Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Su "Ti libero la fronte dai ghiaccioli" di Eugenio Montale
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
 La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti ritmici (Isella).  Nei “Mottetti” Montale inventa il personaggio di Clizia, trasfigurandola da girasole in Visiting Angel, che appare e scompare nel ricordo ( il senhal che Montale sceglie per Irma Brandeis, ebrea ritornata nel 1938 negli Usa, dove lui, nonostante le promesse fattele, non andrà, cedendo ai ricatti di Drusilla, nella cui casa aveva affittato una stanza. Montale li dedica (sono 21, un piccolo canzoniere) a un The Only Begetter  (Shakespeare, Somnets, 154: a " W.H., solo procuratore dei versi che seguono": procuratore significa colui che suscita, che genera).  Sono indirizzati a un TU, essere remoto e salvifico, divino e demoniaco: la Lontana (Fortini). Inseriti nelle “Occasioni", ove è il caso a provocare la memoria involontaria. Esse sono un Canzoniere d'amore, un lungo poema dell'assenza e della separazione, interiezioni e istantanee del fantasma che ti salva (Contini). I mottetti sono poesie di alta concentrazione lirica (Isella), la massima a cui Montale sia pervenuto nella sua lunga carriera.

Ti libero la fronte dai ghiaccioli
che raccogliesti traversando l' alte
nebulose; hai le penne lacerate
dai cicloni, ti desti a soprassalti.

Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo
l'ombra nera, s'ostina in cielo un sole
freddoloso; e l'altre ombre che scantonano
nel vicolo non sanno che sei qui.

La prima quartina descrive il viaggio lungo e faticoso di Clizia, che giunge stremata alla meta, la casa del poeta (è un interno: il riquadro è la finestra, Magritte). 

 La seconda quartina invece uno squarcio probabilmente di Firenze, ove M. risiedeva, e dove aveva conosciuto Clizia. E' una fantasia di M., abbandonato da colei che ama, e che risiede a “tremila chilometri di distanza”). Clizia è una Beatrice che riappare al suo fedele d’amore (la brigata di Dante, Cavalcanti e Cino), dopo la lunga assenza.

  La prima strofa è stilnovista: tecnicismo la fronte (Irma aveva la frangia di capelli neri, non biondi, urrah, che la ricopriva). M. le sposta i capelli con un gesto affettuoso. La guarda dormire, con un atteggiamento paterno e protettivo.  M. parte dal fisico, dalla fisicità, per sollevarsi al metafisico. Lei è arrivata stremata, ferita, ha bisogno di essere accudita come una bambina. Il viaggio di Clizia, dall’America a Firenze, è passato  attraverso l'oceano Atlantico: spazi siderali e cicloni cosmici, che a stento la donna angelo riesce a valicare.

  Nella seconda quartina un paesaggio cittadino cupo e minaccioso; le ombre che scantonano sono gli uomini che non si voltano, che non si pongono domande e non cercano risposte, ciechi non vedono e non sentono (“le trappole e gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede”; il personaggio anonimo di ”Non chiederci la parola”). Tema già di Leopardi, il quale sosteneva che gli inconsapevoli e i convinti fossero più felici, o meno infelici, di chi invece fosse pensante.  Figurarsi se comprendono Clizia, la donna salutifera (ambiguità voluta, colei che saluta e che porta la salvezza), l'angelo della visitazione. Il paesaggio, nonostante sia mezzogiorno, appare buio e apocalittico. Ineguagliabili la forza del verbo insolito “s’ostina”e l’ossimoro “sole/freddoloso”, ove vince il 2° termine.  Questi uomini sono ombre, non vivi, e non lo sanno, hanno fretta di tornare a casa, camminano rasente i muri, non avvertono il miracolo (“Forse un mattino andando”), l’arrivo di Clizia, l’angelo mandato da Dio (è passata e non l’ ho vista).

La tensione visionaria della prima strofa, forse citazione criptica della donna di “Invernale” dell’amato Gozzano (Tiziana de Rogatis), si oppone crudamente all’ostilità della seconda, metafora del dualismo anima e corpo, sacro e profano (Tiziano, il pittore), col vicolo claustrofobico e opprimente, che impedisce la vista dell’arrivo di Clizia dal cielo sulla terra, “ a miracol mostrare”. Ricorda Petrarca quando non può liberarsi dal pensiero dell’amore: inutile cercare di fuggirgli, non c’è luogo che ci nasconda dalla passione (“Ma pur si aspre vie né si selvagge/ cercar non so ch’Amor non venga sempre/ ragionando con meco e io co llui”).

Alla donna Montale attribuisce un potere salvifico. Montale non può sottrarsi all’amore.

                             elena di gesualdo – elvio bombonato


   

 

 

 

12/11/2017 16:29:33
comments powered by Disqus
13.11.2017
Francesco Roat
L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire...
 
12.11.2017
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti...
09.11.2017
Gian Domenico Zucca
Parrebbe il titolo d’un romanzo d’avventure alpine, e relativo film, se non serie di telefilm, ed invece è una seccatura estrema. E se tale solo fosse, per quanto noiosa, sarebbe ancora poca cosa. Sto parlando dei cannoni in agricoltura. “Cannoni? È una barzelletta? In agricoltura? Che frutti sono?...
 
01.11.2017
Gian Domenico Zucca
Roberto Gremmo, Anteo Zamboni e l’attentato a Mussolini L’antifascismo anarchico e l’attentato a Mussolini, Storia Ribelle, Biella, luglio 2017, pp. 240, 20 €. ... Il Duce la sera del 21 ottobre 1929 si era recato a Bologna per presiedere alle manifestazioni relative all’inaugurazione dello stadio,...
30.10.2017
Patrizia Nosengo
Il carattere ancipite della Riforma e del suo iniziatore Cade in questi giorni il cinquecentesimo anniversario di quel 31 ottobre 1517, cui la mitografia protestante, con l’immagine simbolica e non realistica di un Lutero invasato da Dio che affigge con chiodi e martello le sue tesi sul portale del duomo...
 
29.10.2017
Elvio Bombonato
SOLDATI di Giuseppe Ungaretti​ Si sta come / d'autunno / sugli alberi / le foglie (Bosco di Courton luglio 1918) Ungaretti era stato inviato sul fronte francese a combattere contro i tedeschi. Il trucco della poesia consiste nell'iperbato, nella collocazione delle...
28.10.2017
Elvio Bombonato
Laura Bombonato, allieva e pupilla di Ronconi, alla voce, e Silvia Belfiore, musicista di fama europea, al pianoforte, sabato 11 febbraio 2016, per festeggiare S.Valentino, alla sala Ferrero del Teatro Comunale di Alessandria, hanno rappresentato LUSSURIA, la carnalità dal punto di vista femminile,...
 
27.10.2017
Marina Elettra Maranetto
Riflettete, voi Belle che vi credete chissà che, su quanto sia liberatorio… specchiarsi il minimo sindacale, per dedicare il tempo residuo ad attività più redditizie. Accontentarsi di uno così così, tenerselo per tutta la vita senza la pena di perseguire l’impossibile, che tanto al peggio...
26.10.2017
Nuccio Lodato
Corazzata Potemkin e Ottobre di Ejzenstejn su Iris il 26 ottobre Quest’autunno ’17 vede stampa cartacea, tv e media vari impegnati nella duplice rievocazione centenaria della Rivoluzione d’Ottobre che iniziò la mutazione, nel giro di un quinquennio, della Santa Madre Russia in Unione Sovietica, e...
 
24.10.2017
Salvatore Ragonesi
Olga Angela Mattioli è un’artista singolare sia per connotazione geografica che per formazione artistica. Lei ha una doppia cittadinanza, essendo svizzera e italiana, con la possibilità di attingere artisticamente, culturalmente e filosoficamente alle due fonti di sapere e di esperienza. Il canale...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.