Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Eppur non si muove
Mauro Calise
 

In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della legge maggioritaria che avevamo miracolosamente partorito. E senza la quale, in Europa, nessuno è in grado di formare un governo. A cominciare dall’astro Macron, che ha guadagnato due terzi dei parlamentari con poco più del 30% dei voti.  L’Italicum avrà avuto i suoi difetti. Ma ci avrebbe garantito un premier saldo in sella all’indomani delle elezioni. Tornati, invece, alla maledizione di un proporzionale – quasi – secco, ci ritroviamo – elettoralmente – spaccati in tre pezzi che non possono, neanche aritmeticamente, sommarsi. Ed è estremamente improbabile che lo faranno tra pochi mesi, quando ai sondaggi si sostituiranno le urne.

I dati di “Corriere” e “Repubblica” mostrano, infatti, una inquietante stabilità. Certo, per fare i titoli, ogni mese bisogna inventarsi una notizia. Stavolta è la – timidissima – avanzata del centrodestra. Coi due leader che se ne contendono la guida. Ma ammesso che i tre partiti che lo formano riescano in qualche modo a dialogare, restano abbondantemente al di sotto della soglia del quaranta per cento, che farebbe scattare il premio. E comunque dovrebbero accettare di infilarsi in un unico listone, mischiando candidati e simboli. Un pastrocchio, che Berlusconi e Salvini si guarderanno anche solo dall’ipotizzare. Quindi, questa rimontina serve solo a galvanizzare le truppe. Confermando che, in ogni caso, non è il caso di montarsi la testa. Lega e Forza Italia si collocano, ciascuna, intorno al 15%. Da soli sono ancora troppo piccoli. Insieme, non abbastanza grandi.

Questo limite è peggiorato dalla prospettiva strategica. Dopo un momento di grande appeal mediatico, Salvini – come ha notato lucidamente Folli – ha esaurito quel poco di spinta propulsiva di stampo lepenista che gli aveva consentito di spodestare Bossi e Maroni, e appropriarsi del partito. Peggio ancora sta messo Berlusconi. Che è costretto, fino alle elezioni, a parlare di grande destra. Ma che sarebbe – subito dopo – contentissimo di rifare il Nazareno con Renzi, cercando di emulare anche da noi la grande coalizione tedesca. Peccato che – direbbe Totò – la somma non fa il totale. Visto che il Pd scissionato staziona intorno al 25%, insieme a Forza Italia e alla pattuglia – se sopravvive – degli alfaniani, saremmo ancora lontani dal racimolare una maggioranza in Camera e Senato.

Idem per i grillini. Che continuano ad affacciarsi nei salotti buoni – che, si sa, non si chiudono a nessuno – e si apprestano a lanciare in pompa magna il giovanissimo candidato premier. Cui, però, mancherà sempre un quarto di parlamento per diventarlo davvero, visto che anche i cinquestelle si sono fermati nella corsa e si attestano tra il 26 e il 27%. Insomma, un vero disastro. Che vede, come prospettiva migliore, un limbo belga-ispanico. Cioè, un governo scaduto che, però, rimane congelato in sella. In attesa di una nuova elezione. E, chissà, di un’altra ancora. Magari facendo affidamento sull’ottima squadra di ministri con cui sta riuscendo a far fare qualche passettino al paese. Lasciando al tandem Gentiloni-Minniti il compito di salvaguardare l’immagine internazionale del paese.

Certo, resta una fotografia sconfortante. Un paese – come Alessandro Barbano ha scritto ieri su queste colonne – condannato all’immobilismo su tutti i fronti che contano davvero: civili, morali, sociali. Forse riusciremo a rabberciare un punticino di crescita in più. Ma i giovani continueranno a sentirsi esuli nella propria patria, la nostra amministrazione pubblica è tra le più inefficienti d’Europa, la giustizia ha battuto tutti i record di inattendibilità. E, rispetto a soli due anni fa, abbiamo anche smarrito l’illusione che un leader, con convinzione e visione, possa trarci da questo pantano. Possiamo solo consolarci pensando che non si vive di sola politica. Gli italiani lo sanno bene. In futuro, rischia di diventare il nostro motto nazionale.

 

                          (“Il Mattino”, 10 settembre 2017)

12/09/2017 23:10:02
comments powered by Disqus
18.01.2018
Egidio Zacheo
1. - La ricorrenza dell' 80° anniversario della morte di Antonio Gramsci va colta come una opportunità per cercare di capire il nostro Paese, le ragioni profonde delle nostre difficoltà, dei nostri ritardi politici e civili. Conveniamo tutti sul fatto che dobbiamo ripensare la...
 
18.01.2018
Giancarlo Patrucco
Quando frequentavo le scuole elementari (tempi che furono, purtroppo), ci andavo volentieri perché il cortile di casa mia mi stava stretto. Neanche un bambino con cui giocare, mentre di faccia ce n’era una casa piena. Urla e risate si sentivano tutt’intorno, ma mia madre era inflessibile: vietato attraversare...
18.01.2018
Mauro Calise
Bisogna leggerle tre volte le proiezioni Ipsos sul Corriere. E poi una quarta. Ma, per chi si occupa di questi numeri da una vita, resta un mistero come sia stato possibile inventare - in zona Cesarini - una legge che resuscitasse il centrodestra. Mettesse con le spalle al muro il Pd. Lasciasse in pista...
 
06.01.2018
Giulio Santagata
Cos’è “Insieme”? Insieme è la lista elettorale d'ispirazione ulivista che nasce dalla messa in comune di storie e esperienze politiche consolidate – come quelle riformiste e ecologiste – con le tante realtà civiche del territorio che in questi anni in tante città hanno ridato dignità alla politica. Insieme...
04.01.2018
Michele Filippo Fontefrancesco
Nei giorni a cavallo di Natale e Capodanno, a livello regionale si è aperto un piccolo dibattito sull’emendamento correttivo del codice degli appalti rivolto al mondo delle aziende autostradali: un dibattito che guarda alle radici di quest’iniziativa parlamentare ed al rapporto tra Stato ed economia....
 
04.01.2018
Monica Frassoni
A tre mesi esatti dalle elezioni (a quanto pare fissate per inizio marzo), sarebbe bene che il mondo fuori dal Pd, politico ma anche associativo, sindacale ed economico, la pianti con tatticismi e personalismi per gettarsi nella mischia della battaglia sulle cose da fare. A inizio dicembre 2017 i coordinatori dei...
01.01.2018
Filippo Orlando
Esiste la globalizzazione? Ovvero, è questa, la globalizzazione, un processo sociale reale e caratterizzante, a partire dagli anni novanta, un salto di qualità nelle forme economiche e sociali che dominano il mondo? Su questo tema, su cui si è fatta una grande confusione terminologica sia a destra...
 
26.12.2017
Mauro Calise
Il cambiamento è stato rapidissimo. Appena due anni fa, l’Italia sembrava allineata con la tendenza delle democrazie occidentali, in cui la guida dell’esecutivo coincideva con quella del partito, e con la capacità di trainare il consenso calamitando l’attenzione dei media. Anzi. Sembrava che Renzi...
24.12.2017
Egidio Zacheo
E' comprensibile che in tempi di confusione e di evanescenza dei soggetti politici organizzati ci sia un pò di approssimazione nell'inquadrare eventi nuovi. Ma lo sforzo deve essere proprio quello di non " perdere la testa" e di cercare di mettere a fuoco gli elementi oggettivi che sono alla base delle novità. ...
 
23.12.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
In questi giorni ci stiamo stupendo a leggere il progressivo e marcato calo di preferenze del PD. Ci meravigliamo a vedere anno dopo anno il numero degli iscritti calare in percentuali che non si possono ammantare come semplici aggiustamenti di carattere demografico. Perché questo stupore che nasce dall'interno,...
Segnali
sabato 20 gennaio 2018 con inizio ore 9.30 a Casale Monferrato in occasione del 73° anniversario dell'eccidio...
sabato 20 gennaio alle ore 17.30 in c/so Montebello n°41 a Tortona inaugurazione della sede di "Liberi...
domenica 21 dalle 9.30 al Teatro Espace di via Mantova 38 Torino si apre la campagna elettorale di...
Venerdi 26 gennaio ore 21 Palestra piazza del Municipio Castelletto d’Orba Spettacolo teatrale Ingresso...
Venerdì 2 Febbraio alle ore 17.30 presso Istituto Storico della Resistenza Via Guasco – Alessandria Roberto...
L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco...
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 14/01/2018 ...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
il 28 gennaio alle ore 17.00. presso il "Diavolo Rosso", in piazza S. Martino 4 ad Asti, Asti incontra...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
C'è tempo fino al prossimo 5 febbraio per presentare domanda per un posto disponibile all'Inac della...
Dal 16 dicembre 2017 al 20 gennaio 2018 Centro Comunale di Cultura, Valenza (AL) Mostra “4 x 4: 4...
Sabato 27 gennaio 2018, alle ore 21​​presso il Teatro "SOMS" di Bistagno (AL), Corso Carlo Testa 10,va...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.