         Cadesti:  anafora a distanza, di due versi, per indicare la simultaneità dell’atto e dei pensieri (monologo interiore).

-         Ninetta: la ragazza dell’alpino,   alcune canti della prima guerra mondiale.

-         Tanto, troppo:  dittologia (2 parole al posto di una) sinonimica.

-         Crepare…inferno:  parole forti, attutite da maggio e bella, di segno positivo; anacoluto dovuto alla sintesi sintattica propria del monologo interiore, e anche al momento che precede la morte.

-         Il grano ti stava a sentire:  metafora, per spostamento di campo semantico, dall’agricolo al sentimento di Piero morente.

-         Dentro…stringevi:  anafora per ribadire.

-         I due distici prima della ripresa finale, sono marchiati dall’allitterazione delle dentali t (sorda) e d (sonora), per ottenere un ritmo serrato.

-         Parole gelate…sole:  sinestesia a tre sensi:  udito tatto vista.

E’ opportuno rilevare come nelle quartine spesso troviamo una consonante dominante che ne orienta il timbro.  Del ritornello già detto; la prima strofa ha di nuovo la dentale, per un effetto di martellamento (vedi Ungaretti: “Veglia” , “Fratelli”, “Sono una creatura”); nella seconda la costrittiva labiodentale sonora la v, e sorda la f producono un clima di inquitante attesa ; nella terza la sibilante costrittiva alveolare spirante sorda s un sottofondo sonoro prolungato, quasi un Leitmotiv; nella quarta lo stesso; nell’ottava l’ occlusiva nasale m collabora a rendere l’affanno; nella nona lo stesso; nella decima l’occlusiva alveolare sonora n procura l’ affannoso martellamento dell’agonia;  nell’undicesima lo stesso; nella dodicesima il digramma tr sottolinea la sgradevolezza insensata della morte di Piero

Questa non è una canzonetta, come dicevano sprezzanti i nostri avi, e anche l’autoironico Bennato e pure Guccini quando afferma perentorio “a canzoni non si fan rivoluzioni”.  Questa è una poesia, degna di essere annoverata tra le grandi del nostro Novecento.

-                                                               Elvio bombonato

-                                               

-          

 

15/05/2017 16:42:34
comments powered by Disqus
13.11.2017
Francesco Roat
L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire...
 
12.11.2017
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti...
09.11.2017
Gian Domenico Zucca
Parrebbe il titolo d’un romanzo d’avventure alpine, e relativo film, se non serie di telefilm, ed invece è una seccatura estrema. E se tale solo fosse, per quanto noiosa, sarebbe ancora poca cosa. Sto parlando dei cannoni in agricoltura. “Cannoni? È una barzelletta? In agricoltura? Che frutti sono?...
 
01.11.2017
Gian Domenico Zucca
Roberto Gremmo, Anteo Zamboni e l’attentato a Mussolini L’antifascismo anarchico e l’attentato a Mussolini, Storia Ribelle, Biella, luglio 2017, pp. 240, 20 €. ... Il Duce la sera del 21 ottobre 1929 si era recato a Bologna per presiedere alle manifestazioni relative all’inaugurazione dello stadio,...
30.10.2017
Patrizia Nosengo
Il carattere ancipite della Riforma e del suo iniziatore Cade in questi giorni il cinquecentesimo anniversario di quel 31 ottobre 1517, cui la mitografia protestante, con l’immagine simbolica e non realistica di un Lutero invasato da Dio che affigge con chiodi e martello le sue tesi sul portale del duomo...
 
29.10.2017
Elvio Bombonato
SOLDATI di Giuseppe Ungaretti​ Si sta come / d'autunno / sugli alberi / le foglie (Bosco di Courton luglio 1918) Ungaretti era stato inviato sul fronte francese a combattere contro i tedeschi. Il trucco della poesia consiste nell'iperbato, nella collocazione delle...
28.10.2017
Elvio Bombonato
Laura Bombonato, allieva e pupilla di Ronconi, alla voce, e Silvia Belfiore, musicista di fama europea, al pianoforte, sabato 11 febbraio 2016, per festeggiare S.Valentino, alla sala Ferrero del Teatro Comunale di Alessandria, hanno rappresentato LUSSURIA, la carnalità dal punto di vista femminile,...
 
27.10.2017
Marina Elettra Maranetto
Riflettete, voi Belle che vi credete chissà che, su quanto sia liberatorio… specchiarsi il minimo sindacale, per dedicare il tempo residuo ad attività più redditizie. Accontentarsi di uno così così, tenerselo per tutta la vita senza la pena di perseguire l’impossibile, che tanto al peggio...
26.10.2017
Nuccio Lodato
Corazzata Potemkin e Ottobre di Ejzenstejn su Iris il 26 ottobre Quest’autunno ’17 vede stampa cartacea, tv e media vari impegnati nella duplice rievocazione centenaria della Rivoluzione d’Ottobre che iniziò la mutazione, nel giro di un quinquennio, della Santa Madre Russia in Unione Sovietica, e...
 
24.10.2017
Salvatore Ragonesi
Olga Angela Mattioli è un’artista singolare sia per connotazione geografica che per formazione artistica. Lei ha una doppia cittadinanza, essendo svizzera e italiana, con la possibilità di attingere artisticamente, culturalmente e filosoficamente alle due fonti di sapere e di esperienza. Il canale...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
Venerdì 24 novembre con inizio alle ore 9:30 Camera del lavoro di Alessandria, via Cavour 27, nella...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
In occasione del 25 novembre, dichiarato ufficialmente dalle Nazioni Unite quale “Giornata internazionale...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
Venerdì 24 novembre ore 21 Casa di Carità Arti e Mestieri, via A. Gramsci 9 Ovada iniziativa del gruppo ovadese...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Domenica 26 novembre ore 17 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo in Piazza Fabrizio De Andrè 76...
Domenica 26 novembre. Ore 17.30 Chiostro di Santa Maria di Castello, Sala degli Affreschi, Piazza Santa...
domenica 26 novembre 2017 ore 17.00 Museo della Gambarina Alessandria concerto “Nativitas”. Gruppo...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.