Teatro Sociale di Valenza – stagione “Apre” ottobre-novembre-dicembre 2020

OTTOBRE, NOVEMBRE, DICEMBRE 2020

con il sostegno di:

 

Programmare una nuova stagione teatrale in questo particolare momento potrebbe sembrare una scelta azzardata, rischiosa.

Noi, invece, insieme con la Società CMC, che ha in gestione il Teatro Sociale di Valenza, la crediamo una scelta non solo coraggiosa ma necessaria.

Necessaria soprattutto per una città, come Valenza, che fa della creatività artistica la sua ragion d’essere conosciuta nel mondo. Una creatività che deve essere continuamente stimolata anche in periodi difficili come quello attuale.

Per questo non possiamo non applaudire al Teatro Sociale di Valenza che riAPRE – con l’attenzione a tutte le regole del momento – e che torna ad offrire al territorio un variegato programma di qualità.

Luca Rossi

Vice Sindaco del Comune di Valenza

Alessia Zaio

Assessore ai Beni Culturali del Comune di Valenza

In Piemonte lo spettacolo dal vivo non si ferma e riapre i suoi teatri: è il caso di APRE 2020 la stagione multidisciplinare del Teatro Sociale di Valenza.

La Fondazione Piemonte dal Vivo si è prodigata insieme agli organizzatori per l’allestimento di una stagione teatrale, in virtù di una relazione progettuale rinnovata con reciproca convinzione.

Piemonte dal Vivo, circuito regionale multidisciplinare, che da anni collabora con il Teatro Sociale mette a disposizione tutti gli strumenti necessari affinché lo spettacolo dal vivo possa essere ancora una volta un volano per la crescita del territorio ed un dono per la comunità di appartenenza.

La sofferta chiusura dei mesi appena trascorsi, ha creato non pochi problemi al settore dello spettacolo e ci vorrà tempo per guarire tutte le ferite ma l’entusiasmo e la voglia di costruire registrati in questo periodo lasciano sperare in una ripresa solida ed autentica.

Siamo dunque felici di poter garantire nuovamente la realizzazione di un cartellone di chiaro valore culturale e confidiamo di poter assolvere al nostro ruolo di cerniera tra artisti e pubblico, rendendo possibili le condizioni per la celebrazione del rito teatrale pur nel contesto complesso in cui ci troviamo.

APRE 2020 sarà certamente una ricchezza per tutti i cittadini che avranno voglia di unirsi al cammino di artisti e organizzatori.

Matteo Negrin

Direttore

Fondazione Piemonte dal Vivo

Il motto del Barone De Coubertin (“L’importante non è vincere ma partecipare”) non mi trovava d’accordo, ora ho cambiato idea, perché in realtà abbiamo già vinto. Adesso vogliamo partecipare. Partecipare nell’accezione del termine, creando contatti, creando rete, creando occasioni, creando interazione con la città, generando progetti, conoscenza, attraverso una forma di cultura, la musica, e nello specifico attraverso una delle forme musicali, il jazz.

A ben vedere, il jazz mette insieme persone di diversa religione, di diversa etnia, di diverso colore della pelle, di diversi costumi, perché è un linguaggio che travalica questi confini, unico ed automaticamente comprensibile anche se le persone sul palco non parlano la stessa lingua.

La musica fa dimenticare l’odio razziale o religioso che sia.

Ed è in nome di questo linguaggio che vogliamo partecipare, portando a Valenza, in questo meraviglioso teatro, che non per nulla è un “teatro all’italiana” perché la progenitura è senza dubbio italiana, gli artisti internazionali ed italiani più rappresentativi del linguaggio universale del jazz.

Lucio Milano

Presidente Ass. Amici del Jazz Valenza

OTTOBRE, NOVEMBRE, DICEMBRE 2020

Il teatro è il luogo dove è nata l’idea di comunità, di condivisione, di socialità. Così per noi non è stato facile approcciare ad una stagione senza precedenti, dove è necessario tenere le distanze sociali e riannodare i fili di discorsi interrotti.

Dopo l’iniziale smarrimento abbiamo trovato stimoli ancora maggiori per affermare la necessità di ritrovarci in un luogo centrale per la comunità dove nuovamente condividere incontro, dialogo, svago e confronto in un coacervo di linguaggi tra teatro, musica, cinema, attività pedagogiche.

Questo è APRE 2020, questa è la programmazione che ci accompagna in uno scorcio di anno, certo difficile, ma dove entusiasmo e passione non vengono certamente meno.

Il programma intende miscelare molti elementi, nella coerenza con il progetto complessivo: la valorizzazione di temi e individualità del territorio, i grandi attori di cinema e tv, le migliori compagnie di ultima generazione, virate di nuova drammaturgia e clownerie, nuove visioni e attività laboratoriali per ogni età. Ovviamente c’è anche il jazz, solidissima tradizione locale, che ci accompagna con interpreti di respiro internazionale.

Ri-apriamo le porte del Teatro e del Cinema di Valenza con entusiasmo e con attenzione a tutte le regole, ma anche con tanta voglia di ri-approriarci del nostro tempo e della nostra comunità.

Valenza Teatro APRE e tu cosa fai ancora a casa?

Roberto Tarasco

Direttore artistico Teatro Sociale di Valenza

Angelo Giacobbe

Direttore organizzativo Teatro Sociale di Valenza

programma:

venerdì 30 ottobre 2020

Francesca Reggiani, Massimo Olcese,

Francesco Leineri

SOUVENIR La Fantasiosa vita di Florence Foster Jenkins

di Stephen Temperley, traduzione Edoardo Erba, regia Roberto Tarasco

sabato 14 novembre 2020

Gianmarco Busetto

9841/ RUKELI

regia Enrico Tavella / Gianmarco Busetto

nell’ambito della rassegna Concentrica

venerdì 20 novembre 2020

Massimo Cotto, Mauro Ermanno Giovanardi,

Chiara Buratti, Francesco Santalucia

DECAMEROCK

di Massimo Cotto, regia Roberto Tarasco

sabato 21 novembre 2020

TESSAROLLO, TAVOLAZZI, ZIRILLI TRIO

Luigi Tessarollo, chitarra

Ares Tavolazzi, contrabbasso

Enzo Zirilli, batteria

a cura dell’associazione Amici del jazz di Valenza

sabato 5 dicembre 2020

Silvia Bisio, Laura Gualtieri, Emiliana Illiani,

Laura Marchegiani, Daniela Tusa

L’AMORE CAPOVOLTO quattro donne, una madre, un addio, un ritorno

scritto e diretto da Daniel Gol

domenica 13 dicembre 2020

IX PREMIO INTERNAZIONALE VALENZA JAZZ 2020

a cura dell’associazione Amici del jazz di Valenza

sabato 19 dicembre 2020

Trio Trioche

TROPPE ARIE

di Rita Pelusio, Silvia Laniado, Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri

consulenza artistica e musicale Luca Domenicali

nell’ambito della rassegna Concentrica

venerdì 30 ottobre 2020

Francesca Reggiani

Massimo Olcese

Francesco Leineri

Souvenir

La Fantasiosa vita di Florence Foster Jenkins

di Stephen Temperley

traduzione Edoardo Erba

regia Roberto Tarasco

produzione Infinito Teatro

co-produzione Argot Produzioni

Una commedia esilarante, irresistibile in equilibrio fra talento e passione.

Ispirata alla vera Florence Foster Jenkins, la commedia racconta della ricca signora dell’alta società newyorkese, anima di un circolo di amanti di bel canto, che nel 1944 si esibì al Carnegie Hall la più importante sala da concerto di New York, un tempio della musica classica.

Un concerto così atteso che i biglietti vennero esauriti con settimane di anticipo.

Florence era famosa per la completa mancanza di doti canore: il senso del ritmo le era totalmente estraneo e concepiva intonazioni assolutamente bizzarre.

In arte la passione, se brutalmente sincera, trasforma in capolavoro anche un’esibizione disastrosa.

Il 25 ottobre 1944 il suo “talento” divenne di dominio pubblico: ecco cosa accadde…

Alla vicenda si ispira il film biografico Florence, diretto da Stephen Frears nel 2016 e interpretato da Meryl Streep, Hugh Grant e Simon Helberg, che ha raccolto svariati riconoscimenti e nomination agli Oscar e ai Golden Globe.

sabato 14 novembre 2020

Gianmarco Busetto

9841/Rukeli

di Gianmarco Busetto

suoni Enrico Tavella

luci Leonardo Fol / Giorgia Cabianca

regia tecnica / Marco Duse

graphic project Marina Renzi

regia Enrico Tavella / Gianmarco Busetto

produzione Farmacia Zoo:È

nell’ambito della rassegna Concentrica

In un tranquillo angolo del Viktoria Park a Berlino si può ammirare uno strano monumento: ha la forma di un ring, la cui base è vertiginosamente inclinata in una direzione.

Il nome di quell’opera, frutto del talento creativo di Alekos Hofsetter è semplicemente “9841” il codice d’immatricolazione con il quale, nel campo di concentramento di Neungamme nel 1943, i nazisti registrarono il pugile, di origine Sinti, Johann Trollmann, detto “Rukeli”.

La vicenda sportiva di Rukeli, considerato dagli esperti uno dei più grandi pugili di tutti i tempi, precursore del moderno modo di fare boxe, non può prescindere da quella umana. La sua storia, pur con il suo carico di dolore, di discriminazione e d’ingiustizia, resta una delle più affascinanti e meno raccontate del periodo storico che vide imperversare in tutta Europa il nazismo.

Uno spettacolo che, attraverso il racconto di una vita, al contempo drammatica e straordinaria, invita a un’attenta riflessione sulle moderne forme di razzismo e di pregiudizio e sul rapporto che lega, oggi, l’essere umano ai concetti di dignità e diversità.

9841/Rukeli ha vinto il Roma Fringe Festival 2016, il Premio Rostagno dell’Accademia dell’Antimafia e dei Diritti 2019; è stato indicato come Miglior spettacolo, Miglior regia, Miglior attore, Miglior spettacolo Giuria Popolare, Miglior spettacolo, Miglior attore al San Diego International Fringe Festival.

venerdì 20 novembre 2020

Massimo Cotto,

Mauro Ermanno Giovanardi,

Chiara Buratti,

Francesco Santalucia

Decamerock

di Massimo Cotto

regia Roberto Tarasco

produzione Nidodiragno/CMC – G.RO di Romeo Grosso

Il questo nuovo progetto Massimo Cotto, giornalista e voce nota di Virgin Radio, esplora mondi, personaggi, disastri dell’universo maledetto del rock trovando un perfetto compagno di ventura in Mauro Ermanno Giovanardi, ex voce dei La Crus e figura di riferimento nel mondo pop-rock. Con loro in scena l’attrice e conduttrice televisiva Chiara Buratti e Francesco Santalucia, giovane e affermatissimo compositore e polistrumentista.

Il filo conduttore dello spettacolo porta ad una donna misteriosa vera musa ispiratrice della piece, attraverso storie, fantasmi e canzoni: vicende rock, molto nere, ma capaci di raccontarci talenti ed umanità straordinarie ed universali.

Sono tracce di vite maledette e affascinanti. storie di fortune e sconfitte, tragedie e amori, rivolte e omicidi, rovinose cadute e incredibili resurrezioni, passioni sregolate e altri eccessi. Da Nicolò Paganini a Piero Ciampi, da Brian Jones a Nick Drake fino ad eroi sportivi come Ezio Vendrame con digressioni letterarie da Hemingway di Festa Mobile a Melville ed il suo Moby Dick.

Decamerock. Ribellioni, amori, eccessi dal lato oscuro della musica è il libro pubblicato da Marsilio che raccoglie centouno storie rock: storie mai raccontate si affiancano a episodi epici perché «il rock racconta e si racconta non solo nelle canzoni, nelle trame e nei personaggi, ma anche attraverso le parole delle rockstar quando sono lontane dal palco».

sabato 21 novembre 2020

Tessarollo, Tavolazzi, Zirilli Trio

Luigi Tessarollo, chitarra

Ares Tavolazzi, contrabbasso

Enzo Zirilli, batteria

a cura dell’associazione

Amici del jazz di Valenza

Il chitarrista Luigi Tessarollo è una figura di spicco nel panorama jazz nazionale, ha tenuto concerti a New York e Boston, in molti Jazz Festival internazionali e nei più prestigiosi Festival Jazz italiani.

Questa volta si esibisce per la platea valenzana con il contrabbassista Ares Tavolazzi, già con gli Area e accompagnatore di molte stelle della musica italiana, e con il batterista Enzo Zirilli, che ha al suo attivo una serie sterminata di collaborazioni nazionali ed internazionali, dall’ambito pop a quello jazz.

Per questo concerto Tessarollo unisce due sue dimensioni artistiche: quella di arrangiatore di brani Italiani, esperienza sfociata nella produzione dell’Italian Standards Trio e del CD con Mattia Cigalini Italian Melodies in Jazz, e quella di compositore che ha concretizzato con la pubblicazione su cd di circa 80 sue composizioni e rielaborazioni originali.

Il set del live di Valenza sarà diviso in una prima parte di note melodie italiane arrangiate in chiave squisitamente jazzistica e composizioni scelte tra la vasta produzione di Luigi Tessarollo: un repertorio vario e accattivante che conquisterà il pubblico.

sabato 5 dicembre 2020

Silvia Bisio,

Laura Gualtieri,

Emiliana Illiani,

Laura Marchegiani,

Daniela Tusa

L’amore capovolto

quattro donne, una madre,

un addio, un ritorno

scritto e diretto da Daniel Gol

produzione Teatro Distinto

Quattro figlie, quattro lingue diverse, una madre che comunica la propria morte in un congedo netto, quasi beffardo. Un annuncio che segna il passaggio tra un prima e un interminabile dopo, tra il quotidiano e l’eterno, tra la presenza e l’assenza.

Poche parole danno inizio ad una ritualità ricca di simbologie ebraiche, appartenente al mondo dell’autore/regista.

I riti della collettività si traducono in atto teatrale, mediante gesti, azioni, danze geometriche ineccepibili per attraversare l’esperienza della perdita.

Lungo un grande tavolo bianco, luogo di incontro della famiglia, l’addio si dipana in azioni ironiche, crude, apparentemente prive di sentimento, dove una coralità matematica declina le sfumature del distacco.

Eppure l’essenza di chi si congeda resta nell’aria, nei giochi indelebili, nel modo di sentire e nell’eco che risuona attraverso il respiro di chi resta.

Ne “L’amore capovolto” neppure la sepoltura è poi così definiva, è possibile contrattare ancora qualche minuto insieme per rivedere, ribaltare e gridare con coraggio le ferite mai risolte.

Il prima e il dopo, il possibile e l’impossibile, fare bene e fare male non sono poi così distanti; fuori dal tempo e dall’idealizzazione, l’amore più profondo è sempre capovolto.

domenica 13 dicembre 2020

IX Premio Internazionale Valenza Jazz 2020

a cura dell’associazione Amici del jazz di Valenza

Il Premio Valenza Jazz è arrivato alla nona edizione, ottenendo un significativo rilievo nel settore jazzistico nazionale.

La Commissione Artistica, negli anni passati, ha assegnato il premio a valenti musicisti, conosciuti nel panorama internazionale del jazz, consacrandone l’arte e il prestigio.

In particolare ha scelto nel 2012 Dado Moroni, nel 2013 Fabrizio Bosso, nel 2014 Paolo Fresu, nel 2015 Gegè Telesforo, nel 2016 Rossano Sportiello, nel 2017 Stefano Bagnoli. Nel 2018 il riconoscimento è andato al sassofonista americano Scott Hamilton e nel 2019 al fenomenale organista inglese Brian Auser, amato anche nel mondo rock e pop.

Anche quest’anno il premio verrà consegnato nella serata speciale del 13 dicembre al Teatro Sociale di Valenza con il concerto nel quale si esibirà l’artista premiato.

Il premio consiste in un oggetto espressione dell’arte orafa valenzana.

La serata sarà, anche, l’occasione per ascoltare il concerto di una formazione speciale, la “Three Generation Orchestra”, composta da tre generazioni di musicisti, dai 16 agli 82 anni, insieme a due jazzisti della città di Valenza.

sabato 19 dicembre 2020

Trio Trioche

Troppe Arie

di Rita Pelusio, Silvia Laniado,

Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri

con Franca Pampaloni pianoforte,

Nicanor Cancellieri flauto traverso,

Irene Geninatti Chiolero soprano lirico

consulenza artistica e musicale Luca Domenicali

produzione PEM Habitat Teatrali

nell’ambito della rassegna Concentrica

Una vecchia zia, dal glorioso passato nella musica, gira i palchi dei teatri di tutto il mondo in coppia con il Nipote, talento in erba.

Quindi è un duo?

No, perché c’è anche Norma, la giovane Badante della vecchia zia, che li travolge con la sua passione per la lirica costringendoli ad abbandonare il repertorio classico.

Le arie d’opera più famose vengono interpretate in modo bizzarro e divertente, accompagnate dal pianoforte, dal flauto e dai mille oggetti che Norma s’inventerà di suonare.

Tra musica classica e virtuosismi, gioco di ritmi e gags, Troppe Arie coinvolge il pubblico con tutta la sua potenza di spettacolo clownesco.

L’improbabile trio nato dall’esigenza di utilizzare un linguaggio in cui si fondono il teatro fisico, il clown e il virtuosismo vocale e strumentale.

E’ interpretato da tre veterani del concerto comico, Franca Pampaloni al pianoforte, Nicanor Cancellieri al flauto traverso e Irene Geninatti Chiolero soprano lirico.

OTTOBRE, NOVEMBRE, DICEMBRE 2020

spettacoli & concerti inizio ore 21.00 / Indispensabile prenotazione 0131.920154

INGRESSI interi 15€ / 10€ – Ridotti 12€ / 8€

ESSELUNGA, coupon Fidaty valore 12€ PREMIO VALENZA JAZZ 20€

CARD JAZZ&TEATRO 60 €

sostegno al VTSC + ingresso a 5 spettacoli & 2 concerti

CARD TEATRO 40 €

sostegno al VTSC + ingresso a 5 spettacoli

Prevendita da martedì 13 ottobre 2020 dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00 sabato dalle 10.00 alle 12.30

Prenotazione Indispensabile

Teatro Sociale di Valenza, corso Garibaldi 58 tel. 0131.920154 – 324.0838829 biglietteria@valenzateatro.it www.valenzateatro.it

follow us Facebook/Instagram Teatro Sociale di Valenza

direzione artistica Roberto Tarasco organizzazione Angelo Giacobbe /Coop CMC coordinamento Marta Cazzulo con il supporto di Associazione Spring Up

partner artistici: Associazione Amici del Jazz, Concentrica, Teatro della Caduta, Associazione Valenza Teatro Social Club

partner tecnici: Esselunga, Radio Gold

con il sostegno di: Città di Valenza Fondazione Piemonte dal vivo Regione Piemonte MIBACT

con il supporto di

Torna SabatoPomeriggioTeatro&CinemainFamiglia, la doppia proposta dedicata ai più piccoli: ogni sabato pomeriggio – da novembre a dicembre 20206 appuntamenti di cinema & teatro sono proposti a tutte le famiglie per intrattenere e divertire, alternando film noti di recente uscita e spettacoli dal vivo selezionati tra le realtà più interessanti del panorama italiano per l’infanzia.

La programmazione teatrale, proposta in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo e TRG-Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, intende ripercorrere l’obiettivo perseguito dal Teatro di Valenza anche nelle scorse stagioni: ovvero aprire le porte al pubblico più giovane, offrendo una occasione ulteriore di conoscenza, stimolo alla curiosità e divertimento.

E il cinema? Tante le pellicole di recente uscita presentate anche in questa stagione come appuntamento del sabato pomeriggio in famiglia: due le proiezioni nella stessa giornata, la prima alle ore 15.30 e la seconda alle ore 17.30.

Rinnovata, ancora, la collaborazione con NOVACOOP di Valenza che, per gli spettacoli del sabato pomeriggio, ci consente di proporre ai bambini la merenda, una ulteriore occasione di condivisione e festa in teatro.

sabato 7 novembre Francesco Giorda in

LA PIRAMIDE INVISIBILE. ALLA SCOPERTA DELL’ANTICO EGITTO

sabato 14 novembre ME CONTRO TE – LA VENDETTA DEL SIGNOR S
sabato 21 novembre DOLITTLE

sabato 28 novembre Raffaele Lello Pecoraro & Monica Massone in

EQUILIBRI DI UN CLOWN

sabato 5 dicembre TROLLS WORLD TOUR
sabato 12 dicembre ONWARD – OLTRE LA MAGIA

SPETTACOLI ORE 16.30 – FILM ORE 15.30 & 17.30

INGRESSI TEATRO&CINEMA: 6€; dal quarto componente della stessa famiglia: 3€

merenda offerta all’uscita dal teatro

Indispensabile prenotazione 0131.920154

sabato 7 novembre 2020

Francesco Giorda in

LA PIRAMIDE INVISIBILE.

Alla scoperta dell’antico Egitto

Fondazione TRG – Teatro della Caduta

Un gioco-spettacolo interattivo e inedito ogni volta. Una grande mappa interattiva, 51 carte-gioco e un bizzarro e divertente archeologo per non perdere la bussola e scoprire una delle più grandi civiltà della storia.

sabato 14 novembre 2020

ME CONTRO TE – LA VENDETTA DEL SIGNOR S

Warner Bros. Entertainment Italia, Colorado Film, Rainbow, Me Contro Te Production

Luì e Sofì, ormai famosissimi con gli sketch di “Me contro te”, alle prese con le cattiverie del Signor S e del Professor Cattivius per la conquista dell’ambito premio Like Award.

sabato 21 novembre 2020

DOLITTLE

Perfect World Pictures, Team Downey, Universal Pictures

Robert Downey Jr e Antonio Banderas nella storia del Dottor Dolittle, un celebre ed eccentrico veterinario dell’età vittoriana che scopre di saper parlare agli animali.

sabato 28 novembre 2020

Raffaele Lello Pecoraro &

Monica Massone in

EQUILIBRI DI UN CLOWN

Produzione Quizzy Teatro

L’arte circense arriva in teatro: clownerie, giocoleria, equilibrismo e tante risate. Con la complicità del pubblico, chiamato anch’esso a fare la sua parte.

sabato 5 dicembre 2020

TROLLS WORLD TOUR

DreamWorks Animation

Sequel del film del 2016 Trolls con le voci delle cantanti Francesca Michielin e Elodie.

sabato 12 dicembre 2020

ONWARD- OLTRE LA MAGIA

Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

Sabrina Ferilli e Fabio Volo danno le voci agli elfi di un mondo fantastico, che deve riscoprire l’uso della magia.

SCUOLATEATRO&CINEMA

ottobre/dicembre 2020

Nell’ottica di proseguire fattivamente la collaborazione con il territorio intendiamo coinvolgere gli istituti scolastici di Valenza e zone limitrofe con cui si è stabilito un dialogo costante in questi anni. Nelle passate stagioni è stato possibile interessare una ampia fascia anagrafica, dalle scuole materne alle superiori, con una ricca proposta di spettacoli teatrali e proiezioni cinematografiche programmati al mattino in orario scolastico, da ottobre a maggio e che ha avvicinato molti giovani spettatori.

L’intenzione è quella di ripetere questa positiva esperienza.

Verranno coinvolti i plessi scolastici di:

INFANZIA

PRIMARIA 1° CICLO & 2° CICLO

SECONDARIA 1° GRADO

SECONDARIA 2° GRADO

In collaborazione con TRG/Piemonte dal Vivo intendiamo programmare spettacoli teatrali per i diversi corsi scolastici.

Verranno, inoltre, proposte proiezioni di film per gli studenti che toccheranno temi di attualità o legati comunque al programma scolastico.

Come consuetudine, inoltre, avremo piacere di ospitare i saggi scolastici. Momenti che vedranno gli stessi allievi protagonisti portando in scena svariati linguaggi dal teatro alla musica, alla danza.

La programmazione di Valenza Movie si riconferma nella sua veste rinnovata, con una selezione di film di ultima uscita, alternando titoli italiani e internazionali.

Si può dire che ormai la sala cinematografica sia un appuntamento fisso del mercoledì sera per il pubblico valenzano con proposte all’insegna delle novità e dei grandi titoli.

6 nuove visioni nei mesi di ottobre e novembre

 

Mercoledì 21 ottobre – ore 21

SI MUORE SOLO DA VIVI

 

Mercoledì 28 ottobre – ore 21

VOLEVO NASCONDERMI

Mercoledì 4 novembre – ore 21

MISS MARX

Mercoledì 11 novembre – ore 21

BURRACO FATALE

Mercoledì 18 novembre – ore 21

GUIDA ROMANTICA AI POSTI PERDUTI

Mercoledì 25 novembre – ore 21

PADRENOSTRO

il programma prosegue tutti i mercoledì di dicembre

INGRESSI: 7 €

CINECARD: 5 ingressi a 20 € (con sostegno a VTSC)

Indispensabile prenotazione 0131.920154

corsi e seminari di tutti i tipi per fanciulli, giovani e meno giovani,

vieni a conoscere i docenti e prova a metterti in gioco,

la prima lezione è gratis

TEAtro POTenziale con Luca Zilovich
L’apprezzato corso di teatro per bambini e ragazzi: movimento, recitazione, mimica, giocoleria e un pizzico di magia.
TeaPot KIDS (dai 6 ai 12 anni): tutti i giovedì dalle 17 alle 18
TeaPot TEEN (dai 13 ai 17 anni): tutti i giovedì dalle 18 alle 19.30

Canto e formazione al MUSICAL con Monica Bursi
Tecniche di respirazione e postura, esercizi di rilassamento dei muscoli facciali , vocalizzi, studio e interpretazione, repertorio, basi del musical.

Dai 15 ai 99 anni, ogni sabato mattina, orario da concordare

GUITAR MAGIC WORLD con Antonino Salamone
La chitarra per avvicinarsi al mondo delle 7 note, lezioni individuali per neofiti e non, dai 7 ai 99 anni, ogni venerdì, orario da concordare

IL TEMPO E IL DESIDERIO a cura di Monica Massone

fare teatro per esprimere il proprio sé, dedicare tempo ai propri desideri

ogni martedì dalle 20.45 alle 23, dal 13 ottobre

SOUND DESIGNER – Tecnico del Suono con Fabio Coscia

Tecniche di amplificazione e manipolazione del suono finalizzate alla gestione di un evento live con un linguaggio semplice e accessibile.
7 lezioni, tutti i mercoledì, dalle ore 20.30 alle 22.30

L’iscrizione ai corsi prevede la sottoscrizione della tessera annuale ValenzaTeatroSocialClub di 10€.

Per iscrizioni: Marta Cazzulo formazione@valenzateatro.it

dal martedì al venerdì ore 16-19, sabato ore 10-12.30

Dopo tre fortunate edizioni, la direzione del Teatro Sociale, se ci saranno le condizioni, intende riproporre in primavera la quarta rassegna Morire dal ridere, un’occasione unica per la città di Valenza che si presenta nella sua rinnovata veste di format interdisciplinare grazie al quale sarà possibile incontrare linguaggi diversi ma legati da un appeal “leggero’” capace di coinvolgere e accontentare un pubblico trasversale.

Comicità e umorismo, laddove sono capaci di allontanarsi dalla semplificazione del tormentone televisivo o dalla banalizzazione dello stereotipo, sono linguaggi con regole, meccanismi e codici espressivi complessi che costituiscono un mezzo straordinario di relazione con il pubblico, in grado di aprire varchi di riflessione profonda sulla realtà contemporanea.

In quest’ottica stimolante ed anticonvenzionale, vorremmo che la prossima edizione della rassegna coinvolga tanti protagonisti che stanno definendosi.

Nelle intenzioni c’è di riproporre il contest stand up comedy; ma ci sarà spazio altresì per spettacoli corali di prosa leggera nonché altre “escursioni” tra umorismo e contenuti.

Allo studio, una collaborazione con il “ritrovato” Teatro Balbo di Canelli, gestito attualmente dalla compagnia Teatro degli Acerbi. L’idea è quella di mettere in rete territori della provincia piemontese, accumunati da destini comuni, al fine di ottimizzare risorse e creare dialoghi fecondi a beneficio delle rispettive comunità.

Valenza teatro social club è l’associazione nata nell’estate del 2014, con il fine di creare un gruppo di giovani che frequenti il teatro non solo da spettatore ma anche come protagonista, offrendo opportunità di crescita e di formazione.

L’associazione ha, inoltre, lo scopo di sostenere e promuovere l’attività del Teatro Sociale, affiancando la Coop. CMC nell’accoglienza del pubblico, nella cura e nella gestione quotidiana dei locali.

Questo impegno si è concretizza attraverso l’organizzazione di molteplici attività, quali corsi di teatro per bambini e adulti, avvicinamento alla musica, tecniche del suono, incontri focalizzati sulle specificità del territorio, dibattiti, concerti, ecc… che hanno coinvolto ogni anno un numero considerevole di utenti grazie anche alla collaborazione con le realtà locali.

Spring Up è una associazione no profit e apartitica, fondata da giovani valenzani, che si pone l’obiettivo di creare una comunità affezionata alla città, ideando e promuovendo attività ed eventi territoriali. L’impegno dell’associazione è basato su 3 principi fondanti: valorizzazione del territorio, sviluppo culturale, integrazione sociale.

Uno dei principi cardine di Spring Up è l’integrazione sociale. Sotto questi auspici è stata ideata la Spring Cup, torneo di calcetto che vede la partecipazione di squadre composte anche da richiedenti asilo. Non mancano momenti di convivialità perché l’integrazione – ne sono convinti i membri dell’associazione – passa attraverso il divertimento e a questa categoria appartengono gli Spring Up Party, serate volte allo svago e finalizzate all’autofinanziamento.

Durante il lockdown l’associazione ha rimodulato le proprie attività ideando nuovi format online come “Letture in tavernetta”, “Lezioni sul balcone” e “Spring Up the Music”, o gli aperitivi in streaming con dj set.

Tra le più riuscite iniziative dell’associazione si segnala “Food’n’Art” (giornata dedicata al cibo e a diverse forme artistiche), “Dibattiti flash” (serate di confronto a tema), e “Made in movie”, rassegna cinematografica all’aperto che quest’anno si è unita all’iniziativa estiva “L’Arena ripArte”, organizzata in collaborazione con Soc. Coop. CMC e patrocinata dal Comune di Valenza: oltre 30 appuntamenti di cinema, teatro, musica e altri fermenti artistici nello storico cortile Carducci.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*