Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Come duecento anni fa....
Aydin (*)

Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità

QUANDO VINCEVA LA REAZIONE

E alla Fraschetta la strage dei giacobini

Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo più che altro come anelito di pochi intellettuali illuministi, occorre tenere presente alcuni fattori basilari, senza lasciarsi fuorviare  dalle polemiche che a duecento anni di distanza, testimoniano la vitalità di questo evento. La Rivoluzione francese fu l’azione insurrezionale con cui il sistema di produzione capitalista si affermò su quello feudale, permettendo alla nuova classe borghese formata da industriali, banchieri, commercianti, agricoltori avanzati, professionisti, intellettuali di sostituirsi alla nobiltà ed al clero nei centri di potere politico. Sia Giacobini che Girondini, guida ed artefici della Rivoluzione, erano la punta di diamante di una borghesia colta ed agiata. Volete alcuni esempi? Appartenere ad un “club” giacobino costava 24 lire all’anno, cifra elevatissima alla portata di pochi, e quando i beni dei nobili e della Chiesa furono messi all’asta i giacobini ne acquistarono i tre quinti pagando in contanti. Il popolo partecipò intensamente alla Rivoluzione, ma non ne fu mai alla guida, né dall’una né dall’altra parte, fu solo una,massa di manovra. Le città, ricche ed avanzate, parteggiarono per la Rivoluzione, le campagne arretrate per la reazione. Fu così in tutta l’ Europa.  L’alessandrino, area agricola a sottosviluppo, fu per lo più con la reazione che formò bande armate di origine contadina e si legò con il banditismo locale per creare  azioni di guerriglia quando si affermò il potere napoleonico. Vedi il caso di “Maino della Spinetta”, la cui figura morale e storica fu assai simile a quella del bandito Giuliano. Ambedue scaricati ed uccisi quando divennero ingombranti per chi li aveva inventati e protetti. Fu proprio nella Fraschetta, l’area a più basso reddito ed a più elevato livello di analfabetismo della provincia, che si compì la più feroce azione di repressione antirivoluzionaria dell’Alessandrino. Vale la pena di ricordare l’episodio, rifacendoci alla storiografia sabauda, non certo favorevole alla Rivoluzione. Nell’aprile 1798 si radunarono a Carrosio circa un migliaio di Giacobini guidati dal marchese Spinola, convertito alle nuove idee libertarie, nonché da due fuoriusciti piemontesi, Pellissieri e Trombetta, ed un ex frate valenzano, Stefano Comollo. E’ una piccola élite rivoluzionaria proveniente non solo dal Piemonte, ma da tutto il Nord Italia. Alcuni sono nordamericani, reduci dalla loro guerra di Indipendenza, venuti a combattere come”interzionalisti” per l’Europa. Il piccolo gruppo inizia una vera e propria guerriglia conducendo scorrerie militari tra Novi ed Ovada. A Pozzolo catturano il presidio formato da  400 soldati piemontesi. Altri 200 li prendono a Serravalle. Inorgogliti dai successi il 5 luglio cercano di conquistare Alessandria con un colpo di mano, attaccando di sorpresa i presidi di Porta Marengo e Porta Ravanale. Sennonchè il comando sabaudo di Alessandria viene a conoscenza del tentativo,informato da un certo Castellani, un prete fatto infiltrare tra i rivoluzionari. Si decide di tendere loro un agguato. Alla popolazione della Fraschetta,”ferocissima gente e odiatrice dei francesi e di chi  parteggiava per loro” come la descrive impietosamente la storiografia sabauda, vengono distribuite armi nonché la promessa di “lasciare i vinti a sua discrezione”. Ossia di derubarli. L’ignara colonna rivoluzionaria, ancora in ordine di marcia, viene attaccata all’improvviso sul fianco sinistro dalle truppe regolari piemontesi nascoste all’altezza di Spinetta Marengo ,mentre la cavalleria sabauda uscita da Cascinagrossa la prende alle spalle.  La sorpresa riesce pienamente. I Giacobini  scompigliati si rifugiano disordinatamente nei boschi, ove ad attenderli trovano gli abitanti della Fraschetta. E’ un sistematico massacro. Oltre 400 vengono sgozzati, i cadaveri derubati e lasciati nudi, cosa che provoca l’indignazione degli stessi ufficiali piemontesi che smettono l’inseguimento ed intervengono a favore dell’avversario salvando circa 310 uomini. E’ una salvezza relativa, poichè molti saranno in seguito fucilati. Muore in questo modo, ancora nella culla, la nascente borghesia alessandrina e, quel che è peggio, la sua cultura. Questo massacro dà in parte spiegazione del perché Alessandria, al centro dello sviluppo industriale,non lo abbia avuto, se non marginalmente e del perché, ancora oggi, siamo  l’ultima delle province del Nord con una classe dirigente a cultura preindustriale, priva di iniziative, propria di una regione a sottosviluppo. La storia, si sa, ha ragioni antiche.

GUIDO MANZONE   (* uno dei testi raccolti e pubblicati rievoncando il nostro Guido)

LA STAMPA 16-7-89

15/07/2017 00:00:36
comments powered by Disqus
17.02.2018
Nuccio Lodato
All'indimenticabile memoria di ZEUS, Gatto Nero incomparabile e insuperato [e al Micio Ignoto...
 
16.02.2018
Francesco Roat
1843, Tübingen, Germania. In una stanza (chiamata la torre per la sua architettura) di casa Zimmer, dove è ospitato/accudito da oltre tre decenni, Hölderlin riceve gli ultimi, devoti visitatori cui regala brevi composizioni scritte di getto. Sono le cosiddette poesie della torre: estremi lasciti/lacerti...
05.02.2018
Francesco Roat
Il titolo del saggio del teologo statunitense John Shelby Spong ‒ Vita eterna: una nuova visione (Gabrielli editori) ‒ potrà apparire assai discutibile per i non credenti, solitamente a disagio con i termini metafisici; ma credo il sottotitolo possa risultare meno problematico anche per loro, giacché...
 
04.02.2018
Patrizia Gioia
Le due Mostre alla Pirelli Hangar Bicocca di Milano Non è forse un caso che queste due installazioni alla Pirelli Hangar Bicocca di Milano siano una accanto all'altra, separate solo da una tenda nera, come a lasciar intendere che tutto è relazione, che noi siamo tempo e spazio in un passato e futuro...
28.01.2018
Patrizia Gioia
In questi giorni dove la Memoria ha un ruolo centrale - che dovrebbe naturalmente avere ogni giorno - leggendo il libro da poco uscito che Edgarda Ferri ha scritto sulla vita di Etty Hillesum (ma per incontrare Etty non dimenticate di leggere i suoi diari ) mi sono ritrovata nuovamente davanti all'imponente...
 
27.01.2018
Elvio Bombonato
Mi dici: è faticoso frequentare i bambini. Hai ragione. Aggiungi: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, scendere, piegarsi, farsi piccoli. Ti sbagli. Non è questo l’aspetto più faticoso. E’ piuttosto il fatto di essere costretti a elevarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Di...
27.01.2018
Patrizia Gioia
Allo Spazio Oberdan terminato ieri "Viaggio in Italia con il cinema tunisino". ​Ieri sono stata alla serata finale che Mohamed Challouf ha sapientemente organizzato e condotto allo Spazio Oberdan sul dialogo tra cinema tunisino e italiano, con il sostegno della nostra Fondazione Arbor. Ho potuto vedere...
 
25.01.2018
Elvio Bombonato
Il vuoto e poi ti svegli e c'è un mondo intero intorno a te ti hanno iscritto a un gioco grande se non comprendi se fai domande Chi ti risponde ti dice: è presto quando sarai grande allora saprai tutto... Saprai perché, saprai perché quando sarai grande saprai perché... E...
22.01.2018
Francesco Roat
La verità nascosta ‒ il titolo del saggio scritto dallo psicoanalista Piero Ferrero (pubblicato dalle Edizioni Erickson) ‒ rimanda ad un’antica leggenda indù che narra come gli dei, dopo aver scartato l’ipotesi di celare la potenza divina sul monte più elevato, nella massima profondità della terra...
 
13.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Avevano un modo singolare di tenersi per mano. Francesca non aveva bisogno di stringerla attraverso il guanto perché entrambe accordavano la propria andatura in modo prefetto, un passo l’una, due passetti l’altra. Era un’espressione simbolica del loro legame, quel delicato sfiorarsi, in cui la più...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"La riunione del Comitato di...
Le 23 organizzazioni promotrici dell’appello “Mai più fascismi” hanno indetto la manifestazione nazionale...
lunedì 26 febbraio ore 17,30 – 19,00 presso Associazione Cultura e Sviluppo piazza Fabrizio De André,...
22 febbraio a partire dalle ore 21 presso la Taglieria del pelo (via Wagner, 38) ad Alessandria. serata...
Martedì 27 febbraio 2018 alle ore 17.30 Palazzo Comunale – Sala Consiglio, Alessandria, Piazza Libertà...
SETTIMANA DAL 20 al 27 febbraioMercoledì 21 febbraio ore 17.30ALESSANDRIA Casa di quartiere via Verona...
Sabato 24 febbraio alle 17.00 alla Taglieria del Pelo di Alessandria, si terrà l'assemblea pubblica convocata...
Venerdì 23 febbraio 2018, ore 21.00 Presso l’Associazione Culturale Sin.tonia Piazza D’Annunzio 1 Alessandria incontro...
La precarietà non è solo più una condizione lavorativa, ma si è trasformata nel presente in cui viviamo;...
Venerdì 23 Febbraio alle ore 19,presso l'Isola ritrovata via Santa Maria di Castello aperitivo conviviale...
sabato 17 marzo 2018 Italia Nostra Sezione Alessandria organizza gita a Milano, per la visita alla...
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
L’Associazione BlogAL con il contributo della Fondazione SociAL, in collaborazione con La Compagnia Gli...
Il due volte Premio Oscar ”Manchester by the sea” mercoledì 21 ...
Programma Proiezioni Dal 23 al 27 Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Martedì 20 Febbraio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.