Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Karl Jaspers e le "Cifre della trascendenza"
Francesco Roat

Francesco Roat

 

Il libro intitolato Cifre della trascendenza (Fazi Editore) raccoglie le ultime lezioni tenute, nel semestre estivo del 1961 presso l’Università di Heidelberg, da Karl Jaspers sul rapporto tra filosofia e religione vista quale dimensione/prospettiva del trascendente, essendo rivolta ‒ dall’antichità più tarda alla postmodernità ‒ all’oltre e al mistero dell’esistere che, per quanto colto da molti nel segno dell’immanenza, accenna pur sempre ad un’eccedenza rispetto alla mera constatazione di un esserci mondano, il quale resta per gran parte di noi perenne fonte di stupore e meraviglia o, altrimenti, d’inesausta domanda di senso/significato.

Consapevoli come siamo che il sapere ‒ anche quello scientifico ‒ ha un limite consistente nel fatto che: “ogni conoscere resta sempre nel mondo, ma non raggiunge mai il mondo”, non ne può fare un oggetto (ob-iectum: posto d’innanzi) d’indagine perché, del mondo, il soggetto interrogante fa parte inevitabilmente. E poiché dunque non ci è mai dato poter formulare assolutizzazioni conoscitive/definitive. Possiamo quindi senz’altro concordare con l’affermazione di Jaspers, secondo la quale noi: “siamo più di ciò che conosciamo di noi stessi”.

Detto altrimenti potremmo dire che gli esseri umani, al di là di tutte le loro esperienze e conoscenze fenomeniche, hanno sempre avvertito la presenza di qualcosa d’altro rispetto a se stessi e alla cosiddetta realtà da loro abitata; qualcosa d’innominabile/ineffabile da cogliersi tramite l’intuizione più che la ragione o mediante la fede (intesa come fiducia o adesione fiduciosa) se non altro nella vita; una fede non certo basata su alcuna logica o visione del mondo di tipo concettuale.

Questo indicibile qualcosa, insomma, può esser colto e rappresentato non tramite teorizzazioni o argomentazioni ma attraverso quelle che Jaspers chiama appunto delle cifre che rinviamo alla trascendenza o cercano di mostrarla (giammai dimostrarla). Come l’idea di Dio quale “uno”. Ma dobbiamo fare attenzione al fatto che questa cifra – come tante altre analoghe ‒ è una sorta di grande metafora. E nello specifico, avverte Jaspers: “Il numero, puro e semplice, dell’uno è esteriore. La forza dell’uno della trascendenza ha un senso completamente diverso dal puro numero”.

E ancora più oltre ‒ nel tentativo di illustrare l’autentico senso di una tale cifra ‒ il filosofo tedesco, con una prosa intensamente pregnante, evocativa e poetica, puntualizza: “È decisivo che l’uno resti perfettamente lontano, così lontano e irraggiungibile da sfuggirmi ogni volta che voglio afferrarlo. Tanto lontano da non poterlo cogliere in nessun altro modo, se non diventando io stesso specchio e cifra, senza con ciò poterlo mai possedere”. Puntualizzazione su cui penso sia opportuno riflettere parecchio, ma che non credo abbisogni di commento alcuno da parte mia.

Eppure, e non soltanto per gli a-tei (per chi rifiuta ‒ o ritiene di fare a meno di ‒ una ipotesi teista), anche per tanti religiosi Dio sembra taccia, in questi nostri tempi all’insegna del disincanto e della secolarizzazione, dopo aver parlato semmai appena attraverso i variamente interpretabili testi biblici. Tuttavia vi è modo e modo di intendere tale mutismo. Infatti per i mistici e per Jaspers: “il silenzio significa che non c’è qualcuno che tace, che potrebbe anche parlare e parlerà, ma che questo silenzio fa parte della trascendenza come tale”. In quest’ottica si apre la possibilità di una fede altra da quella tradizionale garantita dalla rivelazione.

Anche perché, mi sembra sia chiaro sin dal tempo di Nietzsche, non c’è garanzia assoluta che valga in nessun ambito e soprattutto che ogni nostro umano, troppo umano pensiero non può fare a meno di categorie interpretative nella sua articolazione. E forse avendo ben presente ciò, varrebbe la pena un atto di umiltà: quello di “rinunciare al pensiero come ultima misura”. Magari abdicando anche alle cosiddette cifre della trascendenza, per cogliere mediante una nuda attenzione il vuoto o il pieno dell’essere che supponiamo possa darsi oltre tali cifre metaforiche.

Ma a questo punto stiamo facendo riferimento alla meditazione, nel cui ambito ‒ dice bene Jaspers ‒ “non si pensa più nel senso stretto della parola”. Stiamo magari alludendo al dimorare nel presente e nel quotidiano con la quieta consapevolezza di non poter né voler sapere come stiano davvero le cose rispetto a quanto sta oltre la mera fisica, ossia riguardo alla sempre problematica, fantasmatica e, per molti, assurda metafisica. Ben consci di quell’adagio medioevale che recita: Vengo non so da dove, / Sono non so chi, / Morirò non so quando, / Vado non so dove, / Mi meraviglio di essere contento.

14/12/2017 01:19:57
comments powered by Disqus
13.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Avevano un modo singolare di tenersi per mano. Francesca non aveva bisogno di stringerla attraverso il guanto perché entrambe accordavano la propria andatura in modo prefetto, un passo l’una, due passetti l’altra. Era un’espressione simbolica del loro legame, quel delicato sfiorarsi, in cui la più...
 
09.01.2018
Aydin (*)
LA CONGESTIONE E IL DESERTO Come le recenti alluvioni del Sud hanno dimostrato, la degradazione sta toccando livelli insostenibili. La drammatica esperienza statunitense: urbanesimo forzato, desertificazioni sempre più vaste, disoccupazione Se per tempi lunghi la perdurante rottura degli equilibri...
09.01.2018
Francesco Roat
Il muro del paradiso ‒ questo il titolo del testo colloquiale, scritto a quattro mani da Roberto Celada Ballanti e Marco Vannini, recentemente pubblicato da Lorenzo de’ Medici Press ‒ riprende un’immagine, tratta dalla letteratura mistica, di cui parla il Cusano illustrando ciò che egli chiama la porta...
 
05.01.2018
Elvio Bombonato
Dal portiere non c’era nessuno.C’era la luce sui poveri lettidisfatti. E sopra un tavolacciodormiva un ragazzacciobellissimo. Uscì dalle sue bracciaannuvolate, esitando, un gattino.SANDRO PENNA (“Poesie” 1927-38)La breve lirica, visiva (come sempre in Penna), esprime un contrasto...
28.12.2017
Marco Preve (*)
Gilberto Caldarozzi, 3 anni e 8 mesi per i falsi del G8, è il numero 2 della Dia. Per i giudici ha "gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero"24 dicembre 2017Più che la rabbia della vittima c’è il senso di sconfitta del cittadino di fronte al Potere, negli occhi di uno degli ex ragazzi...
 
27.12.2017
Cengiz Tomar
Questo è un piccolo regalo che facciamo alla figlia di un illustre medico di Istanbul da poco incarcerata in attesa di giudizio. La ricordiamo solo per iniziali, anche se “chi di dovere”, anche solo con le iniziali, sa benissimo risalire alla destinataria dell’intervento. L. C. è una valente turca laureata...
25.12.2017
Rosmina Raiteri
"Nostra patria è il mondo intero e nostra legge è la libertà" E' il titolo di un vecchio canto anarchico a cui si sono ispirati alcuni incontri di continuazione e sviluppo della Campagna Ero straniero. Si è conclusa a fine ottobre la raccolta firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare...
 
22.12.2017
Nuccio Lodato
Accade talvolta -o più verosimilmente, anzi, spesso: l'inverno del nostro scontento...- che in pochi giorni si faccia raccolta di parecchie cose (magari tra le più disparate) che abbiano il potere di irritarci. Forse il modo migliore di farci i conti può essere quello di buttarle fuori scrivendone....
15.12.2017
Patrizia Gioia
Il nuovo libro di Francesco Roat - Mimesis/Filosofie Tutti parlano, nessuno mi sente cantare: Oh, se imparaste da me il silenzio !” Chi può dichiarare al mondo intero che Dio è morto, se non colui che Dio l'ha incontrato, vissuto...
 
14.12.2017
Francesco Roat
Francesco Roat Il libro intitolato Cifre della trascendenza (Fazi Editore) raccoglie le ultime lezioni tenute, nel semestre estivo del 1961 presso l’Università di Heidelberg, da Karl Jaspers sul rapporto tra filosofia e religione vista quale dimensione/prospettiva del trascendente, essendo rivolta ‒...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.