CULTURA

Un Sessantotto gutemberghiano

     – 1. Andando ad aprire i vecchi faldoni dei materiali del movimento studentesco del Sessantotto,[1] dopo averli puliti alla meglio dalla polvere, sia quella fisica sia quella dell’oblio, si possono fare delle scoperte interessanti. […]

POLITICA

Zingaretti, Minniti e il patto della pallacorta

Ancora non si sa se Minniti scenderà in campo per le primarie. I toni ascoltati ieri alla convention di Zingaretti e quelli – non meno importanti – dell’intervista di Renzi al Corriere, fanno intravedere un […]

CULTURA

Mi ha toccato un Santo

[1. “la poesia al Cardinàl” e l’Arcivescovo-Principe] Come, quando, dove e perché. L’allora Clinica (ora IRCCS Auxologico) «Capitanio», nella centralissima via Mercalli a Milano, fa tuttora riferimento all’ordine  religioso “di Maria Bambina”, per dirla alla […]

CULTURA

“Il tuffatore”…Un invito.

C’è un’immagine dell’Invisibile. E si compiono cinquant’anni dalla sua scoperta. “Il tuffatore “ o meglio la tomba del tuffatore, era effettivamente invisibile dopo la chiusura della tomba che, se non fosse stata riscoperta nel 1968, […]

CULTURA

Pedagogia Estrema

Principi generali. È semplice: la finalità è educare (ex-ducere), condurre fuori le potenzialità di ciascuno, dicono in molti… ma vediamo intanto se e quali potenzialità ci sono. Sul come educare si possono elaborare molte teorie. […]

VIGNETTE

POLITICA

Note su Salvini e il nazionalpopulismo

I temi caldi si affastellano alla fine di una calda estate che promette un molto caldo autunno. Ma non di lotte come nel mitico 1969, bensì di “caldi guai” per il nostro amato Paese. Proviamo […]

POLITICA

I sacchi di sabbia vicino alla finestra

      – 1. In un recente articolo su Repubblica,[1] Massimo Recalcati si domandava che cosa abbia determinato il successo oggettivo di consensi alla politica di Salvini. La sua risposta è che Salvini avrebbe saputo abilmente […]

CULTURA

Il nostro quotidiano ri-torno

Ci son giorni che tenere in mano la carta del nostro quotidiano ( giornale ), ti fa sentire l’umano che sei; c’è qualcuno dall’altra parte di quel foglio bianco e nero, dove le parole emergono […]

POLITICA

Società tecnico-scientifica e democrazia

In un suo recente e assai stimolante editoriale il direttore di un quotidiano della mia regione segnalava un tema di assoluta rilevanza e di stringente attualità: quello della necessità di una riflessione approfondita sul rapporto […]

POLITICA

La popolocrazia al governo

Siamo in un’epoca post-ideologica. Se qualcuno lo avesse dubitato, la vittoria dei grillini all’insegna «né di destra né di sinistra» ne è stata la lampante conferma. E sotto le stesse non-bandiere si è schierata di […]

ALESSANDRIA

  • Da diversi mesi ARAL, l’azienda alessandrino-consortile  dedita allo smaltimento finale dei rifiuti urbani, ad essa consegnati dai servizi comunali di raccolta diffusa,  è “sui giornali” con le sue vicende tecnico-economiche e quelle giudiziarie, in corso [...]
  • Conversione con discrezione

    Il segnale era di tutta evidenza da diverse settimane del nuovo anno e i cittadini si chiedevano l’un l’altro che fosse mai quel grande cantiere che sorgeva di gran carriera in quel del Platano di [...]
  • Siamo la pista più bella del mondo

    La pista alessandrina evocata nel titolo (che evoca a sua volta la bella canzone di Celentano & Mori) nasce in alta politica, prosegue nella “riffa” dei  bonus , deraglia, pro quota, nel teatrino dell’assurdo e, [...]

EDITORIALE

  • La imminente approvazione del DEF, documento economico-finanziario “cardine” per l’utilizzo dei fondi nei prossimi anni, porta ad una rivisitazione di una serie di questioni, altrimenti “dimenticate”. E’ evidente l’intenzione di utilizzare uno storno (di minimo impatto se paragonato alle cifre generali) dal settore “accoglienza” – “inclusione” a spese di carattere generali, a buon titolo definibili come “populiste”, come è evidente una sottovalutazione, nel DEF, di tutto quanto è tutela dell’ambiente e del territorio. Sostanzialmente il DEF non fa che confermare la pochezza del “contratto”. Un giochetto già visto: si enunciano una serie di principi ma non si indicano mai né le modalità, né le tempistiche, né gli investimenti e neanche dove si pensi di trovare le risorse necessarie. Principalmente ci si dimentica (ad essere benevoli) che occorre agire immediatamente contro il cambiamento climatico attraverso una politica energetica nazionale sostenibile, rivedendo subito la SEN, introducendo obiettivi più ambiziosi al 2030 e puntando al 100% di energie alternative con investimenti in rinnovabili ed efficienza energetica, con obiettivi vincolanti di riduzione di CO2 che prevedano la de-carbonizzazione e il progressivo abbandono delle fonti fossili. In Italia, dopo la Conferenza di Rio del 2012, con la ‘delega fiscale’ di quell’anno era stata introdotta una fiscalità verde con lo scopo di ridurre progressivamente la tassazione dal lavoro accrescendo quella sulle risorse naturali ed energetiche in modo da rendere più efficiente l’economia. Norma che non è mai stata né approvata né applicata perché legata ad una proposta di una direttiva europea sulla tassazione dei prodotti energetici [...]

BLOG & OPINIONI

Dal mondo

METEO

L’associazione

  • Speciale ’68

    SBERLEFFI

    News dai media nazionali

    News dai media locali

    powered by Surfing Waves

    Speciale elezioni

    website malagrino.it