Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no.
Michele Filiippo Fontefrancesco
 PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no.

 

Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese si riapre la stagione congressuale coinvolgendo circoli e federazioni del PD nell'elezione dei quadri locali e credendo che fare l'ennesimo punto della situazione sia tanto noioso a scriverlo quanto a leggerlo, mi permetto un grido: “il Re è nudo!”

In Italia a causa della caratteristica storia politica è mancato sin dal dopoguerra un forte partito di centrodestra liberale. Il vuoto è stato colmato parzialmente prima dalla DC. Dagli anni Ottanta i temi forti del neoliberismo di oltremanica e oltreoceano si sono insinuati, ma non in casa popolare. Il diritto al benessere è diventato verbo del mondo socialista di Craxi e da lì è confluito quindici anni più tardi nel DNA di Forza Italia. Il verbo del libero mercato, della ritirata dello Stato dalle politiche economiche, è invece stato parte del ragionamento che ha visto i veri suoi protagonisti negli esponenti di spicco dell'Ulivo. In particolare, il PdS (poi DS) è stato la forza politiche che organicamente dagli anni Novanta ha portato avanti un'agenda vicina ai temi neoliberali, seguendo (involontariamente?) il modello della Terza Via proposto da Blair in UK. Laddove le coalizioni di a guida Berlusconi hanno parlato di liberalismo, di pratica la nostra destra è stata da un punto di vista economico ben poco interessata a portare avanti nella pratica tali temi, vuoi per motivi di bottega, vuoi per l'alleanza organica con la Lega, da sempre partito protezionista. Nel Paese dei paradossi, quindi, la sinistra ha fatto la destra e la destra ha fatto... i fatti suoi.

Mettiamo in fila alcuni dati: taglio ai sindacati, riduzione dei diritti del lavoro, rafforzamento del potere delle aziende, tagli e rigori alla spesa pubblica, tagli all'articolazione dello Stato... Il PD è un partito che non solo sotto la guida di Renzi ha portato avanti politiche proprie di un partito liberale. Considerando l'importante lavoro fatto nel campo dei diritti alla persona, con fermezza e serenità possiamo concludere che il PD è un buon esempio di partito liberal-democratico. Si badi bene, non un partito di matrice popolare. Il PD non ha molto da spartire con l'Unione per il movimento popolare francese o i Cristiano democratici tedeschi, ma parla la lingua dei Libdem britannici, di "En Marche" francese e di altre realtà affini. Piccolo problema: sembra che il PD non lo sappia e ancora meno lo riescano a capire i suoi attivisti e i suoi elettori che continuano a parlare e teorizzare il futuro della sinistra, dei movimenti popolari, del primo maggio. Da qui la debolezza del PD, la sua interna schizofrenia.

Volendo, però, cercare ancora quali sono le idee che descrivono storicamente un partito di sinistra possiamo identificarne alcuni: il primato del tema dei diritti sociali, della laicità dello Stato, del lavoro sul capitale, del paesaggio sull'iniziativa privata, del pubblico sul privato. Se questa è la bussola, nella competizione di chi è più a sinistra di chi, rischiamo di scoprire che Lega e Cinque stelle sono più a sinistra del PD. In compenso, possiamo scoprire che il PD sia prossimo ad altre forze politiche su cui si distanzia per le persone, non le pratiche o le idee.

Ora, questo è un problema? No, nel senso che in sé per sé non aggiunge e non toglie nulla ad un partito, all'analisi dell'impatto sociale del suo operato, della stima che può esserci verso i suoi dirigenti e rappresentanti. Può, però, essere un elemento fondamentale per il militante ed il votante PD. Esperimento: se Forza Italia fosse guidata da persone diverse da Berlusconi e Brunetta, un po’ più grigie e compassate, uomini e donne con cui negli ultimi vent’anni la conversazione non fosse segnata da trivialità ed epiteti vari, troveremmo sacrilega un’alleanza PD – Forza Italia? Dunque, è un problema di persone… Ci sono due tipi di partiti politici: quelli che si riconoscono nelle idee ed in cui eventualmente cambiano le persone quando quelle idee non piacciono più; oppure ci sono quelli che si riconoscono nelle persone e eventualmente cambiano le idee quando queste non piacciono più. Diciamo che la nostra storia patria ha visto nell'ultimo ventennio per lo più partiti del secondo genere, PD incluso. In questo gioco, il militante ed il votante è stato preso in mezzo trasformandosi per lo più in un tifoso accanito e non in un attore razionale.

Volgendo alle conclusioni, il congresso dovrebbe essere il momento per discutere di queste semplici tematiche; il momento per i militanti anche per fare i conti circa un andamento storico, una tendenza di un partito; un contesto in cui devono essere fatte proposte anche alternative; eventualmente, il periodo in cui gruppi più o meno grandi possono esprimere chiaramente il loro diniego ed abbandono, o il loro entusiasmo ed adesione verso un progetto politico. È convinzione sempre più diffusa nel nostro elettorato e nei nostri militanti, questo congresso non sarà tutto ciò: dove va tutto bene sarà un momento di discussione sulla contingenza del locale, dove va male sarà una contrapposizione di pacchetti di tessere e tesserati…. “che barba, che noia…” Se le cose stanno così, un ultimo grido a chi si fregia con il titolo di “dirigente di partito”: stupiamoli, impostiamo ragionamenti alti, altri, che facciano chiarezza su cosa vogliamo per la nostra società. In fondo, un congresso non dovrebbe essere una discussione, un’apologica del lider maximo. Non riduciamoci a tifoseria. Son convinto che possiamo fare di più, molto di più. 

03/09/2017 20:59:07
comments powered by Disqus
12.11.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Indubbiamente in questo momento, in particolare alla luce della peculiare leggere elettorale varata dal parlamento, il Partito Democratico appare l’elemento politico necessario per permettere una coalizione di governo solida. D’altra parte il PD del 40% delle europee appare altrettanto un fatto concluso...
 
11.11.2017
Giuseppe Rinaldi
L’articolo che segue è stato scritto quasi un anno fa, su richiesta degli amici di Appunti Alessandrini, i quali mi chiedevano di commentare la allora recente scissione del PD. L’articolo era intitolato “Cosa resterà della scissione del Pd?”. Mi permetto di proporlo ora, con il titolo appena modificato,...
10.11.2017
Carlo Patrignani
Dopo la bella discussione dell'incontro di oggi (10 novembre 2017) presso la sede dell'associazione CittaFutura di Alessandria, un suggerimento del civis Filippo Boatti. Viene ripresa la riflessione sui valori / significati dell'impegno in politica.... Da noi fiumi di parole sul fascismo di ritorno,...
 
07.11.2017
Marco Ciani (a cura di)
Pubblichiamo di seguito l’ampia intervista di Marco Ciani a Franco Livorsi, già professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. L’intervista è comparsa su “Appunti Alessandrini” il 4 novembre 2017. Il testo, in...
03.11.2017
Augusto Buscaglia
Lettera aperta: Al Sindaco di Casale Monferrato Al Presidente della Provincia di AlessandriaAl Presidente della Regione Piemonte Augusto BuscagliaIl quotidiano La Stampa di domenica 22 ottobre nelle edizioni di Asti e Cuneo dava notizia con giusto rilievo del via libera alla riapertura della tratta ferroviaria...
 
02.11.2017
Franco Livorsi
Sin da quando avevo vent’anni, all’inizio degli anni Sessanta, non c’era socialista di sinistra un poco colto che non dicesse - né dirigente comunista intelligente che non sussurrasse - che il regime sovietico era una forma di socialismo “degenerata”. Non uno dei miei amici di quel tempo lontano...
31.10.2017
Mauro Calise
Come di consueto l'intervento del prof. Calise ci viene segnalato dal civis Franco Livorsi. La pubblicazione originale è, come spesso avviene quando interviene Mauro Calise, del "Mattino" di Napoli. Ecco il testo... ... A sentirlo, ieri, dal palco del suggestivo scenario napoletano, sembrava tornato...
 
31.10.2017
Paul Krugman
Il presente testo è stato suggerito da Giorgio Abonante, già Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria. E' stato pubblicato per la prima volta su "Il Sole 24 Ore" del 29 ottobre 2017. ... La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole...
30.10.2017
Alfio Brina
L’ondata indipendentista che in questi giorni sta travolgendo la Catalogna; la spinta separatista anti Europa emersa in Gran Bretagna con il Brexit; I sussulti nazionalisti presenti nei Paesi dell’est Europa. L’estendersi minaccioso di formazioni politiche xenofobe e sovraniste in molti paesi europei...
 
30.10.2017
Giancarlo Patrucco
Vi ricordate la storia dei Promessi Sposi, quando Renzo va a chiedere lumi all’Azzeccagarbugli e pensa di portargli due polli come compenso? Renzo, alla fine, vuole soltanto avere qualche buon consiglio per poter sposare Lucia e vivere tranquillo. Cosa che non gli riuscirà, se non dopo la peste. Una...
Segnali
Domenica 19/11/17 alle ore 17:30 presso la Casa Di Quartiere Alessandria ANPI Alessandria saluterà...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Sabato 18 novembre, dalle ore 9 presso Palazzo del Monferrato ad Alessandria si svolgerà il convegno...
sabato 18 Novembre, alle ore 16:00 presso la Casa di Quartiere di Via Verona 116 - Alessandria. “ PANTA...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
sabato 18 novembre alle ore 16.00 presso la chiesa di Santa Lucia mostra libraria realizzata in collaborazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
Da lunedì 13 a sabato 18 novembre alle ore 10.40 alle ore 11,30 che verranno messe in onda su Retequattro,...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
sabato 18 novembre, alle ore 16.30 ad Albenga presso Palazzo Peloso Cepolla (Museo Navale Romano), Piazza...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.