CULTURA

Dioniso tra Oriente e Occidente

Le vicende relative al dio Dioniso sono estremamente controverse, narrate non solo da Euripide – che per uno dei paradossi della storia pur essendo il più razionalistico, e per ciò “antidionisiaco”, tra i tre grandi […]

POLITICA

Gianpiero Armano

Sono ormai tre mesi che Don Gianpiero Armano ci ha lasciati: parenti, amici ed estimatori di varia e nutrita schiera. Il breve volgere di tempo in cui la malattia, già tenuta a bada, ha imposto […]

SCUOLA & UNIVERSITA'

i bimbi di Kobane

Alan’s Rainbow un progetto per gli orfani di Kobane

di DOCENTI SENZA FRONTIERE Segnaliamo questa interessante iniziativa di solidarietà promossa da Docenti Senza Frontiere. “Lo scopo del progetto – sostengono i DSF – è quello di favorire la costruzione di un edificio residenziale e […]

CULTURA

La copia

LA COPIA“…Uno spettro si aggira per l’Europa, è lo spettro del Ministro, è la sostanza rarefatta del suo essere che può da Lui sdoppiarsi e vagare per tutte le Scuole del continente a carpirne l’essenza […]

CULTURA

Il Sessantotto banalizzato

    – 1. Che ci siano ancora degli ingombri mentali nell’intraprendere una riflessione matura sul Sessantotto è evidente anche dall’incedere di questo cinquantenario. Tra un po’ sarà trascorso l’intero 2018 e il Sessantotto sembra completamente […]

VIGNETTE

CULTURA

La perdita di un figlio in “Dialogo dei ragazzi morti”

“…Inventiamoci qualcosa…rompiamo gli schemi. Volevamo cambiare il mondo laggiù e non ci siamo riusciti. Proviamo a farla qui la nostra rivoluzione..”. Ammetto, ho faticato a metabolizzare “Dialogo dei ragazzi morti” di Francesca Caminoli. Il motivo […]

ECONOMIA & LAVORO

Guido Grossi: proposte per il debito pubblico

Il civis Nicola Boidi ci segnala questo interessante video sul tema del debito pubblico. Guido Grossi, giurista ed ex manager BNL, spiega il rapporto fra la speculazione finanziaria internazionale e l’ammontare del nostro debito pubblico […]

LIBRI

Come un ladro nella notte

Sarà un evento destinato a sconvolgere la vita di una coppia come tante altre quello di cui tratta l’incipit del libro di Claudio Tugnoli, Come un ladro nella notte (Genesi Editrice): ‟Oggi Antonia ha avuto […]

ALESSANDRIA

  • Da diversi mesi ARAL, l’azienda alessandrino-consortile  dedita allo smaltimento finale dei rifiuti urbani, ad essa consegnati dai servizi comunali di raccolta diffusa,  è “sui giornali” con le sue vicende tecnico-economiche e quelle giudiziarie, in corso [...]
  • Conversione con discrezione

    Il segnale era di tutta evidenza da diverse settimane del nuovo anno e i cittadini si chiedevano l’un l’altro che fosse mai quel grande cantiere che sorgeva di gran carriera in quel del Platano di [...]
  • Siamo la pista più bella del mondo

    La pista alessandrina evocata nel titolo (che evoca a sua volta la bella canzone di Celentano & Mori) nasce in alta politica, prosegue nella “riffa” dei  bonus , deraglia, pro quota, nel teatrino dell’assurdo e, [...]

EDITORIALE

  • Torino oggi, ieri e forse domani

    Ecco la Torino che accetta la ‘sfida per la modernità’; così rilancia nell’ editoriale di domenica la manifestazione ‘per un’altra Italia’ il direttore della Stampa Maurizio Molinari. La piazza dei si alla olimpiade e si alla TAV aveva come comune richiesta alla politica quella di accedere ad uno sviluppo economico e civile, generico, ma urgente per il rilancio della città. Le parole d’ ordine dei trentamila? Eccole: sviluppo, rilancio, positività, lavoro, modernità e connessione col mondo. Che cosa poi, significhino declinate in scelte meno generiche, ogni slogan pronunciato da quella piazza è difficile dirlo; del resto non è compito di coloro che sono andate in piazza spiegarsi più che tanto, ci penserà il ‘manovratore’ a cui tutto si delega. La manifestazione è stata partecipata dalla Torino bene, in età, sostanzialmente borghese; presenti commercianti, impiegati e imprenditori. Essa, però, è stata organizzata dalle associazioni datoriali, con l’ acquisto di pagine dei giornali per le inserzioni di lancio della manifestazione, e dal palco l’ unico vero intervento da comizio è stato quello dell’ex sottosegretario ai trasporti di Forza Italia Mino Giachino. Insomma, tutt’altro che spontanea mobilitazione delle masse. I punti di riferimento storici sono stati questi: Cavour, Pininfarina e Marchionne. L’ alta borghesia che ha sempre progettato il futuro di Torino e dell’Italia è entrata, o forse rientrata, nelle piazze con forza per riprendersi un ruolo centrale, e se volete, occupare il centro della scena sociale, e infine, il centro del sistema politico in un domani non troppo lontano. Da qui il [...]

BLOG & OPINIONI

Dal mondo

METEO

L’associazione

  • Speciale ’68

    SBERLEFFI

    News dai media nazionali

    News dai media locali

    powered by Surfing Waves

    Speciale elezioni

    website malagrino.it