Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Il conflitto tra “capitale” e “lavoro” nella modernità apuana
Salvatore Ragonesi


Il prezioso volume di Beniamino Gemignani “Il lavoro e i suoi martiri”. Edito recentemente dalla SEA di Carrara.

Beniamino Gemignani ha fatto un’opera notevole di ricostruzione storiografica del conflitto che si è svolto nelle cave marmifere apuane tra operai e imprenditori, lavoro e capitale, e del dolore che ha attraversato la comunità locale in seguito ai lutti, alle mutilazioni e alle lotte necessarie per ottenere un piccolo incremento salariale e un miglioramento delle condizioni lavorative. Lo studioso utilizza tutti gli strumenti utili alla ricerca, rinvenuti negli archivi pubblici e privati, dai diari familiari alle lettere e alle più svariate forme di documentazione, e non si accontenta di ottenere una ricognizione delle vicende narrate, poiché fa intervenire il suo sentimento e le sue emozioni per scavare sempre più in profondità nei rapporti interpersonali e comunitari e dare un’idea più puntuale, elaborata e realistica, delle drammatiche situazioni egregiamente illustrate, come si addice a storici di provata capacità.

Questo è il merito più grande dell’Autore de “ Il lavoro e i suoi martiri “ edito dalla società Editrice Apuana di Carrara nel 2017 e introdotto da Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, e da Giorgio Lindi, Presidente dell’ Anpi di Carrara.

La storia locale si intreccia nella ricerca di Gemignani con la storia generale, ed è anche questo un prezioso contributo che viene donato al lettore con le due storie tanto brillantemente sintetizzate in una visione unitaria e in una esposizione concretamente univoca.

I fatti locali assumono un valore paradigmatico, poiché vengono sottoposti a metodologie, esposizioni e riflessioni più larghe e aperte e raggiungono altezze concettuali di non poco rilievo nella loro problematicità e applicabilità generale. Così, e soltanto in tal modo, la storia locale acquista dignità e scientificità e supera i suoi confini cui spesso viene inesorabilmente legata e mummificata.

La questione storica di fondo non è più quella del dolore esistenziale per i morti ed i feriti sul lavoro nelle cave marmifere apuane, bensì quella dei rapporti tra capitale e lavoro nelle loro epoche storiche e nei duri scontri che si presentano puntualmente nelle varie fasi della storicità, dal Medio-Evo alla modernità e alla contemporaneità. Dalla vicenda delle vicinanze a quella dell’appropriazione capitalistica a parlare non sono tanto le persone con le loro emozioni ed i loro sentimenti, ma gli individui con i loro interessi ed i loro legami al loro mondo degli affari e degli affetti, nella loro completa ed integrale totalità.

La modernità liberistica ha scatenato il fuoco della cupidigia capitalistica e ha bruciato quanto la ricchezza sociale aveva prodotto a favore della comunità, lasciando nella disperazione la classe operaia, impegnata nelle cave marmifere ed in quegli agri dai quali aveva ricevuto il proprio nutrimento. Il velo dell’età moderna di presenta al cospetto della storia apuana con lacrime e sangue, e accadono i famosi moti del 1894, i cosiddetti “ fatti di lunigiana “ che sono in effetti quasi esclusivamente fatti carraresi. Qui la contraddizione più grave ed eclatante mi sembra quella intercorsa tra rappresentanze operaie e riduzione del potere e delle prospettive della classe dei cavatori. Il pessimismo conseguente non impedisce perciò l’uso della violenza che si trasferisce pure nella vita cittadina.

L’Autore di fronte alle pagine di questo tipo di modernità contraddittoria esprime un giudizio storiografico di grande intelligenza e dice in sostanza che gli avanzamenti tecnologici ed i progressi capitalistici non favoriscono eguali avanzamenti e progressi nel campo lavorativo, nell’organizzazione del lavoro e nella redistribuzione della ricchezza sociale. I poveri pagano più alti tributi ed i ricchi ottengono di pagare più moderate imposizioni fiscali. E ciò scatena ovviamente la rabbia del proletariato locale, che si sente e si vede sopraffatto da tributi, da condizioni di lavoro disumane e da atti di arbitrio da parte del potere politico e amministrativo straordinariamente e platealmente settario e indisponente.

Questo è in realtà il 1894 a Carrara, e la richiesta dello stato d’assedio e l’arrivo dell’esercito e la messa in azione di tutti gli apparati coercitivi dello Stato monarchico non sono sufficienti ad impedire lo scatenamento dell’emotività popolare. E Gemignani ne fornisce un rapido schizzo, ma bastevole a riassumere tutti i dati di una vicenda dolorosa, con la spaccatura che si produce all’interno di una comunità tradizionalmente governata da sentimenti di umana solidarietà e profondo spirito di pacificazione sociale, anche nelle dure tempeste della fame e della miseria ricorrente.

Tutta questa riflessione si può riassumere con le parole dell’Autore secondo il quale il proletariato delle cave e i cittadini più poveri di Carrara pagano il prezzo più alto ( Vedi B.Geminiani, “Il lavoro e i suoi Martiri”, SEA, Carrara 2017, p.p. 32-34 ). Dice in particolare l’Autore che le varie amministrazioni comunali a mezzo delle commissioni tributarie adottano la prassi normale e costante “ del far pagare di più a chi ha di meno e di meno a chi ha di più  ” ( B.Geminiani, Op. cit. , p. 33 ). La storia successiva di Carrara conferma la situazione descritta, anche dopo il periodo fascista e post-fascista, e nonostante la diretta presa del potere politico da parte di gruppi e uomini dichiaratamente democratici e di sinistra. 

 

                                                                                                                                                      ( di Salvatore Ragonesi )

09/09/2017 15:35:09
comments powered by Disqus
13.11.2017
Francesco Roat
L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire...
 
12.11.2017
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti...
09.11.2017
Gian Domenico Zucca
Parrebbe il titolo d’un romanzo d’avventure alpine, e relativo film, se non serie di telefilm, ed invece è una seccatura estrema. E se tale solo fosse, per quanto noiosa, sarebbe ancora poca cosa. Sto parlando dei cannoni in agricoltura. “Cannoni? È una barzelletta? In agricoltura? Che frutti sono?...
 
01.11.2017
Gian Domenico Zucca
Roberto Gremmo, Anteo Zamboni e l’attentato a Mussolini L’antifascismo anarchico e l’attentato a Mussolini, Storia Ribelle, Biella, luglio 2017, pp. 240, 20 €. ... Il Duce la sera del 21 ottobre 1929 si era recato a Bologna per presiedere alle manifestazioni relative all’inaugurazione dello stadio,...
30.10.2017
Patrizia Nosengo
Il carattere ancipite della Riforma e del suo iniziatore Cade in questi giorni il cinquecentesimo anniversario di quel 31 ottobre 1517, cui la mitografia protestante, con l’immagine simbolica e non realistica di un Lutero invasato da Dio che affigge con chiodi e martello le sue tesi sul portale del duomo...
 
29.10.2017
Elvio Bombonato
SOLDATI di Giuseppe Ungaretti​ Si sta come / d'autunno / sugli alberi / le foglie (Bosco di Courton luglio 1918) Ungaretti era stato inviato sul fronte francese a combattere contro i tedeschi. Il trucco della poesia consiste nell'iperbato, nella collocazione delle...
28.10.2017
Elvio Bombonato
Laura Bombonato, allieva e pupilla di Ronconi, alla voce, e Silvia Belfiore, musicista di fama europea, al pianoforte, sabato 11 febbraio 2016, per festeggiare S.Valentino, alla sala Ferrero del Teatro Comunale di Alessandria, hanno rappresentato LUSSURIA, la carnalità dal punto di vista femminile,...
 
27.10.2017
Marina Elettra Maranetto
Riflettete, voi Belle che vi credete chissà che, su quanto sia liberatorio… specchiarsi il minimo sindacale, per dedicare il tempo residuo ad attività più redditizie. Accontentarsi di uno così così, tenerselo per tutta la vita senza la pena di perseguire l’impossibile, che tanto al peggio...
26.10.2017
Nuccio Lodato
Corazzata Potemkin e Ottobre di Ejzenstejn su Iris il 26 ottobre Quest’autunno ’17 vede stampa cartacea, tv e media vari impegnati nella duplice rievocazione centenaria della Rivoluzione d’Ottobre che iniziò la mutazione, nel giro di un quinquennio, della Santa Madre Russia in Unione Sovietica, e...
 
24.10.2017
Salvatore Ragonesi
Olga Angela Mattioli è un’artista singolare sia per connotazione geografica che per formazione artistica. Lei ha una doppia cittadinanza, essendo svizzera e italiana, con la possibilità di attingere artisticamente, culturalmente e filosoficamente alle due fonti di sapere e di esperienza. Il canale...
Segnali
Domenica 19/11/17 alle ore 17:30 presso la Casa Di Quartiere Alessandria ANPI Alessandria saluterà...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Sabato 18 novembre, dalle ore 9 presso Palazzo del Monferrato ad Alessandria si svolgerà il convegno...
sabato 18 Novembre, alle ore 16:00 presso la Casa di Quartiere di Via Verona 116 - Alessandria. “ PANTA...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
sabato 18 novembre alle ore 16.00 presso la chiesa di Santa Lucia mostra libraria realizzata in collaborazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
Da lunedì 13 a sabato 18 novembre alle ore 10.40 alle ore 11,30 che verranno messe in onda su Retequattro,...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
sabato 18 novembre, alle ore 16.30 ad Albenga presso Palazzo Peloso Cepolla (Museo Navale Romano), Piazza...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.