Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
Eppur non si muove
Mauro Calise
 

In rapidissima successione – una sorta di uno-due sondaggistico – Pagnoncelli e Diamanti, sui rispettivi quotidiani, hanno definitivamente sancito che il paese, politicamente, è al tappeto. Chiamatelo pure kappa O tecnico, visto che la responsabilità principale sta nell’aver fatto piazza pulita della legge maggioritaria che avevamo miracolosamente partorito. E senza la quale, in Europa, nessuno è in grado di formare un governo. A cominciare dall’astro Macron, che ha guadagnato due terzi dei parlamentari con poco più del 30% dei voti.  L’Italicum avrà avuto i suoi difetti. Ma ci avrebbe garantito un premier saldo in sella all’indomani delle elezioni. Tornati, invece, alla maledizione di un proporzionale – quasi – secco, ci ritroviamo – elettoralmente – spaccati in tre pezzi che non possono, neanche aritmeticamente, sommarsi. Ed è estremamente improbabile che lo faranno tra pochi mesi, quando ai sondaggi si sostituiranno le urne.

I dati di “Corriere” e “Repubblica” mostrano, infatti, una inquietante stabilità. Certo, per fare i titoli, ogni mese bisogna inventarsi una notizia. Stavolta è la – timidissima – avanzata del centrodestra. Coi due leader che se ne contendono la guida. Ma ammesso che i tre partiti che lo formano riescano in qualche modo a dialogare, restano abbondantemente al di sotto della soglia del quaranta per cento, che farebbe scattare il premio. E comunque dovrebbero accettare di infilarsi in un unico listone, mischiando candidati e simboli. Un pastrocchio, che Berlusconi e Salvini si guarderanno anche solo dall’ipotizzare. Quindi, questa rimontina serve solo a galvanizzare le truppe. Confermando che, in ogni caso, non è il caso di montarsi la testa. Lega e Forza Italia si collocano, ciascuna, intorno al 15%. Da soli sono ancora troppo piccoli. Insieme, non abbastanza grandi.

Questo limite è peggiorato dalla prospettiva strategica. Dopo un momento di grande appeal mediatico, Salvini – come ha notato lucidamente Folli – ha esaurito quel poco di spinta propulsiva di stampo lepenista che gli aveva consentito di spodestare Bossi e Maroni, e appropriarsi del partito. Peggio ancora sta messo Berlusconi. Che è costretto, fino alle elezioni, a parlare di grande destra. Ma che sarebbe – subito dopo – contentissimo di rifare il Nazareno con Renzi, cercando di emulare anche da noi la grande coalizione tedesca. Peccato che – direbbe Totò – la somma non fa il totale. Visto che il Pd scissionato staziona intorno al 25%, insieme a Forza Italia e alla pattuglia – se sopravvive – degli alfaniani, saremmo ancora lontani dal racimolare una maggioranza in Camera e Senato.

Idem per i grillini. Che continuano ad affacciarsi nei salotti buoni – che, si sa, non si chiudono a nessuno – e si apprestano a lanciare in pompa magna il giovanissimo candidato premier. Cui, però, mancherà sempre un quarto di parlamento per diventarlo davvero, visto che anche i cinquestelle si sono fermati nella corsa e si attestano tra il 26 e il 27%. Insomma, un vero disastro. Che vede, come prospettiva migliore, un limbo belga-ispanico. Cioè, un governo scaduto che, però, rimane congelato in sella. In attesa di una nuova elezione. E, chissà, di un’altra ancora. Magari facendo affidamento sull’ottima squadra di ministri con cui sta riuscendo a far fare qualche passettino al paese. Lasciando al tandem Gentiloni-Minniti il compito di salvaguardare l’immagine internazionale del paese.

Certo, resta una fotografia sconfortante. Un paese – come Alessandro Barbano ha scritto ieri su queste colonne – condannato all’immobilismo su tutti i fronti che contano davvero: civili, morali, sociali. Forse riusciremo a rabberciare un punticino di crescita in più. Ma i giovani continueranno a sentirsi esuli nella propria patria, la nostra amministrazione pubblica è tra le più inefficienti d’Europa, la giustizia ha battuto tutti i record di inattendibilità. E, rispetto a soli due anni fa, abbiamo anche smarrito l’illusione che un leader, con convinzione e visione, possa trarci da questo pantano. Possiamo solo consolarci pensando che non si vive di sola politica. Gli italiani lo sanno bene. In futuro, rischia di diventare il nostro motto nazionale.

 

                          (“Il Mattino”, 10 settembre 2017)

12/09/2017 23:10:02
comments powered by Disqus
19.11.2017
Franco Livorsi
Avendo scritto qui, il 19 ottobre, un lungo articolo - che a quanto pare è stato non poco letto - intitolato “La congiura dei pazzi” - sulla pervicace volontà delle diverse fazioni della sinistra, da Bersani a Renzi, di seguitare a combattersi senza quartiere anche mentre la casa della sinistra, e...
 
18.11.2017
Simona Maggiorelli (")
Anche alla luce della discussione di venerdì allego per il sito di "Città Futura" la recensione del libro di Moni Ovadia: "Il coniglio Hitler e il cilindro del demagogo". Proposto da Renzo Penna ...... Più che dare risposte, Moni Ovadia, vuole sollevare domande, il più possibile, scomode. Nel...
12.11.2017
Michele Filippo Fontefrancesco
Indubbiamente in questo momento, in particolare alla luce della peculiare leggere elettorale varata dal parlamento, il Partito Democratico appare l’elemento politico necessario per permettere una coalizione di governo solida. D’altra parte il PD del 40% delle europee appare altrettanto un fatto concluso...
 
11.11.2017
Giuseppe Rinaldi
L’articolo che segue è stato scritto quasi un anno fa, su richiesta degli amici di Appunti Alessandrini, i quali mi chiedevano di commentare la allora recente scissione del PD. L’articolo era intitolato “Cosa resterà della scissione del Pd?”. Mi permetto di proporlo ora, con il titolo appena modificato,...
10.11.2017
Carlo Patrignani
Dopo la bella discussione dell'incontro di oggi (10 novembre 2017) presso la sede dell'associazione CittaFutura di Alessandria, un suggerimento del civis Filippo Boatti. Viene ripresa la riflessione sui valori / significati dell'impegno in politica.... Da noi fiumi di parole sul fascismo di ritorno,...
 
07.11.2017
Marco Ciani (a cura di)
Pubblichiamo di seguito l’ampia intervista di Marco Ciani a Franco Livorsi, già professore ordinario di “Storia delle dottrine politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano. L’intervista è comparsa su “Appunti Alessandrini” il 4 novembre 2017. Il testo, in...
03.11.2017
Augusto Buscaglia
Lettera aperta: Al Sindaco di Casale Monferrato Al Presidente della Provincia di AlessandriaAl Presidente della Regione Piemonte Augusto BuscagliaIl quotidiano La Stampa di domenica 22 ottobre nelle edizioni di Asti e Cuneo dava notizia con giusto rilievo del via libera alla riapertura della tratta ferroviaria...
 
02.11.2017
Franco Livorsi
Sin da quando avevo vent’anni, all’inizio degli anni Sessanta, non c’era socialista di sinistra un poco colto che non dicesse - né dirigente comunista intelligente che non sussurrasse - che il regime sovietico era una forma di socialismo “degenerata”. Non uno dei miei amici di quel tempo lontano...
31.10.2017
Mauro Calise
Come di consueto l'intervento del prof. Calise ci viene segnalato dal civis Franco Livorsi. La pubblicazione originale è, come spesso avviene quando interviene Mauro Calise, del "Mattino" di Napoli. Ecco il testo... ... A sentirlo, ieri, dal palco del suggestivo scenario napoletano, sembrava tornato...
 
31.10.2017
Paul Krugman
Il presente testo è stato suggerito da Giorgio Abonante, già Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria. E' stato pubblicato per la prima volta su "Il Sole 24 Ore" del 29 ottobre 2017. ... La destra moderna racconta bugie sulle tasse più o meno da quando è nata. Le storie inventate di piccole aziende agricole...
Segnali
giovedì 23 novembre 2017ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) all'associazione Cultura e Sviluppo...
sabato 25 Novembre, giornata mondiale Contro la Violenza sulle Donne, Non una di Meno torna a riempire...
Martedì 21 novembre alle ore 17,30, nella Sala dei Convegni dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria,...
Giovedì 23 novembre ore 21.00 Libreria Labirinto via Benvenuto Sangiorgio 4 Casale Monferrato Presentazione...
La Biblioteca Civica di Alessandria propone, lunedì 20 novembre 2017 alle ore 10:00 presso l’aula magna del...
Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria NUOVA STAGIONE 2017-2018SERATA SPECIALE DEDICATA...
Appuntamento per venerdì 24 novembre 2017, ore 21.00, presso la sede dell'Associazione Culturale Sin.tonia,...
lunedì 6 novembre, alle ore 17 Biblioteca Civica ‘F. Calvo’ Inaugurazione mostra dal titolo “Chirurgia...
giovedì 23 novembre, alle ore 17.00 ad Alba, presso la Chiesa di San Giuseppe – Piazzetta Vernazza si...
Venerdì 24 Novembre 2017ore 21.00 cascina del monastero (davanti alla chiesa), Cantalupa (To) Presentazione...
sabato 25 novembre, alle ore 17.00 presso la Sala Giovani del Teatro Parvum, in via Mazzini, n° 85 in...
Anche questo anno ha preso il via il concorso di filosofia “E. Garuzzo”, proposto dall'Istituto “Saluzzo-...
Finalmente è arrivato il momento della riapertura della sala cinematografica di Valenza, bomboniera di...
Da Venerdì 17 a Martedì 21 Novembre al Cinema MacallèFINCHÉ C'È PROSECCO C'È SPERANZA Trailer https://youtu.be/7T-z98FZTHQRegia...
“Sei un osso duro?” La lotteria della Fondazione Uspidalet che sostiene il progetto per la dosimetria...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.