Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Su "Ti libero la fronte dai ghiaccioli" di Eugenio Montale
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
 La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti ritmici (Isella).  Nei “Mottetti” Montale inventa il personaggio di Clizia, trasfigurandola da girasole in Visiting Angel, che appare e scompare nel ricordo ( il senhal che Montale sceglie per Irma Brandeis, ebrea ritornata nel 1938 negli Usa, dove lui, nonostante le promesse fattele, non andrà, cedendo ai ricatti di Drusilla, nella cui casa aveva affittato una stanza. Montale li dedica (sono 21, un piccolo canzoniere) a un The Only Begetter  (Shakespeare, Somnets, 154: a " W.H., solo procuratore dei versi che seguono": procuratore significa colui che suscita, che genera).  Sono indirizzati a un TU, essere remoto e salvifico, divino e demoniaco: la Lontana (Fortini). Inseriti nelle “Occasioni", ove è il caso a provocare la memoria involontaria. Esse sono un Canzoniere d'amore, un lungo poema dell'assenza e della separazione, interiezioni e istantanee del fantasma che ti salva (Contini). I mottetti sono poesie di alta concentrazione lirica (Isella), la massima a cui Montale sia pervenuto nella sua lunga carriera.

Ti libero la fronte dai ghiaccioli
che raccogliesti traversando l' alte
nebulose; hai le penne lacerate
dai cicloni, ti desti a soprassalti.

Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo
l'ombra nera, s'ostina in cielo un sole
freddoloso; e l'altre ombre che scantonano
nel vicolo non sanno che sei qui.

La prima quartina descrive il viaggio lungo e faticoso di Clizia, che giunge stremata alla meta, la casa del poeta (è un interno: il riquadro è la finestra, Magritte). 

 La seconda quartina invece uno squarcio probabilmente di Firenze, ove M. risiedeva, e dove aveva conosciuto Clizia. E' una fantasia di M., abbandonato da colei che ama, e che risiede a “tremila chilometri di distanza”). Clizia è una Beatrice che riappare al suo fedele d’amore (la brigata di Dante, Cavalcanti e Cino), dopo la lunga assenza.

  La prima strofa è stilnovista: tecnicismo la fronte (Irma aveva la frangia di capelli neri, non biondi, urrah, che la ricopriva). M. le sposta i capelli con un gesto affettuoso. La guarda dormire, con un atteggiamento paterno e protettivo.  M. parte dal fisico, dalla fisicità, per sollevarsi al metafisico. Lei è arrivata stremata, ferita, ha bisogno di essere accudita come una bambina. Il viaggio di Clizia, dall’America a Firenze, è passato  attraverso l'oceano Atlantico: spazi siderali e cicloni cosmici, che a stento la donna angelo riesce a valicare.

  Nella seconda quartina un paesaggio cittadino cupo e minaccioso; le ombre che scantonano sono gli uomini che non si voltano, che non si pongono domande e non cercano risposte, ciechi non vedono e non sentono (“le trappole e gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede”; il personaggio anonimo di ”Non chiederci la parola”). Tema già di Leopardi, il quale sosteneva che gli inconsapevoli e i convinti fossero più felici, o meno infelici, di chi invece fosse pensante.  Figurarsi se comprendono Clizia, la donna salutifera (ambiguità voluta, colei che saluta e che porta la salvezza), l'angelo della visitazione. Il paesaggio, nonostante sia mezzogiorno, appare buio e apocalittico. Ineguagliabili la forza del verbo insolito “s’ostina”e l’ossimoro “sole/freddoloso”, ove vince il 2° termine.  Questi uomini sono ombre, non vivi, e non lo sanno, hanno fretta di tornare a casa, camminano rasente i muri, non avvertono il miracolo (“Forse un mattino andando”), l’arrivo di Clizia, l’angelo mandato da Dio (è passata e non l’ ho vista).

La tensione visionaria della prima strofa, forse citazione criptica della donna di “Invernale” dell’amato Gozzano (Tiziana de Rogatis), si oppone crudamente all’ostilità della seconda, metafora del dualismo anima e corpo, sacro e profano (Tiziano, il pittore), col vicolo claustrofobico e opprimente, che impedisce la vista dell’arrivo di Clizia dal cielo sulla terra, “ a miracol mostrare”. Ricorda Petrarca quando non può liberarsi dal pensiero dell’amore: inutile cercare di fuggirgli, non c’è luogo che ci nasconda dalla passione (“Ma pur si aspre vie né si selvagge/ cercar non so ch’Amor non venga sempre/ ragionando con meco e io co llui”).

Alla donna Montale attribuisce un potere salvifico. Montale non può sottrarsi all’amore.

                             elena di gesualdo – elvio bombonato


   

 

 

 

12/11/2017 16:29:33
comments powered by Disqus
13.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Avevano un modo singolare di tenersi per mano. Francesca non aveva bisogno di stringerla attraverso il guanto perché entrambe accordavano la propria andatura in modo prefetto, un passo l’una, due passetti l’altra. Era un’espressione simbolica del loro legame, quel delicato sfiorarsi, in cui la più...
 
09.01.2018
Aydin (*)
LA CONGESTIONE E IL DESERTO Come le recenti alluvioni del Sud hanno dimostrato, la degradazione sta toccando livelli insostenibili. La drammatica esperienza statunitense: urbanesimo forzato, desertificazioni sempre più vaste, disoccupazione Se per tempi lunghi la perdurante rottura degli equilibri...
09.01.2018
Francesco Roat
Il muro del paradiso ‒ questo il titolo del testo colloquiale, scritto a quattro mani da Roberto Celada Ballanti e Marco Vannini, recentemente pubblicato da Lorenzo de’ Medici Press ‒ riprende un’immagine, tratta dalla letteratura mistica, di cui parla il Cusano illustrando ciò che egli chiama la porta...
 
05.01.2018
Elvio Bombonato
Dal portiere non c’era nessuno.C’era la luce sui poveri lettidisfatti. E sopra un tavolacciodormiva un ragazzacciobellissimo. Uscì dalle sue bracciaannuvolate, esitando, un gattino.SANDRO PENNA (“Poesie” 1927-38)La breve lirica, visiva (come sempre in Penna), esprime un contrasto...
28.12.2017
Marco Preve (*)
Gilberto Caldarozzi, 3 anni e 8 mesi per i falsi del G8, è il numero 2 della Dia. Per i giudici ha "gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero"24 dicembre 2017Più che la rabbia della vittima c’è il senso di sconfitta del cittadino di fronte al Potere, negli occhi di uno degli ex ragazzi...
 
27.12.2017
Cengiz Tomar
Questo è un piccolo regalo che facciamo alla figlia di un illustre medico di Istanbul da poco incarcerata in attesa di giudizio. La ricordiamo solo per iniziali, anche se “chi di dovere”, anche solo con le iniziali, sa benissimo risalire alla destinataria dell’intervento. L. C. è una valente turca laureata...
25.12.2017
Rosmina Raiteri
"Nostra patria è il mondo intero e nostra legge è la libertà" E' il titolo di un vecchio canto anarchico a cui si sono ispirati alcuni incontri di continuazione e sviluppo della Campagna Ero straniero. Si è conclusa a fine ottobre la raccolta firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare...
 
22.12.2017
Nuccio Lodato
Accade talvolta -o più verosimilmente, anzi, spesso: l'inverno del nostro scontento...- che in pochi giorni si faccia raccolta di parecchie cose (magari tra le più disparate) che abbiano il potere di irritarci. Forse il modo migliore di farci i conti può essere quello di buttarle fuori scrivendone....
15.12.2017
Patrizia Gioia
Il nuovo libro di Francesco Roat - Mimesis/Filosofie Tutti parlano, nessuno mi sente cantare: Oh, se imparaste da me il silenzio !” Chi può dichiarare al mondo intero che Dio è morto, se non colui che Dio l'ha incontrato, vissuto...
 
14.12.2017
Francesco Roat
Francesco Roat Il libro intitolato Cifre della trascendenza (Fazi Editore) raccoglie le ultime lezioni tenute, nel semestre estivo del 1961 presso l’Università di Heidelberg, da Karl Jaspers sul rapporto tra filosofia e religione vista quale dimensione/prospettiva del trascendente, essendo rivolta ‒...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.