Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no.
Michele Filiippo Fontefrancesco
 PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no.

 

Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese si riapre la stagione congressuale coinvolgendo circoli e federazioni del PD nell'elezione dei quadri locali e credendo che fare l'ennesimo punto della situazione sia tanto noioso a scriverlo quanto a leggerlo, mi permetto un grido: “il Re è nudo!”

In Italia a causa della caratteristica storia politica è mancato sin dal dopoguerra un forte partito di centrodestra liberale. Il vuoto è stato colmato parzialmente prima dalla DC. Dagli anni Ottanta i temi forti del neoliberismo di oltremanica e oltreoceano si sono insinuati, ma non in casa popolare. Il diritto al benessere è diventato verbo del mondo socialista di Craxi e da lì è confluito quindici anni più tardi nel DNA di Forza Italia. Il verbo del libero mercato, della ritirata dello Stato dalle politiche economiche, è invece stato parte del ragionamento che ha visto i veri suoi protagonisti negli esponenti di spicco dell'Ulivo. In particolare, il PdS (poi DS) è stato la forza politiche che organicamente dagli anni Novanta ha portato avanti un'agenda vicina ai temi neoliberali, seguendo (involontariamente?) il modello della Terza Via proposto da Blair in UK. Laddove le coalizioni di a guida Berlusconi hanno parlato di liberalismo, di pratica la nostra destra è stata da un punto di vista economico ben poco interessata a portare avanti nella pratica tali temi, vuoi per motivi di bottega, vuoi per l'alleanza organica con la Lega, da sempre partito protezionista. Nel Paese dei paradossi, quindi, la sinistra ha fatto la destra e la destra ha fatto... i fatti suoi.

Mettiamo in fila alcuni dati: taglio ai sindacati, riduzione dei diritti del lavoro, rafforzamento del potere delle aziende, tagli e rigori alla spesa pubblica, tagli all'articolazione dello Stato... Il PD è un partito che non solo sotto la guida di Renzi ha portato avanti politiche proprie di un partito liberale. Considerando l'importante lavoro fatto nel campo dei diritti alla persona, con fermezza e serenità possiamo concludere che il PD è un buon esempio di partito liberal-democratico. Si badi bene, non un partito di matrice popolare. Il PD non ha molto da spartire con l'Unione per il movimento popolare francese o i Cristiano democratici tedeschi, ma parla la lingua dei Libdem britannici, di "En Marche" francese e di altre realtà affini. Piccolo problema: sembra che il PD non lo sappia e ancora meno lo riescano a capire i suoi attivisti e i suoi elettori che continuano a parlare e teorizzare il futuro della sinistra, dei movimenti popolari, del primo maggio. Da qui la debolezza del PD, la sua interna schizofrenia.

Volendo, però, cercare ancora quali sono le idee che descrivono storicamente un partito di sinistra possiamo identificarne alcuni: il primato del tema dei diritti sociali, della laicità dello Stato, del lavoro sul capitale, del paesaggio sull'iniziativa privata, del pubblico sul privato. Se questa è la bussola, nella competizione di chi è più a sinistra di chi, rischiamo di scoprire che Lega e Cinque stelle sono più a sinistra del PD. In compenso, possiamo scoprire che il PD sia prossimo ad altre forze politiche su cui si distanzia per le persone, non le pratiche o le idee.

Ora, questo è un problema? No, nel senso che in sé per sé non aggiunge e non toglie nulla ad un partito, all'analisi dell'impatto sociale del suo operato, della stima che può esserci verso i suoi dirigenti e rappresentanti. Può, però, essere un elemento fondamentale per il militante ed il votante PD. Esperimento: se Forza Italia fosse guidata da persone diverse da Berlusconi e Brunetta, un po’ più grigie e compassate, uomini e donne con cui negli ultimi vent’anni la conversazione non fosse segnata da trivialità ed epiteti vari, troveremmo sacrilega un’alleanza PD – Forza Italia? Dunque, è un problema di persone… Ci sono due tipi di partiti politici: quelli che si riconoscono nelle idee ed in cui eventualmente cambiano le persone quando quelle idee non piacciono più; oppure ci sono quelli che si riconoscono nelle persone e eventualmente cambiano le idee quando queste non piacciono più. Diciamo che la nostra storia patria ha visto nell'ultimo ventennio per lo più partiti del secondo genere, PD incluso. In questo gioco, il militante ed il votante è stato preso in mezzo trasformandosi per lo più in un tifoso accanito e non in un attore razionale.

Volgendo alle conclusioni, il congresso dovrebbe essere il momento per discutere di queste semplici tematiche; il momento per i militanti anche per fare i conti circa un andamento storico, una tendenza di un partito; un contesto in cui devono essere fatte proposte anche alternative; eventualmente, il periodo in cui gruppi più o meno grandi possono esprimere chiaramente il loro diniego ed abbandono, o il loro entusiasmo ed adesione verso un progetto politico. È convinzione sempre più diffusa nel nostro elettorato e nei nostri militanti, questo congresso non sarà tutto ciò: dove va tutto bene sarà un momento di discussione sulla contingenza del locale, dove va male sarà una contrapposizione di pacchetti di tessere e tesserati…. “che barba, che noia…” Se le cose stanno così, un ultimo grido a chi si fregia con il titolo di “dirigente di partito”: stupiamoli, impostiamo ragionamenti alti, altri, che facciano chiarezza su cosa vogliamo per la nostra società. In fondo, un congresso non dovrebbe essere una discussione, un’apologica del lider maximo. Non riduciamoci a tifoseria. Son convinto che possiamo fare di più, molto di più. 

03/09/2017 20:59:07
comments powered by Disqus
21.09.2017
Mauro Calise
Sul passo indietro – non più di lato – di Beppe Grillo non ci sono spiegazioni. Almeno, di quelle credibili. Cioè, spiegazioni politiche. Per ora, l’attenzione dei media si è concentrata sulle reazioni interne. Che sono tra il perplesso e l’allarmato. Il che, per un movimento abituato a discutere in...
 
16.09.2017
Alfio Brina
E’ col Bilancio 2013 che lo Stato ha previsto stanziamenti per mettere in sicurezza il territorio del nostro paese, ma comuni e regioni sono in ritardo nel presentare i progetti. Poi arrivano i temporali, i torrenti ed i canali di scolo delle acque sono intasati, le vie cittadine si inondano, le case...
13.09.2017
Filippo Boatti
Il disegno di legge sul cosiddetto Ius Soli fu presentato alla Camera dei Deputati nel 2015 ed è poi a lungo rimasto inattivo. Ripescato poi dal governo Gentiloni nella primavera del 2017 su input renziano e buttato ingenerosamente nella disputa elettorale in vista delle elezioni amministrative. Il dibattito...
 
12.09.2017
Mauro Calise
In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della...
12.09.2017
Giuseppe Rinaldi
1. La settimana scorsa (mercoledì 7/9/2017) sono stati diffusi i risultati di un sondaggio Demopolis (l’Istituto di Pietro Vento) sulle elezioni siciliane, a due mesi circa dal voto (le elezioni siciliane si terranno il 5 novembre). Per quanto i sondaggi, come sempre, siano solo indicativi, e sempre...
 
03.09.2017
Michele Filiippo Fontefrancesco
PD verso il Congresso, parte seconda: Verso sinistra? Anche no. Tappeti rossi, palestra, macchine di grande cilindrata, Martini su lungo mare... immagini di quest'estate di una politica che anche a casa nostra è sempre più figlia ed espressione di una società dell'immagine. Dato che con questo mese...
21.08.2017
Domenico Ravetti
Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.Si risponde: “Federalismo Comunale”L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto...
 
20.08.2017
Giuseppe Spedicato
Tutti sappiamo che il nostro paese non è un paese per i giovani. Abbiamo un esercito di giovani disoccupati ed un altro esercito di giovani che non frequentano scuole di nessun tipo e non svolgono nessun tipo di lavoro. Nel Sud la situazione è ancora più grave. A tutto ciò si aggiunge un impressionante...
13.08.2017
Mauro Calise (*)
Cercando la bottiglia mezza piena, è una fortuna che ci siano a novembre le elezioni regionali in Sicilia. Nel caos politico in cui ci ritroviamo, la tenzone per Palazzo D’Avalos offre la possibilità di provare uno schema di gioco – tradotto in politichese: di alleanze - per vedere l’effetto che...
 
12.08.2017
Agostino Spataro
A proposito di Argentina e non solo. Caro Rodolfo (1), come sai, nel 2015 mi recai in Argentina per seguire le elezioni presidenziali e ritornai con una brutta impressione a proposito del ruolo svolto da certa "sinistra" pura e dura - a mio parere- parolaia e velleitaria. Che cosa successe? Maurizio...
Segnali
Per le/gli iscritte/i e le/i simpatizzanti dell'Associazione "Città Futura"Siete invitati alla Riunione...
Anche quest’anno il Comune di Alessandria aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) promosse...
sabato 23 settembre 2017 con inizio alle ore 15,00.presso il Castello Paleologo (sala al secondo piano),...
lunedì 25 settembre p.v. alle ore 17 Palatium Vetus Piazza della Libertà, 28 Alessandria. “Interagire...
venerdì 22 settembre alle ore 17 in piazza Santa Maria di Castello (lato Chiostro) Alessandria. ‘Che...
Domenica 24 settembre 2017, Per il 6° anno consecutivo, il gruppo scout Agesci Valenza 1 organizza la...
Anche Alessandria, Casale, Novi Ligure, Acqui e Tortona saranno alcune delle 180 piazze protagoniste...
Lorenzo Dotti - Monferrato Casalese Acquerelli in mostra Museo Etnografico della Gambarina Piazza...
dal 29 agosto al 23 settembre a San Salvatore, Valenza e Lu Irene Grandi, Ricky Gianco, Pino Marino,...
Nell' ambito della XXXVIII Stagione Internazionale sugli organi storici della provincia di Alessandria,...
29 settembre, a partire dalle 14.30 Sala Conferenze - Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo,Corso...
domenica 1 ottobre 2017 - ore 20.00 l’Associazione Verso il Kurdistan onlus organizza una cena al...
Un percorso inedito per mettere in mostra le attrattività e le eccellenze del territorio interessato...
1 ottobre 2017 VI edizione del Raduno Multiepocale di Gruppi Storici in Cittadella, manifestazione...
Anche per l’anno 2017/2018 si rinnova l’offerta formativa del Teatro Sociale di Valenza, selezionata...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.