Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Come duecento anni fa....
Aydin (*)

Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità

QUANDO VINCEVA LA REAZIONE

E alla Fraschetta la strage dei giacobini

Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo più che altro come anelito di pochi intellettuali illuministi, occorre tenere presente alcuni fattori basilari, senza lasciarsi fuorviare  dalle polemiche che a duecento anni di distanza, testimoniano la vitalità di questo evento. La Rivoluzione francese fu l’azione insurrezionale con cui il sistema di produzione capitalista si affermò su quello feudale, permettendo alla nuova classe borghese formata da industriali, banchieri, commercianti, agricoltori avanzati, professionisti, intellettuali di sostituirsi alla nobiltà ed al clero nei centri di potere politico. Sia Giacobini che Girondini, guida ed artefici della Rivoluzione, erano la punta di diamante di una borghesia colta ed agiata. Volete alcuni esempi? Appartenere ad un “club” giacobino costava 24 lire all’anno, cifra elevatissima alla portata di pochi, e quando i beni dei nobili e della Chiesa furono messi all’asta i giacobini ne acquistarono i tre quinti pagando in contanti. Il popolo partecipò intensamente alla Rivoluzione, ma non ne fu mai alla guida, né dall’una né dall’altra parte, fu solo una,massa di manovra. Le città, ricche ed avanzate, parteggiarono per la Rivoluzione, le campagne arretrate per la reazione. Fu così in tutta l’ Europa.  L’alessandrino, area agricola a sottosviluppo, fu per lo più con la reazione che formò bande armate di origine contadina e si legò con il banditismo locale per creare  azioni di guerriglia quando si affermò il potere napoleonico. Vedi il caso di “Maino della Spinetta”, la cui figura morale e storica fu assai simile a quella del bandito Giuliano. Ambedue scaricati ed uccisi quando divennero ingombranti per chi li aveva inventati e protetti. Fu proprio nella Fraschetta, l’area a più basso reddito ed a più elevato livello di analfabetismo della provincia, che si compì la più feroce azione di repressione antirivoluzionaria dell’Alessandrino. Vale la pena di ricordare l’episodio, rifacendoci alla storiografia sabauda, non certo favorevole alla Rivoluzione. Nell’aprile 1798 si radunarono a Carrosio circa un migliaio di Giacobini guidati dal marchese Spinola, convertito alle nuove idee libertarie, nonché da due fuoriusciti piemontesi, Pellissieri e Trombetta, ed un ex frate valenzano, Stefano Comollo. E’ una piccola élite rivoluzionaria proveniente non solo dal Piemonte, ma da tutto il Nord Italia. Alcuni sono nordamericani, reduci dalla loro guerra di Indipendenza, venuti a combattere come”interzionalisti” per l’Europa. Il piccolo gruppo inizia una vera e propria guerriglia conducendo scorrerie militari tra Novi ed Ovada. A Pozzolo catturano il presidio formato da  400 soldati piemontesi. Altri 200 li prendono a Serravalle. Inorgogliti dai successi il 5 luglio cercano di conquistare Alessandria con un colpo di mano, attaccando di sorpresa i presidi di Porta Marengo e Porta Ravanale. Sennonchè il comando sabaudo di Alessandria viene a conoscenza del tentativo,informato da un certo Castellani, un prete fatto infiltrare tra i rivoluzionari. Si decide di tendere loro un agguato. Alla popolazione della Fraschetta,”ferocissima gente e odiatrice dei francesi e di chi  parteggiava per loro” come la descrive impietosamente la storiografia sabauda, vengono distribuite armi nonché la promessa di “lasciare i vinti a sua discrezione”. Ossia di derubarli. L’ignara colonna rivoluzionaria, ancora in ordine di marcia, viene attaccata all’improvviso sul fianco sinistro dalle truppe regolari piemontesi nascoste all’altezza di Spinetta Marengo ,mentre la cavalleria sabauda uscita da Cascinagrossa la prende alle spalle.  La sorpresa riesce pienamente. I Giacobini  scompigliati si rifugiano disordinatamente nei boschi, ove ad attenderli trovano gli abitanti della Fraschetta. E’ un sistematico massacro. Oltre 400 vengono sgozzati, i cadaveri derubati e lasciati nudi, cosa che provoca l’indignazione degli stessi ufficiali piemontesi che smettono l’inseguimento ed intervengono a favore dell’avversario salvando circa 310 uomini. E’ una salvezza relativa, poichè molti saranno in seguito fucilati. Muore in questo modo, ancora nella culla, la nascente borghesia alessandrina e, quel che è peggio, la sua cultura. Questo massacro dà in parte spiegazione del perché Alessandria, al centro dello sviluppo industriale,non lo abbia avuto, se non marginalmente e del perché, ancora oggi, siamo  l’ultima delle province del Nord con una classe dirigente a cultura preindustriale, priva di iniziative, propria di una regione a sottosviluppo. La storia, si sa, ha ragioni antiche.

GUIDO MANZONE   (* uno dei testi raccolti e pubblicati rievoncando il nostro Guido)

LA STAMPA 16-7-89

15/07/2017 00:00:36
comments powered by Disqus
23.07.2017
Marina Elettra Maranetto
Potevano entrambi definirsi reduci. Lei da una lunga relazione con un fascinoso bugiardo il cui lascito non meritava rimpianto; lui da una sofferta separazione, conseguenza prevedibile d’un matrimonio riparatore. Entrambi con le ossa dolenti avevano scelto una vacanza in montagna, impegnativa per la...
 
19.07.2017
Renzo Penna
Quando Guido Manzone mi telefonava, rigorosamente al telefono fisso di casa, era, generalmente, per lamentarsi dei guai che, più sovente a livello locale, o a quello nazionale, la sinistra stava combinando. Mi indicava i fatti e i responsabili e se, timidamente, obiettavo qualche difesa la sua replica...
18.07.2017
Claudio Lombardi
Da un anno Guido ci ha lasciati. Mi mancano i suoi scritti, mi manca il confronto, la discussione sui fatti di cronaca, di politica, di ambiente in particolare ma anche di tecnica, Guido era grande appassionato di motori. Ma Guido fu soprattutto giornalista di grande talento e ambientalista. Collaboratore...
 
15.07.2017
Aydin (*)
Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità QUANDO VINCEVA LA REAZIONE E alla Fraschetta la strage dei giacobini Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo...
14.07.2017
Elvio Bombonato
I BAMBINI D’ ITALIA di LINO TOFFOLO La canzoncina geniale di Lino Toffolo del 1976 “I bambini d’Italia” è puro NONSENSE, come i Limerick di Edward Lear (brevi poesie, strutturate con regole precise, come gli haiku giapponesi, dai contenuti apparentemente semplici e dal ritmo di filastrocca, che...
 
05.07.2017
Patrizia Gioia
di Hermann Hesse : L'ATTUALITA' MORTIFERA DELL'OBLIO. ..."Disperazione è il risultato di ogni serio tentativo di comprendere e giustificare la vita umana. Disperazione è il risultato di ogni serio tentativo di sostenere la vita con la virtù, con...
05.07.2017
Nuccio Lodato
Sono particolarmente grato ai miei che, con santa pazienza, mi hanno consentito di frequentare il Classico. Così ho potuto apprendere, tra le moltissime altre cose, che: 1. Esiste l’antipàsto, ma pure l’antispàsto… [ è irresistibile il fatto che, se cercate antispasto sui cd. “motori di ricerca”,...
 
03.07.2017
Elvio Bombonato (& Lorella Torti)
L’amica Lorella, che fu mia brillante allieva all’Istituto Tecnico Commerciale “Noè” di Valenza 35 anni fa, mi disse che una poesia in terza elementare le era piaciuta per il messaggio: un dono disinteressato che non chiedeva di essere ricambiato. Una bimba di otto anni oblativa è una rarità; le chiesi...
28.06.2017
Renzo Penna
Con una presa di posizione dell’Associazione ci siamo pronunciati, senza ambiguità e motivandolo, per la conferma a sindaco di Alessandria di Rita Rossa, rimarcando, però, che l’esito non era per nulla scontato e i rischi di un ritorno alla guida del Comune della Lega e delle destre molto forti. Il nostro...
 
28.06.2017
Agostino Spataro
In occasione del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, grande drammaturgo e Premio Nobel per la letteratura, pubblichiamo questo articolo di Laura Marullo in "Rassegna Bibliografica"(che ringraziamo) che analizza alcuni aspetti solitamente "trascurati" della personalità dello scrittore...
Segnali
Anche quest'anno nel cortile di Palazzo Cuttica si terra' la rassegna 'Cinema sotto le stelle'. La programmazione,...
Segnaliamo un interessante articolo di Giovanni Orsina dal titolo “La rivoluzione che serve alla sinistra”...
Il Comune di Alessandria con la collaborazione del Gruppo Amag presenta Note e Visioni - L'estate alessandrina...
Venerdì 28 luglio 2017 dalle ore21.00 Grand Hotel Nuove Terme – Acqui Terme Concerto duo pianistico Marco...
sabato 8 luglio alle ore 21​ad Ovada nell' Oratorio dell' Annunziata,dove si trova uno degli strumenti...
venerdì 16 giugno alle ore 17.30 alle Sale d'Arte di via Machiavelli 13 ad Alessandria si terrà l'inaugurazione...
Programma Proiezioni Cinema Macallè dal 21 al 25 Luglio 2017Venerdì 21 Luglio ore 21,30 UN TIRCHIO QUASI...
Il progetto Aleramici in Sicilia – avviato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” sta incontrando...
L’edizione 2017 dei “Percorsi di valorizzazione artistica e musicale nelle chiese ed edifici storici...
Segnaliamo un articolo di Daniela Venanzi - comparso sulla rivista “economiaepolitica” - sulle sofferenze...
A settembre torna il bando SociAL. 550mila euro per il Terzo Settore L’edizione 2017 del Bando della...
Fino a Domenica 14 Gennaio 2018Musei Reali - Galleria Sabauda, Piazzetta Reale 1 Torino Un'imperdibile...
Parte la Campagna dell' "Aglio solidale" a sostegno delle vittime della città martire di Cizre, nel...
È disponibile il bando del Premio Adelio Ferrero 2017 (trentaquattresima edizione). Contemporaneamentesono...
Dal 13 luglio al 23 ottobre a Palazzo Madama Torino Le forme del paesaggio italiano, anche nella sua declinazione...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.