Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Sulla "Filosofia della Nascita"
Francesco Roat


 

L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire al più presto. Per non parlare dell’orrore della nascita nella tragedia greca, soprattutto in Eschilo e in Sofocle. Una visione pessimistica intorno all’esistere fatta propria da vari ed illustri filosofi ellenici (Zenone, Anassimandro, Eraclito, Empedocle, Plotino), che verrà ripresa nel mondo romano (Lucrezio, Petronio), e quindi nel pur variegato panorama del pensiero medioevale, persino in ambito cristiano (gnosi), per tornare presente ‒ nella modernità ‒ soprattutto nell’Ottocento (Schopenhauer, Kierkegaard, Leopardi) e nel Novecento (Cioran, Anders): secolo dominato da una sorta di tanatologia filosofica. Valga per tutte la celeberrima concezione heideggeriana dell’esserci umano (Dasein) quale un “essere-per-la-morte” (Sein zum Tode), non già per la vita.

Ed è soprattutto guardando allo scorso secolo, ma non solo, che il saggio di Silvano Zucal, intitolato Filosofia della nascita (Morcelliana), dopo aver preso in esame i filosofi della morte come condizione ontologica fondamentale, cerca di esplorare quello da lui chiamato: “un paradigma alternativo, non più focalizzato sulla morte ma piuttosto sulla nascita”. Tale attenzione all’evento primo e fondante di ogni esistenza è stata rivolta in primo luogo da figure femminili (materne?), come Hannah Arendt e Maria Zambrano, alle quali Zucal concede ampio spazio, non scordando certo di soffermarsi sul pensatore che, a suo avviso, più di altri ha dedicato una riflessione eminentemente teoretica all’evento natale, ossia il filosofo tedesco Peter Sloterdijk;  senza tralasciare di mettere in luce, sullo stesso argomento, anche i contributi ‒ tra teologia e filosofia ‒ di Romano Guardini, specie quanto concerne la tematica nascita-rinascita ed il significato della resurrezione cristica.

Non a caso da talune visioni tragico-pessimistiche intorno all’umano nascimento presenti nella cultura ebraica ed anche nell’Antico Testamento (Geremia, Giobbe, Giona, Qoèlet), la prospettiva muta radicalmente nel Nuovo Testamento, dove, ci ricorda Zucal: “Tutto parte dall’annuncio di una nascita e dall’evento di una nascita”, ovvero dallo scandalo di Betlemme, dove è “un Dio che nasce e si fa uomo”. Ma, accennavo sopra, la parte più felice di questo bel saggio del nostro professore di filosofia teoretica e filosofia della religione all’Università di Trento, è a mio avviso quella intorno alle due donne che nel Novecento hanno cercato di rivalutare/rivedere in una luce nuova/alternativa il positivo evento natale come condizione di libertà e creatività.

Vedi in primo luogo Hannah Arendt che, a differenza di Heidegger ‒ di cui fu pure allieva e amante ‒, non vede tanto l’uomo drammaticamente gettato nel mondo quanto piuttosto accolto: da una figura genitoriale quanto meno, senza la quale paradossalmente il neonato non potrebbe nemmeno nascere davvero come persona, mancandogli un tu da riconoscere e tramite cui essere riconosciuto/introdotto nel mondo degli umani. Così alla “cifra luttuosa” heideggeriana, si contrappone quella vivifica arendtiana che vede nella natalità un vero e proprio miracolo stupefacente che consente ogni volta un nuovo inizio, la possibilità di dar luogo a qualcosa di aurorale/originale, inedito, unico. Così il gesto del nascere esprime al contempo la speranza/fiducia in una realtà tutta da sperimentare, innovare, costruire, essendo eminentemente evento cairotico: inaugurale/opportuno e propizio. L’uomo, infatti, secondo Arendt, è capace di uno straordinario potere, dalle caratteristiche divine, quello appunto di creare l’innovazione, la trasformazione, quindi di cambiare il mondo.

Ma è Maria Zambrano, a detta di Zucal, la pensatrice novecentesca che dovrebbe essere chiamata la filosofa della nascita per antonomasia, giacché il suo modo di porsi può venire inteso quale un inesausto e gioioso ringraziamento/gradimento per il dono della vita, che abbiamo ricevuto gratis. E l’esistenza, per Zambrano, è dimensione entro cui ogni giorno rinascere, ad ogni occasione o svolta della vita ‒ sia essa da noi considerata negativa che positiva ‒, tornare a nascere risvegliandoci da qualsiasi notte burrascosa o tranquilla essa sia stata. Ciò non significa affatto banale ottimismo/vitalismo. Se consideriamo la vita di questa grade figura di donna segnata duramente dalla malattia e dall’esilio non possiamo minimamente pensare ciò. Inoltre, ricominciare di continuo è cosa ardua per tutti e di conseguenza, sottolinea Zucal: “si può sempre rinascere, anche se portare a compimento il proprio essere non è mai un trionfo, ma sempre e piuttosto una difficile e sofferta esperienza vissuta di auto-spogliazione”.

Non si può d’altra parte, afferma Zambrano, rinascere senza nudità, ossia senza venire incessantemente privati di quanto indossiamo e costretti, prima o tardi, a disfarci del troppo certo e sicuro che abbiamo accumulato. Ma è necessario trovare il coraggio di accettare, quando le circostanze ci spingano a farlo, tale nudità, che deve tuttavia essere preludio a una nuova veste, a una ripresa dell’itinerario esistenziale senza stelle fisse all’orizzonte, fondamenti o certezze cui ancorarci. È il cammino spirituale del nomade mistico che a nulla si aggrappa e tutto accoglie/accetta, facendo proprio il suo destino senza angoscia mediante un sì fiducioso alla vita ed alla rinascita quotidiana che solo i superficiali possono interpretare come passività o fatalismo.

13/11/2017 19:51:15
comments powered by Disqus
13.11.2017
Francesco Roat
L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire...
 
12.11.2017
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti...
09.11.2017
Gian Domenico Zucca
Parrebbe il titolo d’un romanzo d’avventure alpine, e relativo film, se non serie di telefilm, ed invece è una seccatura estrema. E se tale solo fosse, per quanto noiosa, sarebbe ancora poca cosa. Sto parlando dei cannoni in agricoltura. “Cannoni? È una barzelletta? In agricoltura? Che frutti sono?...
 
01.11.2017
Gian Domenico Zucca
Roberto Gremmo, Anteo Zamboni e l’attentato a Mussolini L’antifascismo anarchico e l’attentato a Mussolini, Storia Ribelle, Biella, luglio 2017, pp. 240, 20 €. ... Il Duce la sera del 21 ottobre 1929 si era recato a Bologna per presiedere alle manifestazioni relative all’inaugurazione dello stadio,...
30.10.2017
Patrizia Nosengo
Il carattere ancipite della Riforma e del suo iniziatore Cade in questi giorni il cinquecentesimo anniversario di quel 31 ottobre 1517, cui la mitografia protestante, con l’immagine simbolica e non realistica di un Lutero invasato da Dio che affigge con chiodi e martello le sue tesi sul portale del duomo...
 
29.10.2017
Elvio Bombonato
SOLDATI di Giuseppe Ungaretti​ Si sta come / d'autunno / sugli alberi / le foglie (Bosco di Courton luglio 1918) Ungaretti era stato inviato sul fronte francese a combattere contro i tedeschi. Il trucco della poesia consiste nell'iperbato, nella collocazione delle...
28.10.2017
Elvio Bombonato
Laura Bombonato, allieva e pupilla di Ronconi, alla voce, e Silvia Belfiore, musicista di fama europea, al pianoforte, sabato 11 febbraio 2016, per festeggiare S.Valentino, alla sala Ferrero del Teatro Comunale di Alessandria, hanno rappresentato LUSSURIA, la carnalità dal punto di vista femminile,...
 
27.10.2017
Marina Elettra Maranetto
Riflettete, voi Belle che vi credete chissà che, su quanto sia liberatorio… specchiarsi il minimo sindacale, per dedicare il tempo residuo ad attività più redditizie. Accontentarsi di uno così così, tenerselo per tutta la vita senza la pena di perseguire l’impossibile, che tanto al peggio...
26.10.2017
Nuccio Lodato
Corazzata Potemkin e Ottobre di Ejzenstejn su Iris il 26 ottobre Quest’autunno ’17 vede stampa cartacea, tv e media vari impegnati nella duplice rievocazione centenaria della Rivoluzione d’Ottobre che iniziò la mutazione, nel giro di un quinquennio, della Santa Madre Russia in Unione Sovietica, e...
 
24.10.2017
Salvatore Ragonesi
Olga Angela Mattioli è un’artista singolare sia per connotazione geografica che per formazione artistica. Lei ha una doppia cittadinanza, essendo svizzera e italiana, con la possibilità di attingere artisticamente, culturalmente e filosoficamente alle due fonti di sapere e di esperienza. Il canale...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.