Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Come duecento anni fa....
Aydin (*)

Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità

QUANDO VINCEVA LA REAZIONE

E alla Fraschetta la strage dei giacobini

Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo più che altro come anelito di pochi intellettuali illuministi, occorre tenere presente alcuni fattori basilari, senza lasciarsi fuorviare  dalle polemiche che a duecento anni di distanza, testimoniano la vitalità di questo evento. La Rivoluzione francese fu l’azione insurrezionale con cui il sistema di produzione capitalista si affermò su quello feudale, permettendo alla nuova classe borghese formata da industriali, banchieri, commercianti, agricoltori avanzati, professionisti, intellettuali di sostituirsi alla nobiltà ed al clero nei centri di potere politico. Sia Giacobini che Girondini, guida ed artefici della Rivoluzione, erano la punta di diamante di una borghesia colta ed agiata. Volete alcuni esempi? Appartenere ad un “club” giacobino costava 24 lire all’anno, cifra elevatissima alla portata di pochi, e quando i beni dei nobili e della Chiesa furono messi all’asta i giacobini ne acquistarono i tre quinti pagando in contanti. Il popolo partecipò intensamente alla Rivoluzione, ma non ne fu mai alla guida, né dall’una né dall’altra parte, fu solo una,massa di manovra. Le città, ricche ed avanzate, parteggiarono per la Rivoluzione, le campagne arretrate per la reazione. Fu così in tutta l’ Europa.  L’alessandrino, area agricola a sottosviluppo, fu per lo più con la reazione che formò bande armate di origine contadina e si legò con il banditismo locale per creare  azioni di guerriglia quando si affermò il potere napoleonico. Vedi il caso di “Maino della Spinetta”, la cui figura morale e storica fu assai simile a quella del bandito Giuliano. Ambedue scaricati ed uccisi quando divennero ingombranti per chi li aveva inventati e protetti. Fu proprio nella Fraschetta, l’area a più basso reddito ed a più elevato livello di analfabetismo della provincia, che si compì la più feroce azione di repressione antirivoluzionaria dell’Alessandrino. Vale la pena di ricordare l’episodio, rifacendoci alla storiografia sabauda, non certo favorevole alla Rivoluzione. Nell’aprile 1798 si radunarono a Carrosio circa un migliaio di Giacobini guidati dal marchese Spinola, convertito alle nuove idee libertarie, nonché da due fuoriusciti piemontesi, Pellissieri e Trombetta, ed un ex frate valenzano, Stefano Comollo. E’ una piccola élite rivoluzionaria proveniente non solo dal Piemonte, ma da tutto il Nord Italia. Alcuni sono nordamericani, reduci dalla loro guerra di Indipendenza, venuti a combattere come”interzionalisti” per l’Europa. Il piccolo gruppo inizia una vera e propria guerriglia conducendo scorrerie militari tra Novi ed Ovada. A Pozzolo catturano il presidio formato da  400 soldati piemontesi. Altri 200 li prendono a Serravalle. Inorgogliti dai successi il 5 luglio cercano di conquistare Alessandria con un colpo di mano, attaccando di sorpresa i presidi di Porta Marengo e Porta Ravanale. Sennonchè il comando sabaudo di Alessandria viene a conoscenza del tentativo,informato da un certo Castellani, un prete fatto infiltrare tra i rivoluzionari. Si decide di tendere loro un agguato. Alla popolazione della Fraschetta,”ferocissima gente e odiatrice dei francesi e di chi  parteggiava per loro” come la descrive impietosamente la storiografia sabauda, vengono distribuite armi nonché la promessa di “lasciare i vinti a sua discrezione”. Ossia di derubarli. L’ignara colonna rivoluzionaria, ancora in ordine di marcia, viene attaccata all’improvviso sul fianco sinistro dalle truppe regolari piemontesi nascoste all’altezza di Spinetta Marengo ,mentre la cavalleria sabauda uscita da Cascinagrossa la prende alle spalle.  La sorpresa riesce pienamente. I Giacobini  scompigliati si rifugiano disordinatamente nei boschi, ove ad attenderli trovano gli abitanti della Fraschetta. E’ un sistematico massacro. Oltre 400 vengono sgozzati, i cadaveri derubati e lasciati nudi, cosa che provoca l’indignazione degli stessi ufficiali piemontesi che smettono l’inseguimento ed intervengono a favore dell’avversario salvando circa 310 uomini. E’ una salvezza relativa, poichè molti saranno in seguito fucilati. Muore in questo modo, ancora nella culla, la nascente borghesia alessandrina e, quel che è peggio, la sua cultura. Questo massacro dà in parte spiegazione del perché Alessandria, al centro dello sviluppo industriale,non lo abbia avuto, se non marginalmente e del perché, ancora oggi, siamo  l’ultima delle province del Nord con una classe dirigente a cultura preindustriale, priva di iniziative, propria di una regione a sottosviluppo. La storia, si sa, ha ragioni antiche.

GUIDO MANZONE   (* uno dei testi raccolti e pubblicati rievoncando il nostro Guido)

LA STAMPA 16-7-89

15/07/2017 00:00:36
comments powered by Disqus
13.11.2017
Francesco Roat
L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire...
 
12.11.2017
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti...
09.11.2017
Gian Domenico Zucca
Parrebbe il titolo d’un romanzo d’avventure alpine, e relativo film, se non serie di telefilm, ed invece è una seccatura estrema. E se tale solo fosse, per quanto noiosa, sarebbe ancora poca cosa. Sto parlando dei cannoni in agricoltura. “Cannoni? È una barzelletta? In agricoltura? Che frutti sono?...
 
01.11.2017
Gian Domenico Zucca
Roberto Gremmo, Anteo Zamboni e l’attentato a Mussolini L’antifascismo anarchico e l’attentato a Mussolini, Storia Ribelle, Biella, luglio 2017, pp. 240, 20 €. ... Il Duce la sera del 21 ottobre 1929 si era recato a Bologna per presiedere alle manifestazioni relative all’inaugurazione dello stadio,...
30.10.2017
Patrizia Nosengo
Il carattere ancipite della Riforma e del suo iniziatore Cade in questi giorni il cinquecentesimo anniversario di quel 31 ottobre 1517, cui la mitografia protestante, con l’immagine simbolica e non realistica di un Lutero invasato da Dio che affigge con chiodi e martello le sue tesi sul portale del duomo...
 
29.10.2017
Elvio Bombonato
SOLDATI di Giuseppe Ungaretti​ Si sta come / d'autunno / sugli alberi / le foglie (Bosco di Courton luglio 1918) Ungaretti era stato inviato sul fronte francese a combattere contro i tedeschi. Il trucco della poesia consiste nell'iperbato, nella collocazione delle...
28.10.2017
Elvio Bombonato
Laura Bombonato, allieva e pupilla di Ronconi, alla voce, e Silvia Belfiore, musicista di fama europea, al pianoforte, sabato 11 febbraio 2016, per festeggiare S.Valentino, alla sala Ferrero del Teatro Comunale di Alessandria, hanno rappresentato LUSSURIA, la carnalità dal punto di vista femminile,...
 
27.10.2017
Marina Elettra Maranetto
Riflettete, voi Belle che vi credete chissà che, su quanto sia liberatorio… specchiarsi il minimo sindacale, per dedicare il tempo residuo ad attività più redditizie. Accontentarsi di uno così così, tenerselo per tutta la vita senza la pena di perseguire l’impossibile, che tanto al peggio...
26.10.2017
Nuccio Lodato
Corazzata Potemkin e Ottobre di Ejzenstejn su Iris il 26 ottobre Quest’autunno ’17 vede stampa cartacea, tv e media vari impegnati nella duplice rievocazione centenaria della Rivoluzione d’Ottobre che iniziò la mutazione, nel giro di un quinquennio, della Santa Madre Russia in Unione Sovietica, e...
 
24.10.2017
Salvatore Ragonesi
Olga Angela Mattioli è un’artista singolare sia per connotazione geografica che per formazione artistica. Lei ha una doppia cittadinanza, essendo svizzera e italiana, con la possibilità di attingere artisticamente, culturalmente e filosoficamente alle due fonti di sapere e di esperienza. Il canale...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Riunione presso Soms del Cristo...
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
Venerdì 24 novembre con inizio alle ore 9:30 Camera del lavoro di Alessandria, via Cavour 27, nella...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
In occasione del 25 novembre, dichiarato ufficialmente dalle Nazioni Unite quale “Giornata internazionale...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
Venerdì 24 novembre ore 21 Casa di Carità Arti e Mestieri, via A. Gramsci 9 Ovada iniziativa del gruppo ovadese...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Domenica 26 novembre ore 17 presso l’Associazione Cultura e Sviluppo in Piazza Fabrizio De Andrè 76...
Domenica 26 novembre. Ore 17.30 Chiostro di Santa Maria di Castello, Sala degli Affreschi, Piazza Santa...
domenica 26 novembre 2017 ore 17.00 Museo della Gambarina Alessandria concerto “Nativitas”. Gruppo...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.