Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Religiosità di Nietzsche. Il vangelo di Zarathustra
Patrizia Gioia
 Il nuovo libro di Francesco Roat -  Mimesis/Filosofie


 

Tutti parlano, nessuno mi sente cantare:

Oh, se imparaste da me il silenzio !”

                                                            

 

Chi può dichiarare al mondo intero che Dio è morto, se non colui che Dio l'ha incontrato, vissuto e patito nel profondo delle proprie viscere ?

E per parlare de “La religiosità di Nietzsche. Il vangelo di Zarathustra”, il libro appena uscito per Mimesis/Filosofie di Francesco Roat, mi tornano alla mente le parole di un uomo che ha pagato con la propria vita questa “religiosità”, il giudice Rosario Livatino, che aveva scritto nel suo diario:

“Alla fine della nostra vita non ci sarà chiesto se siamo stati credenti, ma credibili”.

 

E chi è più credibile di chi chiamiamo pazzo? Chi è più credibile di chi osa “delirare”, uscire da quella linea di protezione ( la lira) oltre la quale l'ignoto ci precipita addosso senza possibilità di indulgenza: o saprai stargli a fronte o sarai fagocitato dalla prepotenza della forza della numinosità.

E perchè no, proprio dalla prepotenza di quel Dio che proclamiamo morto?

 

Sappiamo bene che Abraxas - il dio che contiene bene e male - apparirà in quegli anni nelle visioni e negli scritti di altri due “pazzi “: Jung e Hesse, rivendicando nel dio la compresenza di bene e male e l'affidamento all'umano, non della impossibile pace dell'unità, ma della perpetua danza di un passo prima di tutto in noi pacificato. 

 

Francesco Roat ci ha offerto nei suoi libri proprio questo, il coraggio di un passo inedito, dalle elegie di Rilke ”tra angeli e finitudine” al cantore folle Holderlin, con le sue” Poesie della torre”, dalle tracce mistiche di Robert Walser, al “Desiderare invano “: il mito di Faust in Goethe e altrove.

E oggi ci aiuta a ritrovare le tracce di quel Nietzsche assai poco praticato nel suo afflato religioso, dove Roat fa emergere una spiritualità analoga a quella dei mistici d'ogni tempo e d'ogni luogo.

Ed è soprattutto nello Zarathustra che questa prospettiva – che condivido pienamente – si mette in luce, dove ciò che Nietzsche profetizza morto è quel che noi oggi siamo diventati e contemporaneamente siamo chiamati a liberare dalla schiavitù di una parola vana.

 

Se lo sguardo non diviene poetico, non sarà. Perchè lo sguardo poetico appartiene alla luce dell'invisibile, a quello che vive e si crea solo in una relazione nascente ogni volta che ci riscopriamo “vuoto”.

L'eccedenza di parola vana è la casa di un io chiamato all'appello da un dio mai morto, da un dio capace di sentirsi parte costitutiva della realtà sapendo che anche la sua essenza è sempre nuova.

E' questo che temiamo,  lasciare il Grund per l'Abgrund : la stabilità per l'abisso.

 

Ed è questo che la dimensione umana della mistica ha la facoltà di farci vedere.

Le cose sono vuote perchè non hanno realtà autonoma, tutto esiste in funzione di, rispetto a, dalla prospettiva di, qualcos'altro. La fisica quantistica tocca gli stessi punti della mistica, quei punti indicibili che Nietzsche e  i pazzi come lui hanno toccato; alcuni perdendosi in quella inter-in-dipendenza di infinite connessioni in cui tutto dipende da tutto e, pur potendo esplorare analizzare, studiare, non troverà- né troveremo mai - il sostrato ultimo.

 

Non mi addentro nei molti meandri in cui Roat ci accompagna con la sua profonda conoscenza dei testi, dei pretesti e dei contesti in cui Nietzsche e Zarathustra hanno abitato la vita e camminato la via; molti sono gli esempi che ci porta, molti gli sguardi che si riallacciano, molte le domande che è bene non abbiano risposta, ma aprano a nuova domanda, proprio come la vita ci chiede, impietosamente e quotidianamente.

 

Chi manca di religiosità è povero di Eros e diviene vittima più di altri del bisogno

di potere e volontà di potenza”, così scriveva la Von Franz, allieva e collega di Jung.

Questo potrebbe contraddire tutto quello che sino ad ora abbiamo detto, visto la strabiliante volontà di potenza nietzschiana, mentre – a parer mio - ne convalida la robustezza di religiosità bene illuminata nella tesi di Roat.

 

L'Eros di Nietzsche è talmente infuocato e tanto feconda la sua religiosità, da non poter essere sostenute da un umano ancora tanto umano. 

E' questo che il Poeta ci lascia come eredità e promessa, cristicamente e ormai anacronisticamente, sacrificandosi.

Ma non possiamo rimanere insensibili alla sua e alle voce dei tanti che in quell'abisso si sono perduti, donandoci insostituibili e immortali tracce per il cammino verso l'umano.

Il mithos che ci conteneva - panikkarianamente parlando - è perduto, morto con quel dio che Nietzsche ha deposto davanti a noi tutti.

Ma gli dei non sono morti.

Morti i monoteismi e i dualismi, si apre l'era cosmoteandrica, il dinamismo della trinità liberata da dogmi e dottrine; il ritmo dell'Essere ci ri-suscita la Vita.

 

In fondo è questo che tutti i personaggi raccontati da Francesco Roat ci testimoniano:

la terribile bellezza dell'essere partecipanti all'avventura della Vita.

 

15/12/2017 00:16:25
comments powered by Disqus
13.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Avevano un modo singolare di tenersi per mano. Francesca non aveva bisogno di stringerla attraverso il guanto perché entrambe accordavano la propria andatura in modo prefetto, un passo l’una, due passetti l’altra. Era un’espressione simbolica del loro legame, quel delicato sfiorarsi, in cui la più...
 
09.01.2018
Aydin (*)
LA CONGESTIONE E IL DESERTO Come le recenti alluvioni del Sud hanno dimostrato, la degradazione sta toccando livelli insostenibili. La drammatica esperienza statunitense: urbanesimo forzato, desertificazioni sempre più vaste, disoccupazione Se per tempi lunghi la perdurante rottura degli equilibri...
09.01.2018
Francesco Roat
Il muro del paradiso ‒ questo il titolo del testo colloquiale, scritto a quattro mani da Roberto Celada Ballanti e Marco Vannini, recentemente pubblicato da Lorenzo de’ Medici Press ‒ riprende un’immagine, tratta dalla letteratura mistica, di cui parla il Cusano illustrando ciò che egli chiama la porta...
 
05.01.2018
Elvio Bombonato
Dal portiere non c’era nessuno.C’era la luce sui poveri lettidisfatti. E sopra un tavolacciodormiva un ragazzacciobellissimo. Uscì dalle sue bracciaannuvolate, esitando, un gattino.SANDRO PENNA (“Poesie” 1927-38)La breve lirica, visiva (come sempre in Penna), esprime un contrasto...
28.12.2017
Marco Preve (*)
Gilberto Caldarozzi, 3 anni e 8 mesi per i falsi del G8, è il numero 2 della Dia. Per i giudici ha "gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero"24 dicembre 2017Più che la rabbia della vittima c’è il senso di sconfitta del cittadino di fronte al Potere, negli occhi di uno degli ex ragazzi...
 
27.12.2017
Cengiz Tomar
Questo è un piccolo regalo che facciamo alla figlia di un illustre medico di Istanbul da poco incarcerata in attesa di giudizio. La ricordiamo solo per iniziali, anche se “chi di dovere”, anche solo con le iniziali, sa benissimo risalire alla destinataria dell’intervento. L. C. è una valente turca laureata...
25.12.2017
Rosmina Raiteri
"Nostra patria è il mondo intero e nostra legge è la libertà" E' il titolo di un vecchio canto anarchico a cui si sono ispirati alcuni incontri di continuazione e sviluppo della Campagna Ero straniero. Si è conclusa a fine ottobre la raccolta firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare...
 
22.12.2017
Nuccio Lodato
Accade talvolta -o più verosimilmente, anzi, spesso: l'inverno del nostro scontento...- che in pochi giorni si faccia raccolta di parecchie cose (magari tra le più disparate) che abbiano il potere di irritarci. Forse il modo migliore di farci i conti può essere quello di buttarle fuori scrivendone....
15.12.2017
Patrizia Gioia
Il nuovo libro di Francesco Roat - Mimesis/Filosofie Tutti parlano, nessuno mi sente cantare: Oh, se imparaste da me il silenzio !” Chi può dichiarare al mondo intero che Dio è morto, se non colui che Dio l'ha incontrato, vissuto...
 
14.12.2017
Francesco Roat
Francesco Roat Il libro intitolato Cifre della trascendenza (Fazi Editore) raccoglie le ultime lezioni tenute, nel semestre estivo del 1961 presso l’Università di Heidelberg, da Karl Jaspers sul rapporto tra filosofia e religione vista quale dimensione/prospettiva del trascendente, essendo rivolta ‒...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
Giovedì 18 ore 19.00 presso Associazione Cultura e Sviluppo Piazza Fabrizio De Andrè 76, Alessandria Potevano...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
da venerdì 21 dicembre alle ore 18 (inaugurazione) e fino al 30 gennaio 2018 presso i locali della Biblioteca...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Martedì 16 gennaio 2018 ore 18,15. al MOSCARDO, via Volturno 20, Alessandria . Presentazione del libro...
Italia Nostra Alessandria organizza due gite nei mesi di gennaio e febbraio sabato 6 gennaio 2018, CASTELLO...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria STAGIONE 2017-2018 IN PRIMA USCITA NAZIONALE L’ATTESISSIMO...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.