Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
John Shelby Spong e il suo “Vita eterna: una nuova visione”
Francesco Roat
    

Il titolo del saggio del teologo statunitense John Shelby Spong ‒ Vita eterna: una nuova visione (Gabrielli editori) ‒ potrà apparire assai discutibile per i non credenti, solitamente a disagio con i termini metafisici; ma credo il sottotitolo possa risultare meno problematico anche per loro, giacché precisa che la suddetta inedita “visione” intende procedere: Oltre la religione, il teismo, il cielo e l’inferno. Questa è infatti la novità proposta dal pur sedicente cristiano Spong: prendere le distanze risolutamente/definitivamente da concezioni tradizionali quali, ad esempio, l’idea di una divinità soprannaturale e personale “che ricompensa e punisceˮ nell’aldilà, la fede nei miracoli operati dal Cristo, il credere che Dio abbia preteso il sacrificio del proprio figlio unigenito per redimere l’umanità o il ritenere plausibile la resurrezione corporale di un defunto, che, a detta dei vangeli: “tre giorni dopo la sua crocefissione, camminava letteralmente e fisicamente fuori dalla sua tomba, con il segno dei chiodi sulle mani e sui piedi ancora intattoˮ.

Tali credenze ‒ secondo il nostro teologo ‒ oggi non sono più sostenibili ed il cristianesimo, se vuole avere un futuro, non può seguitare ad essere “l’irrilevante spettacolo religiosoˮ a cui sembra sia stato ridotto da conservatori e bigotti. Bisogna insomma, leggiamo nel saggio, farla finita una volta per tutte con una religiosità “infantileˮ e constatare che il dio del teismo è morto, come ebbe a dire Nietzsche già nel XIX secolo. A onor del vero, va tuttavia sottolineato come molti dei rilievi critici di Spong siano stati espressi durante il Novecento da teologi illuminati come Bultmann ‒ il quale parlava delle Scritture come di una mitologia da demitizzare ‒, come Tillich ‒ per cui Dio era transpersonale fondamento di tutto l’essere ‒ o Bonhoeffer ‒ che auspicava l’avvento di una cristianità areligiosa.

La domanda basilare che si/ci pone Spong è la seguente: “Quali aspetti della vita umana sono stati definiti usando la parola «Dio»? Se infatti tale immagine metaforica, tale cifra allusiva ha ancora un senso, va ricondotta all’interno della vita e di tutto ciò che esiste e non al di fuori di essi: in qualche inconcepibile oltre-mondo. In tale ottica Dio potrebbe venire concepito non come un’entità superiore, “bensì come un processo che ci attira dentro l’essere, non come una persona ma come il processo che invera la personalità nell’essereˮ. E forse quanto è stato chiamato ambito divino o sacro, altro non è che ciò in cui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo, per dirla con un’espressione tratta dagli Atti degli Apostoli.

Dio inoltre, secondo Spong, sarebbe presente ovvero si darebbe: “ogni volta che una persona trascende i confini umani e vede un quadro di unità, non di separazione”. Panteismo (tutto è Dio), allora, o forse panenteismo (tutto è in Dio)? Il nostro teologo non ama la semplificazione attraverso formule filosofiche di comodo; anzi è convinto che: “Nessuna parola umana, antica o moderna, può esprimere la verità definitiva”, e rifugge dalla tentazione di assolutizzare il suo discorso che, semmai, fa riferimento a ciò che Tillich chiamava l’Eterno presente, oppure ai mistici, i quali, parlando di Dio accennano a una realtà senza tempo. I mistici, da sempre guardati con sospetto da ogni Chiesa perché eterodossi, anticonformisti e poeti nel trattare a modo loro di spiritualità.

E così veniamo al tema cruciale del saggio, all’idea di eternità quale metamorfosi e perenne permanere atemporale nell’essere da parte dell’esistente. Paroloni, diranno in molti. Però è giusto attraverso il linguaggio che da sempre l’uomo ha cercato di dar voce alle proprie intuizioni ed emozioni profonde, seppure paradossalmente indicibili. È il tentativo che fa Spong, pur consapevole che ogni umano conoscere è limitato appunto dal nostro linguaggio e dalla nostra configurazione mentale; anche se egli avverte come la vita esprima un’eccedenza di senso generatrice di stupore, meraviglia e gratitudine: per avere appunto ricevuto gratis l’esistenza. In conclusione, mi sia consentito lasciar la parola al nostro teologo e al suo tentativo di articolare un discorso in merito a ciò che egli intende con l’espressione vita eterna.

“La ricerca umana della vita dopo la morte non si basa quindi in alcun modo sulla pretesa che la mia vita o quella di chiunque altro sia immortale; si fonda su una nuova consapevolezza che la vita umana autocosciente condivide l’eternità di Dio e che, nella misura in cui sono in comunione con quella forza vitale in perpetua espansione, quella potenza d’amore che arricchisce la vita e quell’inesauribile Fondamento dell’essere, io vivrò, amerò e sarò parte di ciò che Dio è, non vincolato dalla mia mortalità ma dall’eternità di Dioˮ.

05/02/2018 19:53:21
comments powered by Disqus
17.02.2018
Nuccio Lodato
All'indimenticabile memoria di ZEUS, Gatto Nero incomparabile e insuperato [e al Micio Ignoto...
 
16.02.2018
Francesco Roat
1843, Tübingen, Germania. In una stanza (chiamata la torre per la sua architettura) di casa Zimmer, dove è ospitato/accudito da oltre tre decenni, Hölderlin riceve gli ultimi, devoti visitatori cui regala brevi composizioni scritte di getto. Sono le cosiddette poesie della torre: estremi lasciti/lacerti...
05.02.2018
Francesco Roat
Il titolo del saggio del teologo statunitense John Shelby Spong ‒ Vita eterna: una nuova visione (Gabrielli editori) ‒ potrà apparire assai discutibile per i non credenti, solitamente a disagio con i termini metafisici; ma credo il sottotitolo possa risultare meno problematico anche per loro, giacché...
 
04.02.2018
Patrizia Gioia
Le due Mostre alla Pirelli Hangar Bicocca di Milano Non è forse un caso che queste due installazioni alla Pirelli Hangar Bicocca di Milano siano una accanto all'altra, separate solo da una tenda nera, come a lasciar intendere che tutto è relazione, che noi siamo tempo e spazio in un passato e futuro...
28.01.2018
Patrizia Gioia
In questi giorni dove la Memoria ha un ruolo centrale - che dovrebbe naturalmente avere ogni giorno - leggendo il libro da poco uscito che Edgarda Ferri ha scritto sulla vita di Etty Hillesum (ma per incontrare Etty non dimenticate di leggere i suoi diari ) mi sono ritrovata nuovamente davanti all'imponente...
 
27.01.2018
Elvio Bombonato
Mi dici: è faticoso frequentare i bambini. Hai ragione. Aggiungi: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, scendere, piegarsi, farsi piccoli. Ti sbagli. Non è questo l’aspetto più faticoso. E’ piuttosto il fatto di essere costretti a elevarsi fino all’altezza dei loro sentimenti. Di...
27.01.2018
Patrizia Gioia
Allo Spazio Oberdan terminato ieri "Viaggio in Italia con il cinema tunisino". ​Ieri sono stata alla serata finale che Mohamed Challouf ha sapientemente organizzato e condotto allo Spazio Oberdan sul dialogo tra cinema tunisino e italiano, con il sostegno della nostra Fondazione Arbor. Ho potuto vedere...
 
25.01.2018
Elvio Bombonato
Il vuoto e poi ti svegli e c'è un mondo intero intorno a te ti hanno iscritto a un gioco grande se non comprendi se fai domande Chi ti risponde ti dice: è presto quando sarai grande allora saprai tutto... Saprai perché, saprai perché quando sarai grande saprai perché... E...
22.01.2018
Francesco Roat
La verità nascosta ‒ il titolo del saggio scritto dallo psicoanalista Piero Ferrero (pubblicato dalle Edizioni Erickson) ‒ rimanda ad un’antica leggenda indù che narra come gli dei, dopo aver scartato l’ipotesi di celare la potenza divina sul monte più elevato, nella massima profondità della terra...
 
13.01.2018
Marina Elettra Maranetto
Avevano un modo singolare di tenersi per mano. Francesca non aveva bisogno di stringerla attraverso il guanto perché entrambe accordavano la propria andatura in modo prefetto, un passo l’una, due passetti l’altra. Era un’espressione simbolica del loro legame, quel delicato sfiorarsi, in cui la più...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"La riunione del Comitato di...
Le 23 organizzazioni promotrici dell’appello “Mai più fascismi” hanno indetto la manifestazione nazionale...
lunedì 26 febbraio ore 17,30 – 19,00 presso Associazione Cultura e Sviluppo piazza Fabrizio De André,...
22 febbraio a partire dalle ore 21 presso la Taglieria del pelo (via Wagner, 38) ad Alessandria. serata...
Martedì 27 febbraio 2018 alle ore 17.30 Palazzo Comunale – Sala Consiglio, Alessandria, Piazza Libertà...
SETTIMANA DAL 20 al 27 febbraioMercoledì 21 febbraio ore 17.30ALESSANDRIA Casa di quartiere via Verona...
Sabato 24 febbraio alle 17.00 alla Taglieria del Pelo di Alessandria, si terrà l'assemblea pubblica convocata...
Venerdì 23 febbraio 2018, ore 21.00 Presso l’Associazione Culturale Sin.tonia Piazza D’Annunzio 1 Alessandria incontro...
La precarietà non è solo più una condizione lavorativa, ma si è trasformata nel presente in cui viviamo;...
Venerdì 23 Febbraio alle ore 19,presso l'Isola ritrovata via Santa Maria di Castello aperitivo conviviale...
sabato 17 marzo 2018 Italia Nostra Sezione Alessandria organizza gita a Milano, per la visita alla...
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
L’Associazione BlogAL con il contributo della Fondazione SociAL, in collaborazione con La Compagnia Gli...
Il due volte Premio Oscar ”Manchester by the sea” mercoledì 21 ...
Programma Proiezioni Dal 23 al 27 Cinema Macallè - Alessandria, Castelceriolo Martedì 20 Febbraio...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.